Calcio

Calcio

Ho la testa nel "pallone": dai campionati italiani a quelli esteri, dalle coppe europee al calciomercato.

coco83 04/08/2007 ore 20.36.30 Ultimi messaggi
segnala

ImportanteFURTI STORICI DELLA JUVE


Coppa Uefa 89/90Nella finale contro la Fiorentina ne succedono di tutti i colori. All'andata furto nel match con fallo di Casiraghi nel secondo gol; contratto di Baggio firmato nel ritiro del match di ritorno; match di ritorno giocato per squalifica (?) del campo di Firenze ovviamente ad Avellino, città-feudo dei gobbi.

Stagione 85/86Juventus-Roma 3-1: aggredito, in tribuna, il presidente giallorosso Dino Viola, era da assegnare il 2-0 alla Roma. Penultima giornata: Roma e Juve a pari punti; all'olimpico Roma-Lecce 2-3 mentre la Juve supera il Milan a Torino; ultima giornata: Lecce-Juve 2-3 mentre la Roma è sconfitta a Como. Perchè il Lecce già retrocesso in B gioca alla morte con la Roma e, la domenica successiva, regala la partita alla Juve?

Coppa Campioni 85/86Memorabili i fatti di Verona. Si gioca a porte chiuse (così si ruba meglio) a Torino, dopo lo 0-0 di Verona. Rigore per la Juve per fallo "di mano" (in realtà di petto) di Briegel. Sull'1-0 un netto fallo di mano in area di rigore di Aldo Serena non viene "stranamente" visto dall'arbitro Wurtz. Dal rigore non dato al Verona, contropiede e gol per la Juve viziato da fallo di Mauro su Tricella. Bagnoli (allenatore del Verona) alla fine: "Se cercate i ladri li trovate nell'altro spogliatoio".

Coppa Campioni 84/85Nella tragica serata dell'Heysel, a Bruxelles, la Juventus si aggiudica la Coppa Campioni contro il Liverpool grazie ad un fallo su Boniek che cade a tre metri dall'area di rigore. L'arbitro fischia nell'incredulità generale il rigore pro-Juve. Alla fine giro di campo con la Coppa alzata nonostante 39 morti sugli spalti, in perfetto stile Giuve..

Supercoppa Europea 1984Di solito, sino al 1996, si è sempre giocata la partita di andata in casa della vincitrice di Coppa Coppe e quella di ritorno in casa della vincitrice di Coppa Campioni. Nell'84 si gioca solo la prima partita (Juve-Liverpool 2-0) e tanti saluti al ritorno.

Stagione 81/82Scudetto rubato alla Fiorentina all'ultima giornata. La Juve vince a Catanzaro con un ridicolo rigore di Brady, la Fiorentina a Cagliari subisce il furto di un gol inspiegabilmente annullato e pareggia. Nasce il detto "Meglio secondo che ladro".

Stagione 80/81Juve e Roma testa a testa finale per lo scudetto, ai romanisti nella partita decisiva viene annullato un gol (regolarissimo) di Turone.
Prima la Juve aveva vinto con il Perugia (Bettega chiedeva ai giocatori del Perugia di lasciar vincere la Juve... tanto siete già retrocessi) con due ladrate da cineteca (rigore su Bettega e azione fallosa di Brio).

Stagione 79/80
Secondo alcuni, la Juve evita la serie B a suon di milioni. Partita implicata: Juve- Bologna. Per ulteriori notizie leggere il libro di Carlo Petrini, ex giocatore pentito, "Nel fango del dio pallone".

Coppa Italia 78/79Nella finale contro il Palermo evidentissimi errori arbitrali consegnano il trofeo ai gobbi.

Stagione 76/77
Roma-Torino 1-0; rigore sacrosanto negato ai granata (rimarrà l'unica sconfitta del Toro in quella stagione); Catanzaro-Juve 0-1; gol in fuorigioco di Gentile; Sampdoria-Juventus 0-2; sul punteggio di 0-0 vengono espulsi due giocatori della Samp. Finale: Juve 51, Toro 50. E' ancora furto!

Stagione 72-73
L'ultima giornata vede tre contendenti al titolo: Lazio (43), juve (43) e Milan (44). Il milan perde incredibilmente nella fatal Verona. La Lazio contro il Napoli, aveva praticamente le mani sullo scudetto o sullo spareggio scudetto alla fine del primo tempo... (infatti la Juve perdeva contro la Roma). Nell'intervallo inspiegabilmente i giocatori romanisti diventano tutti brocchi e si fanno rimontare (risultato finale 2-1 ). Scudetto alla Juve.

