Arte

Arte

Pittura, fotografia, grafica, teatro, danza e architettura...impara l'arte e mettila da parte!

Lily.allen 03/05/2016 ore 05.37.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Cheongsam

Il cheongsam è il tradizionale abito femminile cinese, equivalente femminile del changshan. In lingua cinese è conosciuto come qípáo. È il rappresentante di abbigliamento cinese più riconosciuto e rispettato oggigiorno. E 'uno dei capolavori di costumi più brillanti in cina. Anche se la sua definizione e la generazione di tompo hanno un sacco di polemiche, Ma è ancora un fenomeno e la forma più bella di culturadi abbigliamento cinese.
Il cheongsam nasce nel periodo della dinastia Qing. Negli anni successivi il cheongsam fu adottato come abito tradizionale cinese, e modificato nello stile per essere maggiormente appetibile ai gusti del popolo.I modelli diffusi attualmente sono stati creati negli anni venti a Shangai, dove il qipao fu ridisegnato per essere maggiormente simile a quello diffuso tutt'oggi.
Dopo 80 anni con l’evoluzione della cultura tradizionale è stata apprezzato di nuovo nel continente, inoltre con l’influenza della cultura cinematografica, sfilate di moda, concorsi di bellezza, ecc, il cheongsam non solo ha rinato gradualmente nel continente, ma anche si è ben presto affermato in tutto il mondo di vario modo.
Contenuti più emozionante sono nel 16Lao, http://italian.16lao.com/
8391221
Il cheongsam è il tradizionale abito femminile cinese, equivalente femminile del changshan. In lingua cinese è conosciuto come...
Discussione
03/05/2016 5.37.38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
librosia librosia 17/05/2016 ore 23.28.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cheongsam

In origine il termine kimono veniva usato per ogni tipo di abito; in seguito è passato a indicare specificamente l'abito lungo portato ancor oggi da persone di entrambi i sessi e di tutte le età. Il kimono è molto simile agli abiti in uso durante la dinastia cinese Tang.

Il kimono è una veste a forma di T, dalle linee dritte, che arriva fino alle caviglie, con colletto e maniche lunghe. Le maniche solitamente sono molto ampie all'altezza dei polsi, fino a mezzo metro. Tradizionalmente le donne nubili indossano kimono con maniche estremamente lunghe che arrivano fin quasi a terra, chiamato furisode. La veste è avvolta attorno al corpo, sempre con il lembo sinistro sopra quello destro (tranne che ai funerali dove avviene il contrario) e fissato da un'ampia cintura annodata sul retro chiamata obi.
-da wikipedia

Molti credono che il kimono sia l'uniforme utilizzata nella pratica delle arti marziali giapponesi, dovuto spesso all'errata credenza diffusa nei film del genere; in realtà si usa il termine keikogi per identificare l'abbigliamento per la pratica delle discipline marziali.

Il kimono viene generalmente abbinato a delle calzature tradizionali giapponesi (simili alle infradito): i sandali zori e i geta con lo yukata e a dei calzini che dividono l'alluce dalle altre dita chiamati tabi. Solitamente quest'ultimi non utilizzati con lo yukata, dove di solito si tengono i piedi scoperti con i soli geta, ma c'è una versione di tabi leggeri ed elastici che può venire utilizzata.

Al giorno d'oggi, al contrario di quello che spesso si crede, il kimono è un capo d'abbigliamento non necessariamente costoso. Normalmente i kimono nuovi, essendo un abito pregiato, possono costare molto, soprattutto se d'autore, ma si riescono a trovare anche a prezzi bassi. Infatti in Giappone si usa ormai spesso acquistare i kimono e alcuni accessori come ad esempio l'obi, nel mercato dell'usato, tramite i vari negozi o siti internet dedicati che offrono una vastissima scelta e dove c'è molta richiesta anche dagli stranieri, siccome il prezzo dei kimono usati scende vertiginosamente, arrivando a costare anche pochissimo e sono tenuti come nuovi.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.