Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

mayoor mayoor 08/02/2008 ore 16.01.08
segnala

(Nessuno)Ai cristiani

Al di là delle divergenze sull'interpretazione delle scritture, da spettatore mi è parso di notare che la differenza tra gli evangelici e gli altri cristiani stia nel modo di vivere la presenza del vostro maestro in voi. Sembra che per gli evangelici sia qualcosa di più rispetto ad un semplice atto di fede ma si da ad intendere che ci sia la necessità di un incontro reale, sembra perfino fisico, concreto. Ora, è ovvio che gli altri cristiani abbiano da ridire su questo poiché, apparentemente, sembra si voglia dire che uno crede più dell'altro. Parallelamente, provenendo io da esperienze che si rifanno alle dottrine orientali, vorrei dire che l'esperienza dell'incontro con il divino, che viene detta illuminazione, non è un atto di fede bensì una esperienza concreta e in quanto tale, considerata raggiungibile da tutti. Ora, da ricercatore spirituale, la cosa che più mi separa dal mondo cristiano è proprio la fede, che per me rappresenta una sorta di deviazione della ricerca dell'esperienza divina (illuminazione) verso qualcosa che accettiamo di considerare superiore a noi e da noi condivisibile, appunto, soltanto con la fede. Che ci crediate o meno, l'illuminato sperimenta in se stesso l'esperienza divina che gli si presenta come "un senso nuovo", in grado di trasformare radicalmente la sua esistenza. Dal momento però che il concretizzarsi di questa manifestazione naturale non accade facilmente a tutti, il dialogo tra illuminati e no si rende pressoché impossibile (infatti nessun illuminato ha mai potuto spiegare esattamente cosa sia l'illuminazione, se non attraverso la negazione... non è questo, non è quello. Basti pensare a quanto si dice nel Tao). Tuttavia si da per certo che ci si può arrivare e in questa direzione in oriente sono nate scuole diverse per metodo, in base quasi sempre agli insegnamenti dell'illuminato che ne ha dato l'inizio. Sono dell'idea che molti santi di varie religioni si siano illuminati, pur restando fedeli alla loro religione... quindi perché no anche tra i cristiani (tra tutti san Francesco). Nell'esperienza reale dell'incontro, a parer mio, c'è qualcosa di più della semplice fede che invece è destinata a mantenersi integra come tale, cioè priva di ulteriori possibilità evolutive.
Resta il fatto che, come dicevo a proposito dell'illuminazione, questa esperienza in sè non è comunicabile... ma soltanto condivisibile.
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 16.54.06
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Bravo Mayoor :clap :clap :clap :clap
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 16.54.20
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Qualcuno ha notato se agli evangelisti interessa qualcos'altro oltre a ciò che interessa loro, che so... Kisikilli ha parlato di piante, io ho tentato qualche domandina a sfondo filosofico... lo spazio ci sarebbe stato.. niente, vero? Forse un giorno la terra si trasformerà in un grande libro e noi finiremo a vivere tra le pagine. Qualcuno ci sta usando come segnalibri?
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 17.10.35
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


Il fatto che io ho poco tempo e il forum è invaso da post di evangelisti... molte volte mi sfuggono i altri post e altre volte non conoscendo l'argomento mi limito ad osservare.

Il rapporto con il divino è un'esperienza personale, che si costruisce giorno per giorno. Per me, il fatto di blindarsi dietro la fede assoluta cieca nel credere a qualcosa, non riesco a comprenderlo.

Trovo anch'io che in tutte le religioni ci possono essere degli illuminati ma la persona deve cercare di uscire dalla visione stretta della "fede assoluta senza repliche". Questo per me è il maggior problema delle religioni del mondo, perchè sono chiuse al dialogo e pensano che solo loro hanno ragione e gli altri siano in torto e dannati.
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 17.14.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Ognuno crde in Dio a modo suo"x ki ci crede",l'importante è cercare di arrivare a Lui e sentirlo vicino,amare ed essere amati,rispettare le persone,nn giudicare.Poi c'è ki  dice:no,si ama Dio come faccio io e allora......................
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 17.16.55
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Ma tu, Rossella, cosa ne pensi del fatto che si possa vivere diversamente la presenza del maestro gesù? E' qui mi pare la differenza tra di voi, sei riuscita a comprenderlo?
salvata salvata 08/02/2008 ore 17.21.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Rossella fammi capire in che modo allora si può arrivare a Dio!quali sono le alternative a Gesù?
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 17.32.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

X MAYOR E SALVATA:X qnto mi riguarda ,alternative a Gesu nn ce ne sono,poike Egli è Dio sn la stessa persona,assodato ke Gesu nn è un profeta come gli altri,ma Dio stesso ncarnato e sacrificatosi x noi ,aggiungo....................Cn la frase :ognuno crede in Dio a modo suo,volevo dire,ke ,c'è ki il Divin Maestro lo deve kiamare ad alta voce,ki invece lo cerca nell intimo del proprio cuore............ki ha bisogno ke Cristo si manifesti cn i miracoli e ki crede nella vita gia come un miracolo................ki passa 3 ore al giorno a Leggere la Bibbia e ki la legge 1 giorno si ed uno no................Personalmente nn ho bisogno ke Dio mostri la sua presenza cn i miracoli,lo amo xke è Lui,nn mi deve nulla e nn gli kiedo nulla,cio ke gli kiedo cn il cuore  è di lasciarsi amare da me molto di piu di quel ke provo gia.
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 17.37.13
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


Quello che mi chiedo: perchè riporre tutto su Gesù?

