Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

tellus27 tellus27 16/04/2016 ore 20.45.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@Xenia888 scrive:
Oggi non è cambiato poi molto nel profondo della mentalità maschile e maschilista.

Indubbiamente,come dici giustamete,il percorso di parità è in fieri,ma credo che tu sia troppo
pessimista.Tanti uomini ammettono tranquillamente di sentirsi smarriti sia sul piano affettivo che su quello concreto della quotidianità senza l'apporto della propria compagna,questo vale per la maggioranza degli uomini normali,certo se la donna ha la sfortuna d'incappare in soggetti psico
patici sia pure in latenza,nascono non uno ma mille problemi.....
Oggi nessun uomo di buon senso indipendentemente dal livello socio-economico-culturale può illudersi
di poter affrontare la vita da solo senza subire squilibri di tutti i tipi,al di la' di apparenze
rassicuranti.
Xenia888 Xenia888 17/04/2016 ore 01.08.15
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@tellus27 scrive:
Le donne sono persone alle prese,come noi uomini,con i problemi della vita,per risolvere i quali
occorrono coraggio,volontà, intelligenza ecc.ecc.virtù che non hanno sesso e appartengono a tutti
quelli/e che ne sono all'altezza.


Occorre sprattutto COMPRENSIONE e RISPETTO per l'ALTERITA' femminile. Nel confronti delle donne c'è ancora troppo spesso in alcuni uomini una sorta di razzismo sotterraneo duro a morire.
Xenia888 Xenia888 17/04/2016 ore 01.13.48
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@tellus27 scrive:
credo che tu sia troppo
pessimista.


Non so se sono pessimista, a me non pare, ma è una questione ovviamente soggettiva. Purtroppo le gravi incomprensioni che determinano tante separazioni e dovorzi e sprattutto i gravi fatti di sangue che purtroppo non sono più tanto un'eccezione, e che costellano la cronaca nera, dicono che forse il malessere c'è e va rilevato nella sua gravità.

I due sessi devono "fare pace", con loro stessi e con i loro partner, non devono essere antagonisti, ma complementari nello loro differenze, senza dimenticare che parità non significa ugualianza, ma accettazione e valorizzazione della diversità in quanto tale.
beat.nik54 beat.nik54 17/04/2016 ore 06.20.15
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

dietro un grande uomo

c'è sempre una donna stupita

Xenia888 Xenia888 17/04/2016 ore 15.19.54
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

E' un refuso o volevi scrivere stupida?

Ammettiamo che tu volessi dire che la donna del grande uomo sia effettivamente STUPITA, nel senso della sopresa, è anche possibile, perché lei che lo conosce meglio di tutti e non si aspettava che fosse un grande... :-))

Adesso come adesso, si potrebbe creare un altro proverbio: "dietro a un grande donna non c'è un grande uomo, ma uno che ha fatto di tutto per non far emergere la sua grandezza. Vedi Clinton che ha fatto un sacco di cazzate e sua moglie è cento volte meglio di lui, tanto per fare il primo esempio che mi viene in mente.

tellus27 tellus27 17/04/2016 ore 15.37.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@Xenia888 scrive:
I due sessi devono "fare pace", comn loro stessi e con i loro partner, non devono essere antagonisti, ma complementari nello loro differenze, senza dimenticare che parità non significa ugualianza, ma accettazione e valorizzazione della diversità in

Credo che questa sia l'efficace soluzione del problema,ma anche un passaggio fondamentale nella
conoscenza e crescita individuale di ciascuno/a di .E' proprio attraverso l'alterità che noi conosciamo noi stessi,senza un altro termine di paragone non esisterebbe nessuna dialettica, necessaria,come sappiamo e ognuno ,nel suo delirio di superiorità rimarrebbe solo con se stesso/a.Certo occorre anche la
complicità delle affinità elettive e un certo tipo di cultura che si chieda ,al di là tante sovrastrutture che spesso oggi rasentano l'idiozia,quale sia ,sia pure con molta approssimazione,il senso della vita.Certo è un lavoro non facile,ma tutto sommato vale la pena fare, proprio in nome di una comune ricerca nell'ambito della condizione umana.
Archeo68 Archeo68 18/04/2016 ore 15.03.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@Xenia888 scrive:
Vedi Clinton che ha fatto un sacco di cazzate e sua moglie è cento volte meglio di lui,

