Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

Filodeon Filodeon 18/03/2016 ore 12.01.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Libri che ci hanno segnato

@Filodeon scrive:

............................Il dolore MUTO è animalesco..................
...............................il PARLARNE è umano.......................
..............................IL RIDERNE è angelico......................(*)

(*)Cosa che scatena l'ira di dio quando si RIDE del DOLORE altruI, per cui del RISO, quello del ridicolo e non quello che abbonda sulla bocca di chi se ne fa grandi scorpacciate, cioè quello delle risaie, del RISO è opportuno farne uso con una certa discrezione e discernimento, vale a dire in tmpi e luoghi debiti.
Anzi proporrei proprio di integrare il nono e decimo comandamento con un'aggiunta.
"Per evitare guai col tuo prossimo, guardati dal desiderare le sue mogli la sua casa i suoi buoi le sue asine le sue concubine i suoi amasi i suoi averi, in una parola non ADDOLORARTI della sua felicità e non RIDERE del suo dolore" , comandamento che è poi ad un dipresso la parafrasi dell'apostolo delle genti che, inviando loro un pistolotto, raccomanda ai suoi "assistiti" di "ridere con chi ride e piangere con chi piange" ...
cajo.021079 cajo.021079 19/03/2016 ore 23.02.36 Ultimi messaggi
hezter hezter 24/03/2016 ore 10.21.12 Ultimi messaggi
conOsenza conOsenza 24/03/2016 ore 22.25.27
segnala

(Nessuno)RE: Libri che ci hanno segnato

segnato?...sopratutto i libri per ragazzi un' infinità ...premesso che l'ultimo impegnato che ho letto è ulisse di joyce, di cui non ho capito un cazzo, i miei libri sono quelli dell'infanzia ; dall'isola del tesoro a i ragazzi della via paal ..da il vecchio e il mare a per chi suona la campana , i tre moschettieri....e dagli appenni ....alle ande :mmm ecc e poi non dimentichiamo i fumetti al tro che sottocultura!!da tex willer blak macigno in testa e per finire a diabolik criminal diabolik il monello l'intrepido topolino e ancora alan ford...
poi i libri scolastici come l'odissea l'iliade i promessi sposi ecc...
malezia malezia 25/03/2016 ore 18.42.18 Ultimi messaggi
Xenia888 Xenia888 13/04/2016 ore 19.36.46
segnala

(Nessuno)RE: Libri che ci hanno segnato

@Archeo68 scrive:
Salve, sono ancora vivo. Sono molti i libri che porto dentro, molti quelli che ho letto più di una volta. per restare nella letteratura italiana i Discorsi di Machavelli e lo Zibaldone di Leopardi e le Operette morali. Non c'è niente che si avvicini alla grandezza di questi testi nella letteratura italiana in prosa tranne il Decamerone del Boccaccio. Nella poesia i canti di Leopardi e l'Orlando furioso dell'Ariosto. Sempre nella letteratura italiana ma parlando del Novecento il testo che mi sembra più significativo sono le Novelle per un anno di Pirandello.


Davvero non riesco a trovarne uno solo. Sono tanti i libri importanti che mi hanno lasciato qualcosa nelle mente o nel cuore. La prima cosa che mi viene in mente sono i drammi di Shakespeare che erano nella bibiloteca di casa, che cominciai a leggere a quindici anni e poi i racconti di Oscar Wild, (specialmente il Gigante egoista, e il Principe felice), a vent'anni Lucrezia Borgia di Maria Bellonci, a trenta Siddaharta, e poi molti anni dopo, la serie sulla storia romana della Colleen McCullough (i giorni del potere, i giorni delle gloria, I favoriti della fortuna, Le donne di Cesare, Cesare,il genio e la passione, Le idi di Marzo e ultimo Cleopatra) sette romanzi storici molto seriamente doocimentati, che vanno dal periodo delle lotte civili fra Mario e Silla, fino all'avvento dell'impero di Augusto, e ancora Le memorie di Adriano della Yourcenard, di cui ogni tanto rileggo qualche pagina. E poi il piacere di D'Annunzio, le Odi barbare di Carducci... e potrei continuare, ma sono davvero troppi!
Xenia888 Xenia888 13/04/2016 ore 20.01.23
segnala

