Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Nepheses Nepheses 24/01/2008 ore 21.29.55
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

nickbarone scrive:
Da quanto ho desunto dalla bibbia quando moriamo andiamo in un luogo di riposo ad attendere la venuta di Cristo.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
è un'opinione condivisibile largamente che andiamo in un luogo di riposo, poi però a seconda il periodo storico, intendo spazio/temporale in cui siamo vissuti abbiamo accesso a quello che è conosciuto come ascensione.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
macumbero scrive:
Il quale, come tutte le rockstar, arriva con tre ore di ritardo...!
............................................
e quale è il problema se hai davanti un'eternità? accordare la chitarra?
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
sytry82 scrive:
se nn ricordo male, sempre dalla bibbia si può dedurre anche che l'anima permane nel corpo fino al giorno della resurrezione dei corpi nell'apocalisse.
................................................................

l'apocalisse non è necessariamente lo sviluppo temporale del pianeta terra, però l'idea non è errata dato che alla Pentecoste di Gesù, tutti i morti fino ad allora ebbero la possibilità di risvegliarsi dal sonno.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Giles2004 scrive:
Questo brano è tratto dal libro "Vers l'Unite', Sorlot - Lanore, Paris" scritto dalla sig.ra Jeanne Morrannier, e contiene le ultime comunicazioni ricevute per "scrittura automatica" dal figlio Georges, deceduto nel 1973. M. me Morrannier ha raccolto le comunicazioni medianiche di Georges in sette libri.

La transizione tra il mondo terrestre e il mondo spirituale non avviene sempre dolcemente. Per tutti quelli che sanno che la vita continua dopo la morte, la prova sarà di corta durata. Per quelli che sono pronti, avendo perfettamente compreso che la morte conduce alla vera vita, non vi sarà prova. Arrivando, accetteranno molto naturalmente di andare verso ciò che li attende. L' espressione "lasciare la terra" non è propriamente esatta. Voi non abbandonerete l' Universo che conoscete, per raggiungerne un altro molto lontano o situato chissà dove. Farete ancora parte del vostro, di quello dei parenti e degli amici dai quali avreste dovuto separarvi.
Il termine "separare" è anch'esso errato, poiché voi li vedrete, poiché voi potrete continuare a vivere con essi. Ma per essi, voi sarete invisibili, voi li avrete "lasciati"; lasciati nella sofferenza di non vedervi più (nel senso che loro crederanno di avervi perduto per sempre ndr). Se la morte vi avrà toccato in una via, per la strada o in un ospedale, la vostra prima idea sarà di ritornare al vostro domicilio. E sarà sufficiente pensarlo per esservi. Sul momento non comprenderete come l' avrete raggiunto. E' un po' più tardi che constaterete la potenza dello spirito. Se al posto di pensare al vostro domicilio, penserete ad una persona amata o amica, la raggiungerete subito. Parlo di tutti quelli che sono preparati alla sopravvivenza.
.........................................................
di fornte all'aldilà siamo pressocchè tutti uguale, con un unica eccezione che sta alla base delle scelta operata in vita:
chi ha avuto motivo di dedicarsi a Dio e vuole raggiungere la sua "dimora" spirituale affronta un lungo cammino, prima in questo universo e poi altrove, riguardo a chi invece non desidera o peggio odia Dio e i fratelli non sarebbe giustizia che prosegua da immortale un cammino spirituale al quale ha rinunciato sin dalle sue prime "battute" su questo pianeta, e po siamo sicuri che questa persona desideri proseguire?
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
etienne8 scrive:
cerco di spiegarmi meglio ,l evoluzione spirituale degli esseri spirituali non corrisponde con il miglioramento del pianeta terra voglio dire si c è stato progresso industriale. tecnologico ma la crescita individuale non va di pari passo come mai queste lacune .é probabile che le scienze umanistiche la psicologia le religioni siano sulla strada sbagliata ? inoltre se ci sono spiriti evoluti che fanno da guida come hanno permesso che lo spirito hitleriano prendesse corpo per andare a fare cio che ha fatto? designazione arbitrale un po discutibile direi ! voglio dire sono d accordo con te la crescita spirituale avvienne anche sulla terra ma quando ce ne andiamo e la dove andiamo cancelliamo i ricordi e questo è un chiaro impedimento per ottimizzare lo spirito continuiamo a perdere la consapevolezza di noi percio ritengo che nella zona spirituale vi siano dei blocchi dovuti a esseri che non sono terrestri .Deduco che la partita a scacchi non si giochi qui sulla terra Siamo qui perche continuiamo a perdere .A parte qualcuno che ogni tanto nasce abbastaza "se stesso " da proiettare il genere umano verso l evoluzione ,subito poi compensato da qualcuno che usa le scoperte in modo distruttivo!
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

