Amore e dintorni

Amore e dintorni

La "vecchia" bacheca Amore e dintorni si è trasferita qui!

FireCool83 06/07/2015 ore 17.00.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

Stavo pensando a una frase che mi e' giunta "ricordati che la guerra in amore, la si fa' sempre in due". Non riesco a capire la logica di questa frase.......... quando uno lascia e' sempre colpa dell'altro? Se un uomo di 50 anni lascia la sua compagna per una di 20, la colpa della sua compagna qual'e'? Quella di essere nata 25 anni prima? Se il/la tuo/a compagno/a ti tradisce per svagare un po', tu che colpa ne hai? Se il marito va' a transessuali, la colpa della moglie e' quella di non avere il pene?
Ecco a voi che ho smontato con un semplice ragionamento la frase che "la guerra si fa' sempre in due".
Quelli che usano questa frase per giustificare il loro tira e molla, o meglio del fatto che loro si fanno mollare e riprendere piu' volte, amando talmente tanto quella persona che non si accorge, pur con tanti segnali che il suo amore non e' corrisposto come dovrebbe e tante volte, da parte dell'uomo c'è solo attrazione fisica.
8306483
Stavo pensando a una frase che mi e' giunta "ricordati che la guerra in amore, la si fa' sempre in due". Non riesco a capire la...
Discussione
06/07/2015 17.00.54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
ILCorvoo ILCorvoo 06/07/2015 ore 17.50.27
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

le persone hanno perso l'intelligenza vera in favore delll'innaturale atto di simulare ilk falso, viviamo in una societa che fa sfoggio di falsari come fossero geni di intelligenza, questo ha portato a costruire rapporti basati sul falso, ergo nessuno si innamora davvero perche innamorarsi èè qualcosa di vero e la gente si smarrisce nella verita
ILCorvoo ILCorvoo 06/07/2015 ore 18.16.18
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

mi viene in mente la mia ex, sapeva tutto di me ed io di lei non sapevo niente e pretendeva che fossi io quello ad amare? e poi quando scopriva che non la amavo si stupiva perche sapeva tutto di me e mi ha dato la colpa di tutto ma secondo te la colpa non è della gente che non si fa mai i cazzi suoi e si preclude il piacere della scoperta?
ILCorvoo ILCorvoo 06/07/2015 ore 18.19.01
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

cmq io penso che quando due persone non si amano e non sentono la vita riescono a stare insieme tutta la vita
nickfantasia nickfantasia 07/07/2015 ore 00.42.29
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

...ma tanto la colpa è sempre di quello che non fa' la guerra:
l amore secondo charles baudelaire e secodo anche me e le mie esperienze fino ad ora:
:ok
L'amore è molto simile ad una tortura o ad un'operazione chirurgica. Anche se i due amanti sono molto innamorati e colmi di reciproci desideri, uno dei due sarà sempre più calmo o meno invasato dell'altro. Quello, o quella, è l'operatore, ovvero il carnefice; l'altro, o l'altra, l'assoggettato, la vittima.
Charles Baudelaire

oggi come oggi pero' vedo che esistono anche delle contromisure a tutto cio'! l evoluzione serve a qualcosa in effetti!
bisogna essere in due complici a non farsi mai trasportare dai sentimenti e dalle emozioni...d altronde chi non prova e riprova fino alla rinuncia totale dell amore pur di avere una/o complice accanto? :ok
furbi eh! :spazzolino :spazzolino :spazzolino
mariael.ena mariael.ena 08/07/2015 ore 12.53.17
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@ILCorvoo : qui l'unico falso sulla faccia della terra sei solo tu
palmerino1965 palmerino1965 08/07/2015 ore 14.26.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

si fa con se stessi.
si sceglie la persona con cui combattere mentre in realtà si sta facendo una guerra contro se stessi.
gli altri non c'entrano.
sono solo scuse e pretesti che nascondono nostre paure esistenziali. :-(

prima non lo comprendevo: adesso vivo sia l'amore che la sofferenza come mie scelte.
godo dell'amore e accetto la sofferenza imparando la sua lezione; persino la ringrazio per essermi venuta a trovare. :-)

sto imparando a non dipendere dagli altri: li amo a prescindere da loro comportamento visto che giudicarli non fa altro che appesantire la mia vita.
e, non so voi, io voglio alleggerirla. :-))