Non sarebbe ora che camminassimo con le nostre gambe? Non ci disse proprio Gesù che avremmo fatto cose più grandi di lui?

Allora io penso dovremmo smetterla di porre la nostra salvezza tutta sulle sue spalle (se l'è già presa una volta salendo in croce e non credo voglia riprendersela una seconda volta visto cosa abbiamo fatto), dobbiamo agire noi secondo i suoi insegnamenti (Ama il prossimo tuo come te stesso).

Su andiamo è così "semplice".
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 17.41.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

tormentus83 ha scritto:

Quello che mi chiedo: perchè riporre tutto su Gesù?

Non sarebbe ora che camminassimo con le nostre gambe? Non ci disse proprio Gesù che avremmo fatto cose più grandi di lui?

Allora io penso dovremmo smetterla di porre la nostra salvezza tutta sulle sue spalle (se l'è già presa una volta salendo in croce e non credo voglia riprendersela una seconda volta visto cosa abbiamo fatto), dobbiamo agire noi secondo i suoi insegnamenti (Ama il prossimo tuo come te stesso).

Su andiamo è così "semplice".
Perfettamente ragione........nn sn io a credere di essere salvata senza agire rettamente
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 17.51.09
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


Aggiungo che il mio modo di amare Dio è cercare di amare la sua creazione e con questo tutti gli esseri viventi (cioè ogni cosa che esiste comprese le piante, animali, minerali...). Cioè Ama il prossimo tuo come te stesso. Amare Dio in questo senso si. Amare un Dio (il classico vecchio con la barba bianca che ci giudica, che ci ha creato che ci ama...) lo trovo riduttivo, con poco significato. Solo amando la sua creazione lo possiamo amare veramente.

Non so se sono riuscito a spiegarmi bene.
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 17.57.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

tormentus83 ha scritto:

Aggiungo che il mio modo di amare Dio è cercare di amare la sua creazione e con questo tutti gli esseri viventi (cioè ogni cosa che esiste comprese le piante, animali, minerali...). Cioè Ama il prossimo tuo come te stesso. Amare Dio in questo senso si. Amare un Dio (il classico vecchio con la barba bianca che ci giudica, che ci ha creato che ci ama...) lo trovo riduttivo, con poco significato. Solo amando la sua creazione lo possiamo amare veramente.

Non so se sono riuscito a spiegarmi bene.
Ti sei spiegato benissimo.In un altro post era proprio cio ke dicevo io.Si parlava di dare culto a Dio e su qsto ero daccordo ma dicevo ke restare a leggere la Bibbia 3 ore,studiarla nei minimi particolari ,nn ci servira a nulla se nn amiamo il nostro prox..tutto cio ke Dio ha creatoQuindi sn daccordo cn te
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 17.58.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

rossella74 ha scritto:
tormentus83 ha scritto:

Aggiungo che il mio modo di amare Dio è cercare di amare la sua creazione e con questo tutti gli esseri viventi (cioè ogni cosa che esiste comprese le piante, animali, minerali...). Cioè Ama il prossimo tuo come te stesso. Amare Dio in questo senso si. Amare un Dio (il classico vecchio con la barba bianca che ci giudica, che ci ha creato che ci ama...) lo trovo riduttivo, con poco significato. Solo amando la sua creazione lo possiamo amare veramente.

Non so se sono riuscito a spiegarmi bene.
Ti sei spiegato benissimo.In un altro post era proprio cio ke dicevo io.Si parlava di dare culto a Dio e su qsto ero daccordo ma dicevo ke restare a leggere la Bibbia 3 ore,studiarla nei minimi particolari ,nn ci servira a nulla se nn amiamo il nostro prox..tutto cio ke Dio ha creatoQuindi sn daccordo cn teAggiungo anke ke amando Dio siamo piu ricettivi verso i bisogni degli altri
ArtoriusCastus ArtoriusCastus 08/02/2008 ore 18.03.33
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Comunque l' idea di Francesco illuminato come un asceta orientale è tirata per i capelli, visto che più di ogni altra cosa tendeva ad elevarsi verso il divino, tanto da portare i segni della Passione su di sé... Il cantico delle creature non è come leggere le pagine dell' illuminazione di Siddharta, perché in Francesco c'è un grande amore per la creazione come *emanazione* del divino. Nella versione Ortolani/Baglioni, "io son parte dell' immensa vita, dono di *Lui* e del *Suo* immenso amore"... In Francesco non esiste un'illuminazione che esiste in sé e per sé, in antitesi al divino.
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 18.05.42
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Che bello Rossella , tu chiedi solo d poterlo amare sempre di più, mentre tormentus lo ama nelle cose che vede attorno a sè... ma non state dicendo di averlo dentro di voi, accanto a voi come fosse in carne ed ossa... cosa che gli evangelici, sempre se ho capito bene, cercano di realizzare... cioè vogliono trasformare un atto di fede in una realtà. Se è così, a me sembrano due esperienze differenti. Sbaglio?
19m80 19m80 08/02/2008 ore 18.11.18
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


per me non sbagli. io di catechismo mi ricordo una cosa: la mia insegnante diceva che al paradiso saremmo entrati da una porticina minuscola.

qui, da un pò di tempo, vedo un sacco di persone che Hanno lo spirito santo, che Sanno cosa dica, che lo Riconoscono, che lo Trovano, che lo Pregano, che lo Amano, che Parlano con lui, che Sanno addirittura Distinguere tra Spirito e SPIRITO, tra Anima e Anima Vitale come se fossero le cose più facili del mondo e che insomma, sono già a posto così..

