Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

Archeo68 28/11/2016 ore 12.25.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Un'opinione che condivdo abbastanza

8452114
http://www.corriere.it/cultura/16_novembre_25/carlo-rovelli-fede-dio-1db5108c-b33b-11e6-8c2b-10dff319d9b4.shtml
Discussione
28/11/2016 12.25.39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
rollandbeat rollandbeat 28/11/2016 ore 22.40.52
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@Archeo68 : invece io la condivido in pieno

grazie per averlo postato

è ciò che penso ma che non saprei mai dire così chiaramente
Archeo68 Archeo68 29/11/2016 ore 11.04.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

Lui è un grande scienziato, uno dei nostri maggiori fisici e qualche volta l'ho anche ascoltato direttamente a delle conferenze, anche se io le riuscivo a comprendere fino a un certo punto perché, purtroppo, nel suo campo ho davvero scarse competenze. Ad ogni modo anche il mio "abbastanza" è vicino al tuo "in pieno". Grazie per l'attenzione.
1994Enrico 1994Enrico 30/11/2016 ore 21.17.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

E' un ragionamento condivisibile in parte. Chi crede in Dio non lo fa per timore dell'inferno, ma perché spera che il suo mondo abbia un senso. A questo punto si fa prima a citare M. Stirner: "Dio e l'umanità hanno posto la loro causa su nulla, su null'altro che su se stessi. Nello stesso modo io pongo la mia causa su di me. Io, che al pari di dio, sono il nulla di tutti gli altri, io che sono il mio tutto, io che sono l'unico."
busadute busadute 01/12/2016 ore 18.11.43
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

Se quello scienziato davvero ha recepito che è la carità il fulcro da cui attingere il nostro bene, non ha bisogno di dire che non crede in Dio, non ha neanche bisogno di assomigliare o meno ai simili preferiti, parole colorite che non servono. E' già dentro al Progetto.
rollandbeat rollandbeat 01/12/2016 ore 22.42.12
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@busadute scrive:
E' già dentro al Progetto.


cosa? :sbong
busadute busadute 02/12/2016 ore 09.14.07
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@rollandbeat : Secondo l'intervista,Io lo vedo già facente parte di quel cammino che, nonostante tutte le bestiate che si fanno, piano piano ci porta a scremare le apparenze ed a proiettarci in una visione spirituale globale scevra di domande.
rollandbeat rollandbeat 02/12/2016 ore 16.40.35
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@busadute scrive:
a proiettarci in una visione spirituale globale scevra di domande.


insisti con sta spiritualità...

come diavolo te lo dobbiamo dire che non crediamo nello spirito

ne santo ne agnostico?

e smettila di leggere e trarre le conclusioni che desideri tu

non c'è nessun cammino in corso verso Dio

Dio è solo un'eventualità che quando e se verrà dimostrata

avrà tutta la considerazione che si merita

allo stato attuale non c'è niente

NIENTE

busadute busadute 02/12/2016 ore 17.38.03
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@rollandbeat : Ho commentato secondo il MIO pensiero e le MIE impressioni. Mica c'avete la verità in mano.
rollandbeat rollandbeat 02/12/2016 ore 17.53.45
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@busadute scrive:
Mica c'avete la verità in mano.


no non l'abbiamo

vi concediamo il privilegio di possederla voi
busadute busadute 02/12/2016 ore 17.56.43
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@rollandbeat : Lo sai bene che nessuno la possiede. E' un "sentire" personale che dipende da molti fattori, da sempre si cerca e se ne discute.
Archeo68 Archeo68 12/12/2016 ore 16.23.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

busadute
Se ne discute, ma non tanto poi, e inoltre in maniera abbastanza squilibrata, perché gli adepti del dio unico e cioè ebrei, cristiani e musulmani si odiamo fra loro, al di là di un irenismo di facciata che non convince, ma formano un formidabile blocco contro pagani e atei. Quel che infastidisce è appunto lo squilibrio dei mezzi a disposizione da parte dei fautori dei vari Geova Cristo e Allà, che li utilizzano a distesa, in proporzione agli atei, cui a me non pare sia concesso di tenere programmi televisivi volti a convincere gli ascoltatori che quel dio in quei termini non esiste di sicuro. Che cosa alla fine ci dicono, in sostanza, che una vita senza dio sarebbe vuota e, soprattutto, ma questo appunto lo dicono loro, senza dio necessariamente (o quasi, perché un po' si vergognano di esprimere chiaramente questo concetto) immorale, perché se non ci fosse qualcuno che "dall'alto" sanzionasse i comportamenti immorali tutti si sentirebbero legittimati a compierli. Questo concetto, velatamente espresso, è fastidioso a sentirsi, specialmente col tono spesso impiegato dal credente, invero venato di spocchia malcelata nei riguardi del non credente, perché attribuisce all'uomo l'incapacità di forgiarsi e promulgarsi delle leggi che poi tutti devono seguire, e che sanzionano i comportamenti immorali e criminali senza bisogno di nessun intervento "dall'alto" i cui effetti si vedrebbero tra l'altro in una ipotetica futura vita eterna. Da lì la minaccia dell'inferno, che è stata adoperata molto per più d'una dozzina di secoli, checché ne dica Enrico, e viene impiegata tuttora anche se certo non come nel Medioevo. L'uomo credente in dio crede perché così la sua vita assumerebbe un senso? Ma senza vita eterna quale senso potrebbe mai essere? E vita eterna gira e rigira vuol dire ancora inferno e paradiso, dannazione e beatitudine, sennò, per quale regione mai mi dovrei comportare in un certo modo? Apputo perché c'è una legge, dicono invece gli atei, fatta dagli uomini e da nessun dio, che devi rispettare e se non rispetti ti castigo qua in questa vita. E la legge scritta dagli uomini è migliore di quella di dio ( che è dettata dagli uomini anche quella)perché non è assolta:una legge di un'epoca può non essere più buona per l'epoca successiva e allora è necessario cambiarla. La legge di dio invece ha la presunzione di valere per sempre, ha la presunzione di essere una specie di legge quadro dentro la quale tutte le altre leggi degli uomini dovono incasellarsi, una specie per così dire di costituzione, che non si dovrebbe più cambiare. e non si dovrebbe invece scrivere costituzioni o leggi quadro sulla base di qualcosa di non tangibile. Ma forse questo mondo non farò in tempo a vederlo o forse, chissà, peggiorerà e anziché andare nella direzione che auspico andrà in quella opposta, come d'altronde tutti i segnali lasciano presagire. Gli uomini vivono benissimo senza dio, vivrebbero, se li lasciassero in pace.
19388021
busadute Se ne discute, ma non tanto poi, e inoltre in maniera abbastanza squilibrata, perché gli adepti del dio unico e cioè...
Risposta
12/12/2016 16.23.33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
rollandbeat rollandbeat 29/12/2016 ore 06.34.42
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

@Archeo68 : niente da aggiungere :ok
california1978 california1978 07/01/2017 ore 21.54.51
segnala

(Nessuno)RE: Un'opinione che condivdo abbastanza

Io sono ateo: sono convinto che le religioni siano un'invenzione umana. Sono profondamente anticlericale: per me la chiesa ha sfruttato già abbastanza le persone. Insomma, sono uno spirito libero: cerco la sola verità pura e cruda, per quanto scomoda possa essere e per quanti nemici mi possa procurare questo modo di pensare.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.