ducas27 04/08/2008 ore 14.53.25 Ultimi messaggi
segnala

Furioso..COMMERCIO ILLEGALE DI CUCCIOLI..

Che il commercio illegale di cuccioli di cane fosse sempre attivo era fuori discussione ma nessuno, nemmeno tra gli addetti ai lavori, si aspettava una cosa del genere: tra l’Ungheria e l’Italia si è consolidata negli anni una rotta di importazione di “cuccioli con pedigree” (in molti casi falso) che, pagati una miseria in patria, vengono rivenduti per cifre astronomiche nel nostro paese, generalmente in posti come autogrill e autostrade. Per fare solo un esempio alcuni cuccioli, non certo di razza pura, vengono acquistati per una somma intorno ai 50 euro, vengono ripuliti, microchippati e viene attribuito loro un pedigree falso, e, infine, vengono portati in Italia dove vengono venduti anche a 2.000 euro a cucciolo!

Da questi dati è facile capire come sia vantaggioso per molte persone senza scrupoli andare in Ungheria, comprare una decina (o più) di cani, stiparli in un bel rimorchio e portarli qui dove lucrarci sopra all’infinito! Purtroppo la legge italiana può fare ben poco in quanto molti dei microchip sarebbero di provenienza italiana, cosa che impedisce un loro eventuale rimpatrio in terra ungherese.
Purtroppo, come spesso accade, senza nemmeno accorgersene, chi ci rimette sono sempre gli esseri più deboli, in questo caso i cuccioli di cane importati che, dopo essere stati concepiti come “sacchetti di soldi con le zampe”, vengono venduti e sballottati per l’Europa solo per essere magari poi abbandonati quando il padrone scopre la loro “non-purezza”. Speriamo che chi di dovere trovi un modo per contrastare questa folle pratica dando ai nostri animali i diritti che spettano loro.
7780151
Che il commercio illegale di cuccioli di cane fosse sempre attivo era fuori discussione ma nessuno, nemmeno tra gli addetti ai...
Discussione
04/08/2008 14.53.25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
Alekseja00 Alekseja00 04/08/2008 ore 15.33.07 Ultimi messaggi

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.