Calcio

Calcio

Ho la testa nel "pallone": dai campionati italiani a quelli esteri, dalle coppe europee al calciomercato.

akaboe akaboe 03/11/2008 ore 21.01.45
segnala

(Nessuno)cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese

Al Meazza sventola l'azzurro, ma tra gli insulti e i cori razzisti
Una pattuglia di napoletani e le solite urla becere

Due bandiere azzurre in curva nord, sistemate sopra gli striscioni del Milan club di Biassano e quelli dell'Onda rossonera. Un bandierone biancazzurro nel punto più alto della tribuna. I segni della presenza di alcuni tifosi del Napoli, trecento o poco più, probabilmente residenti al nord, in un’altra notte off-limits per il popolo azzurro. L’orgoglio di essere napoletani si è avvertito anche al Meazza, dove poche ma ben visibili erano le macchie azzurre. Prima che le squadre scendessero in campo, si è sentito un urlo dedicato a Maradona. «Diego Diego», l’omaggio al capitano che firmò l'ultima vittoria a San Siro ventidue anni fa, il campione dei due scudetti, il nuovo allenatore di Lavezzi e Denis nella Seleccion: porte aperte per gli argentini del Napoli, le indiscrezioni sui progetti tecnici del ct, in particolare quelli che riguardano lo straordinario Pocho, sono chiare. Porte chiuse per i non milanesi a San Siro, anche se era possibile l'accesso per stranieri muniti di passaporto. L’amministratore delegato del Milan Galliani ha chiesto e ottenuto deroghe affinché si potesse riempiere il Meazza in una partita che avrebbe potuto nominare la capolista del campionato dopo i risultati del pomeriggio. Sono entrati i soliti imbecilli, che non hanno dato ascolto allo speaker («Niente espressioni incivili o razziste») e hanno scaricato sui napoletani vergognosi insulti. «Vesuvio bruciali tutti», «Colerosi terremotati che con il sapone non vi siete mai lavati», «Noi non siamo napoletani»: cori che si ascoltano da anni, purtroppo mai adeguatamente sanzionati dal giudice sportivo. E poi gli insulti verso Carmando, il massaggiatore che diciott'anni fa, a Bergamo, fece soltanto il proprio dovere suturando una ferita al capo di Alemao, colpito da una moneta: quelli del Milan, perso lo scudetto, se la legarono al dito e fecero estromettere il professionista del Napoli dal giro della Nazionale
libera.s libera.s 03/11/2008 ore 21.03.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese


adesso ci fate lezioni di civiltà :ronf


DolcePiccolino DolcePiccolino 03/11/2008 ore 21.22.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese


Rosicano talmente tanto che si attaccano anche ai cori...gli stessi cori che tutte le tifoserie d'italia cantano contro il napoli ormai da anni...cosa volete adesso che ci squalificano il campo??? :hoho

Prendete questa sconfitta con serenità, siete usciti a testa alta da s.siro, avete una bella squadra che puo' lottare x il vertice...lo so che da fastidio xdere con 1 autorete, ma questo è il calcio...
lavez lavez 03/11/2008 ore 21.23.27
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese

A akaboe che il 03/11/2008 21.01.45 ha scritto:
Al Meazza sventola l'azzurro, ma tra gli insulti e i cori razzisti
Una pattuglia di napoletani e le solite urla becere

Due bandiere azzurre in curva nord, sistemate sopra gli striscioni del Milan club di Biassano e quelli dell'Onda rossonera. Un bandierone biancazzurro nel punto più alto della tribuna. I segni della presenza di alcuni tifosi del Napoli, trecento o poco più, probabilmente residenti al nord, in un’altra notte off-limits per il popolo azzurro. L’orgoglio di essere napoletani si è avvertito anche al Meazza, dove poche ma ben visibili erano le macchie azzurre. Prima che le squadre scendessero in campo, si è sentito un urlo dedicato a Maradona. «Diego Diego», l’omaggio al capitano che firmò l'ultima vittoria a San Siro ventidue anni fa, il campione dei due scudetti, il nuovo allenatore di Lavezzi e Denis nella Seleccion: porte aperte per gli argentini del Napoli, le indiscrezioni sui progetti tecnici del ct, in particolare quelli che riguardano lo straordinario Pocho, sono chiare. Porte chiuse per i non milanesi a San Siro, anche se era possibile l'accesso per stranieri muniti di passaporto. L’amministratore delegato del Milan Galliani ha chiesto e ottenuto deroghe affinché si potesse riempiere il Meazza in una partita che avrebbe potuto nominare la capolista del campionato dopo i risultati del pomeriggio. Sono entrati i soliti imbecilli, che non hanno dato ascolto allo speaker («Niente espressioni incivili o razziste») e hanno scaricato sui napoletani vergognosi insulti. «Vesuvio bruciali tutti», «Colerosi terremotati che con il sapone non vi siete mai lavati», «Noi non siamo napoletani»: cori che si ascoltano da anni, purtroppo mai adeguatamente sanzionati dal giudice sportivo. E poi gli insulti verso Carmando, il massaggiatore che diciott'anni fa, a Bergamo, fece soltanto il proprio dovere suturando una ferita al capo di Alemao, colpito da una moneta: quelli del Milan, perso lo scudetto, se la legarono al dito e fecero estromettere il professionista del Napoli dal giro della Nazionale