più che dir loro: - buon per voi - io non so cosa dovrei fare. appena becco la mia insegnante di catechismo mi informerò che non abbiano modificato quella porticina..
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 18.14.04
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Artorius, tengo aperta questa parentesi solo per precisare che l'illuminazione non è in antitesi al divino ma la sua realizzazione nell'uomo. Un cattolico direbbe dio al posto del divino che uso io, cioè un aggettivo. Dal mio punto di vista Francesco è stato un buon esempio di discepolo del suo maestro in quanto non si è limitato a metterne in pratica gli insegnamenti ma lo ha fatto anche a modo suo, con la propria creatività e sensibilità. Per il resto, se è un problema di schieramento, te lo lascio tra i cristiani, ci mancherebbe. Ho già detto che anche tra i cristiani ci sono illuminati, avrei dovuto precisare che si ispirano a dio. Ma ho detto cristiani...
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 18.20.27
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


x mayoor

C'è una cosa che non ho ancora detto (ma che avevo detto in post precedenti). Credo che Dio sia in realtà tutto ciò che esiste, compresi noi stessi. Noi siamo un'emanazione di Dio una sua parte. E' qui che il mio pensiero si discosta sia da Rossella e da Salvata. Inoltre credo che noi possiamo entrare in contatto con il divino attraverso una pratica quotidiana dell'amore e il contatto con i nostri spiriti guida. Inoltre impariamo dall'esperienza di ogni giorno.

Lo so che penserete che è un miscuglio tra cristianesimo e disclipline orientali, ma è una cosa in cui credo fermamente perchè ho avuto la fortuna di provare tutto ciò che dico su me stesso (si può dire che tutto è iniziato con l'eclissi di sole dell'agosto del 1999, quando sono ritornato in vita)
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 18.20.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

rossella74 ha scritto:
X MAYOR E SALVATA:X qnto mi riguarda ,alternative a Gesu nn ce ne sono,poike Egli è Dio sn la stessa persona,assodato ke Gesu nn è un profeta come gli altri,ma Dio stesso ncarnato e sacrificatosi x noi ,aggiungo....................Cn la frase :ognuno crede in Dio a modo suo,volevo dire,ke ,c'è ki il Divin Maestro lo deve kiamare ad alta voce,ki invece lo cerca nell intimo del proprio cuore............ki ha bisogno ke Cristo si manifesti cn i miracoli eki crede nella vita gia come un miracolo................ki passa 3 ore al giorno a Leggere la Bibbia e ki la legge 1 giorno si ed uno no................Personalmente nn ho bisogno ke Dio mostri la sua presenza cn i miracoli,lo amo xke è Lui,nn mi deve nulla e nn gli kiedo nulla,cio ke gli kiedo cn il cuore è di lasciarsi amare da me molto di piu di quel ke provo gia.
Credo qste parole facciano capire ke Dio è intorno a noi,dentro di noi............Nnon lo cerco,xke l'ho gia trovato,lo trovo tt i giorni nelle persone ke mi circondano,quelle ke piu hanno bisogno e nn solo di cose materiali
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 18.24.27
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
Che bello Rossella , tu chiedi solo d poterlo amare sempre di più, mentre tormentus lo ama nelle cose che vede attorno a sè... ma non state dicendo di averlo dentro di voi, accanto a voi come fosse in carne ed ossa... cosa che gli evangelici, sempre se ho capito bene, cercano di realizzare... cioè vogliono trasformare un atto di fede in una realtà. Se è così, a me sembrano due esperienze differenti. Sbaglio?
si credo anch'io siano due esperienze differenti
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 18.25.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

19m80 ha scritto:

per me non sbagli. io di catechismo mi ricordo una cosa: la mia insegnante diceva che al paradiso saremmo entrati da una porticina minuscola.qui, da un pò di tempo, vedo un sacco di persone che Hanno lo spirito santo, che Sanno cosa dica, che lo Riconoscono, che lo Trovano, che lo Pregano, che lo Amano, che Parlano con lui, che Sanno addirittura Distinguere tra Spirito e SPIRITO, tra Anima e Anima Vitale come se fossero le cose più facili del mondo e che insomma, sono già a posto così..

più che dir loro: - buon per voi - io non so cosa dovrei fare. appena becco la mia insegnante di catechismo mi informerò che non abbiano modificato quella porticina..
Credo la tua insegnante nn sbagliasse
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 18.28.33
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

