Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

19m80 19m80 01/02/2008 ore 08.56.56
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

sytry82 ha scritto:
no, non è mai esistita una evoluzione dai vegetali agli animali, assolutamente, dimmi dove posso trovare citazioni simili.
quoto.
Nepheses Nepheses 01/02/2008 ore 09.22.39
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

Da un?era all?altra sorgono specie di vita animale radicalmente nuove. Esse non si evolvono a seguito del graduale accumulo di piccole variazioni; appaiono come ordini di vita nuovi e completi, ed appaiono all?improvviso.
L?improvvisa apparizione di specie nuove e di ordini diversificati di organismi viventi è completamente biologica, strettamente naturale. Non c?è niente di soprannaturale connesso con queste mutazioni genetiche.

Quando gli oceani raggiunsero un adeguato grado di salinità la vita animale si evolvé, e fu relativamente semplice fare in modo che le acque salate circolassero nei corpi animali della vita marina. Ma quando gli oceani si contrassero e la percentuale di sale aumentò considerevolmente, questi stessi animali svilupparono la capacità di ridurre la salinità del loro fluido corporeo, come gli organismi che avevano imparato a vivere nell?acqua dolce acquisirono la capacità di conservare il grado adeguato di cloruro di sodio nel loro fluido corporeo, per mezzo d?ingegnose tecniche di conservazione del sale.

Lo studio dei fossili della vita marina racchiusi nelle rocce rivela le antiche lotte di adattamento di questi organismi primitivi. Le piante e gli animali non cessano mai di fare tali esperienze di adattamento. L?ambiente è sempre in cambiamento e gli organismi viventi sono sempre impegnati ad adattare se stessi a queste fluttuazioni incessanti.

L?equipaggiamento fisiologico e la struttura anatomica di tutti i nuovi ordini di vita sono in risposta all?azione della legge fisica, ma la dotazione successiva della mente è un conferimento esterno, in conformità alla capacità innata del cervello. La mente, sebbene non sia un?evoluzione fisica, dipende interamente dalla capacità del cervello acquisita mediante sviluppi puramente fisici ed evoluzionari.

Attraverso cicli quasi interminabili di guadagni e di perdite, di adattamenti e di riadattamenti, tutti gli organismi viventi progrediscono o regrediscono di era in era. Quelli che raggiungono l?unità cosmica perdurano, mentre quelli che non raggiungono questo risultato cessano di esistere.
19m80 19m80 01/02/2008 ore 09.30.34
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

questo non spiega niente del legame vegetale animale. sono parole. non è scienza, non è evoluzione, non è biologia, non è chimica, non è genetica. per una spiegazione del genere avrei preso 7in filosofia e 2 in biologia ai miei tempi.
Nepheses Nepheses 01/02/2008 ore 09.36.55
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

Il vasto insieme di sistemi rocciosi che costituì la crosta esterna del mondo durante l?era degli albori della vita, o era Proterozoica, non appare più in molti punti della superficie terrestre, e quando esso emerge dai vasti sedimenti delle ere successive, vi si trovano soltanto i resti fossili della vita vegetale e della vita animale molto primitiva. Alcune di queste rocce antiche depositate dall?acqua sono mescolate a strati più recenti e presentano talvolta resti fossili di alcune delle forme più primitive di vita vegetale, mentre negli strati superiori si possono trovare occasionalmente alcune delle forme più antiche dei primi organismi animali marini. In molti luoghi gli strati rocciosi stratificati più antichi, contenenti i fossili della vita marina primitiva tanto vegetale che animale, si possono trovare direttamente al di sopra della pietra indifferenziata più antica. I fossili di quest?era comprendono alghe, piante simili al corallo, protozoi primitivi ed organismi di transizione simili alle spugne. Ma l?assenza di tali fossili negli strati rocciosi primitivi non prova necessariamente che organismi viventi non esistessero in un?altra parte al momento in cui essi sono stati depositati. La vita fu scarsa durante tutti questi tempi primitivi e solo lentamente si fece strada sulla superficie della terra.
19m80 19m80 01/02/2008 ore 09.53.11
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione


vabbeh....


