Amore e dintorni

Amore e dintorni

La "vecchia" bacheca Amore e dintorni si è trasferita qui!

didi.xx didi.xx 10/02/2016 ore 14.40.16
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@AkaneTakibanaNeeext scrive:
ti osservo voglio capire la tua psiche


.. auguri..
xZeroBPMx xZeroBPMx 10/02/2016 ore 17.35.02
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@AkaneTakibanaNeeext scrive:
non sono un troll

:hoho :hoho :hoho :hoho
palmerino1965 palmerino1965 10/02/2016 ore 21.18.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@xZeroBPMx scrive:
nteressante questa cosa, quindi tu non ti senti la tua mente? cioe lo sai che la tua mente è un algoritmo che decide cosa fare...


Attualmente seguo la Mente: ancora non sono riuscito a "staccarmi" da essa, ovvero a fare silenzio dentro di me.
Nonostante ciò incomincio almeno a prendermi la piena responsabilità di tutto quello che mi succede.

Siccome la Mente subito tende a giudicare bianco o nero ovvero giusto o sbagliato, buono o cattivo... ecco che posso incominciare a fare chiarezza ed uscire volontariamente da questa trappola.
Soffro?
Va bene così.
Prendo atto di questa sofferenza, la vivo e poi la lascio andare via.
Sono felice?
Bene; me la godo sapendo che anche questa sensazione andrà via.

L'unica differenza rispetto al passato è che sia che soffra o che godi... dipende solo da me.
Gli eventi, le persone... sono le esperienze che il "caso" ha deciso di farmi vivere.
Io non so il "perché" e non importa saperlo: posso solo sperimentare il tutto senza farmi troppe seghe mentali.
Non sempre ci riesco perché la Mente ha ancora il comando della baracca :-) e nonostante ciò ho fiducia che il mio Sé Superiore possa al meglio aiutarmi.
Cogliere i tanti segnali che ci manda ogni santo giorno.

Spesso sono le persone più "cattive" (solo una nostra credenza) a darci le migliori occasioni per cambiare la propria vita.
Quindi invece di odiarle, sto imparando persino a ringraziarle.
Libero la mia Mente da tanto marciume.



palmerino1965 palmerino1965 10/02/2016 ore 21.37.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@xZeroBPMx scrive:
...
la paura mia è che loro siano uomini anzi ne sono sempre piu convinto se ho in me la volonta di dio la sua volonta rappresenta il vostro sterminio, l'uomo ha osato troppo anche sullla terra deve essere fermato



Non ti seguo al 100%, mio problema.
Comunque l'umanità in questo ultimi secoli sta esaltando la sua parte maschile e presto avremo profondi cambiamenti socio economici e politici nel mondo.
Probabile entro il 2020 vi sarà una profonda crisi globale che scatenerà, probabilmente, molti conflitti civili.
Almeno così sembra visto che ancora non abbiamo compreso che non possiamo più continuare a vivere come abbiamo sempre fatto.

Non serve un Dio vendicatore: facciamo tutto da soli.
La responsabilità è tutta nostra.


Va bene così: non serve giudicare male il capitalismo, la famiglia, le banche mondiali, le multinazionali del farmaco, i petrolieri e chi più ne sa ne metta. :-)
Non serve proprio giudicare.
E' più conveniente comprendere che tutto sia lo "specchio" della coscienza collettiva di noi singoli umani.
Tocca cambiare noi singolarmente per vedere cambiare il mondo esterno.

cyclam cyclam 10/02/2016 ore 22.35.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@palmerino1965 scrive:
accetto la sofferenza (è un insegnamento) e mi godo la felicità (è effimera) senta tanti patemi.

sono sempre stata convinta che sia la sofferenza a farci crescere....ultimamente ho letto che non e# cosi......noi decidiamo se soffrire o esser sereni.....mi ha fatto riflettere molto.....l'essere umano e' propenso a soffrire, a struggersi nelle pene d'amore e ogni pena di questo mondo....ci risulta piu' semplice....e mi sto ancora chiedendo perche'.....ma mi sono accorta che questo soffrire non ci fa crescere....stagnamo nella sofferenza, nelle paure....ci blocca....mentre se fossimo sereni saremmo liberi..liberi di osservare le situazioni...liberi di accettare ....e questa liberta' lascerebbe posto al nuovo...in liberta'

ho usato il condizionale perche' di fatto non e' facile e sto riflettendo , mi parlo addosso e non so quanto sia stata chiara....so solo che non voglio bloccarmi nella sofferenza perche' e' appunto un blocco
xZeroBPMx xZeroBPMx 11/02/2016 ore 01.06.48
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@palmerino1965 scrive:
Siccome la Mente subito tende a giudicare bianco o nero ovvero giusto o sbagliato, buono o cattivo... ecco che posso incominciare a fare chiarezza ed uscire volontariamente da questa trappola.
Soffro?
Va bene così.
Prendo atto di questa sofferenza, la vivo e poi la lascio andare via.