tormentus83 ha scritto:
mayoor ha scritto:
Che bello Rossella , tu chiedi solo d poterlo amare sempre di più, mentre tormentus lo ama nelle cose che vede attorno a sè... ma non state dicendo di averlo dentro di voi, accanto a voi come fosse in carne ed ossa... cosa che gli evangelici, sempre se ho capito bene, cercano di realizzare... cioè vogliono trasformare un atto di fede in una realtà. Se è così, a me sembrano due esperienze differenti. Sbaglio?
si credo anch'io siano due esperienze differentiperchè c'è una separazione per gli evangelici ma in parte anche per una buona parte dei cattolici, mentre per altri no. Anche tra gli stessi cattolici ho visto diverse visioni dI Dio.
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 18.30.53
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Si potrebbe dire che gli evangelici, riconoscendo in gesù il figlio di dio, e riconoscendolo come proprio maestro, ritengono di poter essere come lui, altrettanti figli di dio, sue copie perfette perché ispirati a lui. Sebbene ancora da lui guidati e sostenuti.
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 18.33.40
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Mentre forse un cattolico non sente di poter aspirare a tanto, cioè di poter essere come il figlio di dio. E' questo che vorrei capire.
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 18.36.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
Che bello Rossella , tu chiedi solo d poterlo amare sempre di più, mentre tormentus lo ama nelle cose che vede attorno a sè... ma non state dicendo di averlo dentro di voi, accanto a voi come fosse in carne ed ossa... cosa che gli evangelici, sempre se ho capito bene, cercano di realizzare... cioè vogliono trasformare un atto di fede in una realtà. Se è così, a me sembrano due esperienze differenti. Sbaglio?
Potrebbero essere due esperienza differenti,Xquanto mi riguarda mi differenzio dagli evangelici nel fatto del manifestare.Non amo gridare,cantare,ballare,invocare il miracolo,come se Dio fosse un mago .Amo intrattenermi cn Dio nel silenzio del mio cuore.Credo in tutti i modi si possa dialogare cn Dio il mio è meno manifestato,ma nn ho la presunzione di ritenerlo il metodo migliore.Certo ho visto cn i miei okki delle esagerazioni"almeno io le ritenevo tali",uno starnuto era considerato intervento dello Spirito Santo
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 18.39.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
Mentre forse un cattolico non sente di poter aspirare a tanto, cioè di poter essere come il figlio di dio. E' questo che vorrei capire.
Non possiamo aspirare a diventare figli di Dio,lo siamo gia e nn soo i credenti.Personalmente x quanto io possa elevarmi a livello spirituale nn arrivero mai ad assomigliare nemmeno lontanamente al mio Maestro..........ma qsta è una mia considerazione
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 18.41.06
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

non posso aiutarti mayoor perchè credo che gesù è un'anima molto evoluta scesa sulla terra per aiutarci ad evolvere spiritualmente. Lui lo considero un fratello e un figlio di Dio come noi.
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 18.47.48
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Non importa ora che io possa darti ragione oppure no, Rossella, cerco solo di capire quanto siete differenti tra voi cristiani, guardandomi bene dal giudicare, se mai con la presunzione di cercare di aiutarvi a mettere in chiaro il vostro disaccordo.
BufaloBianco BufaloBianco 08/02/2008 ore 18.49.54
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
Artorius, tengo aperta questa parentesi solo per precisare che l'illuminazione non è in antitesi al divino ma la sua realizzazione nell'uomo. Un cattolico direbbe dio al posto del divino che uso io, cioè un aggettivo. Dal mio punto di vista Francesco è stato un buon esempio di discepolo del suo maestro in quanto non si è limitato a metterne in pratica gli insegnamenti ma lo ha fatto anche a modo suo, con la propria creatività e sensibilità. Per il resto, se è un problema di schieramento, te lo lascio tra i cristiani, ci mancherebbe. Ho già detto che anche tra i cristiani ci sono illuminati, avrei dovuto precisare che si ispirano a dio. Ma ho detto cristiani...

Approfitto di questa parentesi per dire che secondo me stai andando bene
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 18.56.28
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


Quello che non capisco degli evangelici è la loro spettacolarizzazione del miracolo. Parlano sempre di miracolo come guarigione fisica.

Dal modo in cui la mettono sembra che se tu vai da loro e accetti tutto hai il miracolo. Tutte le testimonianze che ho letto e ne ho letto poche solo 2 (quindi può darsi che mi sbaglio) parlano sempre di miracoli fisici. Chi riprende a camminare...

Quindi uno va dagli evangelici per ottenere sempre miracoli, in cambio ami Dio.

La mia è un'osservazione perchè a dir la verità non ho capito un granchè nei post a causa di versetti biblici a ripetizione, se qualcuno mi spiega con parole povere cosa credono, così da poter soddisfare la mia curiosità. Ho solo idee confuse.
Kisikillillake77 Kisikillillake77 08/02/2008 ore 18.59.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


Io penso che il mio credo possa andare a cozzare verso quello di altri individui,e nemmeno ne parlo più di tanto...Lo considero qualcosa di molto personale e intimo.Non per questo però,evito il dialogo e continuo dritto per la mia strada.Ascolto tutti e se qualcuno instilla in me il tarlo del dubbio...Può darsi che forse,la mia fede possa anche imboccare una strada diversa...La strada è lunga,e percorrerla,alle volte anche imboccando strade secondarie...Mi porterà comunque alla meta.Di conseguenza ho deciso di non mettere bocca in nessun Post che tratti materia religiosa in modo così ottuso...Quasi ridicolo.Ho lasciato un breve messaggio in un Post per dire la mia in merito agli Evangelisti,Stop!!Continuerò con i miei Post,forse meno interessanti e seguiti dei loro,ma almeno chi vorrà leggere qualcosa di diverso potrà farlo....E magari scambiare un opinione senza tirare in ballo i soliti copia-incolla della Bibbia.
ArtoriusCastus ArtoriusCastus 08/02/2008 ore 19.01.54
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
Artorius, tengo aperta questa parentesi solo per precisare che l'illuminazione non è in antitesi al divino ma la sua realizzazione nell'uomo.
e allora "la cosa che più mi separa dal mondo cristiano è proprio la fede, che per me rappresenta una sorta di deviazione della ricerca dell'esperienza divina (illuminazione) verso qualcosa che accettiamo di considerare superiore a noi e da noi condivisibile, appunto, soltanto con la fede" ?
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 19.02.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

tormentus83 ha scritto:

Quello che non capisco degli evangelici è la loro spettacolarizzazione del miracolo. Parlano sempre di miracolo come guarigione fisica.

Dal modo in cui la mettono sembra che se tu vai da loro e accetti tutto hai il miracolo. Tutte le testimonianze che ho letto e ne ho letto poche solo 2 (quindi può darsi che mi sbaglio) parlano sempre di miracoli fisici. Chi riprende a camminare...