(Nessuno)RE: Libri che ci hanno segnato

Dimenticavo: uno dei più bei libri che io abbia mai letto è La certosa di Parma di Stendhal e poi devo citare: I Diavoli di Loudun di Aldous Huxley, Madame Bovary, Una stagione all'inferno di Arthur Rombaud, Gente di Dublino di Joyce. Mrs. Dalloway di Virginia woolf, Narciso e Boccadoro di Hermann Hesse, l'Orlando furioso, e la Gerusalemme liberata, Il Principe di Machiavelli che mi ha tolto ogni illusione sulla politica, la serie francese Les rois maudits di Maurice Druon, e poi Fiesta di Hemingway, Spagna pagana di Richard Wright, I segreti dei Gonzaga della Bellonci... Devo smettere ce ne sono troppi!
Xenia888 Xenia888 15/04/2016 ore 10.34.52
segnala

(Nessuno)RE: Libri che ci hanno segnato

Sandra B. Scrive:

Cmq a dire il vero, sono convinta che non esistono libri che ci hanno segnato, perché per lo più ogni libro lascia il tempo che trova.
O per lo meno , per me è cosi.
Ho sempre letto tantissimo per vari motivi.
Il primo è che mi sono ritrovata a dover scrivere tantissimo per lavoro, e in effetti scrivere non è mai stata la mia passione. Quindi leggendo cercavo di esercitarmi.
Secondo ho cominciato a leggere per evasione, ossia, perché farmi prendere con la mente da cio che leggevo , mi faceva stare meglio.
Cmq di mio, ho sempre avuto una mente molto schematica e una logica molto schematica, nonché una buona memoria.Il che, nella vita pratica , mi ha aiutato tantissimo.
I libri li ho usati: ho avuto libri d'amore e libri di storia, libri di avventura e libri di cronaca.
Ognuno di questi ha avuto il suo momento nella mia mente e il suo successo del momento, nessuno di essi è stato cosi essenziale, forse lo sono stati tutti e tutti assieme per aiutarmi ...ma nessuno di questi è stato cosi determinante...tranne senza duppio, quelli studiati all'università...che mi hanno dato il pane...Per cui ragazzi un consiglio spassionato, leggete per utilità pratica più che per passione. Se vi piace leggere , iscrivetevi a qualche corso , piuttosto che leggere solo per passione.
La passione non da il pane e molte volte ci allontana dal reale, massacrandoci più del dovuto :)

Trovo agghiacciante che una persona che dice di aver letto molto dichiari che nesssun libro le ha lasciato nulla... O ha letto cose talmente banali che non hanno lasciato traccia , oppure ha una mente labile che non ne conserva memoria: in tutti e due i casi l'aver letto è stato tempo perso, era meglio
uscire a prendere aria! Il consiglio poi di leggere solo manuali di utilità è ancora più tremendo!

La passione, da qualunque cosa essa sia motivata, da sapore e colore alla vita. Una vita senza nessuna passione è un inutile passaggio sulla terra. Senza passioni la civiltà si sarbbe spenta e non avremmo nulla di ciò che ce la rende bella e gradevole. Un essere che scrive queste cose mi fa pensare ad un'anima DESERTIFICATA fatta solo di esigenze primarie come magiare, bere e dormire e lavoare per poter mantenere le prime tre. Una vera pena!
Filodeon Filodeon 15/04/2016 ore 18.49.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Libri che ci hanno segnato

@Xenia888 scrive:
L'intelligenza della persona viene dimostrata anche da cone ciascuno si adatta al luogo e alle situazioni in cui si trova.

Purtoppo questo tipo di intelligenza mi difetta e ancora purtroppo devo constatare che me ne difettano molti altri tipi, soprattutto il tipo dell'INTELLIGENZA MNEMONICA, che se madre natura non fosse stata così tirchia nei miei confronti, ora appunto mi troverei a scrivere su riviste universitatrie appunto, anche se forse non con la stessa soddisfazione , eccezion fatta per il mancato rientro pecuniario, ma l'hobby si distingue dal lavoro proprio per questo, nel non essere remunerativo e dare solo soddisfazioni AXELIANE (*)

(*)attendo di sapere cosa di preciso significhi, per adesso ne ho una conoscenza indistinta e quantomeccanicamente fluttuante ed ideterminata, ma sufficiente per sapere che è inserito con cognizione di causa
lemanielanima lemanielanima 15/04/2016 ore 19.35.07 Ultimi messaggi

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.