con il punto di vista dei presenti e anche secondo la filosofia spiritista un problema del genere hittler credo che sia da imputare al fattore delle sfere di appartenenza o mondi spirituali, mi spiego forse questo tizio gravitava nel settore "infernale" ovvero in ambiente dove la lonatanazna dalla verità è più evidente che qui da noi e allora come per sbaglio o come possibile "concessione" sia andato fuori dalle maglie del suo mondo e invece sia potuto incarnare nel nostro.
dal mio attuale punto di vista non ci stanno spiriti nel senso della parola, lo stato di Spirito presuppone un lungo cammino anzi quasi al conclusione e sarebbe inadeguato, invece esiste (come da noi esistono scuole materne, elementari, medie etc.) un percorso "scolastico" chi mira a formare la personalità sopravvisuta e che è riuscita a "fondersi" con il frammento spirituale divino.

turbolenzo turbolenzo 24/01/2008 ore 22.03.01 Ultimi messaggi
Nepheses Nepheses 24/01/2008 ore 22.13.14
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

spero che non dipenda da me :-)))
etienne8 etienne8 25/01/2008 ore 07.25.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

Nepheses ha scritto:
nickbarone scrive:
Da quanto ho desunto dalla bibbia quando moriamo andiamo in un luogo di riposo ad attendere la venuta di Cristo.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
è un'opinione condivisibile largamente che andiamo in un luogo di riposo, poi però a seconda il periodo storico, intendo spazio/temporale in cui siamo vissuti abbiamo accesso a quello che è conosciuto come ascensione.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
macumbero scrive:
Il quale, come tutte le rockstar, arriva con tre ore di ritardo...!
............................................
e quale è il problema se hai davanti un'eternità? accordare la chitarra?
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
sytry82 scrive:
se nn ricordo male, sempre dalla bibbia si può dedurre anche che l'anima permane nel corpo fino al giorno della resurrezione dei corpi nell'apocalisse.
................................................................

l'apocalisse non è necessariamente lo sviluppo temporale del pianeta terra, però l'idea non è errata dato che alla Pentecoste di Gesù, tutti i morti fino ad allora ebbero la possibilità di risvegliarsi dal sonno.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Giles2004 scrive:
Questo brano è tratto dal libro "Vers l'Unite', Sorlot - Lanore, Paris" scritto dalla sig.ra Jeanne Morrannier, e contiene le ultime comunicazioni ricevute per "scrittura automatica" dal figlio Georges, deceduto nel 1973. M. me Morrannier ha raccolto le comunicazioni medianiche di Georges in sette libri.

