Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Kisikillillake77 07/02/2008 ore 20.27.11 Ultimi messaggi
segnala

DomandaLE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?


Di tutte le località scozzesi ricche di splendide bellezze naturali,non si può certo dire che la cittadina di Findhorn,brilli per amenità.Grigia,spazzata dal vento del Mare del Nord,circa 60 km a est del leggendario Loch Ness,non nascondeva - fino a poco tempo fa - un parcheggio per roulotte coperto di rifiuti.Fu là che,verso la fine del 1962,approdò Peter Caddy con la moglie Eileen,3 bambini e Dorothy Maclean,un'amica di famiglia.Il gruppetto familiare si distingueva dalla maggior parte dei nomadi che vivevaano nei carrozzoni vicini.Caddy,un gestore d'albergo che aveva perso il lavoro,era un membro di una società di ispirazione Rosacrociana.Sua moglie sosteneva di essere chiaroveggente e amava farsi chiamare con il suo nome spirituale,Elixir;la Maclean,invece,si autodefiniva sensitiva.Tutti e tre credevano fermamente di essere stati chiamati a vivere in quel deprimente parcheggio per roulotte,per uno scopo ancora sconosciuto.La primavera successiva,Caddy,ancora disoccupato,decise di coltivare un orto.L'impresa si preannunciava ardua a causa del rigido clima nordico e del terreno sabbioso,apparentemente sterile che circondava la zona.Ma Caddy non rinunciò,incoraggiato dalle assicurazioni mistiche della Maclean e della moglie.Lavorando il terreno in modo ingegnoso,usando pacciame e fertilizzanti naturali,riuscì a produrre quell'anno un raccolto di ortaggi da meravigliare gli a bitanti del luogo.I raccolti degli anni successivi sbalordirono tutta la Gran Bretagna e divennero famosi in tutto il mondo.Agronomi e orticultori non riuscivano a spiegarsi come Caddy riuscisse a ottenere una produzione così abbondante,in cui non mancavano esemplari di cavoli di 20 chili,in una zona così esposta al vento.Per Caddy invece la spiegazione era semplice:era in comunione con i DEVAS,gli spiriti primordiali delle piante del suo orto."In fin dei conti"...Diceva..."Dal momento che l'amore compensa tutte le leggi,è stato il mio amore per l'orto a mettermi in armonia con esso".Per ringraziarlo di tanto amore,secondo Caddy,i Devas avevano fornito al gruppo un flusso incessante di verità metafisiche,di consigli di giardinaggio e di raccolti eccezzionali.

L'idea che l'uomo possa comunicare con le piante è molto antica,la si ritrova in tutte le epoche,dai riti preistorici di fertilità ai giorni nostri.Lo scienziato indiano Sir Jagadis Bose diceva che le piante hanno degli apparati sensoriali in un certo senso analoghi al sistema nervoso degli animali.Luther Burbank,uno dei più famosi orticultori americani,affermava di poter far crescere una pianta secondo uno schema preciso con la sola forza dell'amore.Per il reverendo Franklin Loehr della California,la preghiera era il metodo migliore per influenzare le piante,e,negli anni 50,sosteneva di aver fatto aumentare del 20% la crescita delle sue piante pregando davanti ad esse.Gli scienziati sorrisero,ma si scoprì in seguito che l'alto tasso di ossido di carbonio contenuto nel fiato del pastore ne aveva forse accellerato la crescita.

Si sa veramente poco sulla "Sensitivita' Vegetale",ma è un argomento veramente interessante,io dal canto mio,continuo a fare ogni tanto quattro chiacchere con le mie piante grasse....E devo dire che crescono a vista d'occhio!!:hihi
7682296
Di tutte le località scozzesi ricche di splendide bellezze naturali,non si può certo dire che la cittadina di Findhorn,brilli per...
Discussione
07/02/2008 20.27.11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
mayoor mayoor 07/02/2008 ore 20.37.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Che bello, killibilli, che qualcuno si accorga che non siamo i soli abitanti del pianeta. Non solo ma che possiamo tentare un dialogo e sicuramente, nel nostro piccolo, siamo in tanti a parlarci.
Kisikillillake77 Kisikillillake77 07/02/2008 ore 20.48.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Già,le piante hanno un continuo scambio di energie con noi...E non dimentichiamoci che senza di esse noi moriremmo...Ma al di la di questo,mi affascina l'idea che forse mentre gli parlo..Di come il vaso si sia ristretto...O di quanto sia cresciuta....Lei in un qualche modo percepisca la mia energia...:-)))
19m80 19m80 07/02/2008 ore 21.05.33
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?