e in base a quale principio tu devi soffrire quando ce gente chenon si cura minimamente degli altri? sei cristiano allora? non siamo perfetti mettitelo in testa non sarai mai la perfezione sei umano e quindi sbaglierai sempre bisogna accettare la propria natura imperfetta, cmq ammiro la tua voglia di aggiustareuna natura orentata al male se lo facessero tutti il mondo migliorerebbe
Certo che vivere nella sofferenza non seguendo mai i desideri della mente alla lunga puo pure farti ammalare eh
palmerino1965 palmerino1965 12/02/2016 ore 00.28.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@cyclam scrive:
ho usato il condizionale perche' di fatto non e' facile e sto riflettendo , mi parlo addosso e non so quanto sia stata chiara....so solo che non voglio bloccarmi nella sofferenza perche' e' appunto un blocco



Tutto quello che sto scrivendo lo sto dicendo a me stesso.
Mi parlo anch'io... "addosso", come ben hai scritto.
Grazie per avermelo ricordato. :-)

Vero: la sofferenza non sarebbe l'ideale nella nostra crescita.
Lo vediamo con i bambini molto piccoli; essi sono felici e pronti a vedere il bello che c'è nel mondo anche perché essi vivono nel "presente" e non fanno molte distinzioni tra se stessi e l'esterno.
Sono curiosi e pronti ad immergergersi nell'esperienza, più che averne paura.
Pura magia. :-)
Già con l'apprendimento del linguaggio (2-3 anni) si hanno dei profondi cambiamenti ed inizia una separazione: va bene così e fa parte del nostro percorso come esseri umani.

Purtroppo (o per fortuna: chi può dirlo?) le nostre sofferenze, mancanze, paure, traumi soprattutto vissuti nella nostra infanzia tendono a condizionare la nostra "Mente" potenzialmente per tutta la vita: ecco che siamo molto diffidenti, insicuri, astiosi, sfiduciati. :-(

Allora come uscire da tutto ciò?
Non lo so, di preciso: ci sono molti percorsi ed ognuno può trovare il suo.



La sofferenza, per me, è il segnale che ho paura di amare.
E' l'effetto causato dal programma automatico che il mio inconscio adopera per affrontare ben specifici eventi.
Ci siamo evoluti grazie a questi programmi.
Provare dolore per un alimento indigesto o un esercizio fisico spossante è cosa buona e giusta.
Altrimenti ci avveleneremo o creeremo dei traumi ai nostri muscoli e legamenti.
Sono quindi felice che le mie gambe siano doloranti visto che oggi ho percorso una settantina di chilometri con la mia bici. :-)


La sofferenza quindi può essere vista in maniera negativa (esempio, paura che ci separa dagli altri) e positiva (cambiare nostri atteggiamenti poco felici) e quindi sta a noi come "rispondere" quando... ci viene a trovare. :mmm
Qui è il senso della magica parola "responsabilità": abilità nella risposta. :-)

La sofferenza può essere vista come una risorsa preziosa: ho l'opportunità di liberarmi, una volta per tutte, da precisi condizionamenti dolorosi.

Ovvio, questo ragionamento lo posso fare adesso che sono "maturo".
Che sono già pesantemente condizionato dal passato.
Nella crescita di un bambino e questo vale anche per quella di un simpatico animale domestico a 4 zampe :-) la sofferenza non dovrebbe essere una risorsa per chi ha questa responsabilità.

Altrimenti si potrebbe pensare che sia un sadico e mi piaccia soffrire e far soffrire il mio prossimo. :sbong
No, no: non ci tengo. :-))








palmerino1965 palmerino1965 12/02/2016 ore 00.30.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

Da quel pochino che ho compreso non porta vantaggi combattere la sofferenza.
La ingigantiamo e la viviamo per lungo tempo: rimaniamo intrappolati. :-(

Tutto fluisce, tutto ha un andamento ciclico (oggi hanno rilevato le onde gravitazionali per la prima volta :-) ) e quindi come arriva un emozione, felice o dolorosa che sia, comunque nel tempo lascerà il posto ad un'altra emozione.
C'est la vie.

Non si può essere sempre felici e la bella notizia è che non si può essere sempre infelici: tutto scorre, diceva un filosofo.
Non esiste neanche "E vissero felici e contenti". :sbong
Può capitare di vivere una storia d'amore per tutta la vita con lo stesso partner e comunque sarà un'esperienza fatta di alti e bassi.

