Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

Filodeon Filodeon 23/09/2015 ore 14.05.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

@from.heretoeternity scrive:
Già...come la vedi tu..questo mi è sufficiente.

Non so se conosci il libro sulla fisica della MECCANICA QUANTISTICA scritto dallo scienziato Leon Lederman con intenti divulgativi, ma non troppo, tanto è vero che qua e là ho dovuto saltare alcune pagine perchè troppo tecniche e fuori dalla mie limitate competenze matematiche; ebbene questo autore, dopo aver scritto "LA PARTICELLA DI DIO" ( con sottotitolo amletico a dir poco, dal momento che QUANTISTICAMENTE, ne ha addiritura rovesciato i termini: "se l'Universo è la QUESTION, qual'è l'ANSWER ? " ), ha sentito l'esigenza di farlo seguire dalla "FISICA QUANTISTICA PER POETI", una "dichiarazione d'intento" che mi richiama quello che possiamo constatare quando siamo in una stanza con due porte aperte e una improvvisa folata di corrente ci accorgiamo che sta facendo sbattere una delle due porte. Ebbene, anche se è CONTROINTUITIVO, è perfettamente inutile precipitarsi nel vano tentativo di fermarla, se siamo troppo lontanio per farlo, saremo invece sempre più vicini, a meno che siamo disgraziatamente al centro della stanza,alla porta che però ci permetterà di agire su quella che sta per sbattere, semplicemente chiudendola, anche se essa di per se non ne avrebbe bisogno. Che poi altro non è che l'aneddoto dei due sienziati, un ASTROFISICO e un QUANTISTICO, che passando per un bosco, durante il ritorno a casa da una partita da tennis, incappano in un orso inferocito. L'astrofisico, sta per darsi ad una fuga subitanea, ma vede che il suo amico, invece si siede, apre la borsa e tira fuori le scarpe da tennis per accuratamente calzarsele.
"Ma cosa stai perdendo tempo a fare, tanto se l'orso a deciso di inseguirci, ci raggiungerà ugualmente" Osserva lo scienziato astrofisico. Al chè lo scienziato quantistico gli obietta: "Ma io non ci penso neppure di battere l'orso in velocità, mi basta solamente correre più veloce di te."
Anche la storia, o meglio la leggenda degli Orazi e Curiazi è una buona applicazione della MECCANICA QUANTISTICA ante litteram ...
Si tratta cioè di un modo di vedere i problemi e di risolverli mettendosi da prospettive assolutamente "non convenzionali", di occultare l'apparente per far manifestare l'occulto, come dire che ciò che è ovvio merita di essere riscoperto e per farlo ben venga anche il rovesciamrnto dell'adagio che a prima vista sembra così pieno di buon senso, e lo è veramente, ma non bisogna accontentarsene, che recita in latino "res tene verba sequentur" , che mi piace tradurre

1)Se farai attenzione al SIGNIFICATO delle cose, non dovrai preoccuparti più di tanto per il SIGNIFICANTE delle parole che verranno praticamrente da sole.
2)E' più importante la sostanza della forma.

Che rovesciati suonano "verba tene res sequentur".

1)Le PAROLE sono più importanti delle COSE
2)la FORMA è più importante della SOSTANZA
violinostadamores violinostadamores 27/09/2015 ore 10.18.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

@recominciodasette scrive:
Ahòo, rigà, a 'sto forumme prima ke s'abbiokki der tutto sarebbe bene ke quarkeduno je desse 'na botta de vita.
Oppuranko è giunto er momento de kantaje er de profundis?

Io sono sempre d'accordo con te Reco, ma questa volta nn ti posso proprio dar torto.
Credo sia tutta colpa del Maestro: infatti da quando nn lo frequenta più, questo forum sembra si sia afflosciato su se stesso. :-(
pan.zanella pan.zanella 09/10/2015 ore 11.20.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

@violinostadamores scrive:
Credo sia tutta colpa del Maestro: infatti da quando nn lo frequenta più, questo forum sembra si sia afflosciato su se stesso.