Ohh Xenia perché....è così piacevole leggerti...una verve intensa, ricca di pathos e poi mi scrivi che Illary è meglio di Bill....ma sarebbero tutt'e due da bruciare sul rogo dai....crocefissi forse sarebbe meglio, è più degradante, si crocefiggevano gli schiavi ribelli. Solo in un giorno di buo umore potrei condere che gli si tagliasse solo la testa. Ciao
19125170
@Xenia888 scrive: Vedi Clinton che ha fatto un sacco di cazzate e sua moglie è cento volte meglio di lui, Ohh Xenia perché....è...
Risposta
18/04/2016 15.03.32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Xenia888 Xenia888 18/04/2016 ore 22.55.23
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@Archeo68 scrive:
Ohh Xenia perché....è così piacevole leggerti...una verve intensa, ricca di pathos e poi mi scrivi che Illary è meglio di Bill....ma sarebbero tutt'e due da bruciare sul rogo dai....crocefissi forse sarebbe meglio, è più degradante, si crocefiggevano gli schiavi ribelli. Solo in un giorno di buo umore potrei condere che gli si tagliasse solo la testa. Ciao


Cerca di non fraintendermi. Posso anche disapprovare per molte cose Clinton, ma comunque sua moglie è assai meglio di lui. Era un paragone per dire che il fatto di essere uomo non preserva dagli errori, e che sarebbe ora di mettere alla prova una donna alla presidenza degli Stati Uniti. Abbiano fatto un bel passo con l'avvento di Obama, perché di colore, finalmente, e adesso toccherebbe ad una donna. Mettiamola alla prova e vediamo se è meglio di suo matiro. Io penso di sì. Almeno lei non terrà le stagiste sotto la scrivania... (Battutaccia... :-p :-p :-p ) In ogn caso ci preserverebbe dalla iattura mondonale di avere Trump alla Casa Bianca, evetualità che non oso immaginare se non con terrore.

Gli uomini non capiscono le donne e ne sono convinti. Ma si sono mai sforzati per capirle davvero? E se poi le capissero, forse temonio di scoprire che che non piacerebbe loro quello che vedrebbero? In sostanza si rifiutano di approfondire. E' un luogo comune che i due sessi non si comprendono, perché non é per forza così! Fino ad ora gli uomini si sono sforzati pochissimo per capire le loro compagne di viaggio nel cammino della vita. Hanno sempre semplificato troppo. O sante o puttane. La mamma e la sorella non si toccano, le altre?... Boh? Il che non corriponde alla complessità di qualunque personalità maschile o femminile che sia, per poi dire "le donne chi le capisce è bravo", che diventa una scusa per provarci neanche a comprendere per non sforzarsi per pigrizia atavica... Eppre ci sono uomini (pochi, ma ci sono) che le donne le capiscono benissimo, perché non partono dalle differenze, ma dalle somiglianze fra esseri uomni della stessa specie. O due sessi non sono inconciliabili, e dobrebbero essere complementari nelle differenze. Se riusciremo in questo, avremo una società più felice, ma per ottenere ciò ci vuole molta buonsa volontà da entrambe le parti e non un apriorismo di chiusura. La società che da qualche millem+nnio è stata quella di stampo patriarcale non richiedeva la comprensione del sesso così detto debole, che doveva rimanre confinato entro schemi prefissati ed immutabili, nel bene e bel male. Im fin dei conti la liberazione femminile è cosa recente e gli uomini ci si devono abituare, particolarmente perché gli ultimi 50 anni hanno prodotto cambiamenti molto più rapidi che in passato nella consapevolezza delle donne e questi mutamenti veloci sono alla base del disagio maschile che a volte degenera in insofferenza.