è un pò come la storia della musica o del parlare alle piante(pare che così gli si dia anidride carbonica..) e che si possa influire sugli stati vibrazionali di alcuni organuli. in fondo pensiamo sempre che il tono delle nostre parole sia concausa delle parole stesse sul valore che gli altri poi ne daranno, ma non è detto che prima dei significati: es: ti voglio bene - non arrivi alle orecchie il tono, e prima che al cervello in sè, siano tutte le cellule del nostro corpo a vibrare di gioia di fronte a certe parole.


aulegu aulegu 07/02/2008 ore 21.21.28
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

anche rudolf steiner ha dato un contributo importante in questo campo
mayoor mayoor 07/02/2008 ore 21.28.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Giusto 19, per me è la nostra comune sensibilità terrestre, comune con gli animali, le piante e le pietre. Ci deve essere un punto di incontro nel fatto di essere originati dello stesso pianeta. Che qualcosa sia comune a tutto ciò che c'è per me è certo, ma in modo specifico tra le creature terrestri, delle quali facciamo parte. Quella che giudichiamo, spesso condannandola, la nostra animalità, invece contiene dei segreti di grande sensibilità e un giorno, quando avremo superato questa fase di maturazione del solo centro intellettivo, allora accadrà consapevolmente che i messaggi cui fai cenno tu, 19m80, saranno più importanti delle parole stesse.
19m80 19m80 07/02/2008 ore 21.37.36
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

mayoor ha scritto:
Giusto 19, per me è la nostra comune sensibilità terrestre, comune con gli animali, le piante e le pietre. Ci deve essere un punto di incontro nel fatto di essere originati dello stesso pianeta. Che qualcosa sia comune a tutto ciò che c'è per me è certo, ma in modo specifico tra le creature terrestri, delle quali facciamo parte. Quella che giudichiamo, spesso condannandola, la nostra animalità, invece contiene dei segreti di grande sensibilità e un giorno, quando avremo superato questa fase di maturazione del solo centro intellettivo, allora accadrà consapevolmente che i messaggi cui fai cenno tu, 19m80, saranno più importanti delle parole stesse.
si, penso anche io...ricorderai(o forse no, beh...) un topic che feci qualche tempo fa che si intitolava circa: e tutto il resto...? nel quale mi chiedevo, cosa servisse tutto il resto, se poi non viene considerato...in generale è un pò la domanda che ho proprosto più volte ultimamente riguardo bibbia e derivati/derivanti: a cosa servisse a dio plutone, alfa centauri, la stella laggiù, quella lì, quel pianeta microspico laggiù e quel meteorite che ci ha "sfiorati" poco tempo fa... sai cosa mi fa davvero impressione? la volontà con la quale crescono certe piantine che crescono sui costoni di cemento e calcestruzzo, vernice e asfalto dei palazzi...davvero mi domando se non dovrei spostare la pietra che mi sembra soffocarla - ma poi penso che magari in un modo tutto loro siano amiche e parlino fra loro...e allora prima di impazzire corro a prendere l'autobus..
mayoor mayoor 07/02/2008 ore 21.41.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

o bè, se la cavano benissimo da sole. Tu dagli anche solo 10 anni di indipendenza e vedresti come Milano verrebbe inghiottita dalla vegetazione.
19m80 19m80 07/02/2008 ore 21.42.09
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

mayoor ha scritto:
o bè, se la cavano benissimo da sole. Tu dagli anche solo 10 anni di indipendenza e vedresti come Milano verrebbe inghiottita dalla vegetazione.
ah sarebbe stupendo - anche perchè in dieci minuti sarei in centro a godermela..
mayoor mayoor 07/02/2008 ore 21.46.04 Ultimi messaggi
19m80 19m80 07/02/2008 ore 21.48.35
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