Rispondo:
ULTRAS.SPEZIA ULTRAS.SPEZIA 03/11/2008 ore 21.27.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese


bhe caro napoletano penso proprio che lezioni di civiltà visto come vivete nella tua città non puoi proprio darne.....x il resto sono solo cori....non te la prendere ma x ciò che napoli sale nelle cronache quotidiane questi cori sono + che azzeccati


akaboe akaboe 03/11/2008 ore 21.55.37
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese


cosa spinge una persona civile a intonare un coro come :

«Vesuvio bruciali tutti», «Colerosi terremotati che con il sapone non vi siete mai lavati», «Noi non siamo napoletani»

e a scendere allo stesso livello dei suddetti inferiori



e poi una cosa e lo sfottò del tifo....

questa è ben altra cosa : è odio razziale... odio contro i napoletani...

e i cori non dicono "odio napoli però solo ai camorristi"

si da del coleroso a tutta napoli.... si augura la morte per mano del vesuvio a tutta napoli



e bravi i civili
AndreaNovara85 AndreaNovara85 03/11/2008 ore 21.57.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese

talmente orgoglisi di essere napoletani ke però abitano a milano....questo è l orgoglio????? o convenienza a venire dove si sta meglio??
DolcePiccolino DolcePiccolino 03/11/2008 ore 21.59.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese


voi non contate: un solo grido un solo allarme MILANO IN FIAMME?

è LA STESSA COSA...SONO SEMPLICI CORI DA STADIO...

e poi quei cori ve li cantano tutte le tifoserie d'italia da una vita, quindi xkè lamentarsi ora???

FORSE XKE' VI RODE LA SCONFITTA!!!
ronaldinhorossonero ronaldinhorossonero 03/11/2008 ore 22.00.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese

A akaboe che il 03/11/2008 21.01.45 ha scritto:
Al Meazza sventola l'azzurro, ma tra gli insulti e i cori razzisti
Una pattuglia di napoletani e le solite urla becere

Due bandiere azzurre in curva nord, sistemate sopra gli striscioni del Milan club di Biassano e quelli dell'Onda rossonera. Un bandierone biancazzurro nel punto più alto della tribuna. I segni della presenza di alcuni tifosi del Napoli, trecento o poco più, probabilmente residenti al nord, in un’altra notte off-limits per il popolo azzurro. L’orgoglio di essere napoletani si è avvertito anche al Meazza, dove poche ma ben visibili erano le macchie azzurre. Prima che le squadre scendessero in campo, si è sentito un urlo dedicato a Maradona. «Diego Diego», l’omaggio al capitano che firmò l'ultima vittoria a San Siro ventidue anni fa, il campione dei due scudetti, il nuovo allenatore di Lavezzi e Denis nella Seleccion: porte aperte per gli argentini del Napoli, le indiscrezioni sui progetti tecnici del ct, in particolare quelli che riguardano lo straordinario Pocho, sono chiare. Porte chiuse per i non milanesi a San Siro, anche se era possibile l'accesso per stranieri muniti di passaporto. L’amministratore delegato del Milan Galliani ha chiesto e ottenuto deroghe affinché si potesse riempiere il Meazza in una partita che avrebbe potuto nominare la capolista del campionato dopo i risultati del pomeriggio. Sono entrati i soliti imbecilli, che non hanno dato ascolto allo speaker («Niente espressioni incivili o razziste») e hanno scaricato sui napoletani vergognosi insulti. «Vesuvio bruciali tutti», «Colerosi terremotati che con il sapone non vi siete mai lavati», «Noi non siamo napoletani»: cori che si ascoltano da anni, purtroppo mai adeguatamente sanzionati dal giudice sportivo. E poi gli insulti verso Carmando, il massaggiatore che diciott'anni fa, a Bergamo, fece soltanto il proprio dovere suturando una ferita al capo di Alemao, colpito da una moneta: quelli del Milan, perso lo scudetto, se la legarono al dito e fecero estromettere il professionista del Napoli dal giro della Nazionale

Rispondo: quale carmando quello ingiganti l'evento x fregarsi i 2 punti???? o quello che in combutta con ferlaino mando un arbitro anti milan che annullo reti ed espulse 5 6 giocatori del milan...fonte il mattino di napoli di qualche anno fa
beatle.2008 beatle.2008 03/11/2008 ore 22.03.07
segnala

(Nessuno)RE: cuore e passione partenopea..... ignoranza (ed è poco) milanese

o forse perke' quando facciamo qualkosa noi ci radiano dagli stadi...mentre voi potete fare il kazzo ke volete....godetevela finke' c'è il berluska ke sgancia e quel lardoso di galliani ke intimidisce le dirigenze delle altre societa'...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.