Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

ruccutiello ruccutiello 08/07/2017 ore 13.45.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@Filodeon scrive:
le mie LOCA necessiiitano di più stesure per definirsi


Ognuno fa come vuole, io non ho tutto questo tempo. Da una parte ti invidio, dall'altra continuo a notare che con i tuoi scritti (e revisioni) salti di palo in frasca, senza un filo logico. E, per questo, non invidio affatto i risultati che ottieni.
19596265
@Filodeon scrive: le mie LOCA necessiiitano di più stesure per definirsi Ognuno fa come vuole, io non ho tutto questo tempo. Da...
Risposta
08/07/2017 13.45.05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ruccutiello ruccutiello 08/07/2017 ore 14.00.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@nera1965 scrive:
@ruccutiello scrive:
E' una analisi molto superficiale, questa.


Aiutaci ad approfondirla.


PARLAVAMO DI BEN ALTRO!!!

" Non ci credo alla religione 'innata', siamo troppo condizionati perchè sia vero.


Non concordo.
Il culto religioso della morte, nel quale si pensa a un trapasso dalla vita alla morte verso un aldilà, esiste praticamente dalla notte dei tempi. La chiesa, le religioni, i dogmi, sono storia molto recente. Sono stati ritrovati resti di primitivi che venivano sepolti con cura e omaggiati di fiori. Nessuno aveva trasmesso loro questo sentimento di fede verso un qualcosa che però evidentemente già allora gli umani al loro interno possedevano."


Che dimostrazione è !?!?!
nera1965 08/07/2017 ore 14.10.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@ruccutiello scrive:
" Non ci credo alla religione 'innata', siamo troppo condizionati perchè sia vero.
@ruccutiello scrive:
PARLAVAMO DI BEN ALTRO!!!

Perché urli??
@nera1965 scrive:
Non concordo.
Il culto religioso della morte, nel quale si pensa a un trapasso dalla vita alla morte verso un aldilà, esiste praticamente dalla notte dei tempi. La chiesa, le religioni, i dogmi, sono storia molto recente. Sono stati ritrovati resti di primitivi che venivano sepolti con cura e omaggiati di fiori. Nessuno aveva trasmesso loro questo sentimento di fede verso un qualcosa che però evidentemente già allora gli umani al loro interno possedevano."

@ruccutiello scrive:
Che dimostrazione è !?!?!

E' la stessa spiegazione che ha dato Isacc Asimov nel suo libro: "Cronologia delle scoperte scientifiche".
Io concordo con lui.
Tu perché no?
Kaya67 Kaya67 08/07/2017 ore 18.11.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@Filodeon scrive:
loro non si servono di giurisperiti e notai ma soltanto di uovi e spermatozoi, tutto qui...

Professore, professore.... Ma proprio "sugli uovi" mi doveva cadere?!? Azzardo: non sarà che le derrate di cui avidamente e ostinatamente si ciba le siano diventate indigeste? Io, per averle addentate una sola volta ci ho rimesso tutti i denti... :alien
19596382
@Filodeon scrive: loro non si servono di giurisperiti e notai ma soltanto di uovi e spermatozoi, tutto qui... Professore,...
Risposta
08/07/2017 18.11.22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ruccutiello ruccutiello 08/07/2017 ore 18.25.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@nera1965 scrive:
Il culto religioso della morte, nel quale si pensa (1) a un trapasso dalla vita alla morte verso un aldilà, esiste praticamente dalla notte dei tempi (2). La chiesa, le religioni, i dogmi, sono storia molto recente. Sono stati ritrovati resti di primitivi che venivano sepolti con cura e omaggiati di fiori. Nessuno aveva trasmesso loro questo sentimento di fede (3) verso un qualcosa (4) che però evidentemente già allora gli umani al loro interno possedevano.


1) supposizione, e non assodata certezza: molti non ne sono convinti affatto, esistono popoli che hanno atteggiamenti molto differenti riguardo la morte

2) luogo comune? Chi può dirlo? Chi può confermarlo? Mancano del tutto le evidenze di questa fantomatica e imprecisata 'notte dei tempi'

3) si da per dimostrato l'esistere di questo 'sentimento di fede', e nello stesso tempo si è stabilito che (in quel momento remoto di cui si sa poco o nulla) nessuno abbia potuto sostenere quella 'fede'. Non mi sembra affatto plausibile nè accettabile

4) un qualcosa... troppo vago, troppo indeterminato, troppo aleatorio perchè possa convincere chicchessia.

Infine, Isaac Asimov avrebbe scritto un qualcosa del genere? Beh, lo preferisco di gran lunga nelle sue storie di fantascienza, e no, assolutamente dissento, chiunque l'avesse scritto.

Infine (2) le domande del post erano assolutamente altre, dicevo anche.
nera1965 08/07/2017 ore 19.47.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@ruccutiello scrive:
1) supposizione, e non assodata certezza

Scusami, la colpa è mia, sono stata erroneamente ipotetica. Avrei dovuto scrivere "è provato" perché è un dato di fatto che questo culto della morte avvenisse già in quei tempi.
@ruccutiello scrive:
molti non ne sono convinti affatto, esistono popoli che hanno atteggiamenti molto differenti riguardo la morte

Non comprendo il nesso.
Certo che ci sono persone, più che popoli, che hanno atteggiamenti differenti riguardo la morte: gli atei per esempio. Questo inficia il fatto che il sentimento religioso esista?

