Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

EtaPeta 04/02/2017 ore 16.22.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Etica: Il male esiste?



Ho trovato questo su internet:

"Anche Hitler sembrerebbe l'Anticristo:
Infatti asociando alla lettera dell'alfabeto -A- il numero 101, alla lettera -B- 102, alla lettera -C- 103 e così via,
la somma dei numeri associati alle lettere che compongono il nome HITLER risulta 666 :
H=108 - I=109 - T=118 - L=110 - E=105 - R=116 quindi 108+109+118+110+105+116= 666!"

Faccio una domanda del tutto ipotetica:
Lo so che "del senno di poi son piene le fosse",
ma se voi voste vissuti ai tempi di Hitler avreste cercato di uccidere lui sapendo (come lo si sa oggi)
che avreste potuto salvare milioni di vite?
8455312
Ho trovato questo su internet: "Anche Hitler sembrerebbe l'Anticristo: Infatti asociando alla lettera dell'alfabeto -A- il numero...
Discussione
04/02/2017 16.22.09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
andreabec andreabec 04/02/2017 ore 17.53.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

Il male assoluto forse non esiste, se non nella figura del demonio. Come diceva Benigni in un monologo, anche Hitler, qualche volta, avrà detto buongiorno, sarà stato gentile con qualcuno.
Ognuno di noi ha delle motivazioni, quando fa qualcosa di male e comunque non fa solo del male.
19428508
Il male assoluto forse non esiste, se non nella figura del demonio. Come diceva Benigni in un monologo, anche Hitler, qualche...
Risposta
04/02/2017 17.53.19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
od.ino od.ino 04/02/2017 ore 18.22.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta scrive:
Il male esiste?

Io sono dell'opinione che esiste !
Esiste nella cattiva cultura che allontana l'Uomo dal far si che lui e i suoi figli si inchinino all'altare del bene dell'Umanità e del Mondo.
Non operando giustamente in quella direzione , nasce il MALE.
Voglio strafare !
Qualcuno si ricorderà la parte della preghiera del Padre nostro che dice "LIBERACI DAL MALE" , be essa si può scomporre e tradurre così:
LI = Esponici Strada ; BE = Atteggiare ; RA = Agire Casa ; CI = Diminuire Strade ; DAL = Aumentare Casa Esporre ; M A LE = Traboccazione Casa Esporre. (Dove la M rappresenta un superare il limite di qualcosa).
c.hicca44 c.hicca44 04/02/2017 ore 18.40.47 Ultimi messaggi
EtaPeta EtaPeta 04/02/2017 ore 18.49.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@c.hicca44 scrive:
no. perchè il problema non era solo hitler


OK
facciamo un po' di storia allora...
e quale era il problema?
c.hicca44 c.hicca44 04/02/2017 ore 18.54.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta : no no io non faccio lezioni di storia ho risposto che no, non lo avrei ucciso. persone più "furbe" di lui lo avrebbero sostituito con facilità. un goering ad esempio....
19428569
@EtaPeta : no no io non faccio lezioni di storia ho risposto che no, non lo avrei ucciso. persone più "furbe" di lui lo avrebbero...
Risposta
04/02/2017 18.54.24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
EtaPeta EtaPeta 04/02/2017 ore 19.20.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

OK
ho visto su wikipedia...
il punto è che non credo che qualcuno si sia preso il fastidio di fare un'analisi del nome di Hermann Göring.
Qualcuno invece ha fatto un'analisi complessa del nome di Hitler per associarlo al numero 666 (e all'anticristo).
Non bisogna confondere l'etica con le "etichette".
Etichettare qualcuno è il primo passo.
Se qualcuno non avesse etichettato come "cattivi" gli Ebrei, Hitler anzichè scrivere un libro sugli Ebrei avrebbe potuto scrivere un libro di ricette.
c.hicca44 c.hicca44 04/02/2017 ore 19.42.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta : cioè....wikipedia.....numeri...ops ma solo ora mi accorgo di essere su esoterismo :-x :-x torno nel mondo
Shine37 Shine37 05/02/2017 ore 06.37.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta : chi ha fatto quel calcolo che tu hai esposto all'inizio della discussione , si e' basato sull'alfabeto italiano ma se si fosse basato su quello inglese di 26 lettere o quello tedesco di 27 , i conti non tornerebbero. Questa cosa mi ricorda un po' la smania di voler dare un senso a tutto come le quartine di Nostradamus che si prestano ad un sacco di interpretazioni.
19428864
@EtaPeta : chi ha fatto quel calcolo che tu hai esposto all'inizio della discussione , si e' basato sull'alfabeto italiano ma se...
Risposta
05/02/2017 6.37.06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Shine37 Shine37 05/02/2017 ore 07.02.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta : pare che Hitler sia riuscito a scampare a degli attentati orditi contro di lui che, se fossero andati a buon fine, avrebbero cambiato il corso della storia probabilmente. Avrei dovuto trovarmi in quel contesto per rispondere alla tua domanda ma lui aveva un enorme spiegamento di uomini volti a proteggere la sua persone quando ascese al potere ,che sarebbe stata quasi una missione impossibile toglierlo di mezzo.
EtaPeta EtaPeta 05/02/2017 ore 13.05.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

OK
Cerco di fare un riassunto...
Di che stiamo parlando?
Etica? Facciamo accademia? Facciamo demagogia?
Parliamo di esoterismo (e dell'anticristo)?
Ho cominciato io a essere approssimativo,
ma per me questo è un argomento serio non voglio fare un "minestrone".
Secondo me lo studio della storia è (o potrebbe) essere molto utile.
Molti dicono che la storia non serve,
e alcuni la vorrebbero togliere dalle materie scolastiche (o renderla facoltativa come la religione).
A che serve ricordare date e nomi di cose, persone ed eventi che non esistono più?
Questa è la domanda che alcuni fanno.
La mia opinione è che ci sono sempre le persone che non vogliono condividere.
La domanda che faccio io è:
"Perchè accontentarsi di una fetta di torta quando la si può avere tutta?"
Chi vuole tutta la "torta" per sè dirà che la storia non serve a niente,
ma non è possibile che tutti credano a questa affermazione e così arrivano i "furbi 2.0":
"L'anticristo è Hitler".
Quelli che sanno che al giorno d'oggi bisogna condividere per forza di cose,
cercano di condividere il meno possibile e cercano di prendersi "la fetta più grossa".
Vi invito a riflettere su questo: a chi giova "demonizzare" qualcuno che ormai è meno che cenere?
ludwigB ludwigB 05/02/2017 ore 17.14.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta scrive:
Cerco di fare un riassunto... Di che stiamo parlando?
a chi giova "demonizzare" qualcuno che ormai è meno che cenere?

