Amore e dintorni

Amore e dintorni

La "vecchia" bacheca Amore e dintorni si è trasferita qui!

XxJOK3RxX XxJOK3RxX 26/10/2017 ore 22.16.32
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

ragazzi l'educazione c'entra na sega, io conosco due fratelli cresciuti allo stesso modo, uno è una splendida persona l'altro è una fogna, dna , caratteri, se tuo figlio nasce infame e giuda aspettati na coltellata d aparte sua prima o poi
Io penso che piu che dare importanza all'educazione che si da ai propri figli che tanto non ci ascoltano e al massimo ci imitano quindi piu che parlare bisogenrebbe dare il buon esempio noi per primi, ma dicevo piu che dare importanza a questo bisogna dare importanza al partner che scegliamo perche da li verranno i geni di tuo figlio, se ti metti con una poco di buono con due belle tette non ti stupire se poi tuo figlio quando invecchi ti scarica in un ospizio e si dimentica di te e magari per lavoro fa le marchette
STATE MOLTO ATTENTI A CHI VI SCEGLIETE COME MOGLIE

Io non ho figli e manco ne voglio, minimo mi nascono hanicappati con lo stress che ho preso o cmq nascerebbero prendendo dal mio dna pesantemente modificato perche si è dovuto adattare a una vita invivibile sarebbe un mostro una specie di robot senza sentimenti, o se mi va peggio mi viene fuori la fotocopia di quell' imbecille di mio padre e giuro che lo strozzo gia a 7 anni, m'è n'è bastato uno di idiota in famiglia non sapete quanti danni mi ha causato
1969.RICCARDO 1969.RICCARDO 26/10/2017 ore 23.58.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

be qualcuno sostiene che nella vita anche con i figli e questione di fortuna io non sono cosi daccordo con questa affermazione, perche si dovrebbe usare la stessa filosofia con i genitori, esiste un codice comportamentale alla quale credo non ci si puo sottrarre, nel caso della mia famiglia, si sa in ogni famiglia ce la classica pecorella nera, nella fattispecie non io ma mio fratello, bene oggi mio fratello e sposato con due figli entrambi laureari, che non e la massima aspirazione ne convengo, ma quanto meno due ragazzi con i piedi per terra...
c.hicca44 c.hicca44 27/10/2017 ore 17.57.33
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

ma averei figli laureati non significa ad ogni costo essere buoni genitori. se però i ragazzi hanno i piedi ben piantati per terra allora tuo frayello e sua moglia son riusciti
1969.RICCARDO 1969.RICCARDO 28/10/2017 ore 08.43.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

Be credo che la risposta alle tue affermazioni risiede proprio nel tuo commento, caro Xxjok......infierendo contro tuo padre dimostrta che lo stesso non ha fatto il suo dovere per quello che concerne l'educazione, per cui ribadisco l'importanza dell educazione in una famiglia, non ci si puo sottrarre, quando si e genitori, ovvio.Le responsabilòita sono molteplici, e se uno decide di avere dei figli, deve decidere anche di occuparsene e far si che crescano senza problemi, pena poi il loro processo in eta adulta oosi come stai facendo tu con tuo padre, a giusta ragione ci mancherebbe.L'idea del fallimento credo che inorridisca tutti i genitori, soprattutto quando ci si trova difronte aproblemi insormontabili, droga, alcol, delimquenza, allora in quei casi la domanda ricoente e la seguente, dov e che ho sbagliato?
1977valentina 1977valentina 03/11/2017 ore 14.26.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

@1969.RICCARDO scrive:
nel caso ci fosse un errore irreparabile da parte di un genitore, sai uno di quegli errori che lasciano il segno per tutta la vita nella psiche del proprio figlio, che neanche la psicanalisi riuscirebbe a risolvere, in quel caso come se ne esce.....

..in quel caso non se ne esce, è semplice. Ci sono situazioni che non si possono risolvere, non tutto quello che viene rotto si può aggiustare. In quel caso bisogna imparare a convivere con le crepe che sono rimaste, bisogna saper accettare e forse col tempo e molto ragionamento, imparare anche a perdonare. Non è detto che un errore irreparabile debba portare un figlio alla rovina, a volte i figli sono migliori di quanto immaginiamo. A volte si costruiscono cose meravigliose anche sul dolore
c.hicca44 c.hicca44 03/11/2017 ore 15.44.56
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

@1977valentina : concordo
1969.RICCARDO 1969.RICCARDO 03/11/2017 ore 16.28.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

tutto questo quando trovi dei figli che lottano contro i propri mostri del passato, viceversa avviene la disfatta, non tutti sono dei buon sammaritani, ci sono ragazzi che non conoscono la parola perdono, e si lasciono andare prima ancora di arrrivare al famoso stadio dell indulgenza, mi immedesimo in tutto cio, e traggo conseguenze devastanti, dici bene quando affermi che quello che si e rotto difficilmente si potra aggiustare nel tempo, soprattutto quando passi gran parte della tua vita a cercare di superare il tutto, quando magari lo stesso tempo lo si poteva utilizzare facendo altro, magari costruire qualcosa di buono per il proprio futuro, non e autobiografia la mia, ma ho avuto amici in passato che mi hanno esternato tutto cio, a volte facendo ore piccole nei pub....non e facile il perdono credimi....neanche convivere con dubbio amletico.....
c.hicca44 c.hicca44 03/11/2017 ore 18.01.31
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

@1969.RICCARDO : ma quando parli di errori irreparabili di cosa parli esattamente?
1977valentina 1977valentina 06/11/2017 ore 10.19.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

@1969.RICCARDO scrive:
.non e facile il perdono credimi....neanche convivere con dubbio amletico.....

Non hai alternative. Io non sono religiosa ma c'è una preghiera che recita « Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso,e la saggezza per conoscere la differenza. » Questa è logica. Se una cosa non può essere cambiata (e il passato non si può cambiare) puoi combatterci tutta la vita con grande sofferenza oppure darti pace e accettare quello che è successo. Ergo perdonare e andare avanti. Non ho mai detto che sia facile, non è facile. E anche quando ti sembra di aver perdonato, la sofferenza ritorna sempre, ciclicamente. Si perdona ma non si dimentica. Si impara a conviverci
Cristofer7 Cristofer7 06/11/2017 ore 16.58.02
segnala

(Nessuno)RE: QUELLO CHE NON HO SAPUTO TRASMETTERTI.........

urca

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.