Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

Frinz.22x Frinz.22x 07/07/2017 ore 23.03.19
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@ComePioveva scrive:
Il fascino della scienza è che non si pone mai una conclusione definitiva. La scienza è cammino su una strada che non ha un limite né di spazio né di tempo.

Indubbiamente...
nera1965 08/07/2017 ore 00.46.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@ruccutiello scrive:
Potrebbe essere, ma io personalmente ritengo che i 'dogmi' ci vengono trasmessi, tanto che il gruppo in cui viviamo infatti indica se siamo zulu, mormoni, monoteisti o meno.
Non ci credo alla religione 'innata', siamo troppo condizionati perchè sia vero.

Non concordo.
Il culto religioso della morte, nel quale si pensa a un trapasso dalla vita alla morte verso un aldilà, esiste praticamente dalla notte dei tempi. La chiesa, le religioni, i dogmi, sono storia molto recente. Sono stati ritrovati resti di primitivi che venivano sepolti con cura e omaggiati di fiori. Nessuno aveva trasmesso loro questo sentimento di fede verso un qualcosa che però evidentemente già allora gli umani al loro interno possedevano.
nera1965 08/07/2017 ore 00.54.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@1965.bellavita scrive:
quindi hai una tua maniera di credere e non sei cristiana quindi.

Cristiana lo sono. Sono stata battezzata e mi piace usare la preghiera cattolica per rivolgermi a Dio. Detto ciò la chiesa è solo un mezzo che uso per rivolgermi a lui, e quando si usa un mezzo lo si deve rispettare nei suoi precetti e nelle sue norme. Detto ciò, sono consapevole che la chiesa è fatta da uomini in carne ed ossa che come me possono sbagliare, l'uomo nella storia ha sempre sbagliato molto. Però la chiesa cattolica di oggi, aldilà delle solite critiche che gli si possono rivolgere riguardo al suo potere attuale o al suo passato, porta indubbiamente un messaggio d'amore e di fraternità tra gli uomini. Questo mi piace, lo apprezzo e soddisfa il mio bisogno di fede.
19596042
@1965.bellavita scrive: quindi hai una tua maniera di credere e non sei cristiana quindi. Cristiana lo sono. Sono stata...
Risposta
08/07/2017 0.54.43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
nera1965 08/07/2017 ore 01.28.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@ComePioveva scrive:
Il fascino della scienza è che non si pone mai una conclusione definitiva. La scienza è cammino su una strada che non ha un limite né di spazio né di tempo.

Concordo, ma oggi il punto è anche un altro. C'è molta tendenza nel mettere scienza e religione in competizione tra di loro, lo si vede costantemente. E' vero, l'uomo ha sempre cercato delle risposte. C'è stato un tempo nel quale la scienza non esisteva affatto e la religione si faceva carico di dare certe risposte ad un uomo che certe risposte le esigeva!.
Oggi la scienza ci spiega tantissime cose, mentre la religione si colloca in quella dimensione che riguarda l'intimo di ognuno di noi e del suo/nostro rapporto con Dio. I tempi di Galileo e delle dispute religione/scienza, sono finiti. Oggi questa disputa viene relegata più a fattori di natura etica che ad altro. Detto ciò...
La risposta ultima forse non esiste e non la può dare nessuno, ma la religione assolve più della scienza quel desiderio umano di mettersi in armonia con se stessi e con il mistero che ci circonda. La religione (parlo di quella sana e non di quella deviata) dona all'uomo - grazie alla fede in qualcosa che ci è superiore - più umiltà e consapevolezza della sua dimensione rispetto al creato.
L'uomo che perde questa umiltà diventa un uomo presuntuoso che perde la sua umanità. Diventa un uomo che deve soddisfare una continua sete di (onni)potenza e che lo porta a giustificare con la scienza e con le sue conquiste scientifiche la sua indole di predominio.
La scienza è importante per l'uomo, ma lo sappiamo, può far danni al pari del fanatismo religioso quando usata male. Bisognerebbe aver la saggezza di saperle usare entrambe, iniziando intanto a tener divise le due questioni e non metterle in competizione.
19596047
@ComePioveva scrive: Il fascino della scienza è che non si pone mai una conclusione definitiva. La scienza è cammino su una...
Risposta
08/07/2017 1.28.50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
nera1965 08/07/2017 ore 01.42.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@beatofrock scrive:
@nera1965 scrive:
l'energia è un prodotto dell'amore.


quadruplo salto mortale carpiato con avvitamento


Perché? Ci sono tesi scientifiche che sostengono questo, non lo sapevi?
Leggi il libro "Relatività, Esposizione Divulgativa" ediz. Boringhieri.
Autore: Albert Einstein
nera1965 08/07/2017 ore 01.46.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@beatofrock scrive:
non vi pare, la butto lì, che sia puramente consolatorio credere in un dio?

E mica hai detto poco! Sapersi consolare in un universo dove la nostra vita è un qualcosa di enormemente infinitesimale è già una grande conquista.
nera1965 08/07/2017 ore 01.58.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@Filodeon scrive:
A chi lo dici? a uno che che è stato recentemente accreditato professore honoris causa dal mondo forumistico dell'esoterismo accademico e poi, per non farlo inorgoglire troppo, si sono permessi quei miserabil invidiosi di accademici summenzionati, di epitetizzarmi "professore De Pedantis"...