@ruccutiello scrive:
2) luogo comune? Chi può dirlo? Chi può confermarlo? Mancano del tutto le evidenze di questa fantomatica e imprecisata 'notte dei tempi'

Lo confermano e lo dicono gli archeologi, non manca proprio nulla.
Quello di cui parlo è provato.
I Neandertaliani vissuti nel periodo che va dal 200.000 A.C al 30.000 A.C, furono i primi ominidi a seppellire i propri morti. Il fatto che li seppellissero preservandoli dagli animali che si nutrono di carogne tende a dimostrare che davano un valore alla vita dei propri cari. Inoltre, spesso con il cadavere venivano seppelliti cibo e fiori e questo significa inequivocabilmente che ritenessero che per loro la vita continuasse dopo la morte.
@ruccutiello scrive:
3) si da per dimostrato l'esistere di questo 'sentimento di fede', e nello stesso tempo si è stabilito che (in quel momento remoto di cui si sa poco o nulla) nessuno abbia potuto sostenere quella 'fede'. Non mi sembra affatto plausibile nè accettabile

Stai dando per scontato, non ne comprendo il motivo, che il sentimento di fede debba essere a priori impartito da qualcuno. Non è affatto così. Questo da credente posso affermarlo io stessa con certezza. La fede è un sentimento proprio che proviene dal tuo intimo. Nessuno (in un mondo libero) può obbligare a provare questo sentimento, ma chi lo prova, chi lo percepisce, lo può indirizzare verso un qualcosa. Io provengo da una famiglia moderatamente cattolica, per esempio, mia sorella che è più grande di due anni, la fede ha sempre importato davvero poco.
Ci sono persone, che offrono tutta la loro esistenza verso Dio solo perché provano questo sentimento. Sono tutte persone false o astutamente indottrinate da qualcuno? Mi pare una deduzione troppo semplicistica e infantile se trattiamo un argomento così profondo come la fede, oltre che intimamente pregnante.
@ruccutiello scrive:
4) un qualcosa... troppo vago, troppo indeterminato, troppo aleatorio perchè possa convincere chicchessia.

Ognuno Dio lo concepisce come crede, è una libertà che proviene dal mistero. La convinzione che sta dentro di noi serve a noi (a chi crede), non serve a convincere gli altri.
@ruccutiello scrive:
Infine, Isaac Asimov avrebbe scritto un qualcosa del genere? Beh, lo preferisco di gran lunga nelle sue storie di fantascienza, e no, assolutamente dissento, chiunque l'avesse scritto.

Dissenti dai fatti. Perché "Cronologia delle scoperte scientifiche" parla di fatti in modo cronologico. Isaac Asimov li ha solo catalogati.
@ruccutiello scrive:
Infine (2) le domande del post erano assolutamente altre, dicevo anche.

Succede quasi sempre che quando un argomento si dilunga poi si sconfina in altre questioni, non ne farei un dramma, l'importante è discutere in modo civile.
Filodeon Filodeon 10/07/2017 ore 11.03.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@c.hicca44 scrive:
solo gli IMBECILLI non le cercano. perchè le hanno già.

Sarebbe un'affermazione ineccepibile se non fosse per quel gratuito "IMBECILLI".
Perchè non rimediare e correggere, sostituendo con "conservatori" "tradizionalisti" o che altro.
PS Googlando su "sinonimi e contrari" potresti trovare un termine più anodino e inoffensivo, "imbecille" mi suona tanto come una gratuita provocazione...
19597237
@c.hicca44 scrive: solo gli IMBECILLI non le cercano. perchè le hanno già. Sarebbe un'affermazione ineccepibile se non fosse per...
Risposta
10/07/2017 11.03.07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Filodeon Filodeon 10/07/2017 ore 11.11.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@nera1965 scrive:
Abbi fiducia.. gli UOMINI sono PRESUNTUOSI, una non risposta la trovano sempre.

E ridagliele, ma avete formato un circolo letterario o una congrega stregonesca di megere?
Filodeon Filodeon 10/07/2017 ore 11.22.46 Ultimi messaggi
Filodeon Filodeon 10/07/2017 ore 12.08.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Tre domande...

@c.hicca44 scrive:
solo gli imbecilli non le cercano RISPOSTE, perchè le hanno già
Da quando HO IMPARATO a conoscere qualche rudimento di quantistica applicato al di fuori del mondo a noi inaccessibile delle particelle nucleari transnucleari (particelle trascendentali) metanucleari (particelle metafisiche), nonchè particelle teologiche (il bosone di Higs, detto particella di Dio ) HO IMPARATO modestamente , più che accontentarmi delle nuove RISPOSTE, di cercar di formulare delle nuove DOMANDE, che trovo un metodo di procedura più adatto per rispondere il più veritativamente valorialmente e adequatamente possibile alle tre domande riguardanti l'eugenetica (origine) e l'eutanasia ( l'ossimorico ordine caotico nonchè l'assurda casuale progettulità ) inerenti il respiro, il battito cardiaco la danza ondeggiante, dondolante, altalenante, ciondolante, vacillante, barcollante, traballante, fluttuante esitante oscillante della universale divinità cosmico/caotica che mentre allatta porgendo premurosa le MAMMELLE(*) ai suoi giovani infantili pargoletti si nutre del corpo e del sangue, crudamente masticandoli nelle sue spietate MANDIBOLE(*), quelli che sono nel frattempo divenuti adulti(**)

(*)"mammella" e "mandibola" implicano lo stesso etimo radicale da cui "massa" "macigno" "mola" "macina" "mulino"...
(**)cfr KALÌ, ARTEMIDE EFESINA, MISTERO EUCARISTICO (identificabile come mistica masticazione cannibalesca con le archetipali mandibole della simbolica fantasia.)



Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.