Allora perché la maggioranza è portata a vivere più con sofferenza e ne siamo persino attratti?
Perché abbiamo paura.
La paura aumenta l'emozione poco felice: ci blocca.

Il nostro compito è superare la paura "responsabilmente".
Nostra paura: la persona o l'evento che pensiamo ci abbia causato il dolore non è la causa.
Tutto è una nostra (re)azione ad un evento ben specifico.

palmerino1965 palmerino1965 12/02/2016 ore 00.59.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@xZeroBPMx scrive:
e in base a quale principio tu devi soffrire quando ce gente chenon si cura minimamente degli altri? sei cristiano allora? non siamo perfetti mettitelo in testa non sarai mai la perfezione sei umano e quindi sbaglierai sempre bisogna accettare la propria natura imperfetta, cmq ammiro la tua voglia di aggiustareuna natura orentata al male se lo facessero tutti il mondo migliorerebbe
Certo che vivere nella sofferenza non seguendo mai i desideri della mente alla lunga puo pure farti ammalare eh



Una persona che non si cura degli altri comunque sta soffrendo.
Non ama il suo prossimo.
Alla lunga si sentirà sola, delusa, tesa, stressata...
Mi conviene giudicarla negativamente?
No: è solo una persona che ha scelto in maniera conflittuale (con se stessa e quindi con il suo prossimo) di fare quell'esperienza che chiamiamo "vita".
Magari potrebbe ravvedersi in tempo per godersi la vita con sincera gioia.
Chi può dirlo?


Sono cristiano?
Amo gli insegnamenti di Gesù come di Siddharta (il budda) e di qualsiasi persona possa agevolarmi a superare le mie paure.
Mie.
Etichettare le persone come cristiane, musulmane, buddiste, atee, agnostiche... lascia il tempo che trova.
E' solo la nostra "Mente" che vuole classificare e giudicare tutto e tutti.


Gli uomini sono imperfetti?
Io penso che perfezione e imperfezione siano sempre "seghe mentali" della nostra Mente.
E' inutile superare il problema usando lo stesso strumento che lo causa: mi segui?

Quindi posso decidere di pensare che tutto sia perfetto così come è.

Vi è una guerra nelle vicinanze?
Vi sono molti emigranti che arrivano in Europa?
Vi è una pesante crisi economica, sociale e politica?
Vi è la fame nel mondo e un grande spreco di alimenti nei paesi "civilizzati"?
eccetera...
Va bene così: è perfetto che sia così.

Un uragano crea molti danni all'ecosistema.
Un eruzione di un vulcano, anche.
Un forte terremoto, uno tsunami... :mmm

Eppure è grazie a questi eventi che sembra sia nata e soprattutto sviluppata la vita.

Persino noi umani, qualche milione di anni fa, grazie ai cambiamenti climatici siamo stati costretti a vagare nelle savane e lasciare i nostri alberi ricchi di frutta.
Siamo diventati cacciatori e raccoglitori; in seguito agricoltori e allevatori.
Grazie a queste difficoltà siamo diventati più intelligenti e sono nate le prime civiltà.


Personalmente penso che le civiltà abbiano una natura profondamente maschile e non è un caso che Madre Natura venga usata e stuprata dal genere umano, soprattutto in questi ultimi due secoli.
Tra di noi ci sono molte guerre e difficoltà.

Altresì come si alterna il giorno alla notte probabilmente gli umani vivranno profondi cambiamenti atti a vivere più la loro natura femminile o comunque trovare un buon equilibrio.
Forse stiamo vivendo proprio questo profondo cambiamento e potenzialmente potrebbe essere molto sofferente.
Del resto ogni cambiamento tende a distruggere quello che c'e per avviare una profonda trasformazione.
Siamo pronti a cogliere le opportunità o continuiamo a piangerci addosso?
Sta a noi rispondere con abilità.






xZeroBPMx xZeroBPMx 12/02/2016 ore 01.49.45
segnala

(Nessuno)RE: Perchè m'innamoro sempre della persona sbagliata

@palmerino1965 scrive:
Non si può essere sempre felici e la bella notizia è che non si può essere sempre infelici: tutto scorre, diceva un filosofo.


ti sembrera assurdo, io nella vita non ho avuto chissacche eppure ero sempre felice senza rendermene conto lo capisco col senno di poi, ero felice perche in 30anni non ho mai detto "che noia cosa faccio?" non ho mai guardato lìorologio sperando che fosse passato tempo anzi le giornate per me erano troppo corte
La felicita come stato di esaltazione dura un niente ma si puo essere pieni di vita e vivvere con gioia quel poco che la vita ci offre
Questa è la mia missione e cio che mi mantiene in vita e l'unico desiderio che mi è rimasto: tornare ad essere come ero fino a 7 anni fa

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.