18788338
si fa con se stessi. si sceglie la persona con cui combattere mentre in realtà si sta facendo una guerra contro se stessi. gli...
Risposta
08/07/2015 14.26.30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
CercoGigolo CercoGigolo 08/07/2015 ore 15.13.14
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@palmerino1965 scrive:
li amo a prescindere da loro comportamento visto che giudicarli non fa altro che appesantire la mia vita.

come gesù :cow
ILCorvoo ILCorvoo 08/07/2015 ore 15.50.10
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@palmerino1965 : aspiri alla santità ordunque
palmerino1965 palmerino1965 08/07/2015 ore 16.17.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

no: Gesù, il primo Budda e altri prima e dopo di lui erano solo uomini.
come me e come tutti in questo bellissimo pianeta.
per me.

la santità è un'altra invenzione come quella del denaro creato dal nulla.
viviamo credendo aspetti che (pochi) altri ci hanno insegnato.
gli uomini sopra citati ci hanno solo ammoniti di "svegliarci", non di creare Chiese e dottrine sempre piene di dogmi, paure, restrizioni...
hanno solo tracciato una strada che ognuno può percorrere.
vivere.

non ci serve un'attestato di santità per non giudicare il nostro prossimo e persino amarlo senza tante aspettative.
basta imparare dall'amore di un cane per il suo "compagno" bipede umano.
o da un medico senza frontiere che cura un ammalato non importa se fosse una vittima o un carnefice.
qualsiasi vita è preziosa per lui.
mica lo fanno santo per questo?

è una nostra scelta vedere Gesù come qualcosa di irraggiungibile (è il Figlio di Dio e siede alla destra del Padre) o come un uomo, che con semplicità e amore ci ha donato semplici insegnamenti che persino un bambino comprenderebbe.

infatti nel vangelo si legge:
In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: «Chi dunque è il più grande nel regno dei cieli?».
Allora Gesù chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: «In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli.
Perciò chiunque diventerà piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli.
E chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me
».

ora, cosa c'entra un Papa e una serie di arcivescovi, vescovi e compagnia bella, tante ricchezze e persino una Banca Vaticana?

perché è più semplice per la massa continuare a vederci uno diverso dall'altro.
uno migliore dall'altro.
uno più "santo" e l'altro più "peccatore".

io voglio alleggerirmi, non diventare santo.
e seguire gli insegnamenti tramandati da questi e tanti altri uomini anche più "laici" ho visto che mi aiuta. :-)
prima pensavo che la colpa era sempre di qualcuno/a.
adesso penso che non esiste nemmeno la colpa.
e men che meno il senso di colpa, altra fissa creata per separarci.

certo, a livello "inconscio" ci lavoro ogni giorno perché una cosa è comprenderlo "razionalmente", un'altra è farla fiorire nel nostro archivio programmato dalle tante emozioni vissute sin dal concepimento.
si può fare.
si può ripulire il proprio inconscio da queste memorie dolorose che abbiamo paura di far vedere agli altri.
anzi, pur di non prenderci questa responsabilità siamo bravissimi a vederle negli altri.

la "pagliuzza" nasconde la nostra "trave", giusto?
ripeto: i bambini comprendono benissimo il linguaggio di Gesù.
invece noi adulti lo abbiamo innalzato e separato dalla nostra vita di tutti i giorni.
nostra scelta.
così è.



