Cinema

Cinema

Cinefili cronici unitevi! Recensite gli ultimi film che avete visto e dategli un voto!

PRATOAZZURRO 05/12/2018 ore 22.24.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)LA CASA DELLE BAMBOLE

ALTRO FILMONE HORROR KE PRENDE LA TEMATIKA DELLA BAMBOLA...GIA VISTA MOLTE VOLTE...E LA ELEVA A UN PIANO PIU ALTO DEL GENERE PAUROSO...DA NN PERDERE...

8577989
ALTRO FILMONE HORROR KE PRENDE LA TEMATIKA DELLA BAMBOLA...GIA VISTA MOLTE VOLTE...E LA ELEVA A UN PIANO PIU ALTO DEL GENERE...
Discussione
05/12/2018 22.24.25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
PRATOAZZURRO PRATOAZZURRO 05/12/2018 ore 22.27.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA CASA DELLE BAMBOLE

AH DIMENTIKAVO...IL REGISTA E QUELLO DI MARTYRS...E HO DETTO TUTTO :-)))
dana206 dana206 06/12/2018 ore 16.16.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA CASA DELLE BAMBOLE

@PRATOAZZURRO scrive:
IL REGISTA E QUELLO DI MARTYRS..

adoro LAUGIER!!!
e sono sicura che oltre MARTYRS non si potrà mai andare!!!!
il genere "home invasion"
ormai mi sta un pò stretto ma x PASCAL....
questo ed altro!!!!
spero di vederlo presto!!!!!
:ok
19991235
@PRATOAZZURRO scrive: IL REGISTA E QUELLO DI MARTYRS.. adoro LAUGIER!!! e sono sicura che oltre MARTYRS non si potrà mai...
Risposta
06/12/2018 16.16.01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
LudovicaLucrezia LudovicaLucrezia 07/12/2018 ore 01.50.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA CASA DELLE BAMBOLE

@dana206 scrive:
adoro LAUGIER!!!e sono sicura che oltre MARTYRS non si potrà mai andare!!!!il genere "home invasion"ormai mi sta un pò stretto ma x PASCAL....questo ed altro!!!!spero di vederlo presto!!!!!


Ho sempre apprezzato enormemente Pascal Laugier sin dal suo primo film ( intitolato “Saint Ange “ ) una sorta di raffinato gotico “modernizzato” e con richiami ed accenti Fulciani ed Argentiani , che era invece stato totalmente ( e ingiustamente ) massacrato dalla critica … cosa che ( unita al suo “folle” innamoramento non corrisposto per la giovane attrice protagonista proprio di “Saint Ange” , ovvero Virginie Ledoyen ) a quei tempi fece cadere in una profonda crisi depressiva il buon Pascal e che in buona parte fornì la scintilla scatenante per il concepimento di quel capolavoro indescrivibile di “Martyrs” che , seppur sfruttandone in parte gli stilemi , ridicolizzò e spazzò via completamente ogni possibile ulteriore concetto di “torture porn” ( un sotto-genere che era abbastanza in auge in quel periodo )… Personalmente ho apprezzato perfino “I bambini di Cold Rock / The Tall man “ che , pur essendo probabilmente il film più debole della sua breve filmografia , tutto considerato non era poi niente affatto male , ma ovviamente dopo “Martyrs “ pubblico e critica si attendeva un altro terrificante “bagno di sangue “ e quindi si trovarono tutti abbastanza spiazzati da questa sorta di thriller/ drammatico ( con rari momenti veramente horror ) ma con sottotesti sociali , politici ed “interiori” comunque abbastanza interessanti …

Fortunatamente ho avuto la possibilità di visionare già tempo fa questo suo ultimo film ( in lingua originale era intitolato “Ghostland” , anzi “ Incident in a Ghostland “ ) e sono rimasta veramente felice di notare che la sua lunga attesa ( dopo ormai ben 6 anni di silenzio !! ) ne era comunque valsa la pena … Non siamo sui livelli ( probabilmente effettivamente inarrivabili ed insuperabili ) di “Martyrs “ , ma direi che siamo soltanto un gradino sotto , nel senso che io l’ho trovato davvero un gran film ( sotto tutti gli aspetti ) … Tranquilli , non si tratta di una “home invasion” fotocopiata come tante altre , in realtà come spesso è successo ( anche proprio in “Martyrs” ) Laugier sfrutta certi stilemi formali classici di alcuni sotto-generi horror ma sempre re-interpretandoli col proprio stile ( che ormai definirei senza tema di smentita Autoriale ) e “riempiendoli” con le proprie visioni e la propria “filosofia” ….Direi che anche questo “La casa delle Bambole “ sostanzialmente sia un prolungamento , un ulteriore capitolo , della sua particolare e cosiddetta “ poetica del dolore “ che dopotutto ha sempre permeato e fornito la spina dorsale a tutta la sua filmografia fino ad oggi .. ( a questo proposito apro una piccola parentesi : personalmente sarei stata enormemente curiosa di vedere come lui avrebbe potuto rivisitare o re-interpretare eventualmente quel remake/reboot di “Hellraiser” che per un certo periodo lo vedeva in pole position come possibile regista ufficiale , anche se poi alla fine non se ne è fatto nulla per evidenti contrasti con la produzione … non riesco nemmeno ad immaginarmi quale effetto detonante avrebbe potuto avere la sua poetica del dolore inserita in un ambito visivo rappresentativo quale quello dell’ immaginario terrificante di Hellraiser !! ).

