Amore e dintorni

Amore e dintorni

La "vecchia" bacheca Amore e dintorni si è trasferita qui!

nickfantasia nickfantasia 10/07/2015 ore 18.59.41
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

@sophie04 scrive:
Io ci credo che puoi incontrare la donna giusta per te .....solo bisognerebbe non aspettarsi troppo ....siamo esseri con difetti ......pochi ma ci sono ......

non ho mai avuto paura dei difetti...io amo i difetti umani di natura, meno quelli costruiti non naturali! e non pretendo nemmeno chissa' che fisicamente,ma forse pretendo troppo in altri sensi da una donna, e quando mi sembrava di averla trovata, ecco che c'è stata l ennesima delusione! :-(
io vado troppo convinto con le persone, forse è questo il mio difetto!ma non riesco a fare altrimenti in amore! :nono1
nickfantasia nickfantasia 10/07/2015 ore 19.01.56
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

@Sgrusa1976 scrive:
Gli altri in camper

in camper si è anche troppo comodi, a questo punto vado in albergo direttamente! :ok
son mezzo sordo io allora! accidenti alla musica alta! :nono mi ha rincoglionito troppo! :testata
palmerino1965 palmerino1965 11/07/2015 ore 18.28.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

non toccatemi il camper: amo questo modo di viaggiare.
non ho mai bivaccato in tenda: mi piacerebbe provare questa esperienza, magari con una donna naturista nei pressi di una spiaggia "libera". :-)
in fondo penso di essere sempre più un hippy in questa società che ci alimenta con tanti bisogni... esistenziali.
ci insegna più ad avere che essere.

ovviamente sono consapevole che l'intervento di prima era una simpatica battuta: il camper non c'entrava nulla. :-)
18791426
non toccatemi il camper: amo questo modo di viaggiare. non ho mai bivaccato in tenda: mi piacerebbe provare questa esperienza,...
Risposta
11/07/2015 18.28.47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
amarcord78 amarcord78 11/07/2015 ore 19.55.02
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

@nickfantasia : posso solo dirti che sono daccordo nella tua domanda,ossia,sono giusti i tuoi interrogativi,per il resto,mi hai messo in difficoltà,non so darti una risposta...(spero che comunque consideri questa per tale)
tellus27 tellus27 11/07/2015 ore 21.26.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

Non ho mai capito come mai si continui a parlare di felicità con riferimento all'uomo.
La nostra condizione esistenziale somiglia tanto a quella di un funambolo sospeso fra due nulla,tale è il nulla da cui veniamo ed il nulla dove andremo e nel nostro precarissimo equilibrio dobbiamo
stare molto attenti perché...basta un attimo di distrazione e il gioco è fatto,magari prima del tempo.
IL GUAIO è CHE SOFFRIAMO TUTTI DI VERTIGINI......Per fortuna tutti amiamo la vita e allora ci aggrappiamo più o meno inconsciamente al cibo,al sesso,al gusto del sapere,agli affetti veri o falsi che siano l'importante è reinventarsi ogni giorno la vita per andare avanti più o meno serenamente.
Chi ha il dono della fede è veramente fortunato perché DIO esiste.
palmerino1965 palmerino1965 12/07/2015 ore 10.19.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

anche gli animali superiori sono portati verso condizioni felici rispetto a quelle sofferenti.
non è una caratteristica solo umana.
noi siamo facilmente manipolabili nonostante la nostra indubbia intelligenza.
questa è la realtà.

viviamo questa contraddizione: essere individuali (vedi la pubblicità) e nello momento obbedire alla legge del gregge con precisi comporamenti sociali, culturali e spirituali.

attualmente ci insegnano a vivere l'individualità come se fossimo separati gli uni dagli altri.
io sono migliore di te.
o peggiore di te.
comunque siamo portati a giudicare il nostro prossimo.

come gregge ci istillano ogni giorno molte paure esistenziali.
queste riflettono il nostro modo di vivere il quotidiano: abbiamo paura del prossimo, siamo sfiduciati nel presente e del futuro, nessuno ci comprende e ci ama perché non ci hanno insegnato che questo è compito nostro.

va bene così.
probabilmente questo modo di fare porterà ad grande cambiamento esistenziale e finalmente vivremo le nostre qualità divine.

siamo divini. :-)
più che credere in Dio, io trovo conforto sapendo che tutto quello che accade intorno a me è sotto la mia completa responsabilità.