Quindi uno va dagli evangelici per ottenere sempre miracoli, in cambio ami Dio.

La mia è un'osservazione perchè a dir la verità non ho capito un granchè nei post a causa di versetti biblici a ripetizione, se qualcuno mi spiega con parole povere cosa credono, così da poter soddisfare la mia curiosità. Ho solo idee confuse.
Io so ke gli evangelici credono ke se tu hai un vero rapporto cn Dio ,nn solo sarai salvato dall inferno,ma nn ti colpiranno nemmeno le malattie,insomma nn soffrirai nella tua carne umana.Qsto è il fulcro "credo"del loro credo
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 19.09.42
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

rossella74 ha scritto:
tormentus83 ha scritto:

Quello che non capisco degli evangelici è la loro spettacolarizzazione del miracolo. Parlano sempre di miracolo come guarigione fisica.

Dal modo in cui la mettono sembra che se tu vai da loro e accetti tutto hai il miracolo. Tutte le testimonianze che ho letto e ne ho letto poche solo 2 (quindi può darsi che mi sbaglio) parlano sempre di miracoli fisici. Chi riprende a camminare...

Quindi uno va dagli evangelici per ottenere sempre miracoli, in cambio ami Dio.

La mia è un'osservazione perchè a dir la verità non ho capito un granchè nei post a causa di versetti biblici a ripetizione, se qualcuno mi spiega con parole povere cosa credono, così da poter soddisfare la mia curiosità. Ho solo idee confuse.
Io so ke gli evangelici credono ke se tu hai un vero rapporto cn Dio ,nn solo sarai salvato dall inferno,ma nn ti colpiranno nemmeno le malattie,insomma nn soffrirai nella tua carne umana.Qsto è il fulcro "credo"del loro credoCredo che la Bayer e altre case farmaceutiche non saranno contenti...
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 19.14.15
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Non vedo contraddizione Artorius, io discuto la pratica della fede preferendo l'esperienza in quanto ritengo che la realizzazione del divino sia assolutamente possibile a tutti. La fede non c'entra, può svolgere una funzione utile tutt'al più all'inizio della ricerca.
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 19.16.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

tormentus83 ha scritto:
rossella74 ha scritto:
tormentus83 ha scritto:

Quello che non capisco degli evangelici è la loro spettacolarizzazione del miracolo. Parlano sempre di miracolo come guarigione fisica.

Dal modo in cui la mettono sembra che se tu vai da loro e accetti tutto hai il miracolo. Tutte le testimonianze che ho letto e ne ho letto poche solo 2 (quindi può darsi che mi sbaglio) parlano sempre di miracoli fisici. Chi riprende a camminare...

Quindi uno va dagli evangelici per ottenere sempre miracoli, in cambio ami Dio.

La mia è un'osservazione perchè a dir la verità non ho capito un granchè nei post a causa di versetti biblici a ripetizione, se qualcuno mi spiega con parole povere cosa credono, così da poter soddisfare la mia curiosità. Ho solo idee confuse.
Io so ke gli evangelici credono ke se tu hai un vero rapporto cn Dio ,nn solo sarai salvato dall inferno,ma nn ti colpiranno nemmeno le malattie,insomma nn soffrirai nella tua carne umana.Qsto è il fulcro "credo"del loro credoCredo che la Bayer e altre case farmaceutiche non saranno contenti...:many :many tra l'altro visto l alto tasso di tumori,e varie malattie ,qua nessuno ha un vero rapporto cn Dio e di conseguenza siamo tutti condannati al fuoco eterno:hell
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 19.16.37
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

ora però servirebbe un commento evangelistico. Temo però che siano troppo abituati a condurre.
19m80 19m80 08/02/2008 ore 19.20.49
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
ora però servirebbe un commento evangelistico. Temo però che siano troppo abituati a condurre.
è quello che attendevo anche io in risposta a tormentus - perchè l'evangelicismo poi, non è un qualcosa di così assolutamente ben definito... quindi a questo punto, sarebbe bene sentire da "viva voce" - cosa sempre assai da preferirsi..
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 19.23.48
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Kisikilli, scordati che questi vengano a trattare argomenti come i tuoi. Stanno già lasciando cadere anche questo, che forse un pò li riguarderebbe. Sono abituati ad altro cibo.
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 19.24.45
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

però senza troppi riferimenti alla Bibbia, un'esposizione a parole comprensibili se no rimane sempre lo stesso problema dei post copia incolla
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 19.26.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Gia il fatto di nn mettersi mai in discussione,nn intervenire mai nei post degli altri,aprendone a decine dei loro.......la dice lunga
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 19.27.35
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