mayoor ha scritto:
è successo anche ai templi sepolti nella giungla
ogni fine ciclo la terra si riprende tutto ciò che può. come il cancellino su una lavagna - che lascia solo le tracce più calcate e con più gesso..credo lo faccia un pò per ricordarci che volendo campa anche senza di noi, e un pò che quello che avevamo fatto forse non era così fatto bene bene..
mayoor mayoor 07/02/2008 ore 21.52.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Però so che, ne avevo letto ( ti ricordi le profezie di come si chiamava? Un romanzo di successo di qualche anno fa tutto interno alle tamatiche della new age) che con un approccio diverso verso la natura si possono attenere cose magnifiche per l'ambiente e la salute. Anche le cose che racconta Killikisi (scusa kisikillilake, è che col tuo nome mi viene voglia di giocarci, con tutte quelle i. Molto bello), per me sono credibili e anche i nostri contadini di una volta la sapevano già lunga. Oggi poi potremmo fare ancora meglio.
19m80 19m80 07/02/2008 ore 21.57.04
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

mayoor ha scritto:
Però so che, ne avevo letto ( ti ricordi le profezie di come si chiamava? Un romanzo di successo di qualche anno fa tutto interno alle tamatiche della new age) che con un approccio diverso verso la natura si possono attenere cose magnifiche per l'ambiente e la salute. Anche le cose che racconta Killikisi (scusa kisikillilake, è che col tuo nome mi viene voglia di giocarci, con tutte quelle i. Molto bello), per me sono credibili e anche i nostri contadini di una volta la sapevano già lunga. Oggi poi potremmo fare ancora meglio.
credo tu ti riferisca a: la profezia di celestino.. sono d'accordo. sono certo, senza dubbio, che i nostri avi, avendo un rapporto per lo meno quotidiano con la natura, e profondo poi, ne sapessero molto più di noi. per questo non sono certo che oggi potremmo fare meglio - in primis, perchè non sono sicuro che si sia migliori di allora(anche come capacità intendo..) e poi perchè abbiamo questa strana tendenza a dover avere spiegazioni su tutto. e non so come potremmo spiegarci i devas..
BufaloBianco BufaloBianco 07/02/2008 ore 22.14.22
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

19m80 ha scritto:
mayoor ha scritto:
Giusto 19, per me è la nostra comune sensibilità terrestre, comune con gli animali, le piante e le pietre. Ci deve essere un punto di incontro nel fatto di essere originati dello stesso pianeta. Che qualcosa sia comune a tutto ciò che c'è per me è certo, ma in modo specifico tra le creature terrestri, delle quali facciamo parte. Quella che giudichiamo, spesso condannandola, la nostra animalità, invece contiene dei segreti di grande sensibilità e un giorno, quando avremo superato questa fase di maturazione del solo centro intellettivo, allora accadrà consapevolmente che i messaggi cui fai cenno tu, 19m80, saranno più importanti delle parole stesse.
si, penso anche io...ricorderai(o forse no, beh...) un topic che feci qualche tempo fa che si intitolava circa: e tutto il resto...? nel quale mi chiedevo, cosa servisse tutto il resto, se poi non viene considerato...in generale è un pò la domanda che ho proprosto più volte ultimamente riguardo bibbia e derivati/derivanti: a cosa servisse a dio plutone, alfa centauri, la stella laggiù, quella lì, quel pianeta microspico laggiù e quel meteorite che ci ha "sfiorati" poco tempo fa... sai cosa mi fa davvero impressione? la volontà con la quale crescono certe piantine che crescono sui costoni di cemento e calcestruzzo, vernice e asfalto dei palazzi...davvero mi domando se non dovrei spostare la pietra che mi sembra soffocarla - ma poi penso che magari in un modo tutto loro siano amiche e parlino fra loro...e allora prima di impazzire corro a prendere l'autobus..

Quindi spero per te che tu lo abbia capito altrimenti rischi di perderlo l'autobus
mayoor mayoor 07/02/2008 ore 22.18.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Bufalo... col tuo modo sintetico di esprimerti mi stai davvero divertendo. Da questo momento ti seguirò di più per arrivare a capire come la pensi.
19m80 19m80 07/02/2008 ore 22.19.48
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?


no. non l'ho capito. avessi capito una cosa del genere, starei a pensare che devo prendere un bus?


BufaloBianco BufaloBianco 07/02/2008 ore 23.28.33
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

mayoor ha scritto:
Bufalo... col tuo modo sintetico di esprimerti mi stai davvero divertendo. Da questo momento ti seguirò di più per arrivare a capire come la pensi.