La domanda posta è il Male esiste ??

Del "perchè" il Male ? Perchè mai questa nefasta presenza "immanente" nella Realta' ?
Da dove esso sorge ? Chi mai ne è l' artefice ? Che cosa è mai questo Male ?
Chiedo allora di "quale" Male si vuol parlare ?
Per quale motivo tale funesta presenza è messa in relazione con l' Entita' divina ?
Come giustificare questa scomoda presenza ? E perchè mai la tanto osannata Onnipotenza divina non riesce a debellarlo ?

Se il credente NON si pone questa domanda - poichè egli accetta integralmente (prendendo per oro colato) la dottrina introiettatagli nella sua mente ( la metafora del PRIMO Adam.. e relative conseguenze ) non cosi' per gli scettici, i dubbiosi, gli agnostici, gli Insipienti.. tutti questi "NON vincolati" dal dogma fanno di questo, per loro, (pseudo)mistero la supposizione dell' Inesistenza di quel mitico Vasaio celeste..eccc.. ecccc....
------------------------------------------------------
Vien citato A. Hitler.. e che dire allora di Caligola, Attila, Tamerlano, Pio V, Torquemada, Stalin, Pol Pot.. eccc.. eccc... ????
Non sono stati anch' essi la "concreta" manifestazione del Male ?



19429372
@EtaPeta scrive: Cerco di fare un riassunto... Di che stiamo parlando? a chi giova "demonizzare" qualcuno che ormai è meno che...
Risposta
05/02/2017 17.14.04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
EtaPeta EtaPeta 05/02/2017 ore 18.12.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

I cattivi della storia sono tanti.
Ma pochi hanno "il marchio di Caino" messo così ben in evidenza,
come il già citato Adolf Hitler.
Poi scusate non fatemi troppe domande che io sono venuto qui per non cercare da solo una risposta,
ed ora quante ne dovrei dare per la mia svogliataggine/incapacità?
:(
Burian87 Burian87 05/02/2017 ore 21.28.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

Non esiste il male, esiste la sofferenza.

La sofferenza è intorno a noi tutti i giorni. Infliggere sofferenza è facile, troppo facile. Il male, o sofferenza, è qualcosa di estremamente banale e naturale.

è il Bene che invece è estremamente complesso e difficile da comprendere e realizzare
19429609
Non esiste il male, esiste la sofferenza. La sofferenza è intorno a noi tutti i giorni. Infliggere sofferenza è facile, troppo...
Risposta
05/02/2017 21.28.42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ludwigB ludwigB 05/02/2017 ore 23.48.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@Burian87 scrive:
Non esiste il male, esiste la sofferenza.


E purtuttavia una ( pur minima ) differenza esiste.
Ad esempio se mi trafiggono con un coltello e/o mi buttano dell' acqua bollentissima... lancio un urlo di "dolore".

Se mi buttano sugli occhi dell' acido e Perdo la vista.. questa è " sofferenza " - perchè non potro' piu' vedere la luce, un fiore, la mia mogliettina, la mia sorella.. - dovro' dipendere dagli altri e questo non lo sopporto.. ecc.. eccc. -
ludwigB ludwigB 06/02/2017 ore 00.08.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta scrive:
io sono venuto qui per non cercare da solo una risposta, ed ora quante ne dovrei dare per la mia svogliataggine/incapacità? :(


chiedo venia -
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 12.42.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

male e bene in assoluto non esistono. sono solo dettami antropologici e socio-culturali a cui si dovrebbero attenere gli appartenenti un gruppo per la coesione e la sopravvivenza dello stesso.es.: gli spartani gettavano dalla rupe tarpea i neonati deformi o in cattiva salute perché non sarebbero mai stati buoni guerrieri. e questo per loro era bene.
od.ino od.ino 06/02/2017 ore 13.59.40 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
male e bene in assoluto non esistono.

Infatti l'esempio da te riportato come bene non è assoluto , è relativo alla società guerriera dei greci di quel tempo !
Come bene relativo , ce ne sono infiniti altri .
E' dalla visione dell'Insieme che si intuisce il bene Assoluto .
Stesso discorso vale per il Male.
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 14.06.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@od.ino : non esiste nulla di assoluto. tutto e' relativo. quale visione d'insieme??
ludwigB ludwigB 06/02/2017 ore 14.06.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
sono solo dettami antropologici e socio-culturali a cui si dovrebbero attenere gli appartenenti un gruppo per la coesione e la sopravvivenza dello stesso



Infatti trattasi sempre dell' aspetto culturale di " determinato " tempo e luogo.
Cosi' è il nostro essere.. "condizionato" dal giudeo-cristianesimo.. da qui il nostro comportamento.. eccc...

Un esempio ? Vediamo nel concreto come l' ambito religioso lo abbia deteminato .
Nelle religioni Mesopotaniche era usuale offrire un sacrifico "umano" ai loro vari "dei" ! Tale rito propiziatorio se non ottemperato, poteva significare la mancata Benevolenza divina.
Quindi quel comportamento era del tutto legittimo (!) e quanto mai "necessario".

Prendiamo allora il Pentauteco - Bene: leggiamo la Genesi.. ed ecco quel "sacrifico" che avrebbe imposto il dioYahwè ad Abramo.

NB. Il dioYahwè NON ha MAI parlato con Nessuno / è Sempre l' autore (!) del testo che fa intendere di aver colloquiato con l' Entita' divina ! ) -

Orbene l' autore (ispirato) riporta che l' Onnipotente avrebbe preteso, al suo devoto Abramo, il sacrificio di suo figlio.. cosi' tanto agognato, tanto desiderato, tanto atteso ( soprattutto dalla moglie Sara )... eccc.. eccc...
Abramo, seppur a malincuore.. purtuttavia talmente granitica era la sua fede nel dioYahwè - che si presta ad assecondare la volonta' divina... quando poi l' angelo che lo ferma.. eccc.. eccc... eccc...

Ora vien fatto intendere ( vedi le lettere di Saulo/Tarso) che Abramo è il fulgido esempio di un "vero" credente, che rinuncia a quanto gli è piu' prezioso PUR di assecondare la volonta' divina.. eccc. eccc..

Tuttavia il "VERO" messaggio ( ! ) è che:
NEANCHE a Dio deve essere sacrificata la vita UMANA !!
E cio' stravolgeva l' usuale prassi / il "normale" comportamente dei politeisti della Mesopotania !!
Cosi' come avverra' nel corso della conquista delle Americhe, le cui popolazioni abitualmente sacrificavano, alle loro divinita', esseri Umani..eccc..eccc..