La transizione tra il mondo terrestre e il mondo spirituale non avviene sempre dolcemente. Per tutti quelli che sanno che la vita continua dopo la morte, la prova sarà di corta durata. Per quelli che sono pronti, avendo perfettamente compreso che la morte conduce alla vera vita, non vi sarà prova. Arrivando, accetteranno molto naturalmente di andare verso ciò che li attende. L' espressione "lasciare la terra" non è propriamente esatta. Voi non abbandonerete l' Universo che conoscete, per raggiungerne un altro molto lontano o situato chissà dove. Farete ancora parte del vostro, di quello dei parenti e degli amici dai quali avreste dovuto separarvi.
Il termine "separare" è anch'esso errato, poiché voi li vedrete, poiché voi potrete continuare a vivere con essi. Ma per essi, voi sarete invisibili, voi li avrete "lasciati"; lasciati nella sofferenza di non vedervi più (nel senso che loro crederanno di avervi perduto per sempre ndr). Se la morte vi avrà toccato in una via, per la strada o in un ospedale, la vostra prima idea sarà di ritornare al vostro domicilio. E sarà sufficiente pensarlo per esservi. Sul momento non comprenderete come l' avrete raggiunto. E' un po' più tardi che constaterete la potenza dello spirito. Se al posto di pensare al vostro domicilio, penserete ad una persona amata o amica, la raggiungerete subito. Parlo di tutti quelli che sono preparati alla sopravvivenza.
.........................................................
di fornte all'aldilà siamo pressocchè tutti uguale, con un unica eccezione che sta alla base delle scelta operata in vita:
chi ha avuto motivo di dedicarsi a Dio e vuole raggiungere la sua "dimora" spirituale affronta un lungo cammino, prima in questo universo e poi altrove, riguardo a chi invece non desidera o peggio odia Dio e i fratelli non sarebbe giustizia che prosegua da immortale un cammino spirituale al quale ha rinunciato sin dalle sue prime "battute" su questo pianeta, e po siamo sicuri che questa persona desideri proseguire?
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
etienne8 scrive:
cerco di spiegarmi meglio ,l evoluzione spirituale degli esseri spirituali non corrisponde con il miglioramento del pianeta terra voglio dire si c è stato progresso industriale. tecnologico ma la crescita individuale non va di pari passo come mai queste lacune .é probabile che le scienze umanistiche la psicologia le religioni siano sulla strada sbagliata ? inoltre se ci sono spiriti evoluti che fanno da guida come hanno permesso che lo spirito hitleriano prendesse corpo per andare a fare cio che ha fatto? designazione arbitrale un po discutibile direi ! voglio dire sono d accordo con te la crescita spirituale avvienne anche sulla terra ma quando ce ne andiamo e la dove andiamo cancelliamo i ricordi e questo è un chiaro impedimento per ottimizzare lo spirito continuiamo a perdere la consapevolezza di noi percio ritengo che nella zona spirituale vi siano dei blocchi dovuti a esseri che non sono terrestri .Deduco che la partita a scacchi non si giochi qui sulla terra Siamo qui perche continuiamo a perdere .A parte qualcuno che ogni tanto nasce abbastaza "se stesso " da proiettare il genere umano verso l evoluzione ,subito poi compensato da qualcuno che usa le scoperte in modo distruttivo!
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

con il punto di vista dei presenti e anche secondo la filosofia spiritista un problema del genere hittler credo che sia da imputare al fattore delle sfere di appartenenza o mondi spirituali, mi spiego forse questo tizio gravitava nel settore "infernale" ovvero in ambiente dove la lonatanazna dalla verità è più evidente che qui da noi e allora come per sbaglio o come possibile "concessione" sia andato fuori dalle maglie del suo mondo e invece sia potuto incarnare nel nostro.
dal mio attuale punto di vista non ci stanno spiriti nel senso della parola, lo stato di Spirito presuppone un lungo cammino anzi quasi al conclusione e sarebbe inadeguato, invece esiste (come da noi esistono scuole materne, elementari, medie etc.) un percorso "scolastico" chi mira a formare la personalità sopravvisuta e che è riuscita a "fondersi" con il frammento spirituale divino.



x nepheses
intressante ma da che cosa prendi spunto? chi sarebbero gli insegnanti di questo percorso scolastico ? io però non penso che ci siano spiriti buoni e cattivi in maniera netta ne senso che noi tutti ciclicamente nell arco del tempo siamo buoni e cattivi inolre dall altra patre potremmo ancha a che fare con esseri non necessariamente terrestri che magari creano un rallentamento al nostr cammino
Nepheses Nepheses 25/01/2008 ore 12.06.15
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