Vedi alla fine è quello che voglio spero solo che tu non lo faccia solo con me ma con tutti così come cerco di fare io
BufaloBianco BufaloBianco 07/02/2008 ore 23.32.57
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

19m80 ha scritto:

no. non l'ho capito. avessi capito una cosa del genere, starei a pensare che devo prendere un bus?

L'autobus della vita a volte passa una volta sola a volte ripassa


sta a noi decidere se prenderlo al volo o se starcene lì con i nostri dubbi se è giusto prendere quello o aspettare il prossimo con il rischio che non passi mai.

19m80 19m80 08/02/2008 ore 00.48.55
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

BufaloBianco ha scritto:
19m80 ha scritto:

no. non l'ho capito. avessi capito una cosa del genere, starei a pensare che devo prendere un bus?

L'autobus della vita a volte passa una volta sola a volte ripassa


sta a noi decidere se prenderlo al volo o se starcene lì con i nostri dubbi se è giusto prendere quello o aspettare il prossimo con il rischio che non passi mai.

non mi faccio prendere dall'ansia. un conto è l'autobus - e non ho mai corso in vita per prendere uno - ce n'è sempre un altro. un conto la vita - e lì ogni tanto si becca quello giusto ogni tanto no. un conto sono i pensieri - quelli ti accompagnano nella vita e sull'autobus, specie se hai un buon libro e un pò di musica per i tragitti più lunghi.
BufaloBianco BufaloBianco 08/02/2008 ore 10.16.30
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

19m80 ha scritto:

no. non l'ho capito. avessi capito una cosa del genere, starei a pensare che devo prendere un bus?

L'autobus della vita a volte passa una volta sola a volte ripassa


sta a noi decidere se prenderlo al volo o se starcene lì con i nostri dubbi se è giusto prendere quello o aspettare il prossimo con il rischio che non passi mai.

non mi faccio prendere dall'ansia. un conto è l'autobus - e non ho mai corso in vita per prendere uno - ce n'è sempre un altro. un conto la vita - e lì ogni tanto si becca quello giusto ogni tanto no. un conto sono i pensieri - quelli ti accompagnano nella vita e sull'autobus, specie se hai un buon libro e un pò di musica per i tragitti più lunghi.



_______________________________________________________
Vedi qual'è il problema?
A volte io (persona)parlo chiaro e tu (persona) pensi che stia facendo un esempio o un'illustrazione e viceversa.
Ma le persone di solito parlano e se ogni tanto fanno degli esempi o illustrazioni lo fanno per dare enfasi o spiegare meglio un discorso le piante invece non parlano almeno per quanto ne sappiamo noi comunque sia se lo fanno lo fanno in un modo che per noi non è comprensibile questo è un fatto.
per di più dimostrato anche dalla scienza per esempio quando una persona si dice che sta in coma vegetativo.
è possibile che riesca a pensare o a sognare a provare sentimenti o addirittura dolore ma non parla non in maniera udibile.

Vedi questo mio pensiero è in perfetta armonia con ciò che la Bibbia dice quando parla della Creazione tutta Essa dice che la Creazione animata e inanimata loda Dio lo fa non a parole è ovvio lo fa con quelle caratteristiche che tu 19m80 hai descritto sopra e anche con quelle che ha descritto mayoor.

A proposito se uso di solito un sistema sintetico per dare risposte è perché non voglio essere io a dartele ma voglio che tu ci arrivi da solo ragionando.

Questa risposta che io ora ho dato a te potrei copiarla e incollarla centinaia di volte in questo ed altri forum facendo solo qualche piccola modifica ma non penso che i forum servano a questo, Sbaglio?
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 10.22.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