Stagione 71/72Sampdoria-Torino 2-1; gol non dato ad Agroppi con palla nettamente oltre la linea (sulla medesima c'era Lippi); Milan-Torino 1-0; gol regolarissimo annullato ai granata. Un altro episodio: Morini, stopper della Juve, a Torino abbranca Bigon per un braccio, lo accoltella, gli spezza ambedue le ginocchia, ne calpesta i resti. L'arbitro, l'ineffabbile Lo Bello Concetto da Siracusa lascia correre, ma alla sera, alla moviola della Ds, di fronte all'immagini registrate dell'omicidio ammette: Forse ho sbagliato"
Con questi due episodi la Giuve arriva prima con un punto su Toro e Milan (ma va?).

Stagione 60/61
In una sfida decisiva con l'Inter, la folla del Comunale deborda in campo e, secondo il regolamento, viene dato lo 0-2 all'Inter. La Juve presenta ricorso, e, grazie a giochini diplomatici di Agnelli, ottiene l'assurda ripetizione della partita, in contrasto con tutte le disposizioni e i regolamenti. Per ripicca l'Inter manda in campo la Primavera e la Juve vince 9-1, scudetto compreso

MI SN FERMATO AGLI ANNI 90... XKE NN AVEVO + VOGLIAAAAA
7546704
Coppa Uefa 89/90Nella finale contro la Fiorentina ne succedono di tutti i colori. All'andata furto nel match con fallo di...
Discussione
04/08/2007 20.36.30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
ReyMysterio1984 ReyMysterio1984 04/08/2007 ore 20.38.44
segnala

(Nessuno)RE: FURTI STORICI DELLA JUVE


:hoho da forum in cui discutere del calcio è diventato Forum in cui discutere delle partite e delle staigoni ritenute rubate :hoho

La a ruba :-(

Cazzola non ruba :-)) :hoho
ale.breaker ale.breaker 04/08/2007 ore 21.48.13
segnala

(Nessuno)RE: FURTI STORICI DELLA JUVE


Non ce la fate proprio a nn lamentarvi? Chissà perchè avete vinto così poco nella storia...se invece di guardare in casa d'altri aveste pensato a lavorare sulla mentalità......vabbè, occhio per occhio, dente per dente...cominciamo con questa!

Inter: la lattina di Moenchengladbach

di Dr. Zoidberg

L?edizione della Coppa dei Campioni 1971/72 è passata alla storia per un episodio incredibile che ha visto l?Inter protagonista. I nerazzurri si trovano ad affrontare negli ottavi di finale il Borussia Moenchengladbach, formazione priva di stelle di primissimo piano, ma capace di vincere due scudetti consecutivi davanti al Bayern Monaco, di lì a poco dominatore in Europa.
Il 20 ottobre 1971 si gioca in Germania la gara di andata. Gli interisti, che nelle loro file possono vantare campioni come Mazzola, Jair, Corso e Facchetti, sono convinti di passare agevolmente il turno, ma i bianco-verdi tedeschi li sorprendono con un avvio al fulmicotone: dopo pochi minuti va in gol Heyckens e, al pareggio di Boninsegna, risponde il danese Le Fevre.
Si arriva al 29?: Boninsegna si appresta a battere una rimessa laterale quando, improvvisamente casca a terra. A quanto pare, una lattina di Coca-Cola lo ha colpito alla testa. In campo si scatena il putiferio: si formano capannelli di giocatori rinforzati dall?ingresso in campo di uomini dalle panchine e l?arbitro olandese Dorpmans fatica a ristabilire l?ordine. Il centrocampista tedesco Netzer, scorge per terra una lattina vuota mezza accartocciata e con un calcio la spinge verso un agente di polizia a bordo campo. Questi, sveltissimo, la prende e la infila sotto al cappotto. Mazzola vede la scena e cerca di recuperare la lattina ma trova solo l?opposizione del poliziotto. Poi, colpo di genio, nota due tifosi italiani dietro le transenne di recinzione. Uno di loro ha in mano una lattina piena. Mazzola lo guarda, il tifoso capisce al volo e passa la lattina nelle mani dell?interista che poi a grandi passi va a consegnarla all?arbitro. Boninsegna, nel frattempo è ancora a terra ma non sembra aver subito un grave danno. Tuttavia, il medico interista decide che l?attaccante non può riprendere il gioco e l?allenatore Invernizzi lo sostituisce con Ghio. La partita ricomincia tra i fischi dello stadio e con i calciatori tedeschi che, più agguerriti che mai, distruggono l?Inter: alla fine è un pesantissimo 7-1.
Il giorno dopo l?Inter, nella persona dell?avvocato Prisco, sporge reclamo alla Commissione Disciplinare dell?Uefa. Il regolamento europeo non contempla però il principio della responsabilità oggettiva, secondo la quale una società deve pagare per il comportamento dei suoi tifosi. Ma Prisco non demorde e alla fine ne esce vincitore: per la prima volta viene riconosciuta la responsabilità oggettiva e il risultato di Moenchengladbach non viene omologato. Il 28 ottobre l?Uefa decreta l?annullamento della partita e ordina che la sua ripetizione venga giocata dopo il match di Milano, a quel punto da considerarsi come gara d?andata. Le reazioni dei tedeschi sono veementi e piovono accuse pesanti: secondo loro è stata l?Inter a spingere l?Uefa a prendere una decisione che, fino a quel momento, non era stata mai presa. La Disciplinare, oltre alla ripetizione, sanziona un turno di squalifica al terreno di gioco del Borussia, che si ritrova così ad ospitare l?Inter in campo neutro. Il 3 novembre finalmente si torna a giocare, con la partita di ?andata? a Milano. vince l?Inter 4-2: segnano Bellugi e Boninsegna, accorcia Le Fevre, poi Jair per l?Inter e Wittkamp per i tedeschi. All?ultimo minuto, Ghio, che non avrebbe dovuto disputare quell?incontro(1), sigla il definitivo 4-2.
Il primo dicembre si gioca la gara di ritorno sul campo neutro di Berlino. In un clima infuocato l?Inter resiste e porta a casa la qualificazione grazie ad uno 0-0 giocato tutto in difesa. Eroe della serata è il giovane portiere Ivano Bordon che, con strepitosi interventi, para l?impossibile, compreso un rigore di Sieloff. Ma il vero protagonista del passaggio del turno non è Bordon ma Prisco che, alla fine della partita, riceve un biglietto di Angelo Moratti: «Avete giocato in undici, ma il migliore in campo sei stato tu. Angelo Moratti».