una persona mi fa soffrire?
l'ho scelta io.
inoltre io ho scelto di soffrire perché ero pronto a giudicarla invece di sentirla, anzi di amarla come me stesso.
la ringrazio per la lezione ricevuta.

io sono "divino" come lo sono gli altri.
per me ogni essere, vivente o meno, è divino.

io sono, anzi tutto l'Universo è una creazione di un "dio" che non potrò mai comprendere con la mia testolina.
posso solo vivere questa creazione con più consapevolezza: io creo la mia vita attraverso miei pensieri, emozioni, parole e azioni.
come ognuno di voi crea la sua vita.

ognuno è creatore in questo mondo: siamo divini ovvero con un potere incredibile e, io per primo, non ne siamo consapevoli al 100%.
il voglio essere consapevole di ciò.
viverlo.
questa è la mia responsabilità.

non voglio più dipendere dalle insicurezze e paure altrui.
sono le mie: gli altri mi fanno da "specchio".
posso eliminarle: è sotto la mia responsabilità.
solo così attirerò persone che "risuoneranno" con la stessa vibrazione, ovvero più consapevoli del loro essere creatori.
che bello quando due creatori si incontrano. :-))
IL.C0rvo IL.C0rvo 12/07/2015 ore 19.12.56
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

@palmerino1965 :
palmerino i tuoi intenti sono ammirevoli ma queste teorie vanno bene per una macchina che decide di mettere in atto una etica e una filosofia di vita, noi abbiamo sentimenti istinti che non controlliamo noi, sono molto antichi e semplici e cioe se mi tratti bene ti faccio del bene se mi tratti male ti spezzo le ossa, uscire da questi comportamenti e dedicarsi a visioni incantevoli quanto mai fasulle poterebbe l'uomo a diventare un vero automa che non sente piu e che quindi puo decidere di essere cio che vuole ma attenzione se vi liberate di dio vi renderete conto che non esisterete piu, perderete la vostra individualita e il massimo alla quale potrete aspirare per definirvi esseri viventi consistera nell'essere parte integrante e dipendente della collettivita
palmerino1965 palmerino1965 13/07/2015 ore 12.30.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

@IL.C0rvo scrive:
noi abbiamo sentimenti istinti che non controlliamo noi, sono molto antichi e semplici e cioe se mi tratti bene ti faccio del bene se mi tratti male ti spezzo le ossa, uscire da questi comportamenti e dedicarsi a visioni incantevoli quanto mai fasulle poterebbe l'uomo a diventare un vero automa che non sente piu e che quindi puo decidere di essere cio che vuole ma attenzione se vi liberate di dio vi renderete conto che non esisterete piu...


noi vogliamo sempre capire.
perché mi capita questo?
perché sto soffrendo?
perché nonostante ami non vengo corrisposto?
perché non sono felice anche se ho comprato il nuovo tablet, l'auto nuova, una casa più grande?
perché, perché...

non trovando risposte esaustive diamo la colpa agli altri.
io non sono la causa delle sofferenze.

questo perché ognuno pensa di essere diviso dagli altri.
io per primo.
io esisto e sono separato da mia madre, dal mio amico e soprattutto dalle persone più violente.
io sono buono e gli altri sono cattivi.
non funziona così.


molte filosofie ci dicono che siamo Uno e il Tutto.
quello che vediamo nel mondo è solo una proiezione olografica di una creazione divina che è perfetta così come è.
tutto è perfetto.
quindi anche quando io soffro è perfetto. :sbong
attraverso la sofferenza posso trasformarla in modo da vivere la felicità.

se vivessimo interamente questa perfezione non avremmo più aspettative, giudizi, aspirazioni...
gli altri non sono contro di me: sono me stesso.
siamo tutti nella stessa barca.

io penso di essere un individuo, però.
la mia "mente" ovvero i miei pensieri razionali creano la mia individualità.
inoltre non riusciamo a controllare i nostri istinti: vi è un mare dentro di noi (il nostro inconscio) che comanda la nostra vita.
le emozioni profonde sono potentissime.
basta che un nostro genitore ci dica di non essere un bravo figliolo e/o che non sappiamo amarlo per segnarci l'intera vita sentimentale/sociale, per esempio. :-(

da qui i conflitti che giornalmente viviamo.

entrando timidamente nell'esoterismo, siamo costituiti da 3 parti.
la "mente", il nostro "inconscio" e la nostra parte "divina": quest'ultima possiamo chiamarla il "Sé", "Io Superiore", "anima", "stato vitale"... a seconda delle religioni e filosofie spirituali che scegliamo di seguire.