staranno salvaguardando la razza.
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 19.30.44
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Strano, le parole di Benny Hinn si possono leggere senza fatica... e appaiono fresche e veritiere.
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 19.46.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
Strano, le parole di Benny Hinn si possono leggere senza fatica... e appaiono fresche e veritiere.
ki è?
Kisikillillake77 Kisikillillake77 08/02/2008 ore 19.48.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Pensavo anche io che qualcuno si facesse vivo qui...Ma come diceva prima Rossella,intervengono solo in loro Topic.
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 20.00.53
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Benny Hinn... non tocca a me spiegare chi sia, c'è chi potrebbe farlo meglio. Forse renderebbe tutto più semplice.
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 20.06.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
Benny Hinn... non tocca a me spiegare chi sia, c'è chi potrebbe farlo meglio. Forse renderebbe tutto più semplice.
guardo su google:-p
Kisikillillake77 Kisikillillake77 08/02/2008 ore 20.16.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Se non erro Mayoor,lo vidi in Tv.Ricordo interi stadi di gente,con lui su un palco....Che imponendo le mani,diceva di guarire le persone che si trovavano lì.Sinceramente mi ha strappato più di un sorriso.Ricordo fosse sempre vestito di bianco,e che quando sfiorava qualcuno,questi crollasse a terra,toccato dalla "mano di Dio"...Per carità,ho già detto la mia in proposito sperimentando di persona,in un altro Post.
rossella74 rossella74 08/02/2008 ore 20.17.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Ho visto su google e di rimando youtube,ci sn dei video assurdi.Lasciamo stare ke qsto individuo possa essere e sicuramente è un impostore,e dico lasciamo stare ,poike tutti siamo rei di peccato,alcuni sacerdoti cattolici nn ne sn indenni.Ma il fanatismo delle persone ke circondano costui è allarmante....In un video si mostra come qsto pastore,tokki una persona sulla testa e qsta x opera dello Spirito,cada a terra:scream
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 20.27.48
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Piano Rossella, se cominci col giudicare non arriveremo mai ad un rapporto chiarificatore. Il mio è solo un consiglio, dai spazio alla curiosità e quando avrai compreso prendi le tue decisioni. Anch'io resto allibito per lo spettacolo che ogni domenica mi devo sorbire da piazza del vaticano (certo che cambio canale!). Quindi...
mayoor mayoor 08/02/2008 ore 20.32.44
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Qualche cosa da dire in proposito l'avrei anch'io ma senza un contraddittorio non ha senso.
tormentus83 tormentus83 08/02/2008 ore 20.39.46
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


Perchè non mettiamo un richiamo negli altri post a questo? Così magari lo vedono...
Aquila7Reale Aquila7Reale 08/02/2008 ore 21.08.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


Al di là delle divergenze sull'interpretazione delle scritture, da spettatore mi è parso di notare che la differenza tra gli evangelici e gli altri cristiani stia nel modo di vivere la presenza del vostro maestro in voi. Sembra che per gli evangelici sia qualcosa di più rispetto ad un semplice atto di fede ma si da ad intendere che ci sia la necessità di un incontro reale, sembra perfino fisico, concreto. Ora, è ovvio che gli altri cristiani abbiano da ridire su questo poiché, apparentemente, sembra si voglia dire che uno crede più dell'altro. Parallelamente, provenendo io da esperienze che si rifanno alle dottrine orientali, vorrei dire che l'esperienza dell'incontro con il divino, che viene detta illuminazione, non è un atto di fede bensì una esperienza concreta e in quanto tale, considerata raggiungibile da tutti. Ora, da ricercatore spirituale, la cosa che più mi separa dal mondo cristiano è proprio la fede, che per me rappresenta una sorta di deviazione della ricerca dell'esperienza divina (illuminazione) verso qualcosa che accettiamo di considerare superiore a noi e da noi condivisibile, appunto, soltanto con la fede. Che ci crediate o meno, l'illuminato sperimenta in se stesso l'esperienza divina che gli si presenta come "un senso nuovo", in grado di trasformare radicalmente la sua esistenza. Dal momento però che il concretizzarsi di questa manifestazione naturale non accade facilmente a tutti, il dialogo tra illuminati e no si rende pressoché impossibile (infatti nessun illuminato ha mai potuto spiegare esattamente cosa sia l'illuminazione, se non attraverso la negazione... non è questo, non è quello. Basti pensare a quanto si dice nel Tao). Tuttavia si da per certo che ci si può arrivare e in questa direzione in oriente sono nate scuole diverse per metodo, in base quasi sempre agli insegnamenti dell'illuminato che ne ha dato l'inizio. Sono dell'idea che molti santi di varie religioni si siano illuminati, pur restando fedeli alla loro religione... quindi perché no anche tra i cristiani (tra tutti san Francesco). Nell'esperienza reale dell'incontro, a parer mio, c'è qualcosa di più della semplice fede che invece è destinata a mantenersi integra come tale, cioè priva di ulteriori possibilità evolutive. Resta il fatto che, come dicevo a proposito dell'illuminazione, questa esperienza in sè non è comunicabile... ma soltanto condivisibile.

mayoor ti saluto con affetto, e ti faccio una domanda. Noi, sulla terra abbiamo una fonte di energia, di luce e di calore da cui dipende la nostra vita. Secondo te, chi ha Creato il sole?
nickbarone nickbarone 08/02/2008 ore 21.47.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Vedi Mayor non e' che c'e una differenza tra i cristiani, ma ci sono alcuni che credono nella bibbia ma credono anche molto alle tradizioni e lasciono molto spazio ad esse.
L'insegnamento cristiano ci dice che:
Cristo e' la via,la vita la verita' nessuno viene al padre se non per mezzo di lui. Perche' molti cristiani vanno alla ricerca di altre vie per andare da Dio come pregare a santi o fare rosari o credere che bisogna fare i vari sacramenti (battesimo,comunione,cresima) altrimenti non si va in paradiso?
Questa e' principalmente la differenza che ci caratterizza dagli altri il credere che lui e' l'unico mezzo per andare dal padre cioe' Dio.Altrimenti vana e' stata la sua morte sulla croce.

