Amore e dintorni

Amore e dintorni

La "vecchia" bacheca Amore e dintorni si è trasferita qui!

sivent sivent 26/02/2014 ore 11.24.15
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

Fugaaaaaa scrive:
Personalmente credo che l'imparzialità non appartenga agli esseri umani


E' un dono come altri, per questo quei pochi individui che ce l'hanno dovrebbero essere utilizzati al meglio (ma raramente le persone giuste sono al posto giusto).
Fugaaaaaa Fugaaaaaa 26/02/2014 ore 11.54.10
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

sivent scrive:
E' un dono come altri

Io la ritengo una disgrazia...Preferisco l'equità!
sivent sivent 26/02/2014 ore 12.03.31
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

Fugaaaaaa scrive:
Preferisco l'equità!


Infatti bisogna essere spietati per essere imparziali. L'equità porta a commettere errori di valutazione. Una cosa sono le aule di tribunale, lì già l'equità sarebbe molto. Altra cosa è dover riferire sull'operato di terze persone, effettuare controlli, valutare l'acquisizione di competenze ecc.
Fugaaaaaa Fugaaaaaa 26/02/2014 ore 12.06.15
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

sivent scrive:
Infatti bisogna essere spietati per essere imparziali. L'equità porta a commettere errori di valutazione.

Continuo a non essere d'accordo, il PENSARE di poter essere imparziali(essendo esseri umani) porta a enormi errori di valutazione.
sivent sivent 26/02/2014 ore 12.20.30
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

Fugaaaaaa scrive:
Continuo a non essere d'accordo, il PENSARE di poter essere imparziali(essendo esseri umani) porta a enormi errori di valutazione.


Io invece sono d'accordo con te. Essere imparziali è difficilissimo e per farlo occorrono tante cose tra cui una mente analitica e un'ottima conoscenza dell'argomento in oggetto, il fissare un metro di giudizio ed attenervisi costantemente, e la consapevolezza, appunto, che siamo sempre fallibili. Ma non è che siccome non possiamo "tendere a", dobbiamo rinunciarci.

Esempio banalissimo: è "equo" (fa tanto joker...) promuovere un ragazzo che, per motivi di salute e/o familiare non ha potuto apprendere il programma dell'anno? Non si fa un favore nè a lui, che andrà avanti con delle carenze nella preparazione, nè ai compagni, che si vedono valutati come chi non ha fatto niente, nè alla società, che vede messa nero su bianco una valutazione che non corrisponde al vero (anche se nessun datore di lavoro si baserà mai su quel voto, è comunque falso).
Fugaaaaaa Fugaaaaaa 26/02/2014 ore 12.32.34
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

sivent scrive:
Esempio banalissimo: è "equo" (fa tanto joker...) promuovere un ragazzo che, per motivi di salute e/o familiare non ha potuto apprendere il programma dell'anno? Non si fa un favore nè a lui, che andrà avanti con delle carenze nella preparazione, nè ai compagni, che si vedono valutati come chi non ha fatto niente, nè alla società, che vede messa nero su bianco una valutazione che non corrisponde al vero (anche se nessun datore di lavoro si baserà mai su quel voto, è comunque falso).

Ma infatti il concetto di equità comprende quello di giustizia. Non sarebbe giusto per nessuno promuovere il ragazzo in questione!
Comunque parlavamo di sentimenti...Argomento ancor meno adatto all'imparzialità!
Isyanci Isyanci 26/02/2014 ore 13.00.44
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

Fugaaaaaa scrive:
Cosa fate...
...dopo una lite furiosa?



dipende con chi faccio la lite furiosa.

Il chi credo sia predominante... in casa ho un atteggiamento, al lavoro un'altro e sessualmente un'altro ancora.
Fugaaaaaa Fugaaaaaa 26/02/2014 ore 13.02.30
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

@ Isyanci:
Siamo in Amore e dintorni, fai tu....
Isyanci Isyanci 26/02/2014 ore 13.25.17
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

Fugaaaaaa scrive:
Siamo in Amore e dintorni, fai tu....



faccio io si.

Mica c'è scritto amore sessuale e dintorni... potrei anche parlare di amore materno in questo forum,... o no?
tantarobba2 tantarobba2 26/02/2014 ore 13.51.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa fate...

dipende cosa c'è in ballo, la frequenza e i motivi.

in genere se riesco a perdonare un torto, lo faccio davvero e vado avanti..

se non riesco ci ritorno sopra, finchè non sono soddisfatto.

ma essendo in due, le cose si complicano. Le liti furiose..o le liti in generale, raramente rimangono su un solo motivo. La lite stessa, ne porta di nuovi, non esiste più giusto o sbagliato..ed entrambi a quel punto hanno motivo di avere il proprio 50 e 50 di torti...e di ragioni.

chi cede, in un rapporto di parità? non è possibile cedere, se è pari. entrambi dovrebbero essere capaci di assumersi le colpe..e perdonare allo stesso modo.

4 azioni distinte, con tempi diversi, tra 2 persone. Possibile riuscirci, in linea teorica.

e purtroppo ste cose non hanno nulla a che fare con la matematica e per quanto mi riguarda, risulta impossibile x davvero.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.