Calcio

Calcio

Ho la testa nel "pallone": dai campionati italiani a quelli esteri, dalle coppe europee al calciomercato.

JackFloyd87 JackFloyd87 22/08/2007 ore 12.48.32
segnala

(Nessuno)Russotto: "La Gea ha tentato di distruggermi la carriera"


Leggetevi sto articolo,è vecchio ma è interessante,praticamente tolta la GEA se n'è fatta un'altro che sta tentando di rovinare FOTI,come stava per fare con RUSSOTTO.

Il radicamento della Gea nel calcio italiano è da sempre fonte di sospetti e di risentimenti, ma il calciatore del Treviso Andrea Russotto, protagonista dell'Italia under 17 e considerato tra i giocatori più promettenti d'Italia, ne è testimone diretto: "Quando ero alla Lazio è venuto un dirigente a dirmi che se non mi fossi legato alla Gea non avrei potuto avere una carriera importante. Io ho rifiutato e me ne sono andato al Bellinzona". Denuncia gravissima, quella di Russotto, che si limita a rendere esplicito quanto si sospetta da anni nel nostro calcio. Ecco spiegati i motivi per i quali un talento italiano è stato costretto ad emigrare all'estero, e visto che il Bellinzona detiene ancora il suo cartellino è auspicabile che il Treviso lo ingaggi. Gea permettendo.
BlueTiger40 BlueTiger40 22/08/2007 ore 13.10.00
segnala

(Nessuno)RE: Russotto: "La Gea ha tentato di distruggermi la carriera"


LO STA TRATTATTANDO ANCHE IL NAPOLI........................

INTANTO.....................

Napoli, Marino: "per Giuseppe Rossi avevamo offerto 10 milioni"

"Per Giuseppe Rossi abbaimo presentato un'offerta di 10 milioni di euro ma il padre e lo stesso giocatore hanno spinto per andare all'estero: eravamo pronti per fare questo importante investimento ma la loro volontà ha prevalso".

VISTO ? NON ACCUSIAMO LE SOCIETA' MA PIUTTOSTO QUESTI GIOCATORI CHE PER QUALCHE DOLLARO IN PIU' SI VENDONO LA PATRIA.
JackFloyd87 JackFloyd87 22/08/2007 ore 13.13.00
segnala

(Nessuno)RE: Russotto: "La Gea ha tentato di distruggermi la carriera"

La MAFIA FIGC vuole rovinare FOTI.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.