ILCorvoo ILCorvoo 09/07/2015 ore 00.48.06
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@palmerino1965 scrive:
non ci serve un'attestato di santità per non giudicare il nostro prossimo e persino amarlo senza tante aspettative.


scusami ma io penso che sia impossibile non giudicare, nel momento stesso in cui conosci una persona senza aaccorgertene la studi e ti fai una opinione quindi un giudizio
ILCorvoo ILCorvoo 09/07/2015 ore 00.56.08
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@palmerino1965 scrive:
ripeto: i bambini comprendono benissimo il linguaggio di Gesù.
invece noi adulti lo abbiamo innalzato e separato dalla nostra vita di tutti i giorni.
nostra scelta.


il linguaggio di gesu è semplice e i bambini sono molto intuitivi, purtroppo il dio denaro ha creato forze che hanno forgiato generazioni di idioti che inseguono modelli che vengono spacciati per vincenti solo per il semplice fatto che essere cosi porta l'approvazione degli stessi idioti
Certo se uno usa un po di furbizia dice ma a me chi me lo fa fare di essere diverso dal gregge se poi non ho successo e qui poi si apre un altra parentesi su quale sia il vero senso della vita, la gente perde la cosicenza fa atrofizzare quindi il cervello e rimane sempre insoddisfatta, tu pensi che le persone di successo che hanno macchine vile con piscine fighe stratosferiche siano felici? manco per sogno vivono solo dell'invidia altrui perche non hanno l'amore dentro e non potendo beneficiare di se stessi hanno bisogno che gli altri invidino il loro status per poterci credere anche loro che sono quindi felici
Aime io ho potuto constatare sulla mia pelle che persone ritenute intelligenti dalla massa sono degli autentici cretini, sono solo persone che per fattori ambientali hanno ricevuto gli imput giusti per essere piu simili possibili ai modelli vincenti ma poi se si trovano davanti una anomalia finiscono col giudicare in base ai quattro concetti che hanno imparato fin dalla tenera eta e non ci azzeccano
Tu vuoi vivere cosi ma ti ritroveresti solo invece palmerino ti dico io cosa devi fare imbottisciti di tritolo e fatti esplodere all'indirizzo che ti daro in mio nome gesu approverebbe :ok (a proposito cosa ne pensi dei terroristi?)
palmerino1965 palmerino1965 09/07/2015 ore 01.51.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@ILCorvoo scrive:
scusami ma io penso che sia impossibile non giudicare, nel momento stesso in cui conosci una persona senza aaccorgertene la studi e ti fai una opinione quindi un giudizio



vero: ognuno è portato a vedere la persona come qualcosa di esterno a se stesso.
imparando a vivere che ogni nostro "incontro" ci permette di meglio conoscere se stessi perché la persona non fa altro che "riflettere" lati della nostra "anima" o "stato vitale" (vedi tu) ecco che possiamo eliminare il giudizio.
io e te siamo sulla stessa barca.
io vedo in te quello che non mi piace di me stesso se ti giudicassi male o il contrario quando giudico felicemente.

Gesù ci dice "Ama il prossimo tuo come te stesso".
gli orientali sono più diretti: "Ama il prossimo tuo: è te stesso".
la vita è un gioco di specchi, detto esotericamente.
quando si riesce a vivere così nulla è appesantito dal giudizio.

io non sempre vivo così e me ne accorgo quando soffro: comprendo che sto solo giudicando me stesso, alla fin fine.
quindi uso un mantra hawaiano per ripulire questa mia sofferenza.
attualmente la penso così.
palmerino1965 palmerino1965 09/07/2015 ore 02.01.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@ILCorvoo scrive:
Tu vuoi vivere cosi ma ti ritroveresti solo invece palmerino ti dico io cosa devi fare imbottisciti di tritolo e fatti esplodere all'indirizzo che ti daro in mio nome gesu approverebbe smile (a proposito cosa ne pensi dei terroristi?)