Con il diffondersi del mono-teismo/ giudaico-cristiano - QUESTA Norma è diventata UNIVERSALE !!

Chissa'.. magari fra qualche secolo anche Questa norma / questo sacro precetto potrebbe essere modificato, stravolto..eccc.. eccc... proprio perchè Nulla (!) è stabile, fisso.
La massima del grande Illuminato d' Oriente:
TUTTO è transitorio, tutto è Impermanente !!!



revenge.1970 revenge.1970 06/02/2017 ore 14.10.53
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

secondo me hitler era un canalizzatore del male
revenge.1970 revenge.1970 06/02/2017 ore 14.11.23
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

secondo me hitler era un canalizzatore del male
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 14.12.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@ludwigB : io considero la bibbia solo una saga popolare. come quella di Gilgamesh, per intenderci. Che una norma sia diventata UNIVERSALE non significa che non sia relativa.
od.ino od.ino 06/02/2017 ore 14.16.40 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
@od.ino : non esiste nulla di assoluto. tutto e' relativo. quale visione d'insieme??

Esempio è la Storia !
Che cosa serve studiare la Storia se poi non cerchiamo di estrapolarne un significato Assoluto che preservi l'Umanità e il Mondo .
ludwigB ludwigB 06/02/2017 ore 14.21.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
io considero la bibbia solo una saga popolare. come quella di Gilgamesh, per intenderci. Che una norma sia diventata UNIVERSALE non significa che non sia relativa.



Condivido al 1000/100 !!
Purtuttavia - devi ammettere che il nostro vivere è stato ed è "ancora" condizionato dalla dottrina giudaica-cristiana.
Avevo infatti aggiunto la massima del mirabile Siddarta , l' Illuminato, il Risvegliato / il Budda:
ovvero della Transitorieta' , dell' Impermanenza del Tutto !!
Quanto alla saga di Gilgamesh - naturalmente so bene che l' ebraismo ha attinto dalla sapienza di "quel" tempo e che lo ha RI-elaborato.. secondo le sue esigenze !

eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 14.33.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@ludwigB : il fulcro storico del cristianesimo e' "date a cesare quello che e' di cesare....", Questo assicurava a Costantino il potere senza alcun pericolo. da qui l'editto dello stesso e l'espansione esponenziale del cattolicesimo.
Perdonami la grossolanita' e la semplificazione, ma non voglio scrivere romanzi.:)
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 14.37.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@od.ino : la storia contribuisce a capire chi siamo e da dove veniamo. Estrapolare un significato assoluto?? e quando mai.
od.ino od.ino 06/02/2017 ore 14.56.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
@od.ino : la storia contribuisce a capire chi siamo e da dove veniamo. Estrapolare un significato assoluto?? e quando mai.

Hai tutto il diritto di fare della Storia ciò che vuoi !
Comunque se lo sterminio degli Ebrei ti suggerisce solo chi siamo , e per te basta per continuare per quella via "Fai pure" !
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 15.38.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

non me lo suggerisce. me lo fa capire. non sono un neonazista tutt'altro. ma l'ideologia nazista, la supremazia del piu' forte e il disprezzo del piu' debole, sopravvive tutt'oggi a livello planetario ed ad opera di chi detiene i grandi capitali. anche gli stermini sopravvivono. Africa docet.
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 15.46.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@od.ino scrive:
per te basta per continuare per quella via

questo e' offensivo. io non ho mai fatto male ad una mosca, almeno volontariamente. che poi il sottoscritto abbia un brutto carattere e' altro discorso.e pure di nessun interesse.
ludwigB ludwigB 06/02/2017 ore 15.47.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
il fulcro storico del cristianesimo e' "date a cesare quello che e' di cesare....", Questo assicurava a Costantino il potere senza alcun pericolo. da qui l'editto dello stesso e l'espansione esponenziale del cattolicesimo. -


Infatti il Gesu' della storia - per la prima volta nel giudaismo "teocratico" - ha scisso le competenze divine rispetto a quelle terrene.

Che poi la stessa chiesa di Roma abbia interpretato "quel" messaggio gesuano a suo "interessato" piacimento, beh.. la storia passata lo dimostra - eccome !
Il fulcro " dottrimario" / prettamente religioso / invece riguardava il rapporto del credente non solo con il dioYahwè ma anche con il suo prossimo ( la summa trovasi nel cap.12 di Marco).

Quanto a Costantino.. in verita' si è dimostrato un abilissimo politico. Quando ha percepito la crescente "nuova" forza dell' emergente religione egli, rispetto ai suoi predecessori, emano' - come primo passo - il famoso Editto di Milano ( anno 313 ).
Ma non solo !
Ben conscio delle diatribe, aspre divergenze all' interno di questa Nuova forza.. volle farsi il garante / il gran mediatore della stessa.
Ecco allora il secondo passo: il suo disegno era quello di presentare un elemento "coagulante" fra le "diverse" popolazioni dello sterminato impero.
Il gran volpone ( seppur ancora "pagano" ) convoco' quel famoso Concilio di Nicea ( anno 325 ), perchè convinto che la ritrovata unita' della nuova emergente religione potesse svolgere ed assolvere il suo disegno.

Da qui l' assurdita': Un pagano che "condizionava" le decisioni assembleari.. che doveva, tra l' altro, discutere su quel problema spinoso relativo alla "consustanzialita'" - motivo di aspra contesa tra il patriarcato di Alessandria e Costantinopoli ! ... eccc... eccccc..
Se dunque Costantino "comprese" la potenzialita' della Nuova forza - chi invece attuo' il suo progetto fu Teodosio I.
Con il suo editto di Tessalonica ( anno 380 ) - il famoso " Cunctos populos " - IMPOSE ( ! ) il cristianesimo come: la religione dello STATO !!
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 16.10.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@ludwigB : Quando mi riferivo all'espansione esponenziale del cattolicesimo davo per scontata l'espansione esponenziale e parallela del potere clericale, a mio avviso l'evento piu' nefasto per la storia e l'umanita' dell'ultimo millennio. Costantino con il suo editto innesco' la miccia e fece esplodere la bomba. Teodosio ratifico' e coordino'il tutto.
19430275
@ludwigB : Quando mi riferivo all'espansione esponenziale del cattolicesimo davo per scontata l'espansione esponenziale e...
Risposta
06/02/2017 16.10.03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ludwigB ludwigB 06/02/2017 ore 16.29.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
Quando mi riferivo all'espansione esponenziale del cattolicesimo davo per scontata l'espansione esponenziale e parallela del potere clericale, a mio avviso l'evento piu' nefasto per la storia e l'umanita' dell'ultimo millennio. Costantino con il suo editto innesco' la miccia e fece esplodere la bomba. Teodosio ratifico' e coordino'il tutto.