Spiegami meglio non ho capito...
ruccutiello ruccutiello 08/07/2017 ore 07.39.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@nera1965 scrive:
Il culto religioso della morte, nel quale si pensa a un trapasso dalla vita alla morte verso un aldilà, esiste praticamente dalla notte dei tempi. La chiesa, le religioni, i dogmi, sono storia molto recente. Sono stati ritrovati resti di primitivi che venivano sepolti con cura e omaggiati di fiori. Nessuno aveva trasmesso loro questo sentimento di fede verso un qualcosa che però evidentemente già allora gli umani al loro interno possedevano


E' una analisi molto superficiale, questa.
ComePioveva ComePioveva 08/07/2017 ore 08.08.51
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@nera1965 scrive:
Concordo, ma oggi il punto è anche un altro. C'è molta tendenza nel mettere scienza e religione in competizione tra di loro, lo si vede costantemente. E' vero, l'uomo ha sempre cercato delle risposte. C'è stato un tempo nel quale la scienza non esisteva affatto e la religione si faceva carico di dare certe risposte ad un uomo che certe risposte le esigeva!.
Oggi la scienza ci spiega tantissime cose, mentre la religione si colloca in quella dimensione che riguarda l'intimo di ognuno di noi e del suo/nostro rapporto con Dio. I tempi di Galileo e delle dispute religione/scienza, sono finiti. Oggi questa disputa viene relegata più a fattori di natura etica che ad altro. Detto ciò...
La risposta ultima forse non esiste e non la può dare nessuno, ma la religione assolve più della scienza quel desiderio umano di mettersi in armonia con se stessi e con il mistero che ci circonda. La religione (parlo di quella sana e non di quella deviata) dona all'uomo - grazie alla fede in qualcosa che ci è superiore - più umiltà e consapevolezza della sua dimensione rispetto al creato.
L'uomo che perde questa umiltà diventa un uomo presuntuoso che perde la sua umanità. Diventa un uomo che deve soddisfare una continua sete di (onni)potenza e che lo porta a giustificare con la scienza e con le sue conquiste scientifiche la sua indole di predominio.
La scienza è importante per l'uomo, ma lo sappiamo, può far danni al pari del fanatismo religioso quando usata male. Bisognerebbe aver la saggezza di saperle usare entrambe, iniziando intanto a tener divise le due questioni e non metterle in competizione.


Fede e scienza credo che possano convivere perfettamente perché i loro ambiti non collidono; entrambe cercano di dare risposte ma i target sono differenti. Come giustamente hai scritto, infatti, la fede “conforta” l'intimo dell'uomo mentre la scienza tenta di “disvelare” i “misteri”; solo la becera malafede mette in competizione.

Ai tempi di Galileo la fede provvedeva alla necessità di spiegare i “perché”... sconfinando, poiché non era ancora disponibile lo strumento che con Galileo iniziava a muovere i suoi primi passi e cioè il "metodo scientifico".

Non esisterà mai la risposta ultima, concordo, perché più si scoprirà e più si apriranno voragini nell'ambito della conoscenza; proprio per questo anche la scienza è fonte di umiltà, per chi sa leggerne la missione.
1965.bellavita 1965.bellavita 08/07/2017 ore 08.33.30
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@nera1965 scrive:
Cristiana lo sono. Sono stata battezzata e mi piace usare la preghiera cattolica per rivolgermi a Dio. Detto ciò la chiesa è solo un mezzo che uso per rivolgermi a lui, e quando si usa un mezzo lo si deve rispettare nei suoi precetti e nelle sue norme. Detto ciò, sono consapevole che la chiesa è fatta da uomini in carne ed ossa che come me possono sbagliare, l'uomo nella storia ha sempre sbagliato molto. Però la chiesa cattolica di oggi, aldilà delle solite critiche che gli si possono rivolgere riguardo al suo potere attuale o al suo passato, porta indubbiamente un messaggio d'amore e di fraternità tra gli uomini. Questo mi piace, lo apprezzo e soddisfa il mio bisogno di fede.

effettivamente come darti torto del resto e' servita anche a me in un determinato periodo buio,ma escludo che oggi pensando hai fatti successomi che sia stata la fede a salvarmi,credo che sia il fatto di appartenenza forte i legami che si instaurano tra le persone e la croce e' solo un mezzo per dare un senso alla vita e alla sofferenza.riguardo almessaggio d'amore che porta oggi la chiesa io non lo posso discernere da una sorta di contrapposizione forte tra il bene e il male delle religioni che per me restano come dici tu un potere creato nei secoli da personaggi straordinari che il tempo nei vuoti di potere che ci sono sempre stati hanno trovato un umus che li ha fatti crescere facendo leva sulla psiche umana condizionandola con la paura della dannazione eterna.per esempio la chiesa cattolica nasce di fatto non dopo la morte di cristo ,ma dopo un periodo in cui l'impero romano nel terzo e quarto secolo inizia a sfaldarsi e grazie a costantino che la rende religione di stato (primo imperatore cristiano ad essere esaudito per un suo desidero pregando la croce).i primi vescovi furono patrizi romani che compresero di passare dalla parte del piu' forte in quel momento.oggi continua questo si prega per esorcizzare la morte io credo siano poche le persone che si meritino il paradiso detto questo accontentiamoci un po' tutti.


Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.