Calcio

Calcio

Ho la testa nel "pallone": dai campionati italiani a quelli esteri, dalle coppe europee al calciomercato.

Child.InTime Child.InTime 22/05/2012 ore 00.29.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: A 24 ore circa di distanza dalla finale

Ah questa poi, è il suo stesso allenatore che lo sputtana :-)

AudiA1 AudiA1 22/05/2012 ore 00.31.21 Ultimi messaggi
RuthlaMoabita RuthlaMoabita 22/05/2012 ore 08.49.12
segnala

(Nessuno)RE: A 24 ore circa di distanza dalla finale

Dopo l'appropriazione dell'inno della vittoria partenopeo "O surdato innammorato" stiamo assistendo al sempre più veemente tentativo di trasferire anche il simbolo iconografico della napoletanità, Pulcinella, almeno nel suo lato deteriore, in altri lidi lontani dalla natìa Partenope.
E chi non conosce Pulcinella, personaggio dalla satira al veleno, fiero oppositore del potere e difensore di quella filosofia epicureista tipica del popolo napoletano si ferma appunto al suo aspetto peggiore, quello di essere additato come uno sciocco nullafacente dedito a castronerie proverbiali. E' quel che leggo e sento quando alcuni juventini pur di non ammettere di aver perso sul campo, si appellano a fantomatiche destabilizzazioni, a costruzioni giuridiche tese a smantellare la sapienza calcistica dei bianconeri. A volte mi chiedo se costoro hanno mai calpestato l'erbetta di un campo di calcio o si siano limitati ad esibirsi sul panno verde del Subbuteo o, meglio, con il joystick della playstation o dell'Xbox!!!!
Premesso che un tifoso che sia anche uno sportivo non può tifare contro l'obiettivo di rendere il suo sport preferito pulito e sgombro da quei personaggi che inquinano, malvessano, imbrogliano, falsano ed in definitiva uccidono lo sport più bello del mondo.
La giustizia ha tempi e modi che non possono e non debbono collimare con il calendario calcistico, se Conte ha partecipato, come sembra emergere dalle dichiarazioni di tal Carobbio (e non solo) alla combine di una partita è giusto che paghi. Mi aspetterei che un vero tifoso-sportivo sia indignato anche con l'allenatore della sua squadra, perché così dovrebbe essere, per restituire al calcio quella dignità che non può essere macchiata da comportamenti antisportivi e soprattutto illeciti anche penalmente.
Del resto un professionista, e Conte lo è, dimostrando anche di essere un ottimo allenatore, è preparato per isolarsi da certe situazioni ed isolare la squadra da possibili contaminazioni che possano provenire dall'esterno.
Io leggo nelle parole di Azzurro72 più la paura (concreta) di sporcare una bellissima stagione della sua squadra con la vittoria meritata del campionato ed il ritorno nel posto che alla Juve compete, il calcio che conta, nonché la consapevolezza di trovarsi, subito dopo la vittoria dello scudetto, di fronte alla sfida più difficile, quella di essere la squadra da battere poichè ripetersi è sempre difficile.
Quindi l'aver messo le strisce nere al bianco del costume di Pulcinella non lo rende migliore e soprattutto rende ridicolo chi si fa portavoce di "sospetti" extracalcistici.
Qui l'unico sospettato, anzi, accusato è Conte e seppure la Juve non merita un linciaggio mediatico visto che è del tutto estranea ai fatti contestati mi aspetterei che tutti, dirigenti calciatori e tifosi scendano in campo contro questo malcostume del calcio italiano. Non farlo sarebbe un clamoroso autogoal.
E poi la vicenda Conte, seppur evidentemente spiacevole, è ancora da chiarire in molti aspetti.


Ruth

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.