(1) Per i fatti di Moenchengladbach la Disciplinare aveva anche squalificato Mario Corso per 14 mesi per aver scalciato l?arbitro Dorpmans a fine gara. In realtà, a compiere l?infausto gesto era stato Ghio, ma l?Uefa non rettificò la decisione e la squalifica a Corso venne confermata.
Raimbow40 Raimbow40 04/08/2007 ore 21.53.09
segnala

(Nessuno)RE: FURTI STORICI DELLA JUVE


Stagione 72-73
L'ultima giornata vede tre contendenti al titolo: Lazio (43), juve (43) e Milan (44). Il milan perde incredibilmente nella fatal Verona. La Lazio contro il Napoli, aveva praticamente le mani sullo scudetto o sullo spareggio scudetto alla fine del primo tempo... (infatti la Juve perdeva contro la Roma). Nell'intervallo inspiegabilmente i giocatori romanisti diventano tutti brocchi e si fanno rimontare (risultato finale 2-1 ). Scudetto alla Juve.

BHE' PER UNA VOLTA SONO CONTENTO CHE ABBIAMO FATTO UN FAVORE ALLA JUVE:hehe
ale.breaker ale.breaker 04/08/2007 ore 21.56.18
segnala

(Nessuno)RE: FURTI STORICI DELLA JUVE

Raimbow40 ha scritto:

Stagione 72-73
L'ultima giornata vede tre contendenti al titolo: Lazio (43), juve (43) e Milan (44). Il milan perde incredibilmente nella fatal Verona. La Lazio contro il Napoli, aveva praticamente le mani sullo scudetto o sullo spareggio scudetto alla fine del primo tempo... (infatti la Juve perdeva contro la Roma). Nell'intervallo inspiegabilmente i giocatori romanisti diventano tutti brocchi e si fanno rimontare (risultato finale 2-1 ). Scudetto alla Juve.