Nepheses Nepheses 01/02/2008 ore 10.35.19
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

La transizione dalla vita vegetale alla vita animale si è prodotta così lentamente che ha impiegato miliardi di anni prima di arrivare. Le cellule delle piante contenevano un principio vivente che dava loro un potere, e ciò fin dagli unicellulari, per svilupparsi secondo il piano di evoluzione che possedevano già, iscritto nei primi atomi che componevano la loro unica cellula. Questo piano generale ne conteneva un gran numero di altre che potevano strutturare delle specie destinate a crescere fino alla taglia dei giganti della foresta, passando tramite un'infinità di grandezze, dalle piante microscopiche alle querce altere, dai licheni del Nord agli alberi a fiori ed a frutti dei paesi tropicali. Questi unicellulari non avevano degli schemi di vita vegetale, ma dei piani di vita animale la cui realizzazione fu laboriosa, piena di pericoli che minacciano la fragile vita che sonnecchiava in seno al quanta vivente, portatore del germe della gigantesca avventura del regno animale. Il piano era composto di un numero incalcolabile di pellicole che si liberavano una ad una, segnando una tappa dell'evoluzione della pianta minuscola. Lo schema di una pellicola realizzandosi, ne scopriva un altra un poco più complessa, per finire infine a quella che dava il movimento, creando così la prima briciola della vita animale. Questa briciola somigliava ben più ad una spora vegetale che ad un animale. Questo protozoo era tuttavia l'anello al quale doveva aggrapparsi la lunga catena degli esseri viventi. Le cellule si formarono. Il primo neurone apparve. Un essere autonomo cominciava la sua lunga salita verso le forme superiori della vita. Queste pellicole erano esse stesse tanto differenziate. Non avevano tutte lo stesso piano di sviluppo e le più grandi specie animali lo erano già in potenziale, svolgendo senza dubbio difficilmente il loro film "Coué", ma sicuramente, come la natura sa bene fare. La vita primitiva animale nasce dunque dalla vita primitiva vegetale. Gli attuali "portatori di vita" toccando il pianeta avevano depositato sotto forma di energia, il meraviglioso piano di vita prolifica, vigorosa e varia che ricopre la Terra. La struttura di una cellula è infinitamente complessa. È la conclusione di miliardi di anni di avanzamento oscuro attraverso la materia. Si è elaborata con precisione, senza omettere un tratto del piano microscopico che solo un "Dio" poteva concepire e poteva depositare nell'energia vitale che attraversa il Cosmo portando la vita nei mondi nuovi. La vita è così il risultante di un'evoluzione del pianeta che conteneva in potenziale, il meraviglioso segreto degli esseri viventi.
19m80 19m80 01/02/2008 ore 10.43.25
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione


no, per niente. queste scusami, ma sono chiacchiere non dimostrate,. mi avessi citato la cellula procariote, allora un discorso vagamente di questo tipo chissà(che contenesse le basi della vita in generale e così via..) forse l'avrei anche capito - specie se mi avessi fatto il passaggio da procariote a eucariote col contenimento del nucleo e via discorrendo - allora si poteva filosofeggiare un pò..perchè metterli comunque insieme fa inorridire qualunque biologo..

ma cellula vegetale e animale si sono distinte perchè completamente differenti in alcuni tratti fondamentali: in primis: la parete cellulare, i plastidi e i vacuoli che sono elementi fondamentali delle cellule vegetali.
Trunks007 Trunks007 01/02/2008 ore 15.09.04
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

la classica teoria dell'evoluzione sicuramente può essere la risposta più razionale visto il modo in cui siamo stati abituati a pensare..

tuttavia la risposta potrebbe anche essere benissimo un'altra.. ben più raccapricciante
19m80 19m80 01/02/2008 ore 18.16.09
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

Trunks007 ha scritto:
la classica teoria dell'evoluzione sicuramente può essere la risposta più razionale visto il modo in cui siamo stati abituati a pensare..

tuttavia la risposta potrebbe anche essere benissimo un'altra.. ben più raccapricciante
questo potrebbe benissimo essere - ma o con altre regole, o con regole che ad oggi non conosciamo ancora. ma non con regoloe note che vengano stravolte. ad oggi sappiamo poche cose, ma quelle poche, le sappiamo: poi, chi abbia stabilito queste(poche)cose e tutte le altre che ad oggi non sappiamo, sarà il tempo o chissà chi a dircele. su questo non c'è dubbio direi..e son d'accordo anche io.
sytry82 sytry82 01/02/2008 ore 21.40.50
segnala

(Nessuno)RE: Evoluzione

e come siamo stati abituati a pensare secondo te?

Trunks007 ha scritto:
la classica teoria dell'evoluzione sicuramente può essere la risposta più razionale visto il modo in cui siamo stati abituati a pensare..

tuttavia la risposta potrebbe anche essere benissimo un'altra.. ben più raccapricciante

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.