Non concordo. :nonono
Filodeon Filodeon 15/10/2015 ore 17.17.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

@pan.zanella scrive:
@violinostadamores scrive:
Credo sia tutta colpa del Maestro: infatti da quando nn lo frequenta più, questo forum sembra si sia afflosciato su se stesso.


"io non "CONCORDO".

Concordando sul disaccordo, ma esprimendone l'opinione in modo positivo e non negativamente come ha fatto il Panzanella, ribadendone quindi più propositivamente la stessa opinione, ritengo di affermare che

"io DISSENTO"
pan.zanella pan.zanella 19/10/2015 ore 17.46.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

Mah, io se la devo dir tutta, la penso come Ondina e Burlamacco; ma così, en passant, tanto per suffragare le ipotesi dei più.
Filodeon Filodeon 19/10/2015 ore 18.51.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

"AA" Concordando sul disaccordo, ma esprimendone l'opinione in modo positivo e non negativamente come ha fatto il Panzanella, ribadendone quindi più propositivamente la stessa opinione, ritengo di affermare che

"io DISSENTO"

"BB" Mah, io se la devo dir tutta, la penso come Ondina e Burlamacco; ma così, en passant, tanto per suffragare le ipotesi dei più.

"AA" Ionesco ci avrebbe sicuramente scritturato e comunque gli avremmo offerto degli spunti fondamentali mentre stiamo tutti ad aspettare Gounot...
violinostadamores violinostadamores 25/10/2015 ore 17.54.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

@recominciodasette scrive:
@orqcie2020 scrive:
Beh, Reco, vivaddio sembra che il tuo timore sia stato fugato.


Diki Maè?
Boh, ammene nun me pare popo,,,


Già, infatti... :-(
Filodeon Filodeon 26/10/2015 ore 11.15.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

@beat.nik54 scrive:
tu QUANTI ne hai? smile

Tutti quanti noi ne abbiamo di QUANTI, quanti ne bastano per quantificarci nonchè qualificarci come singoli individui identificabili secondo la propria privata personale individualità identitaria sotto il profilo anagrafico esistenzial psicologico socio cultural religioso economico finanziario politico storico geografico astronomico nonchè atomico nuclear quarkico archetipico, il tutto organizzato nonchè struturalmente agganciato in campi quantistico gravitazionali interattivi di covarianti, di cui siamo infinitesimamente consapevoli e consci come di un cosmo caotico o di un caos cosmico, in cui apparentemente ci sentiamo immersi, anche se comunque la realtà non è come ci appare, illusione che avremmo avvertito eziandio senza il suggerimento di C. Rovelli che riferisce che secondo la fisica della meccanica quantistica ciò che MATERIALMENTE tocchiamo, sì da apparirci consistente (impenetrabile) e solido (sostanziale), è in REALTÀ evanescente, inafferrabile (nuova dimensione della SPIRITUALITÀ come trascendenza, attingibile con informazioni semiologiche antropo-termiche).
pan.zanella pan.zanella 27/10/2015 ore 14.14.37 Ultimi messaggi
Filodeon Filodeon 28/10/2015 ore 12.16.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Canto der cigno

@pan.zanella scrive:
Cioè non ho capito, ma tu sei pro o contro?

Non per intruffolarmi a mia volta nelle tue alquanto misteriane trullerie, dal momento che anche i miei interventi potrebbero essere interpretati tali, ma da parte mia posso AFFERMARE e al contempo NEGARE che l'ELIMINAZIONE di alcuni tradizionali dualismi teorizzati dalla IDEOLOGIA QUANTISTICA, ad esempio quello dello "spazio/tempo", "delle particelle/campi" ,dell "asffermazuione/negazione", mi porta a ritenere che anche la categoria espressa dal dualismo "favorevole/contrario", sia pur dessa priva di importanza come pure priva di senso, anche se il suo impiego trova un'efficace utilizzo trullesco nel forum da parte dei citrulli che vi si intruffolano, tra i quali tengo a precisare che anch'io ho l'onore di autoannoverami.
Buona reciproca INTRUSIONE !

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.