Hurra ' --
Siamo in Perfetta Sintonia ! - - ( e te lo dice un EX- seminarista ! )

:boing : :ciao
19430294
@eclex77 scrive: Quando mi riferivo all'espansione esponenziale del cattolicesimo davo per scontata l'espansione esponenziale e...
Risposta
06/02/2017 16.29.26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 16.43.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@ludwigB : Hurra'. e finalmente uno scambio di opinioni intelligente (a mio parere) in mezzo ai post ed ai commenti di sti cerebrolesi (non tutti, ma la maggior parte) che sarebbero disposti anche a discutere sull'esistenza di babbo natale.
PS io non ho frequentato il seminario, ma ho studiato dai preti dalle elementari al diploma di liceo classico. E sono sicuramente meno competente di te riguardo agli argomenti trattati.
od.ino od.ino 06/02/2017 ore 16.51.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
questo e' offensivo. io non ho mai fatto male ad una mosca, almeno volontariamente. che poi il sottoscritto abbia un brutto carattere e' altro discorso.e pure di nessun interesse.

Scusa non volevo urtare la tua dignità !
Volevo solo farti fare mente locale sulla questione !
eclex77 eclex77 06/02/2017 ore 16.54.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@od.ino : ma figurati.era un'ottima provocazione. e le provocazioni sono utili alla dialettica.
EtaPeta EtaPeta 06/02/2017 ore 21.36.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@revenge.1970 scrive:
secondo me hitler era un canalizzatore del male

eh sì di certo Hitler non doveva essere un santo.
Anche le sue diciamo "ricerche per il progresso dell'umanità"
(o più verosimilmente del popolo tedesco), passavano sopra a cumuli di cadaveri.
Quello che differisce un uomo da un animale è l'etica, Hitler non aveva etica,
e per me era decisamente più animale che uomo.
Comunque a prescindere da questa inevitabile precisazione sulla natura "animalesca" di Hitler,
il punto è proprio la "canalizzazione".
"Canalizzazione" e "fanatismo" vanno insieme creando un "movimento distruttivo".
La "mente" canalizza il "braccio" nel "movimento fanatico".
OK Hitler era un animale, ma io sono daccordo con andreabec...

@andreabec scrive:
anche Hitler, qualche volta, avrà detto buongiorno, sarà stato gentile con qualcuno.



Ogni essere umano ha il libero arbitrio ed un'anima, per quanto Hitler
(e altre persone discutibili) abbiano preso decisioni terribili
e debbano essere nel peggiore dei gironi infernali di Dante per quello che hanno fatto,
sono pursempre stati esseri umani.
Ora...
fuori dalla storia...
e dentro l'esoterismo...
L'anticristo non è il male, ma vede in tutto ciò che è umano il male
perchè egli stesso non ha niente di umano.
Cancellare l'esistenza degli uomini è il suo unico scopo,
e per uomini intendo tutti gli uomini non solo gli Ebrei o gli Zingari o le minoranze etniche Africane.
Il suo obbiettivo principale è verosimilmente "distruggere il faro per far naufragare le navi".
Sensa "punti di riferimento" l'uomo vagherà senza meta e senza possibilità di reazione.
Ora, il fanatismo è una possibilità di reazione? Questo non lo so.
Però sono sicuro che Hitler non è l'anticristo,
e che "canalizzare" troppo può equivalere a "tagliare una carota con un'ascia".


19430602
@revenge.1970 scrive: secondo me hitler era un canalizzatore del male eh sì di certo Hitler non doveva essere un santo. Anche le...
Risposta
06/02/2017 21.36.45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Shine37 Shine37 07/02/2017 ore 09.16.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 : un ' affermazione maleducata e discutibile la tua riferita alla gente che scrive in questo forum. Hai deliri di onnipotenza. Abbassa le ali .
eclex77 eclex77 07/02/2017 ore 12.21.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@Shine37 scrive:
Abbassa le ali .

Cosi' precipito nella stupidita' e nell'ignoranza? No, grazie. Alzale tu, se ti riesce.
Shine37 Shine37 07/02/2017 ore 12.24.04 Ultimi messaggi
eclex77 eclex77 07/02/2017 ore 12.30.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@Shine37 scrive:
io sono un angelo...per me non e' un problema

i deliri di onnipotenza o meno riguardano te.
Shine37 Shine37 07/02/2017 ore 13.55.56 Ultimi messaggi
eclex77 eclex77 07/02/2017 ore 14.04.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@Shine37 : si, hai ragione. non ho colto l'ironia (un po' scipita) della tua risposta.apprezzo moltissimo l'ironia e soprattutto l'autoironia. oggi non sono in forma. sorry
19430978
@Shine37 : si, hai ragione. non ho colto l'ironia della tua risposta.apprezzo moltissimo l'ironia e soprattutto l'autoironia....
Risposta
07/02/2017 14.04.50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
eclex77 eclex77 07/02/2017 ore 14.12.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@Shine37 : meglio parlare di informazione culturale che di cultura. di culture ce ne sono innumerevoli ed il mio livello di informazione e' alto solo per alcune (non molte). non voglio fare la maestrina con la penna rossa ma non sopporto il termine "cultura" decontestualizzato.
ludwigB ludwigB 07/02/2017 ore 15.29.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il male esiste?

Etica: Il male esiste?
Riprendo la domanda posta.

L' esperienza del "Male" ( nelle sue varie forme.. ) vissuta concretamente nel corso della propria esistenza è collegata ( almeno nella nostra realta'.. condizionata per secoli e secoli dalla dottrina del Mono-teismo ) al discorso su un' Entita' divina, alla quale gli vengono riconosciuti i piu' eccelsi attributi: la sua incommensurabile Potenza / e sua sconfinata quanto illimitata Bonta'.