"ma voglio che tu ci arrivi da solo ragionando." Grazie papà, ma non partecipo a questo forum per chiarirmi le idee quanto per sentire con curiosità sincera quelle degli altri.
Nepheses Nepheses 08/02/2008 ore 10.32.49
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Le piante hanno reazioni e mi sembra di ricordare che applicando degli elettrodi si possa come per una macchina della verità capire lo stress (lo hanno fatto mettendo un accendino acceso vicino ai rami mi sembra) che provoca una situazione anche piacevole come la musica.
Le reazioni ci sono e i tracciati sono diversificati, segno che quella reazione è già tipologia di linguaggio primitivo.
I devas sono un ambito già fuori della portata scientifica ma anche spirituale e se gli angeli possono essere paragonati ai difensori e guaritori dell'uomo, allora i devas lo sono per il mondo vegetale immagino.
da qui a dire che poi ci faccio crescere un cavolo di 10 kili non è la notizia sensazionale che può fare la differenza, dato che poi allora ai guinnes avrebbero tutti un sistema del genere, ricordo vegetali o ortaggi giganteschi, fughi porcini enormi, eppure erano tutte cose nate senza la presenza dell'uomo (alcuni come i porcini)
ma in definitiva è probabile che dal mondo minerale sia nata la vita vegetale (in acqua nelle molecole) e animale (prime molecole) e che poi si sia sviluppata una successiva vita animale preparativa all'uomo, come migliaia di prototipi pronti nell'evolvere e nel creare la struttura uomo, e che l'uomo come è ora non sia il risultato finale ma una preparazione di un essere ben più evoluto e in grado di padroneggiare bene allo stesso tempo un mondo materiale, mentale e spirituale.
bha, vediamo un o tra 2 o 3 mila anni come butta.
vi va di aspettare? o di ritornare? forse è meglio questa di soluzione, altrimenti si potrebbe morire, ma dalla noia.
19m80 19m80 08/02/2008 ore 10.56.01
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

mayoor ha scritto:
"ma voglio che tu ci arrivi da solo ragionando." Grazie papà, ma non partecipo a questo forum per chiarirmi le idee quanto per sentire con curiosità sincera quelle degli altri.
quoto. nemmeno io sono qui sinceramente per ascoltare lezioni di professori improvvisati.
BufaloBianco BufaloBianco 08/02/2008 ore 11.39.08
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

19m80 ha scritto:
mayoor ha scritto:
"ma voglio che tu ci arrivi da solo ragionando." Grazie papà, ma non partecipo a questo forum per chiarirmi le idee quanto per sentire con curiosità sincera quelle degli altri.
quoto. nemmeno io sono qui sinceramente per ascoltare lezioni di professori improvvisati.

Ed io quoto tutti e due e dico che siccome io ogni tanto ho bisogno di chiarire qualche mia idea non ho bisogno di avere intorno persone che invece me le confondono quindi non volendo fare il padre non volendo fare minacce non volendo fare promesse faccio solo una mia piccola constatazione a confondere le idee ci riesco benissimo anch'io quando voglio farlo ma non sono il solo Se sbaglio Correggetemi
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 19.07.09
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Kisikillillake77 ha scritto:

Di tutte le località scozzesi ricche di splendide bellezze naturali,non si può certo dire che la cittadina di Findhorn,brilli per amenità.Grigia,spazzata dal vento del Mare del Nord,circa 60 km a est del leggendario Loch Ness,non nascondeva - fino a poco tempo fa - un parcheggio per roulotte coperto di rifiuti.Fu là che,verso la fine del 1962,approdò Peter Caddy con la moglie Eileen,3 bambini e Dorothy Maclean,un'amica di famiglia.Il gruppetto familiare si distingueva dalla maggior parte dei nomadi che vivevaano nei carrozzoni vicini.Caddy,un gestore d'albergo che aveva perso il lavoro,era un membro di una società di ispirazione Rosacrociana.Sua moglie sosteneva di essere chiaroveggente e amava farsi chiamare con il suo nome spirituale,Elixir;la Maclean,invece,si autodefiniva sensitiva.Tutti e tre credevano fermamente di essere stati chiamati a vivere in quel deprimente parcheggio per roulotte,per uno scopo ancora sconosciuto.La primavera successiva,Caddy,ancora disoccupato,decise di coltivare un orto.L'impresa si preannunciava ardua a causa del rigido clima nordico e del terreno sabbioso,apparentemente sterile che circondava la zona.Ma Caddy non rinunciò,incoraggiato dalle assicurazioni mistiche della Maclean e della moglie.Lavorando il terreno in modo ingegnoso,usando pacciame e fertilizzanti naturali,riuscì a produrre quell'anno un raccolto di ortaggi da meravigliare gli a bitanti del luogo.I raccolti degli anni successivi sbalordirono tutta la Gran Bretagna e divennero famosi in tutto il mondo.Agronomi e orticultori non riuscivano a spiegarsi come Caddy riuscisse a ottenere una produzione così abbondante,in cui non mancavano esemplari di cavoli di 20 chili,in una zona così esposta al vento.Per Caddy invece la spiegazione era semplice:era in comunione con i DEVAS,gli spiriti primordiali delle piante del suo orto."In fin dei conti"...Diceva..."Dal momento che l'amore compensa tutte le leggi,è stato il mio amore per l'orto a mettermi in armonia con esso".Per ringraziarlo di tanto amore,secondo Caddy,i Devas avevano fornito al gruppo un flusso incessante di verità metafisiche,di consigli di giardinaggio e di raccolti eccezzionali.

