Calcio

Calcio

Ho la testa nel "pallone": dai campionati italiani a quelli esteri, dalle coppe europee al calciomercato.

DeViL.PuFF0 DeViL.PuFF0 14/09/2008 ore 10.22.29
segnala

DivertitoMOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1


L'allenatore dell'Inter José Mourinho ai microfoni di Sky. "Nel primo tempo, in parità numerica, abbiamo giocato bene e abbiamo avuto molte occasioni da gol. Dopo il gol del Catania c'è stata una reazione immediata della squadra. Una volta rimasti in dieci, è stata una partita più difficile, ma nel secondo tempo abbiamo avuto una voglia molto grande e potevamo anche fare gol in contropiede. Il Catania ha fatto la sua partita. Il risultato giusto sarebbe stato 4-1 o 5-1 ma abbiamo avuto il dubbio fino all'ultimo. Sono tre punti importanti per noi. Così si vincono i campionati, qualche volta si vince 4-0, qualche volta si vince come oggi".

Sull'espulsione di Muntari...

"Muntari ha due occhi, non tre. Nessuno parla della reazione di Tedesco, è uno di quei giocatori che in Inghilterra si dice senza "fair play", in Portogallo, in Spagna e in Italia si dice invece un giocatore "intelligente". Lui è stato, nella nostra cultura, un giocatore "intelligente". Muntari paga il prezzo della fama. Se lo stesso fallo l'avessero fatto Zanetti o Cambiasso, che sappiamo tutti essere dei giocatori "super puliti", magari non avrebbero preso neanche un giallo. Pensavo poi che Tedesco fosse morto e non rientrasse nel secondo tempo. Invece è tornato per giocare. Muntari deve essere più intelligente perché sa che paga per il prezzo della fama. I miei giocatori nell'intervallo avevano la fiducia fisica e mentale per giocare per vincere nel secondo tempo. E così è stato".


Il tecnico dell'Inter parla poi del calcio italiano e di quello inglese. "In Inghilterra il calcio è meno tattico, si gioca più col cuore, con l'emozione e con più intensità per tutti i 90 minuti. Io ho sempre pensato che il Chelsea avesse il miglior modo di giocare. In Italia mi sembra diverso. Tutti gli allenatori si adattano, studiano molto bene gli avversari. Questa settimana ho ascoltato con attenzione le parole di Zenga e mi sembrava un po' che bleffasse. Una cosa è dire "voglio vincere", un'altra cosa è arrivare con un sistema di gioco per farlo. Voglia di vincere l'abbiamo tutti ma pensare di farlo come hanno giocato loro, è difficile. In Italia bisogna scegliere molto il modulo di gioco, non è difficile per me cambiare modulo ma è difficile giocare come piace a me, cioè con la linea difensiva a dieci metri di distanza dal centrocampo. Siamo migliorati ma è una tendenza culturale ancora da rivedere. La mia squadra, anche quando vince, è una squadra che non gioca con la difesa bassa".

che essere :hoho :hoho
-->
Heaven.AndHell Heaven.AndHell 14/09/2008 ore 10.25.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: MOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1


EH MA IO DIREI DI ASPETTARE ANCORA UN PO' PRIMA DI GIUDICARLO :hoho
diamantino87 diamantino87 14/09/2008 ore 10.27.00 Ultimi messaggi
DeViL.PuFF0 DeViL.PuFF0 14/09/2008 ore 10.27.58
segnala

(Nessuno)RE: MOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1


:hoho
Azzurro72 Azzurro72 14/09/2008 ore 10.39.22
segnala

(Nessuno)RE: MOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1

A DeViL.PuFF0 che il 14/09/2008 10.22.29 ha scritto:

L'allenatore dell'Inter José Mourinho ai microfoni di Sky. "Nel primo tempo, in parità numerica, abbiamo giocato bene e abbiamo avuto molte occasioni da gol. Dopo il gol del Catania c'è stata una reazione immediata della squadra. Una volta rimasti in dieci, è stata una partita più difficile, ma nel secondo tempo abbiamo avuto una voglia molto grande e potevamo anche fare gol in contropiede. Il Catania ha fatto la sua partita. Il risultato giusto sarebbe stato 4-1 o 5-1 ma abbiamo avuto il dubbio fino all'ultimo. Sono tre punti importanti per noi. Così si vincono i campionati, qualche volta si vince 4-0, qualche volta si vince come oggi".

Sull'espulsione di Muntari...

"Muntari ha due occhi, non tre. Nessuno parla della reazione di Tedesco, è uno di quei giocatori che in Inghilterra si dice senza "fair play", in Portogallo, in Spagna e in Italia si dice invece un giocatore "intelligente". Lui è stato, nella nostra cultura, un giocatore "intelligente". Muntari paga il prezzo della fama. Se lo stesso fallo l'avessero fatto Zanetti o Cambiasso, che sappiamo tutti essere dei giocatori "super puliti", magari non avrebbero preso neanche un giallo. Pensavo poi che Tedesco fosse morto e non rientrasse nel secondo tempo. Invece è tornato per giocare. Muntari deve essere più intelligente perché sa che paga per il prezzo della fama. I miei giocatori nell'intervallo avevano la fiducia fisica e mentale per giocare per vincere nel secondo tempo. E così è stato".