Purtuttavia Gia' fra gli stessi appartenenti al quel "determinato" popolo di sua esclusiva Proprieta', alcuni mostravano seri dubbi circa quegli esaltanti riconoscimenti.. tanto che gli autori dei sacri testi li bollavano come emeriti Insipienti ( vedasi alcuni passi del Salterio ).
Quindi questi impenitenti, questi scettici non solo NON riconoscevano quella mirabile Onnipotenza e illimitata Bonta' - ma soprattutto contestavano la sua stessa Esistenza !
Infatti, per loro, l' enunciato biblico, sul quale poggia il dogma dottrinario fondante del mono-teismo / espresso con quel celeberrimo quanto significativo passo di Es. 3.14 / era del tutto fasullo - quanto artificioso. Questo, per loro, era stato creato ad arte dai gestori del sacro.. per indurre l' incolto, il semplice, lo sprovveduto.. alla sottomissione, all' obbedienza del potere costituito / e che nel giudaismo antico era gestito dalla "teocrazia".
Ora riguardo alla fatidica domanda che tanto assilla l' uomo ( Perchè esiste il Male ? ) si fronteggiano due schieramenti, le cui posizioni sono ancora del tutto inconciliabili.
Per i credenti: il Male altro non è che la nefasta "conseguenza" di quello scellerato fattaccio ( fantasioso ?) dell' Eden ! I devoti cosi' "accettano", come verita', la presenza del Male nell' esistenza degli Eredi-discendenti del Primo Adam e pertanto: la realta', il mondo e l' esistenza stessa è intrisa di Imperfezione e corruttibilita' ! Ma la stessa "essenza" dell' umano è propensa alla malvagita' !
Questa incontestabile Verita' ( ovviamente valida per i soli credenti ) è stata evidenziata dall' autore della Genesi - allorquando descrive l' amara contestazione espressa dello "stesso" dioYahwè.
Infatti Egli, nel "godere" la fragranza del riconoscente Noè, intento ad attribuirgli il sacrificio per essere stato salvato da quel distruttivo, quanto purificatore Diluvio ( Gen. cap. 6 - cap. 7 ) - per via della malvagita' umana che ricopriva la Tutta terra - ecco quell' amara constatazione: il cuore dell' uomo è "incline" al Male - SIN dalla sua adolescenza ( cap.8 ) -
Questo assoluto dell' autore della Genesi sara' "continuamente" recitato come estenuante e stancante litania dai successivi autori del Tanakh !

La successiva costituenda Nuova religione non fa altro che "trasferire" la tesi giudaica di quelle "leggendarie" funeste conseguenze adamitiche ( il Male ) non solo riguardante il corrotto ed imperfetto uomo - MA anche - la stessa Natura geme e soffre ( sempre per via del Primo Adam !) -
Cosi' per l' artefice dottrinario Saulo/Tarso ! MA ecco il (suo) rimedio !
Con l' avvento, il verificarsi della strabiliante Parusia del (nuovo) Redentore/Salvatore ( il Messia/Cristo Pneumatico ) - non solo l' uomo credente, ma "anche" la stessa Natura.. Tutti insieme potranno beneficiare dello strabiliante dono della "liberazione" dalla incorruttibilita' ( lettera ai Romani )!

Ben diverso invece per gli "Insipienti" !
Questi non solo contestavano quei titoli attribuiti al dio Biblico ma, riferendosi al famoso e sempre citato assunto del sublime Epicuro, asserivano invece quanto "quel" Vasaio celeste / l' artefice della Creazione / sia del tutto indifferente, insensibile e soprattutto "sfuggente" nei confronti degli indicibili drammi di questo fottuto mondo ! Semmai "Egli" volesse: potrebbe..
Anzi per alcuni "Egli" è in qualche modo il vero Responsabile delle tragedie umane.
Per i piu' "integralisti".. non solo "quell' entita' mono-teista" è priva sia della (sedicente) somma Bonta' che della sua Onnipotenza - ma addirittura negano la sua stessa "esistenza" !
E cio' proprio perchè è inconcepbile il Male sofferto da un neonato / un giusto / un puro di cuore.

Ribattono i credenti: i disegni divini sono imperscrutabili all' uomo, a lui è impossibile - quanto vana - sia la sua "goffa" ricerca di sondare il Mistero.
Anzi proprio la presenza del Male è " positiva " - perchè mirata alla Redenzione e conseguente Salvezza ( vedi la dottrina escatologica.. ) -

Ma - a sorpresa - un insolito quanto eclatante intervento di un "pastore" protestante (Dietrich Bonhoeffer) che - prima di essere giustiziato in un carcere nazista da parte degli aguzzini suoi compatrioti / i cristiani teutonici / riportava, nel suo diaro, l' inqueitante tesi del " Dio Tappabuchi " -
Ovvero quanto sia utilissimo, per gli autori apologetici e per i suoi devoti, il prezioso servizio che a loro offre il dioBiblico - allorquando essi NON hanno argomenti per rispondere e/o difendere tesi Insostenibili, trincerandosi dietro a quel proverbiale motto: Insondabili sono i progetti divini !
Per Bonhoeffer è come avesse effettuato una RI-visitazione di quei (pseudo)amici del famosissimo personaggio ( seppur "virtuale" ) Giobbe ! Questi rappresentavano il saccente clero che predica omelie.. inutili, vuote e senza senso, e che lo stesso Giobbe li definiva come: - edificatori di falsita' / scialatori di vanita' !

E dunque il perchè del Male / al pari della fatidica domanda di "senso" / resteranno ancora problemi del tutto irrisolti -
Riuscira' mai l' uomo a trovare una risposta accettata e condivisa da tutti ??


Filodeon Filodeon 08/02/2017 ore 12.48.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@eclex77 scrive:
sarebbero disposti anche a discutere sull'esistenza di babbo natale.

certo, se si ammette l'esistenza logica degli universali, esiste anche babbonatale renzoelucia geppettoepinocchio ilgattoelavolpe lastregaelafata lavecchiagiovane puersenex laverginemadre uomodio diouomo ibridomitologico minotauro centauro sfinge sirena arpia chimera etc etc, salute!
eclex77 eclex77 08/02/2017 ore 18.22.41 Ultimi messaggi
EtaPeta EtaPeta 16/02/2017 ore 16.00.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

OK
Apprezzo il vostro aiuto, nel rispondere alla domanda del topic.
Ora ci provo io.
Il male esiste?
L'uomo è "un animale sociale" quindi il "male" che io scorgo in primis, è l'asocialità.
Non perché sia di per se un male, ma perché crea dissonanza con ciò che l'uomo fa' in continuazione: socializzare.
Se la mettiamo sul piano "religioso" uno dei sette peccati capitali (nella religione cattolica) è l'accidia, ossia:
"il menefreghismo della altrui sorte" (scusate la libera interpretazione).
Questa tuttavia non è solo una caratteristica umana,
anche i primati sugli alberi lanciano gridi di allarme per se stessi e per la comunità quando scorgono un predatore nelle vicinanze.
Ora, le scimmie quando va bene si tirano le proprie feci uno contro l'altro (paese che vai, usanza che trovi),
noi esseri umani invece abbiamo un "senso" di soddisfazione diverso.
Dipende tuttavia dai casi.
Nell'antica Roma per esempio, le sacerdotesse avevano grandi oneri/onori.
Come ogni cosa però, oneri e onori vanno tramandati alle successive generazioni.
Nel caso della religione cattolica gli oneri (come la castità) e gli onori
(come il privilegio di elargire la verità rivelata) discendono dalle vecchie tradizioni.
Ciò che "è nuovo" ingloba ciò "che è vecchio" in un perpetuarsi della vita.
Ed è così un po' per tutto, anche gli scettici dovrebbero convenire, la scienza stessa è fatta di "regole" ed "eccezioni alla regola".
Alla fine di questa mia interpretazione su cosa è "il maggiore dei mali" vi lascio una riflessione.
Tanto tempo fa (ai tempi dei Sumeri, Assiri e Babilonesi) c'era la magia, ossia "qualcosa che qualcuno faceva",
poi nacque la religione degli "Dei" (e poi il monoteismo),
non sarebbe forse ora di passare a qualcosa di diverso come la religione "ateistica"?
Infondo il sapere è andato avanti,
e mentre prima sapevamo che "il creato" (sole incluso) girava intorno a noi (e alla terra),
ora invece sappiamo che noi e il nostro piccolo pianeta siamo un granellino "di sabbia" in mezzo al deserto "del sapere" (e dell'universo).