mayoor mayoor 09/02/2008 ore 03.14.57
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Aquila: non c'è nessun CHI. Questo per me è il punto. Quello cui tu ti riferisci è una tua proiezione in quanto tu un CHi ce l'hai e per te è inimmaginabile che qualcosa di grandioso non ce l'abbia. Stando nell'io non puoi comprendere il non-io. Nickbarone: un'azione di tipo libertario di fronte ai condizionamenti della chiesa per me è solo salutare. La chiesa ha trasformato le persone in esseri dimessi, incapaci di trovare qualcosa di valido in se stessi, ha tolto loro la fiducia di poter avere un rapporto reale con il divino ( giusto x usare un termine comprensibile, altrimenti direi Naturale). Hanno trasformato gesù da esempio a super-eroe irraggiungibile, e così pure dio. Ma dio, per me, è sempre stato qui, dentro ciascuno di noi quando parliamo è dio stesso che parla, dio che diventa ingenuo, dio che non capisce niente. Quando realizzi il divino ti accorgi che lo vedi ovunque. Poi, se vuoi, passa pure dai libri... ma senza il tuo silenzio difficilmente ti potrai accorgere di qualcosa che hai già dentro... e che hanno tutti, a mio modo di vedere.
nickbarone nickbarone 09/02/2008 ore 08.41.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Mayoor scrive:
un'azione di tipo libertario di fronte ai condizionamenti della chiesa per me è solo salutare.
Infatti, e' giusto, uno non si deve fare condizionare dalla chiesa, ma io e' da tempo che sto dicendo di leggere la bibbia perche' secondo me veramente essa e' la parola di Dio.Leggi la bibbia con attenzione e forse ne trarrai qualcosa di diverso da quello che hai pensato in passato.
Nepheses Nepheses 09/02/2008 ore 08.52.26
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Secondo me questo discorso è fuorviante e costringe Dio ad essere quello che sono io in quel momento.
La concezione mia è che se non sono io a portarmi o cercare o volere di avvicinarmi a Dio anche e soprattutto come tendenza caratteriale e dando il meglio di me stesso, difficilmente incontrerò Dio o forse il suo simulacro o peggio quello che io vorrei Dio fosse per me, un mio pari sul quale scaricare le mie frustrazioni e aspettare che magari si sacrifichi per me, questa volta. Insomma mi pare un discorso leggermente deviante.
Noi realizziamo il Divino, ora? realizzare il Divino significa pure concretamente non solo mentalmente (cosa già improbabile), quindi siamo appena un gradino sotto a Dio, noi siamo in Tonica e Lui dista una II Maggiore o Minore, giusto? I termini mi sa che li dovremmo considerare diversamente, se io sono Do 1 forse che Dio è Do 6, ovvero ci sono diverse Ottave di risonanza per avvicinarlo, in termini pianistici tutta la tastiera, =88 tasti, in termini artistici Lui è il vero e noi una tela bianca che attraverso i colori imita il vero e si potrebbe proseguire.
se tu realizzi Dio veramente, forse la tua presenza qui potrebbe essere già contraddittoria.
mayoor ha scritto:
Ma dio, per me, è sempre stato qui, dentro ciascuno di noi quando parliamo è dio stesso che parla, dio che diventa ingenuo, dio che non capisce niente. Quando realizzi il divino ti accorgi che lo vedi ovunque.
rossella74 rossella74 09/02/2008 ore 09.58.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

rossella74 ha scritto:
Ho visto su google e di rimando youtube,ci sn dei video assurdi.Lasciamo stare ke qsto individuo possa essere e sicuramente è un impostore,e dico lasciamo stare ,poike tutti siamo rei di peccato,alcuni sacerdoti cattolici nn ne sn indenni.Ma il fanatismo delle persone ke circondano costui è allarmante....In un video si mostra come qsto pastore,tokki una persona sulla testa e qsta x opera dello Spirito,cada a terra:scream
Mayor,x quanto mi riguarda la domenika in citta del vaticano nn ho mai visto "almeno in tv" strani svenimenti.Ovvio il mio giudizio sia basato su quello ke ho letto ieri su BennyHinn,anke xke nn ne avevo mai sentito parlare prima.
mayoor mayoor 09/02/2008 ore 10.21.19
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

infatti rossella, secondo me è assai confortante ritrovarsi in tanti, da un grande sicurezza. Suppongo che sia questo il giovamento. Vorrei anche dirti che non ho alcuna intenzione di porre in discussione la tua fede perché se l'hai scelta è sicuramente giusta, com'è giusta la fede di ogni altra persona. Sono percorsi fatti con la schiena rivolta al futuro, quando ci arriverai scommetto che ti sorprenderai di quanti saranno lì, giunti da strade differenti... tante quante sono le persone. Una cosa però è la fede e un'altra la religione. Che dici, tanto per cominciare potresti proporre una libera elezione del papa... :hoho
mayoor mayoor 09/02/2008 ore 10.26.57
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