Noi donne, avendo figli maschi e crescendoli e poi vedendoli grandi, un po' di più siamo riuscite a capirli, perché siamo più disposte a cercare di farlo per natura, per sensibilità ed intuito qualità che madre natura ci ha fornito per assovere al meglio al compito meterno. Spesso in molto maschi c'è parecchia pigrizia mentale che non consente loro di uscire dai loro punti di vista, senza neanche provare ad uscire da se stessi e cercare di "mettersi dalla parte di lei"... Non che sia facile, per carità, ma è un lavoro che va fatto se vogliamo tenere insieme due persone che pur amandosi, spesso non riescono a state bene insieme.
california1978 california1978 19/04/2016 ore 08.30.22
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@Xenia888 :

Condivido. La donna nei secoli è stata usata, sottomessa, le si è data l'immagine voluta dall'uomo. Ora che le donne possono esprimersi meglio diventano le " arpie " che ti dissanguano dopo un divorzio o la " puttana " che va con tutti, nell'immaginario maschile, o quella che " corrompe " l'uomo. A volte quando l'uomo tradisce non si dice che lui è stato uno stronzo, ma è stata la donna una facile e scaltra che l'ha fatto cedere. Una che si veste in modo un po' più libero dal punto di vista maschile è ancora una che la dà a tutti, una seria è una che se la tira. Sembra un mondo emancipato, in realtà in alcune zone la donna può essere ancora schiavizzata ed anche in questa parte di mondo certi retaggi non sono stati del tutto superati. Certo gli uomini che capiscono le donne, che le prendono per quello che in realtà sono, sono uomini comprensivi, empatici, che fanno almeno uno sforzo per capire, che non si chiudono nel loro piccolo. Accettare a volte anche la superiorità delle donne non è del tutto semplice. Accettare che sono intelligenti, evolute. Questo può ancora mettere in crisi il ruolo del maschio. Accettare che la donna non può essere gestita da noi, ma è completamente libera. L'atteggiamento ideale è avere un rapporto più o meno paritario, fatto di dialogo ed a volte di compromesso. La donna ovviamente non ha solo un ruolo sessuale e non è quella che ci vuole far credere la pubblicità, una bella donna non è una da concupire sessualmente, una brutta donna non è una da buttare, bisogna cambiare prospettiva e cercare di guardare le cose anche dal loro punto di vista. Cambiare prospettiva, essere un po' più " femminili " è un arricchimento. Le donne non sono esseri strani perchè la pensano in modo diverso da noi, ma esprimono semplicemente la propria personalità repressa per secoli. Siamo noi uomini che abbiamo costruito un mondo a nostra immagine e somiglianza discriminando chi non apparteneva alla nostra categoria.
Archeo68 Archeo68 19/04/2016 ore 12.16.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Delle donne non si sa niente-Natalia Aspesi

@Xenia888
Condivido il secondo paragrafo e soprattutto il terzo del tuo post. Permango scettico invece sul primo. Perché mai Illary dovrebbe essere migliore del marito per il fatto che, forse, non farebbe sesso orale sotto il tavolo della sala ovale? Non è certo per un pregiudizio sul fatto che una donna non sia adatta a fare il presidente degli Stati Uniti, perché per esempio a mio parere Margareth Thacher è stata uno dei migliori premier che il Regno Unito abbia avuto dal dopoguerra. E Obama sarebbe un buon presidente solo perché è meticcio, figlio di una bianca e un nero? Io veramente non capisco come si possa ragionare in questi termini. A me sembra evidente che Obama sia e sia stato finora invece un pessimo presidente, ma non vorrei fare discussioni che mi porterebbero fuori tema. Il resto condivido abbastanza quello che hai scritto e anche quel che ha scritto california. Attenti accipicchia, l'informazione da cui siamo continuamente martellati vi vuole uniformi nell'imbecillità, è sempre più difficile far lavorare il cervello e non appena qualcuno lo fa viene merginalizzato o demonizzato addirittura.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.