ovvero siamo razionalità, emozioni e spiritualità.
non saremo mai "automi" sebbene spesso ci comportiamo come "automi". :-(
infatti sono i nostri programmi inconsci che (re)agiscono nella nostra vita.



io attualmente non credo in un Dio come lo dipingono le varie religioni.
persino Gesù penso che non sia mai esistito, ovvero sia stato costruito a tavolino da Paolo il Tarso per adattarlo alle esigenze spirituali della sua epoca.

questo non mi vieta di sperimentare i suoi insegnamenti: in fondo Gesù è un misto di profonde credenze sia orientali che occidentali. :-)
hanno fatto un collage tra le varie religioni più in voga a quel tempo per racchiuderle in un'unica religione di Stato.
si può andare oltre alla religione per vivere il suo lato mistico. :-)

la Bibbia stessa è stata rimaneggiata e mal tradotta per millenni: solo con Carlo Magno (se non ricordassi male) si è deciso di avere un'unica Bibbia e solo quella.

se si leggesse la Bibbia veramente ci si accorgerebbe che sono stati gli uomini a scriverla.
altro che essere ispirata da Dio.
per me; ognuno può approfondire.

questo solo per comprendere che noi siamo una serie di condizionamenti avuti dal nostro ambiente.
a partire dall'infanzia (molti sostengono dall'utero materno se non prima) noi archiviamo emozioni, sentimenti, pensieri che ci continuano a formare giorno dopo giorno.

possiamo uscire da questa "gabbia"?
sì.
alcuni ci sono riusciti e si sono "illuminati".
non importa se non arriviamo a questa estasi mistica: possiamo vivere la vita senza esserne prigiornieri.
acquisire una maggiore consapevolezza in modo che i nostri 3 stati (mente, insconscio, Sé) siano allineati con questo Universo davvero incredibile.

questo è il mio compito attuale.
ci sono tante strade per vivere questo allineamento.

io amo la semplicità è ho scelto l'ho'oponopono.
è una tradizione hawaiana che non vincola a "guru", né a "dogmi" come anche a non dover comprendere le "cause" delle nostre numerose sofferenze (basta con i tanti "perché") visto che ci aiuta a ripulire gli "effetti" dolorosi nella nostra vita.
semplicissimo.

questa filosofia ci spiega che siamo responsabili al 100% di tutto quello che ci succede e di tutto (reggiti forte :-) ) quello che succede agli altri. :sbong

qui è meno semplice.
come dire: un terrorista che uccide un miscredente è una mia responsabilità. (?)
io ho con queste due persone (carnefice e vittima) memorie di dolore che condivido.
posso ripulire questa memorie al fine di non rivivere questa dolorosa esperienza.
posso guarire me stesso e quindi anche il mondo la fuori che è solo una proiezione olografica di quello che io sono.

mi fermo qua: ognuno può approfondire o prendermi per matto.
poco importa: io voglio uscire da questa gabbia di matti che ci impone a vedere il mondo come qualcosa di imperfetto e da cui avere soprattutto paura.
io non ci sto.
io scendo da questa giostra.
vado a piedi godendomi passo dopo passo la mia vita con piena responsabilità.
tutto è perfetto: anche tu.
che ti piaccia o meno. :-)
nickfantasia nickfantasia 13/07/2015 ore 13.56.15
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

@amarcord78 :
non riesco a capire se è la natura che ce lo impone o è la societa'! a me per esempio non mi impone niente la natura...per me naturalmente ci si viene incontro insieme,e da li' puo' nascere un equilibrio...ma regolarmente si formano gli squilibri comunque nella maggior parte dei casi perche' c'è sempre un "soggetto" e "l assoggettato" in amore!
è proprio una tortura l amore, si! :ok
tellus27 tellus27 13/07/2015 ore 14.58.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: quesito..

,
@Sgrusa1976 scrive:
superamento dell'Ego e tensione verso Dio

Bello questo concetto tanto in auge nella poesia cavalleresca nella quale la donna è
una figura angelicata attraverso cui l'uomo ascende verso Dio!Occorrerebbe però una
non piccola metamorfosi:il ritorno ai valori quale l'amore,la sincerità,la purezza
del cuore,la difesa dei più deboli.... Ho l'impressione che non sia cos1 facile...
ma mai dire mai....tutto può avvenire.


Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.