sono consapevole che i soldi non danno la felicità.
i soldi non sono ne positivi che negativi: sono energia.
io non riuscivo a contenere questa energia e misteriosamente avevo molti soldi (in un periodo facevo anche due lavori) che sparivano quasi tutti velocemente. :-(

il problema probabilmente era che io non avevo un buon rapporto con i soldi.
la vita è fatta di esperienze.

sicuramente chi è ricco non è automaticamente felice.
non penso che Berlusconi sia felicissimo, per esempio.
potrà non avere problemi di "liquidi" e invece crea un casino di fastidi per ottenere il potere, per esempio.
e la sua strada: io non lo voglio giudicare e gli auguro sinceramente di essere felice.


la solitudine non mi spaventa.
stare bene con se stessi è il primo passo per stare bene con gli altri.

quindi non mi imbottisco di tritolo per farmi saltare: non ammazzo neanche un essere vivente (mi è capitato recentemente di prendere una bella stella marina per poi... lasciarla nel suo ambiente marino) figuriamoci il mio prossimo.

cosa penso dei terroristi?
sono persone che hanno avuto un infanzia e una vita in generale poco felice ed hanno scelto una strada violenta.
condanno il loro atto e perdono la persona.
del resto se fossi nato in Palestina e mi avessero ucciso uno o tutti e due i genitori... probabilmente sarei anch'io un terrostista.
forse.

sono nato in Italia e quindi mi concentro su Palmerino e su come possa amarsi amando gli altri.
no, niente bombe: io sono per "fare l'amore, non la guerra". :-)
sono un hippy mancato. :-)))
ILCorvoo ILCorvoo 09/07/2015 ore 02.41.28
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@palmerino1965 scrive:
cosa penso dei terroristi?
sono persone che hanno avuto un infanzia e una vita in generale poco felice ed hanno scelto una strada violenta.
condanno il loro atto e perdono la persona.
del resto se fossi nato in Palestina e mi avessero ucciso uno o tutti e due i genitori... probabilmente sarei anch'io un terrostista.


finalmente uno che non è la solita ipocrisia tipica italiana che porta acqua al suo mulino bravo :ok
A me i terroristi fanno una pena enorme, la loro unica colpa è quella di avere il petrolio nelle loro terre e sono stati massacrati dai paesi occidentali che spacciano una guerra per interesse economico per portatori di pace
Anzi diro di piu secondo me loro saranno piu arretrati sicuramente ma sono migliori di noi italiani, loro per un credo per un ideale per i propri cari sono capaci di dare la vita, un italiano invece si alleerebbe con i suoi stessi carnefici e farebbe andare a combattere altri vedendoli come fessi, non dimentichiamoci che nella seconda guerra mondiale ci siamo alleati con hitler diventando complici dei suoi stermini e quando ha perso terreno gli abbiamo voltato le spalle e ci siamo alleati con i suoi nemici, questo è kk'italiano un impostore una banderuola al vento al miglior offerente un uomo senza credo senza ideali un opprtunista pero siamo dei leccatori di figa riconosciuti in tutto il mondo , porci come noi nessuno, quando penso a quel militare che per soddisfare il prurito al pesce ha rovinato la vita a una ragazzina di 16 anni beh questo è l'italiano io la guerra la farei qui per rieducare questa nazione ma invece i popoli potenti fanno la guerra ai terroristi e non esiste neuun ente super partes che li fa rigare dritto loro dominano lorosono dio e loro dicono cosa sia giusto e cosa sia sbagliato
Se non avessi problemi di salute partirei e mi arruolerei all'isis non scherzo
palmerino1965 palmerino1965 09/07/2015 ore 08.57.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

poiché ho smesso di dare la colpa a qualcuno e men che meno a me stesso quindi la pensiamo un attimino diversamente.

sicuramente non sono e non sarò mai un terrorista.
magari non ho avuto un'infanzia felicissima e nonostante ciò comunque ho avuto l'amore dei miei genitori e di quella dei parenti vicini e lontani.