L'idea che l'uomo possa comunicare con le piante è molto antica,la si ritrova in tutte le epoche,dai riti preistorici di fertilità ai giorni nostri.Lo scienziato indiano Sir Jagadis Bose diceva che le piante hanno degli apparati sensoriali in un certo senso analoghi al sistema nervoso degli animali.Luther Burbank,uno dei più famosi orticultori americani,affermava di poter far crescere una pianta secondo uno schema preciso con la sola forza dell'amore.Per il reverendo Franklin Loehr della California,la preghiera era il metodo migliore per influenzare le piante,e,negli anni 50,sosteneva di aver fatto aumentare del 20% la crescita delle sue piante pregando davanti ad esse.Gli scienziati sorrisero,ma si scoprì in seguito che l'alto tasso di ossido di carbonio contenuto nel fiato del pastore ne aveva forse accellerato la crescita.

Si sa veramente poco sulla "Sensitivita' Vegetale",ma è un argomento veramente interessante,io dal canto mio,continuo a fare ogni tanto quattro chiacchere con le mie piante grasse....E devo dire che crescono a vista d'occhio!!:hihi
Dello scambio di energia tra uomo e piante se ne parla anche nel libro La Profezia di Celestino e si diceva che appunto le piante se influenzate da energie dell'uomo, potevano anche accrescere la loro produttività.
Kisikillillake77 Kisikillillake77 08/02/2008 ore 19.42.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LE PIANTE...POSSIAMO COMUNICARE?

Penso che oggi vada mano mano scemando questo rapporto e scambio d'energie con la natura.Io sono cresciuto nel verde,piantando orti,pascolando greggi,accudendo animali...E tutti questi ricordi sono impressi nella mia mente come i più belli della mia infanzia.I pomeriggi disteso sull'erba altissima,la mattina la mungitura...E me la cavo benissimo!!:-))) ,Di capre e mucche,la preparazione di formaggi...Il rapporto che instauravo con gli animai di cui mi prendevo cura.C'era addirittura una scrofa che si faceva cavalcare...Che tristezza quando me la macellarono!!Oggi,e non voglio fare di tutta l'erba un fascio,sembra che alle nuove generazioni di queste meraviglie non interessi nulla.Per quanto mi riguarda un giorno avrò un bel terreno isolato in montagna,con centinaia di animali!!:ok Per gli esperimenti a cui si accennava prima,invece,Cleve Backster,esperto in macchine della verità,cercò di misurare la sensitività delle piante e provocò un certo clamore quando pubblicò,nel 1968,i risultati di un esperimento sulle "facoltà extrasensoriali vegetali".In un primo momento,il suo scopo era quello di scoprire,avvolgendo la sonda del suo rilevatore intorno alle foglie più alte di una Dracena,se il galvanometro della macchina era in grado di misurare la velocità di risalita dell'acqua dalle radici.Un minuto dopo che la pianta era stata innaffiata,il rilevatore iniziò a tracciare una curva analoga,secondo Backster,"allo schema di reazione di un soggetto umano che subisce una stimolazione emotiva di breve durata".In seguito,immergendo una foglia della pianta nel caffè bollente,il rilevatore non registrò nessuna reazione.Ma quando Backster pensò di bruciare la foglia,il pennino sul grafico,schizzò verso l'alto."Forse le piante vedono meglio senza gli occhi" suppose,"meglio dell'uomo che li ha".Naturalmente in ambito scientifico non venne dato molto peso alle sue ricerche....Questa cosa che lui non abbia bruciato la foglia,ma lo abbia solo pensato...E' bellissima....Forse allora le piante riescono a percepire molto più di quello che immaginiamo.:-)))

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.