etienne8 ha scritto: intressante ma da che cosa prendi spunto? chi sarebbero gli insegnanti di questo percorso scolastico ? io però non penso che ci siano spiriti buoni e cattivi in maniera netta ne senso che noi tutti ciclicamente nell arco del tempo siamo buoni e cattivi inolre dall altra patre potremmo ancha a che fare con esseri non necessariamente terrestri che magari creano un rallentamento al nostr cammino
__________
essenzialmente prendo spunto da me stesso e ritengo che sia la fonte più attendibile, ma in genere passo in rivista le ipotesi che ritengo risuonino con la mia personalità e idea che mi sono fatto durante questo tempo di sopravvivenza. Ultimamente sono molto in risonanza con una rivelazione che sembra sia la seconda in ordine temporale dopo l'incarnazione del Cristo è l'ho trovata (secondo ripeto le mie aspettative e idee preesistenti) giusta. Gli insegnanti del nostro percorso scolastico sono ovviamente Esseri o creati appositamente per questo, oppure altri Esseri che una volta evoluti stanno per periodi di tempo insieme ai mortali in ascensione (che saremmo noi alla fine di una vita) Sugli spiriti buoni o cattivi il discorso è che tutti gli Essere, mortali, immortali, spiriti intermedi o superiori hanno avuto diversità di trattamento iniziale (ovvero nel sistema di creazione) ma in comune gli resta il libero arbitrio, spendibile nel bene o nel male. Il bene porterebbe alla contemplazione di Dio e alla sua omologazione in tempi ovviamente lunghi con il nostro concetto di tempo/spazio e cmq passando di livello in livello un pò come accade da noi. Il male invece raccoglie desolazione e annientamento nel senso che se si decide di vivere una esistenza all'impronta del male e volta alla negazione di Dio, un minimo di giustizia indicherebbe che poi quell'individuo, non avendo dimostrato qualità da supporto ad un suo ulteriore sviluppo e neppure la volontà di incontrare il Creatore (di cui lui nega l'esistenza) non ambisca a tutto questo e di conseguenza sarebbe ingiusto forzare la sua volontà e farlo proseguire in un percorso che non ha accettato quando aveva il tempo di farlo.
etienne8 etienne8 25/01/2008 ore 19.59.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

Nepheses ha scritto:
etienne8 ha scritto: intressante ma da che cosa prendi spunto? chi sarebbero gli insegnanti di questo percorso scolastico ? io però non penso che ci siano spiriti buoni e cattivi in maniera netta ne senso che noi tutti ciclicamente nell arco del tempo siamo buoni e cattivi inolre dall altra patre potremmo ancha a che fare con esseri non necessariamente terrestri che magari creano un rallentamento al nostr cammino
__________
essenzialmente prendo spunto da me stesso e ritengo che sia la fonte più attendibile, ma in genere passo in rivista le ipotesi che ritengo risuonino con la mia personalità e idea che mi sono fatto durante questo tempo di sopravvivenza. Ultimamente sono molto in risonanza con una rivelazione che sembra sia la seconda in ordine temporale dopo l'incarnazione del Cristo è l'ho trovata (secondo ripeto le mie aspettative e idee preesistenti) giusta. Gli insegnanti del nostro percorso scolastico sono ovviamente Esseri o creati appositamente per questo, oppure altri Esseri che una volta evoluti stanno per periodi di tempo insieme ai mortali in ascensione (che saremmo noi alla fine di una vita) Sugli spiriti buoni o cattivi il discorso è che tutti gli Essere, mortali, immortali, spiriti intermedi o superiori hanno avuto diversità di trattamento iniziale (ovvero nel sistema di creazione) ma in comune gli resta il libero arbitrio, spendibile nel bene o nel male. Il bene porterebbe alla contemplazione di Dio e alla sua omologazione in tempi ovviamente lunghi con il nostro concetto di tempo/spazio e cmq passando di livello in livello un pò come accade da noi. Il male invece raccoglie desolazione e annientamento nel senso che se si decide di vivere una esistenza all'impronta del male e volta alla negazione di Dio, un minimo di giustizia indicherebbe che poi quell'individuo, non avendo dimostrato qualità da supporto ad un suo ulteriore sviluppo e neppure la volontà di incontrare il Creatore (di cui lui nega l'esistenza) non ambisca a tutto questo e di conseguenza sarebbe ingiusto forzare la sua volontà e farlo proseguire in un percorso che non ha accettato quando aveva il tempo di farlo.