Il tecnico dell'Inter parla poi del calcio italiano e di quello inglese. "In Inghilterra il calcio è meno tattico, si gioca più col cuore, con l'emozione e con più intensità per tutti i 90 minuti. Io ho sempre pensato che il Chelsea avesse il miglior modo di giocare. In Italia mi sembra diverso. Tutti gli allenatori si adattano, studiano molto bene gli avversari. Questa settimana ho ascoltato con attenzione le parole di Zenga e mi sembrava un po' che bleffasse. Una cosa è dire "voglio vincere", un'altra cosa è arrivare con un sistema di gioco per farlo. Voglia di vincere l'abbiamo tutti ma pensare di farlo come hanno giocato loro, è difficile. In Italia bisogna scegliere molto il modulo di gioco, non è difficile per me cambiare modulo ma è difficile giocare come piace a me, cioè con la linea difensiva a dieci metri di distanza dal centrocampo. Siamo migliorati ma è una tendenza culturale ancora da rivedere. La mia squadra, anche quando vince, è una squadra che non gioca con la difesa bassa".

che essere :hoho :hoho
-->

Rispondo: Meritavamo di vincere 5-1...Sì alla Playstation!!!! Nn vale nemmeno la pena di starlo ad ascoltare...
xviktor90x xviktor90x 14/09/2008 ore 19.20.31
segnala

(Nessuno)RE: MOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1

almeno siete onesti...;-)
steve.m87 steve.m87 14/09/2008 ore 19.35.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: MOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1

quando dice che avremmo meritato di vincere 4 o 5 a 1 esagera un po, ma su tedesco ha ragione al 100%.
era un quarto d'ora che quei 2 si spintonavano e si tiravano, tedesco è stato colpito alla faccia (piano, per giunta) e sambrava gli avessero sparato a bruciapelo con un fucile a pompa da come è caduto...è solo un buffone simulatore e (come dice mourinho) antisportivo ai massimi. le scenate del genere dovrebbero essere da cartellino rosso, e poi ho visto oggi che ha anche avuto il coraggio di non ammetterlo e far polemica a guida al campionato. che buffone
Eu92 Eu92 14/09/2008 ore 19.56.03
segnala

(Nessuno)RE: MOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1

A DeViL.PuFF0 che il 14/09/2008 10.22.29 ha scritto:

L'allenatore dell'Inter José Mourinho ai microfoni di Sky. "Nel primo tempo, in parità numerica, abbiamo giocato bene e abbiamo avuto molte occasioni da gol. Dopo il gol del Catania c'è stata una reazione immediata della squadra. Una volta rimasti in dieci, è stata una partita più difficile, ma nel secondo tempo abbiamo avuto una voglia molto grande e potevamo anche fare gol in contropiede. Il Catania ha fatto la sua partita. Il risultato giusto sarebbe stato 4-1 o 5-1 ma abbiamo avuto il dubbio fino all'ultimo. Sono tre punti importanti per noi. Così si vincono i campionati, qualche volta si vince 4-0, qualche volta si vince come oggi".

Sull'espulsione di Muntari...

"Muntari ha due occhi, non tre. Nessuno parla della reazione di Tedesco, è uno di quei giocatori che in Inghilterra si dice senza "fair play", in Portogallo, in Spagna e in Italia si dice invece un giocatore "intelligente". Lui è stato, nella nostra cultura, un giocatore "intelligente". Muntari paga il prezzo della fama. Se lo stesso fallo l'avessero fatto Zanetti o Cambiasso, che sappiamo tutti essere dei giocatori "super puliti", magari non avrebbero preso neanche un giallo. Pensavo poi che Tedesco fosse morto e non rientrasse nel secondo tempo. Invece è tornato per giocare. Muntari deve essere più intelligente perché sa che paga per il prezzo della fama. I miei giocatori nell'intervallo avevano la fiducia fisica e mentale per giocare per vincere nel secondo tempo. E così è stato".


Il tecnico dell'Inter parla poi del calcio italiano e di quello inglese. "In Inghilterra il calcio è meno tattico, si gioca più col cuore, con l'emozione e con più intensità per tutti i 90 minuti. Io ho sempre pensato che il Chelsea avesse il miglior modo di giocare. In Italia mi sembra diverso. Tutti gli allenatori si adattano, studiano molto bene gli avversari. Questa settimana ho ascoltato con attenzione le parole di Zenga e mi sembrava un po' che bleffasse. Una cosa è dire "voglio vincere", un'altra cosa è arrivare con un sistema di gioco per farlo. Voglia di vincere l'abbiamo tutti ma pensare di farlo come hanno giocato loro, è difficile. In Italia bisogna scegliere molto il modulo di gioco, non è difficile per me cambiare modulo ma è difficile giocare come piace a me, cioè con la linea difensiva a dieci metri di distanza dal centrocampo. Siamo migliorati ma è una tendenza culturale ancora da rivedere. La mia squadra, anche quando vince, è una squadra che non gioca con la difesa bassa".

che essere :hoho :hoho
-->

Rispondo: uomo di merda...meritavamo il pari!!!! è uno sbruffone,tedesco ha eccentuato ma la manata c'è stata!!!5 a 1 poverino forse gioca trpp a pes2008
TheExtremist TheExtremist 14/09/2008 ore 20.00.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: MOURINHO: MERITAVAMO DI VINCERE 5 A 1

E che voleva altri 3 gol fantasma Coulinho? Già si sta abituando bene...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.