nepheses, vuoi dire che conosci la teoria dell'ottava di gurdjieff? E' divertente, vero? Poi, se vuoi dare inizio a pensare quello che ti pare sentendotene pienamente nel diritto, ti puoi divertire coi Dialoghi di Belzebù ai suoi nipotini... ma non è scritto tanto bene, o forse mal tradotto. boh
rossella74 rossella74 09/02/2008 ore 10.35.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ha scritto:
infatti rossella, secondo me è assai confortante ritrovarsi in tanti, da un grande sicurezza. Suppongo che sia questo il giovamento. Vorrei anche dirti che non ho alcuna intenzione di porre in discussione la tua fede perché se l'hai scelta è sicuramente giusta, com'è giusta la fede di ogni altra persona. Sono percorsi fatti con la schiena rivolta al futuro, quando ci arriverai scommetto che ti sorprenderai di quanti saranno lì, giunti da strade differenti... tante quante sono le persone. Una cosa però è la fede e un'altra la religione. Che dici, tanto per cominciare potresti proporre una libera elezione del papa... :hoho
Saro felicissima...................XDio una sola anima vale pu di tutto il creato materiale:ok
Aquila7Reale Aquila7Reale 09/02/2008 ore 11.16.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor dobbiamo partire dalla nostra esistenza se vogliamo incominciare a dare sviluppo ai ragionamenti umani altrimenti, non capisco su cosa sono basati i tuoi ragionamenti.
mayoor mayoor 09/02/2008 ore 12.13.13
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Io sono la prova che lo spirito santo può arrivare ovunque. Libero anche di stare fuori da ciò che molti considerano come unica via. Uso questi termini solo xché so che li intendi. Inoltre non è schematico ma si esprime per risonanza, cioè non è una verità statica ma in continua trasformazione creativa. Ci sono altri luoghi da cui possono giungere le parole, non solo dalla ragione e sinceramente... a me ora piace così, anche perché sono di memoria labile e ho 53 anni, cioè non ho più un futuro mentre il passato è andato. Quindi mi resta solo questo istante, l'avessi capito da ragazzo avrei vissuto meglio. Non ti pare che sto parlando anch'io dell'esistenza?
Aquila7Reale Aquila7Reale 09/02/2008 ore 16.30.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor ho solo due anni più di te e non mi sento affatto di essere arrivato al capolinea, anzi, vivo i migliori anni della mia vita. Credo, che per instaurare un rapporto, dobbiamo tornare alle nostre origini. Chi siamo, perché esistiamo e cosa cerchiamo.
mayoor mayoor 09/02/2008 ore 22.55.34
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Non so se per l'intensità con cui mi sono battuto x cercare di cambiare questo modo di discorrere a senso unico, ma mi è arrivata la febbre. Le domande che poni Aquila contengono già la promessa di un'estenuante confronto/sbarramento in cui tu dirai dell'unico dio e io dirò chissà che altro. Prendo una pausa. Non parlo a nome dell'umanità, nè per l'umanità... ho una visione più personale delle cose, non uso facilmente il plurale come fai tu "chi siamo, esistiamo, cerchiamo". Preferisco sono, esisto, cerco, perché sono dell'idea che la storia dell'umanità sia stata troppo popolata da credenze e da divinità, col risultato che la ricerca spesso si arresta davanti all'accettazione di un limite dato da qualcosa di soprannaturale e da regole che forse nessuno si sarebbe mai dato se non gli fossero state suggerite da altri. Anche ciò che sai tu ti è stata trasmessa da altri, mancano domande innocenti, autentiche, sorte da dentro. Sei un pezzo da 90 ( si dice così?) Aquila. Mi prendo un pò di tempo.
Aquila7Reale Aquila7Reale 10/02/2008 ore 00.22.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

mayoor sono stato invitato ad entrare in questo post, strano modo di fare ospitalità. Comunque, prenditi tutta la pausa che ritieni. Sul forum possiamo usare solo le parole, ma al di là delle parole ti assicuro che c'è tantissimo che ti posso dimostrare, concretamente.
mayoor mayoor 10/02/2008 ore 09.31.01
segnala

(Nessuno)Ripensandoci

certo che sei proprio un bell'elemento Aquila! Non me ne sono reso conto subito (x via della febbre, probabilmente) ma questo mio topic contiene già una domanda che fa riferimento al modo forse diverso di vivere la presenza di gesù tra i cristiani. Perché invece di chiarire questo punto (l'hai letto? ) vieni a correggere le mie domande suggerendomene alcune tue, per altro piuttosto stantie?
Aquila7Reale Aquila7Reale 10/02/2008 ore 10.15.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Saranno stantie per te che sei ancora alla ricerca di chissà cosa, ma non per me, che ho trovato la vera Luce, credimi. Tu trovi rinfrescante Benny Hinn, sappi che è un servo fedele del Grande Maestro, mio Maestro; Gesù Cristo, il Signore Dio Onnipotente, Onniscente ed Onnipresente. Dio della Creazione. Ti ho fatto una domanda che, secondo me, è importante partire dalle origini: evoluzione o Creazione? Sei tu che ti devi identificare. Tutto dipende da questo inizio e il resto è solo da accettare o rifiutare.
mayoor mayoor 10/02/2008 ore 10.27.02
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Grazie ma il topic l'ho avviato io, e così pure l'inizio della discussione. Sei tu che accetti o rifiuti. Oppure rispondi a questa mia domanda: hai trovato la luce, puoi dire dove fosse prima che la trovassi?
mayoor mayoor 10/02/2008 ore 10.31.14
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Cosa ti impediva di vederla prima?
cicca75 cicca75 10/02/2008 ore 10.36.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani


buongiorno Mayoor...p^remetto che non ho letto il post , l ho segnato nei prefereti per leggerlo con calma... ti devo confidare una cosa...mentre creavo il post Color'Amaro ... pensavo particolarmente a te...

un abbracio ...devo andare adesso ... pensami forte da questo momento ...ho bisogno delle tue forze...da questo momento fino a...quando scenderà la sera... ti ringrazio d'inanzi , perchè sento che ci sarai...
mayoor mayoor 10/02/2008 ore 10.50.22
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

contaci cicca.
mayoor mayoor 10/02/2008 ore 11.16.50
segnala

(Nessuno)RE: Ai cristiani

Aquila, stai pensando se parlare della luce con un povero sprovveduto, vero? Io tempo ne ho, e so di cosa parlo.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.