BHE' PER UNA VOLTA SONO CONTENTO CHE ABBIAMO FATTO UN FAVORE ALLA JUVE:hehe
Stavo rileggendo proprio questo trafiletto....nn vedo dove stia il furto.....ne ho un'altra moooolto carina, sempre sull'Inter: Inter: 99+1 partite senza rigori di Dr. Zoidberg La Grande Inter di Angelo Moratti è stata spesso nell?occhio del ciclone per una lunga serie di favoritismi arbitrali che hanno scatenato le insinuazioni dei tifosi più maliziosi. È del 1960 infatti l?ingresso in società di Italo Allodi, il proteiforme manager di Asiago Vicentino, più volte accusato di intrattenere frequentazioni sospette con il mondo sommerso delle giacchette nere. Da allora è passato molto tempo e quasi più nessuno ricorda che quelle polemiche poggiavano su basi tutt?altro che immaginarie, anche in virtù di un record stabilito dalla Grande Inter praticamente impossibile da battere: per tre campionati non ha subito un solo rigore contro. Forse il lettore sta strabuzzando gli occhi, colto dallo stupore. Come è possibile che una squadra di calcio, per tre intere stagioni, non abbia mai avuto la sventura di sentirsi fischiare un penalty contro? Un evento altamente improbabile che si fa beffe della legge dei grandi numeri, ma che invece è accaduto.
La ?serie d?oro? si apre il 29 marzo 1964: l?Inter vince 2-1 in casa del Bologna, anche grazie ad una prodezza del portiere Sarti (lo stesso che tre anni più tardi consegnerà lo scudetto alla Juventus con la papera di Mantova) che respinge un tiro dagli undici metri del biondo tedesco Helmut Haller. I campionati 1964/65 e 1965/66 sono ?vergini? e l?Inter, senza il fastidio di dover tremare per l?esecuzione di un rigore avverso, se li aggiudica. La magia si interrompe il 19 marzo 1967 quando, alla venticinquesima giornata, è in programma Roma-Inter. Sullo 0-0 viene finalmente fischiato un rigore contro la Beneamata ma il romanista di Germania Jurgen Schultz lo spedisce sopra la traversa.
Due calciatori tedeschi e due rigori sbagliati: nel mezzo sono passati quasi tre anni per un computo complessivo di 99 partite. Ma il numero sale ad un perfetto e tondeggiante 100 se si prende in considerazione anche lo spareggio per l?assegnazione dello scudetto, giocato all?Olimpico tra i nerazzurri e il Bologna il 7 giugno 1964. Niente male.
Della partita che chiuse la ?serie d?oro? senza rigori è noto anche un curioso aneddoto che illustra in maniera molto eloquente quale fosse il rapporto di intimità tra l?F.C.Internazionale e la classe arbitrale. A ricordarcelo è il popolare giornalista Rino Tommasi: «un episodio che mi era sfuggito dalla tribuna ma che lo stesso Lo Bello mi ha raccontato in una cena molti anni dopo. Ad un certo punto Armando Picchi colpì con un pugno Schultz. Lo Bello non se ne accorse ma il segnalinee attirò la sua attenzione. Lo Bello corse da lui e tornando al centro dell'area disse. ?Armandino, mi sa che te ne devi andare?. ?D'accordo?, gli rispose il giocatore, ?però s'esce in due?. Fuori tutt'e due, Picchi e l'incolpevole tedesco. Questi era Concetto Lo Bello». Questa, anche questa, era la Grande Inter.
Raimbow40 Raimbow40 04/08/2007 ore 22.03.08
segnala

(Nessuno)RE: FURTI STORICI DELLA JUVE

Stavo rileggendo proprio questo trafiletto....nn vedo dove stia il furto.....:hoho :hoho :hoho
ale.breaker ale.breaker 04/08/2007 ore 22.10.55
segnala

(Nessuno)RE: FURTI STORICI DELLA JUVE


A proposito di ladrate e illeciti, vorrei ricordare agli interisti Genoa-Inter dell'83 vinta dall'Inter per 3-2 ma che avrebbe dovuto terminare 2.-2 perchè truccata....ve la ricordate?....:vomitino
VoGlioLinTeRinB VoGlioLinTeRinB 04/08/2007 ore 23.47.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: FURTI STORICI DELLA JUVE

Stagione 1910 anno del 1° scudetto Interista :

La Federazione (casualmente...) scelse, in prima istanza, una data per la finale scudetto Pro Vercelli-Inter.Guarda caso in quella data tutta la squadra titolare della Pro Vercelli era già impegnata con la Nazionale Militare. La Pro Vercelli chiese quindi ovviamente lo spostamento della finale scudetto. La Federazione rispose che a loro andava bene se anche l'Inter avesse accettato. L'Inter molto sportivamente rispose di no e la Federazione non esitò a mantenere la data stabilita, del tutto inadeguata. La Pro Vercelli, giustamente indignata per questo gesto vergognoso, mandò in campo la 4^ squadra (i bambini di 11 anni). L'Inter vinse la partita 10-3 (riuscendo però a prendere 3 gol dai bambini :mmm) e vinse in questo modo il suo primo scudetto.

non vi vergognate :-( ? dei 15 scudetti che avete come minimo 5-6 non vi dovrebbero appartenere, come quando nel 22 vi ripescarono dopo una retrocessione sacrosanta, dovevate starci anni e anni in B :-( e poi andate a giocare con i bambini pur di vincere ke pena :-(
Onesti dal 1910 :-(

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.