So che probabilmente sono l’unica a pensare questa cosa , tuttavia , tutto sommato io in questo suo ultimo film ci ho trovato anche una sfumatura abbastanza “Gilliam-iana “ ( mi riferisco ad una particolare tendenza escapista riguardo alla reazione/sopportazione del dolore ..) .
Non vorrei spoilerare troppo per non togliere il piacere della sua visione a chi ancora desidera vederlo in sala ( la sua programmazione in italia iniziava stasera , se non erro ) , ma in effetti , pur essendo una vicenda abbastanza diversa da “Martyrs” , dopotutto , se ci facciamo bene caso , al suo interno ci sono comunque diverse similitudini col suo capolavoro del 2008 … innanzitutto direi che anche qui Pascal si è divertito a “ ingannare “ e spiazzare lo spettatore ( quando pensiamo di aver compreso dove andrà a parare la vicenda , ecco che lui ti piazza un plot-twist imprevedibile che ti ribalta tutte o quasi le certezze che andavi costruendo nella tua testa ) e questo sostanzialmente era stato un procedimento narrativo adottato ( benissimo ) anche in “Martyrs” ( anche se in quest’ultimo film c’è la differenza dell’intreccio di piani temporali diversi , mentre in martyrs la narrazione era cronologicamente più lineare ) . Anche in questa vicenda le protagoniste sono quasi tutte donne ( in particolare ancora due sorelle giovani accomunate in una vicenda molto dolorosa .. come due ragazze giovani erano le protagoniste in Martyrs , anche se non sorelle di nascita ) , anche qui la vicenda si svolge in un ambiente abbastanza claustrofobico ( anche se la bravura nelle scelte delle inquadrature spesso fa perdere un po’ l’orientamento e la percezione reale degli spazi all’interno della casa stessa ) , anche qui ci sono almeno un paio di sequenze sanguinose o morbose di difficile sopportazione visiva ( anche se nulla di assolutamente paragonabile a Martyrs ) , e , se vogliamo , anche qui il finale non è del tutto “cristallino” , ovvero dopotutto anche qui la vicenda è suscettibile di una certa forma di scelta di interpretazione lasciata allo spettatore stesso …

Insomma ci sarebbero ancore moltissime cose da aggiungere , ma ovviamente , come detto è meglio per il momento soprassedere ed evitare fastidiosi spoiler … Per concludere io dico solo che questo “la casa delle bambole /Ghostland “ va assolutamente visto perché è oggettivamente un grande film e probabilmente uno dei migliori horror degli ultimi anni .. e speriamo che abbia un buon riscontro di incassi così che il caro Pascal non debba essere costretto ad aspettare altri 5 anni ( come di solito è successo finora ) prima di poter girare qualche altro suo bel film !!
19991556
@dana206 scrive: adoro LAUGIER!!!e sono sicura che oltre MARTYRS non si potrà mai andare!!!!il genere "home invasion"ormai mi sta...
Risposta
07/12/2018 1.50.00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
PRATOAZZURRO PRATOAZZURRO 07/12/2018 ore 17.37.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA CASA DELLE BAMBOLE

@dana206 scrive:
e sono sicura che oltre MARTYRS non si potrà mai andare!!!!

NON LO SO...MOLTI DIKONO KE E PERSINO SUPERIORE DI MARTYRS...IO NN KREDO ANKE SE CI SONO DELLE SCENE KE MI HANNO IMPRESSIONATO KOME POKE VOLTE IN HORROR...VERAMENTE UN HORROR ALL'ENNESIMA POTENZA..NN LO DIMENTIKERETE FACILMENTE :-)))
19991957
@dana206 scrive: e sono sicura che oltre MARTYRS non si potrà mai andare!!!! NON LO SO...MOLTI DIKONO KE E PERSINO SUPERIORE DI...
Risposta
07/12/2018 17.37.19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
W.eo W.eo 12/12/2018 ore 00.51.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA CASA DELLE BAMBOLE

Prato….superiore a Martyrs come film, non di certo per le efferratezze mostrate , qui si va solo nel campo horror-paranormale, in Martyrs era cinema "estremo" shock allo stato puro :ok
LudovicaLucrezia LudovicaLucrezia 13/12/2018 ore 02.34.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA CASA DELLE BAMBOLE

Qualcuno di voi per caso ha avuto la “sventura “ di guardarsi il remake americano di “Martyrs” del 2015 diretto da tali Kevin e Michael Goetz ??
Sinceramente io penso che coloro che hanno avuto il coraggio di girare e produrre una simile immonda spazzatura si meriterebbero perlomeno qualche mesetto di galera !!
Se io fossi nei panni di P.Laugier li avrei denunciati per VILIPENDIO !! … un film che non faccio alcuna fatica a bollare con una sacrosanta TRIPLA I !!

Se vi chiedete cosa intendo con TRIPLA I , vi delucido subito : un film INUTILE , IRRITANTE ed IDIOTA !! :nono
W.eo W.eo 13/12/2018 ore 02.36.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LA CASA DELLE BAMBOLE

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO, MA L HANNO GIRATO IL REMAKE DI MARTYRS???????QUI IN ITALIA E' ANCORA INEDITO O PER CASO E' USCITO DIRETTAMENTE SU INTERNET O IN HOME VIDEO FATEEEMI SAPERE PER FAVORE?

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.