sono nato in Italia e ne sono felice: una nazione con patrimonio artistico enorme e bellezze paesaggistiche incredibili e per varietà che particolarità.

certo non vi sono solo aspetti positivi: l'italiano è il risultato di secoli di Chiesa e dominazione straniera: solo relativamente recente si è formata come un'unica nazione.

questo pesa e ci fa sentire divisi tra di noi e uniti solo nei momenti felici e difficili.
ogni regione ha la sua vibrazione, diciamo così.
ovvero un veneto è diverso da un romagnolo come da un campano e un siciliano.
diverso non significa migliore e peggiore.

questa diversità complica e arricchisce il nostro Paese: come sempre non vi è un aspetto solo positivo ed uno solo negativo.

mi piace l'italiano per la sua voglia di mettersi in gioco (vedi i milioni emigrati in Paesi lontani), con la sua creatività e spontaneità.
ovviamente mi piace meno altre caratteristiche come non avere bene in mente l'idea della collettività, del pensare solo al presente in modo egoistico con furbizia ed essere poco attenti a Madre Natura.
in generale, mi raccomando.

comunque ogni Nazione ha la sua vibrazione e coscienza collettiva.

gli italiani ai tempi di Mussolini erano pronti per fare la guerra.
oggi siamo pronti per continuare a seguire e servire uno Stato sempre più faraginoso, complicato e corrotto.

come ci siamo svegliati (tardi) con l'armistizio dell' 8 settembre per uscire dall'alleanza con Hitler possiamo ancora svegliarci ed uscire da questo sistema politico ed economico volto solo alla crescita infinita del PIL (impossibile da realizzare visto che pianeta ha risorse ben precise) e che poco a cuore la sorte della vera felicità dei suoi cittadini.

possiamo ancora svegliari; non ci serve un mitra o rimpinguire le file dell' ISIS (grazie a me stesso ho un'ottima salute e non ci penso proprio alla violenza) come riempire le piazze italiane per fare sommosse civili bruciando auto e spaccando vetrine dei negozi.
fare la guerra e lamentarsi sono aiuta.

la violenza chiama violenza.
non ci insegna questo la Storia?
Israele e Palestina sono circa 70 anni che si fanno la guerra e cosa hanno risolto?
nulla: solo separarsi ancora di più, non comprendere le reciproche posizioni invece di allearsi per un felice e pacifica convivenze sfruttando le risorse ambientali in maniera sostenibile.

questa è la realtà.
per fortuna non sono nato in Palestina: oggi in Italia posso avere una visione più amorevole e non distruttiva del Mondo e prima di tutto, della mia vita.
mia scelta come tu scegli invece la guerra per risolvere i conflitti che sono (per me) soprattutto interiori.

inutile prendersela con l'italiano medio che non capisce nulla di politica, ambiente e pensa solo a tirare a campare fregando anche il suo prossimo pensando sia una mossa "furba".

possiamo, insieme, tirar fuori il meglio dell'italiano medio che riesce anche a fare azioni eroiche durante le guerra (famose sono alcune isolate battaglie), che riesce anche ad avere una felice condivisione con il suo prossimo, con l'ambiente.
ci sono alcune regioni in Italia che sono poco criticabili per le loro attività nonostante questo Stato che ci sovrasta pesantemente.

lo Stato siamo noi.
abbiamo scelto noi questo sistema.
anche l'ISIS siamo noi: abbiamo scelto noi di dividerci dal mondo arabo e saccheggiare le sue risorse.

inutile vederci diversi dagli altri: siamo tutti nella stessa barca.
barca attualmente governata da pochi poteri forti (multinazionali, banche private, petrolieri... ) che siamo noi, ovvero è la nostra parte nascosta che vuole tutto e tutti, vuole possedere gli altri non importa quale siano le conseguenze.

impariamo, io per primo, che tutto quello che esiste nel mondo è solo un riflesso del nostro stato interiore.
e qui entriamo nell'esoterismo inteso come crescita spirituale e quindi mi fermo qui.