ludwigB ludwigB 17/02/2017 ore 17.45.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta scrive:
non sarebbe forse ora di passare a qualcosa di diverso come la religione "ateistica"?


Ma tu non consideri quel radicato senso di "continuita'" del proprio IO che alberga ancora nell' intimo di molti individui.
Tieni presente che proprio questo (eventuale) futuro della propria individualita' post-mortem - per cosi' dire - ha dato vigore ai gestori del sacro, proprio quando sono comparsi i Libri Sapienziali ( Giobbe - Qoelet ) che, di fatto, avevano irreparabilmente screditato la dottrina Tradizionale ( contemplata nel Pentauteco e nei vari Libri dei profeti ).
Se prima il "contentino" era rivolto esclusivamente quaggiu', ovvero:
- la Benevolenza divina si manifestava con: numerosa prole / raccolti abbondanti / possedimento di terre / assenza di malattie.. eccc. eccc. , al credente rispettoso della volonta' divina ( tradotto la pratica della Torah ) -
- Tutto l' opposto era per il malvagio che ( sempre da parte del dioYahwè) " avrebbe " ottenuto sempre e solo sventure, poverta', peste e corna..ecc..ecc..

Tutto questo è andato in crisi con i due Libri citati.
La stessa deportazione a Babilonia fu considerata come il tremendo castigo divino .. per via dell' infedelta' al Patto !eccc.. ecccc.....

E dunque trattasi pur sempre di una questione di "scelta".
Cosi' per la presenza del Male.
Come gia' postato - questo tema ( idem per le mitiche domando di "senso".. ) hanno assillato i nostri antenati e assilano ancora l' uomo di oggi..
Per alcuni il Male è conseguenza del peccato ( la metafora dell' Eden..) - la cui conseguenza è la miseranda esistenza. Purtuttavia al fedele devoto gli vien prospetto un "premio" - MA solo dopo il fatal trapasso..
Per altri il Male è la prova da "sopportare con Rassegnazione" a dimostrazione della propria granitica fede ( un po' come il ( fantasioso) Giobbe ). Anche la piu' indicibile delle soffernze - il "vero" credente mai e poi mai abbandonera' il "suo" Dio..

Altri rigettano le posizioni sopra citate - Anzi contestano "quel" dioMono-tesita / fautore della creazione / al quale vengono attribuiti i piu' ridondanti titoli - in particolare - proprio quello della sublime Bonta' e sconfinata Potenza.
Purtuttavia quel " potrebbe se volesse".. senza purtuttavia intervenire - come un "sfuggire" nei periodi piu' drammatici della storia, è motivo di vera critica verso questa (pseudo)presenza divina !
Eloquente quel drammatico racconto dei Lager - la terrificante testimonianza di Wiesel / che riporta quell' esecuzione di quel ragazzino appeso ad una forca ! Quell' adolescente ( 13 anni ) dagli occhi azzurri per 40 minuti (!) appeso alla corda - perchè la morte tardava a spegnere quella vita innocente!
Dal campo di sterminio si levo' una terribile domanda: dov' è "questo" (sedicente) Dio ?? Altrettanto "indicibile" se non scandalosa la risposta:
- "quel" Dio è Appeso alla Forca !!
Questo è il "dio" che Fugge.. e per molti invece interpretano quanto fasulla sia la sua Esistenza... eccc.. eccc... eccc....

Ecco dunque - dopo secoli e secoli - questo rebus della presenza del Male nel mondo è ancora del tutto irrisolvibile ! ( e/o mai si risolvera' ?? )

Filodeon Filodeon 18/02/2017 ore 12.48.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta scrive:
non sarebbe forse ora di passare a qualcosa di diverso come la religione "ateistica"
La "religione ateistica, ammpcac, esiste già, e si pratica proprio su questo forum dedicato alla magia esoterismo mistero.
A questo proposito mi permetto di citare una mio obsoleto intervento su una discussione sui tarocchi di JanaM postato nell'estate dell'anno scorso col titolo di "Incanto dell'eremita" :
"Il mio Maestro mi ha insegnato che a raccontare la magia priviamo il mondo del suo potere.in particolare se racconti cosa ti capita di magico,perdi potere.io da stanotte sto zitta, infatti."
Alla qual osservazione rispondevo :
"Ritengo proprio che al contrario e all'opposto di quello che vai affermando tu, la MAGIA ((religiosa spiritualista fisicalista materialista comunista idealista cattolica protestante eretica ortodossa che sia e chi più ne ha più ne metta )) agisca sul MONDO proprio tramite il LINGUAGGIO, scritto o verbale che sia, laonde per cui con ciò sia cosa che, la MAGIA SCRITTA trova nella SCRITTURA sul web il suo TRIONFO, come dire il luogo più pertinente e appropriato che le si possa confare..."
E però ESSA RELIGIONE ATEA sarà LIBERAMENTE praticabile quando anche i cattolici accetteranno di identificare il guru ebraico appeso alla croce dai suoi connazionali col ragazzo di cui sotto, citato dal nostro postino forumista Ludovico:
"Eloquente quel drammatico racconto dei Lager - la terrificante testimonianza di Wiesel / che riporta quell' esecuzione di quel ragazzino appeso ad una forca ! Quell' adolescente ( 13 anni ) dagli occhi azzurri per 40 minuti (!) appeso alla corda - perchè la morte tardava a spegnere quella vita innocente!
Dal campo di sterminio si levo' una terribile domanda: dov' è "questo" (sedicente) Dio ?? Altrettanto "indicibile" se non scandalosa la risposta:
- "quel" Dio è Appeso alla Forca !"
Poi eventualmente potranno farli MAGICAMENTE risorgere o l'uno o l'altro o tutti e due...
ludwigB ludwigB 18/02/2017 ore 21.50.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@Filodeon scrive:
sarà LIBERAMENTE praticabile quando anche i cattolici accetteranno di identificare il guru ebraico appeso alla croce dai suoi connazionali col ragazzo di cui sotto, citato dal nostro postino forumista Ludovico:


