Automobilismo

Automobilismo

Dalla Formula 1 ai Rally, tutte le gare il cui comune denominatore è la velocità!

LinkfromHyrule LinkfromHyrule 20/12/2015 ore 16.31.43
segnala

SarcasmoUna nuova speranza

Il 2016 sarà l'ultima occasione che ha Ferrari per battere Mercedes, considerando l'ulteriore cambio di regolamenti previsto per il 2017 che riguarderà motore e aerodinamica.

Regolamenti che Red Bull ha contribuito a scrivere, la stagione 2016 sarà per loro un anno molto difficile, perfino Renault se la squaglia fornendole l'unità propulsiva ma con il nome di un nuovo partner tecnico.

I progressi della squadra corse McLaren-Honda non sono tutt'ora molto chiari, Ron Dennis ha dichiarato che il prossimo sarà un anno diverso, i piloti vengono confermati ed è per questo che io penso che le aspettative della McLaren non siano elevate, piloti di esperienza che hanno l'incarico di evolvere la monoposto per poi lasciare il posto a qualche giovane rampollo nel 2017? Anche per Honda il 2016 sarà un anno di transizione?

Ferrari finalmente per la SF16-T (se così si chiamerà) dopo anni di problematici tentativi di messa a punto abbandona la sospensione anteriore pull-rod (che tanto piaceva a Fernando Alonso e con la quale Sebastian Vettel ha dovuto fare i conti poiché al suo arrivo a Maranello la SF15-T era già in stato avanzato di progettazione) per una più tradizionale push-rod, in linea con le altre monoposto in griglia.
La monoposto sta nascendo sulle direttive e sensazioni del pilota tedesco!
Non sarà meglio mettere da parte qualche euro anche per la stagione 2017?
diamanti74 diamanti74 30/12/2015 ore 12.54.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una nuova speranza

non credo sia un discorso puramente tecnico, Ferrari non può sbagliare,a differenza di tutte le altre concorrenti non può permettersi di arrivare 6a 7a 8a o peggio, e nanche 3a, il nodo è questo ; la vera forza della ferrari era il know-how che le permettava di rimontare in quasi tutti i campionati svolti,gli ultimi regolamenti tecnici gabbano in maniera esponenziale tale competenza aiutando invece chi ha già esperienza e paternità della tecnologia attualmente in uso ( mercedes 2016, red bull 2017 )

Ferrari attualemnte ( 2016 ) non può rischiare di non essere protagonista in una o più stagioni e di conseguenza bisogna vada sul sicuro, insomma, in virtù del fatto che le regole tendono a premiare CHI BEN COMINCIA, commercialmente è meglio un 2° posto sicuro che un probabile 10° posto per provare a vincere, anche perchè, i media parlerebbero solo della Ferrari che ha sbagliato.

E comunque troppi compromessi con i costruttori. bisogna che qualcuno trovi le palle di fare tornare le vere macchine da formula 1 , i veri prototipi, regolamento che limiti solo PESO e DIMENSIONI 4 ruote e un volante, nulla di più, per azzerare la differenza teclogiga basterebbe solo aumentare il peso minimo ad una tonnellata , staccate più lunghe ecc.ecc. ............ ma haimè lo sport non è più in mano agli sportivi !!!!! questo è il vero nocciolo !!!!!

LinkfromHyrule LinkfromHyrule 30/12/2015 ore 16.03.36
segnala

(Nessuno)RE: Una nuova speranza

La Ferrari ha sicuramente competenza tecnica ma soprattutto una disponibilità economica notevole.
La Mercedes non è seconda a nessuno per quanto riguarda l'esperienza in campo motoristico, ora sta sfruttando questa esperienza e di prepotenza sono ormai due campionati che è sul tetto del mondo.

Il prossimo anno secondo me Ferrari può avvicinarsi, forte di due validi piloti e di tutte le risorse che dispone, il 2017 poi sarà una incognita.

I cambi di regolamento sono sempre tutti stati fatti per aumentare l'audience nell'interesse del pubblico e quindi anche di chi gestisce, immaginando di porre come unici vincoli il peso e le dimensioni si riporterebbe questo sport indietro di 60 anni, i costi incrementerebbero, a dispetto dei team che sono nella parte bassa dello schieramento, non credo sia questa la panacea del male della Formula 1.

Io sono certo che Ferrari possa recuperare, se sia in grado di vincere lo scopriremo il prossimo anno.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.