e per quanto riguarda i fanatici religiosi di ogni tempo e religione. per non parlare di molti delinquenti e mafiosi che su una mano tengono la pistola e nell altra la bibbia , bene che si puo dire di loro ,quali sentimenti religiosi possono avere per uccidere altre persone ? bye
Nepheses Nepheses 25/01/2008 ore 20.35.13
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

etienne8 ha scritto:e per quanto riguarda i fanatici religiosi di ogni tempo e religione. per non parlare di molti delinquenti e mafiosi che su una mano tengono la pistola e nell altra la bibbia , bene che si puo dire di loro ,quali sentimenti religiosi possono avere per uccidere altre persone ? bye
___________

era contenuta nel post precedente, ovvero non conta l'origine o la collocazione temporale conta la volontà di adorare Dio e di inseguire la perfezione che essa comporta certamente nei limiti imposti dalla natura fisica mentale e da tutto l'entroterra personale. e questa è prerogativa che vale dal primo essere senziente apparso sulla terra fino all'ultimo (anche in senso negativo).Cioè non ci può essere soltanto la possibilità per chi naturalmente è rivolto al bene, ma Dio da a tutti una possibilità fino alla fine dei giorni, dopo di che il giudizio è praticamente un autogiudizio.Non mi interessa Dio=allora the endMi interessa Dio=beneCapisco che affrontare il lato della ipocrisia e altre tristi compagni è una arma a doppio taglio e di cui io non voglio impugnare la lama. Però si dice che Dio sappia leggere nel cuore di ogni uomo e se tu X nel tuo cuore aspiri a Dio ma nella tua vita ha fatto "un casino" be........che ne pensate?
etienne8 etienne8 25/01/2008 ore 22.47.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

Nepheses ha scritto:
etienne8 ha scritto:e per quanto riguarda i fanatici religiosi di ogni tempo e religione. per non parlare di molti delinquenti e mafiosi che su una mano tengono la pistola e nell altra la bibbia , bene che si puo dire di loro ,quali sentimenti religiosi possono avere per uccidere altre persone ? bye
___________

era contenuta nel post precedente, ovvero non conta l'origine o la collocazione temporale conta la volontà di adorare Dio e di inseguire la perfezione che essa comporta certamente nei limiti imposti dalla natura fisica mentale e da tutto l'entroterra personale. e questa è prerogativa che vale dal primo essere senziente apparso sulla terra fino all'ultimo (anche in senso negativo).Cioè non ci può essere soltanto la possibilità per chi naturalmente è rivolto al bene, ma Dio da a tutti una possibilità fino alla fine dei giorni, dopo di che il giudizio è praticamente un autogiudizio.Non mi interessa Dio=allora the endMi interessa Dio=beneCapisco che affrontare il lato della ipocrisia e altre tristi compagni è una arma a doppio taglio e di cui io non voglio impugnare la lama. Però si dice che Dio sappia leggere nel cuore di ogni uomo e se tu X nel tuo cuore aspiri a Dio ma nella tua vita ha fatto "un casino" be........che ne pensate?


ma tu sei sicuro/a al ciento pe ciento di quello che dici ? e perchè ?
Nepheses Nepheses 25/01/2008 ore 23.27.58
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

etienne8 ha scritto: ma tu sei sicuro/a al ciento pe ciento di quello che dici ? e perchè ?
________________
si. perchè sono ipotesi alle quali ero arrivato già prima di avere una ulteriore conferma. ma cmq non è che mi fermi qui, se è questo quello che vuoi sapere, si tratta soltanto di una conferma, quando prendi un treno e parti, alla fermata ti accerti dal cartello o dal linguaggio che sei arrivato a Firenze, poi prosegui per la destinazione.
goretz88 goretz88 26/01/2008 ore 20.15.38
segnala

(Nessuno)RE: Che Cosa Succede Quando Moriamo ?

quando muori cessi di esistere e diventi cibo per parassiti

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.