Non capisco l' ironia.. ma va bene cosi' --
E comunque dovresti sapere che gia' da 3 secoli è in atto lo Jesuforschung / ovvero la ricerca storica del Gesu' terreno.
Questo precesso ( iniziatico dal professore di lingue orientali Samuel Reimarus di Amburgo ) si propone di " scindere " il Gesu' storico DAL Cristo della fede ! Ovvero SE la figura divinizzata è, nello stesso tempo (!), anche quella che è vissuta al tempo di Tiberio ! Infatti da questo - sara' POI - sancito il primo dogma ( consustanzialita' - Nicea _ anno 325 ).. eccc.. eccc...
Oggi, di quel processo - siamo alla sua terza fase, quella che considera quanto influenza "avrebbe" avuto la dottrina giudaica in "quel" determinato periodo storico. Del perché era cosi' forte quell' attesa di un Messia Liberatore.. che scacciasse, dal sacro suolo di Israele, l' occupante (politeista) romano !
Ovvio che per un credente - questo tipo di ricerca storica NON interessa, poiché per lui sono validi i principi dogmatici sanciti dai concili - non cosi' per gli scettici, i dubbiosi, i non credenti.. eccc.. eccc...
Quanto al fatto riportato ( il racconto di Wiesel), vuol significare che "anche" gli ebrei nutrono diffidenza su quel loro dogma dell' esistenza del " LORO" Dio!
Wiesel, infatti era un ebreo, e con quella denuncia sollevava un problema del perché mai "quel" loro Dio potesse permettere quell' inutile sofferenza - quindi il Male sofferto da un giusto.
Puoi condividere o meno quel suo interrogativo, quel suo dubbio - e che è stato evidenziato da quel filone che tratta dell' esistenza o meno di Dio.

Che poi tu termine il tuo post( Poi eventualmente potranno farli MAGICAMENTE risorgere o l'uno o l'altro o tutti e due ) - personalmente non mi interessa..
Semmai riguarda l' individuo ( che sia o meno un credente ).
f.cesco11 f.cesco11 19/02/2017 ore 01.00.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

La discussione è molto interessante. Credo però che prima di stabilire l'esistenza del Male sarebbe da definire cos'è il Male. Genericamente per Male si intende l'assenza di Bene, ma la domanda a qussto punto potrebbe essere: e il Bene, cos'è? Per bene si intende generalmente, bellezza, prosperità intelligenza e via andare, riferito ad una persona, ad una famiglia, ad una comunità. Prendiamo ad esempio una delle qualità, la prosperità: una persona può prosperare, non è detto perà che non lo faccia, anche incosciamente, a danno di altre persone. Prendiamo il bar di successo, il successo deriva dal fatto che il proprietario ci sa fare, ma il fatto di avere successo affossa il commercio dei diretti concorrenti; eppure, niente viene fatto consciamente, ma viene fatto comunque un danno. Da questa considerazione possiamo trarre che è bene o male quello che viene fatto coscientemente, come Bene o Mare. Se faccio del male a qualcuno, e ne sono oosciente, allora faccio del Male. Se pesto inavvertitamentu un piede a qualcuno e gli faccio male, e mi scuso di questo, non è Male. Se lo faccio premeditato, non mi scuso ma anzi mi piace averlo fatto, allora, nel suo piccolo, è Male. L'intenzione, quindi, è determinante. Per me ovviamente e spero di non essere andato fuori tema
19441304
La discussione è molto interessante. Credo però che prima di stabilire l'esistenza del Male sarebbe da definire cos'è il Male....
Risposta
19/02/2017 1.00.00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
EtaPeta EtaPeta 22/02/2017 ore 15.53.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@f.cesco11 scrive:
L'intenzione, quindi, è determinante.



OK f.cesco11 vorrei dirti una cosa, ma non prenderla come una critica, ma solo come un'osservazione.
Nella tua analisi hai tralasciato una cosa importante, ossia la "decisione" (citata però da altri).
Il mio parere è che decidere e intendere sono cose simili ma non uguali.
Io non sono molto pratico della materia, ma ce una teoria secondo la quale esistono infiniti "universi" per ogni decisione che prendiamo.
Tanto per andare "terra terra" non so se qualcuno di voi ha visto il film "Slidding doors".
Ci sono infinite porte a nostra disposizione e moltissimo dipende da quale porta decidiamo di aprire e da quale decidiamo, invece, di tenere chiusa.
L'intenzione invece è il perpetuarsi della "prima decisione".
Ora noi tutti siamo liberi di tornare sui nostri passi e cambiare vita, non perpetuando (eventualmente) delle cattive abitudini, come dice il detto:
"Errare umanum est, perseverare est diabolicum.", o come direbbe un cattolico: "confessati, pentiti e vai con Dio".
Tuttavia l'intenzione è "il banco di prova" della decisione, pochi sono disposti ad ammettere di aver preso una decisione sbagliata,
magari perpetuando un errore per chissà quanto tempo.
Quindi esiste questa difficoltà "soggettiva" nella possibilità di ravvedersi, ma non è l'unica difficoltà,
perché esiste anche una difficoltà "oggettiva".
Entrambe queste difficoltà sviluppano il "male" in quanto (come tu hai detto) è in primis la consapevolezza di fare del male che genera il male.
La difficoltà oggettiva consiste nel fatto che non sempre è possibile tornare alle condizioni iniziali,
ossia rimettere tutto a posto come erano le cose prima di prendere la "fatale decisione".
Questo avviene perché siamo solamente umani (e non divini) quindi soggetti a sbagliare.
Tuttavia questo fa' parte del dono (divino) del libero arbitrio, come ho già detto... "Errare umanum est..." (intercedere è divino).
Il punto è che la natura fa' anche essa parte del creato, e come esistono leggi naturali ferree, come la legge della "giungla"
(il più forte vince sul più debole) esistono delle crudi leggi (naturali) dalle quali è difficile sottrarsi.
Ora noi non viviamo nella giungla, ed è possibile ignorare le leggi della natura, ma vi invito a riflettere:
ignorare una legge naturale è anche essa stessa una decisione, quanto male (o quanto bene) potrebbe generare questa decisione?
f.cesco11 f.cesco11 08/03/2017 ore 01.04.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@EtaPeta : Capisco cosa vuoi dire, ma non "intendevo" essere così raffinato. Io scrivevo dell'intenzione più che dell'intendere, l'intenzione come "Orientamento della coscienza verso il compimento di un’azione, direzione della volontà verso un determinato fine", mentre "La decisione è la scelta di intraprendere un'azione, tra più alternative considerate (opzioni), da parte di un individuo o di un gruppo (decisore)". La questione è sottile, e ai nostri fini, mi sembra che ci possiamo capire anche se si usa un termine al posto dell'altro. In ogni caso, ritornando agli esempi che fai, il Male vero, l'azione maligna, non può essere naturale, non può seguire una legge di natura. La belva che uccide per mangiare, non compie un delitto, segue solo il suo istinto. L'uomo, che riteniamo avere un livello di coscienza superiore ad un animale, magari sbagliando ma ormai abbiamo questa convinzione, se fa un'azione maligna coscientemente, fa Male. E non è nemmeno facile stabilirlo, perché alla fine è difficile stabilire quanto siamo veramente coscienti di quello che facciamo. Quindi, si ha fatto male, ma quanto era cosciente di quello che faceva? aveva considerato tutte le implicazioni? questa è la domanda
19467594
@EtaPeta : Capisco cosa vuoi dire, ma non "intendevo" essere così raffinato. Io scrivevo dell'intenzione più che dell'intendere,...
Risposta
08/03/2017 1.04.07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
elisabetta2016 elisabetta2016 08/03/2017 ore 17.15.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