finché ci sentiamo diversi, separati, migliori/peggiori del nostro prossimo non faremo una vita felice.
finché non facciamo pace con noi stessi ci lamenteremo o ameremo la guerra la fuori.

tutto in questo mondo ha il suo perché.
tutto: dalla grande disparità economica, sociale, politica all'ambiente sempre meno rispettato.
siamo noi con i nostri pensieri poco felici a creare tutto ciò.

cambiamo noi e cambierà il mondo.
sii il cambiamento che vuoi vedere... diceva un uomo semplice che attraverso la pace ha fatto profondi cambiamenti nel suo paese.
parlo di Gandhi.
come lui ce ne sono stati altri: facciamoci contagiare dalle loro idee paficiste.
mi conviene.
ti conviene, mon ami.

di più non so: in bocca al lupo con la tua salute.
dipende da te essere in salute come essere felice nella vita.

ILCorvoo ILCorvoo 09/07/2015 ore 12.21.16
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@palmerino1965 : è vero ogni regione ha sviluppato col tempo una cultura propria figlia della cultura italiana, ed è cosi che possiamo trovare posti vivibilissimi come posti che hanno preso il peggio della nostra cultura, io ti farei vivere per un annetto dalle mie parti vedresti che dopo ragioneresti in modo diverso perderesti fiducia nel genere umano e capiresti che con certe persone l'unico linguaggio possibile sono le legnate :ok
IL.C0rvo IL.C0rvo 09/07/2015 ore 21.27.57
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

mi hanno disattivato l'account senza motivo credo a causa delle cose che scrivo qui e su misteri questo messaggio lo avevo gia scritto ma lo hanno appena cancellato e io lo riscrivo
nickfantasia nickfantasia 10/07/2015 ore 01.47.33
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

la stampa e i contenuti son tutti controllati! attenzione! :ok
FireCool83 FireCool83 10/07/2015 ore 14.04.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

Ma cosa centrano le crisi amorose di una che porta in giro il suo ragazzo come un uomo di m. per poi conviverci e l'isis?????
Schokobroetchen 29/09/2017 ore 13.25.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@FireCool83 scrive: :hoho
Ecco a voi che ho smontato con un semplice ragionamento la frase che "la guerra si fa' sempre in due".

si :hoho :hoho :hoho
19660465
@FireCool83 scrive: :hoho Ecco a voi che ho smontato con un semplice ragionamento la frase che "la guerra si fa' sempre in due"....
Risposta
29/09/2017 13.25.17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
FireCool83 FireCool83 29/09/2017 ore 15.21.52 Ultimi messaggi
nonnogio7 nonnogio7 30/09/2017 ore 10.48.19
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

l amore è guerra
marianute marianute 01/10/2017 ore 11.18.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@nonnogio7 : Tè, ed io che in questo periodo di Innamoramento pazzo per la venere dal culo d'oro, ti immaginavo zuccheroso come un tiramisù, invece non hai deposto le armi....allora è vero che, come dici, stai crescendo. Però, fatti ricrescere la barba dai.
19661832
@nonnogio7 : Tè, ed io che in questo periodo di Innamoramento pazzo per la venere dal culo d'oro, ti immaginavo zuccheroso come...
Risposta
01/10/2017 11.18.21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
benhanscom01 benhanscom01 02/10/2017 ore 13.59.50 Ultimi messaggi
nonnogio7 nonnogio7 02/10/2017 ore 15.33.01
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

@marianute : non le deporrò mai.
p.s.
mi sono rasato per trovare, mamo mano che ricresce, la giusta lunghezza che sta bene con la cuffietta eheheh
xDiavoloBiancox xDiavoloBiancox 03/10/2017 ore 19.02.06
segnala

(Nessuno)RE: LA GUERRA LA SI FA' SEMPRE IN DUE

che palle l'amore meglio un gintonic

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.