Il male è presente in ognuno di noi , cosi come c'è il bene. E quando una persona è insoddisfatta o infelice, quando si accorge che intorno ha gente che non si cura assolutamente di te e addirittura approfitta delle tue debolezze per farti ancora meglio le scarpe, allora quella tendenza alla cattiveria presente in ognuno di noi prende il sopravvento e si diventa ancora più cattivi e duri solo per istinto di sopravvivenza.
Se vivi bene se nessuno ti maltratta e se ti va tutto bene , resti buono e pacifico.
Se ti ritrovi a subire ingiustizie, dentro diventerai una vera iena.
Cosi funziona la vita, La gente più crudele è sempre stata quella che ha subito le più profonde ingiustizie e la massima crudeltà.
Hitler e il caso di Hitler non fa testo, E' stato un caso di delirio di onnipotenza che giustificava il sacrificio umano, E' stato una sorta di demagogia o trascinamento di un intero popolo verso un obiettivo, di cui nessuno si curava se fosse eticamente giusto , perché l'intero mondo andava verso destra, Ed anche l'eccidio degli ebrei è avvenuto a seguito di fattori concorrenti e circostanze storiche concomitanti, che trascendono a mio avviso , l'essenza del male intesa in maniera pura . Tutti facevano finta che non esistessero i campi di concentramento, dove tra l'altro finivano tutti gli essere deboli e non in riga col regime. Era solo una sorta di delirio collettivo.
Il male puro c'è anche adesso, c'è ovunque anche nei condomini, anche nelle chat, anche nella gente che il destino malefico ti fa incontrare. Non c'è bisogno di parlare di Hitler e del demonio per capirlo.
Basta guardarsi intorno e la presenza della non disponibilità, dell'intenzionale fare male, dell'inosservanza assoluta di cio che sarebbe giusto, emerge evidente nella nostra vita quotidiana.
19468553
Il male è presente in ognuno di noi , cosi come c'è il bene. E quando una persona è insoddisfatta o infelice, quando si accorge...
Risposta
08/03/2017 17.15.55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Settembre Settembre 14/03/2017 ore 12.42.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@od.ino scrive:
nasce il MALE.



a mio parere il male esiste,

è pensante e operante,

così come il bene...

tutto stà nella decisione

sulla scelta
19473726
@od.ino scrive: nasce il MALE. a mio parere il male esiste, è pensante e operante, così come il bene... tutto stà nella decisione...
Risposta
14/03/2017 12.42.33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Step.penwolf Step.penwolf 20/03/2017 ore 18.11.40 Ultimi messaggi
FedeMago FedeMago 31/03/2017 ore 17.14.03
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

La numerologia fa veramente ridere ... COmunque Hitler era l'anticristo. E Attila no ? Solo perche' e' lontano nel tempo ? E Giulio Cesare no ? Avete idea di quante persone ha trucidato un imperatore come Cesare ma noi lo dipingiamo come un grande condottiero, solo perche' idealizziamo una figura lontana nel tempo. L'etica e' solo un illusione della mente umana, il mostro e' ovunque dentro di noi. Hitle non avrebbe potuto fare nulla senza il consenso.
marianute marianute 31/03/2017 ore 18.56.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

...quando farete del bene ad uno solo di essi (poveri) è come se l'aveste fatto a Me (Cristo).
Le varie povertà possono essere terreno di opportunità per misurare in noi quanto veramente amiamo. Non si dice forse - niente fiori, ma opere di bene- il significato è chiaro, anche al di fuori della religione, esiste una spinta interiore che ci indica la via verso il bene. Sta a noi atteggiarci o meno come le tre scimmiette, una copre gli occhi, una le orecchie e l'altra la bocca.
nicoletta65.MN nicoletta65.MN 07/04/2017 ore 10.44.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

io penso che il male esiste in funzione di assenza di amore altrimenti sci sarebbe tranquillità e pace.se cè amore alla vita tutto è possibile ma se manca e oggi manca molto ovunque di conseguenza il male stà avendo il sopravvento.riguardo a hitler lui era un'idea gli altri erano la mano.la politica italiana in proporzione pensate abbiano causato meno morti?illusi.se guardiamo alla crisi mondiale che stiamo attraverssno poi possiamo parlare di un nuovo olocausto.niente cambia...MAI.
andreabec andreabec 07/04/2017 ore 21.56.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

Se si guarda in modo meno etico, secondo me non esiste né il bene né il male. Esistono una serie di fatti, che interpretiamo in un modo "etico" che ci fa vedere questi fatti come begnigni o maligni. Ma questo significato lo aggiungiamo noi. Soprattutto gli occidentali hanno questa mentalità, gli orientali un po' meno. Facciamo un esempio: sono in un casinò e sto giocando alla roulette. Esce il numero che ho giocato e vinco e sono felice e dico che è bene, non esce il numero che ho giocato perdo e sono infelice e dico che è male. Ma altri, intorno a me, hanno giocato e perso quando vincevo e vinto quando perdevo. Quindi, secondo me, alla fine si arriva alla conclusione che il bene non è così bene, e comunque non per tutti, e il male non è così male e comuqnue non per tutti. Altro esempio può essere questo: il bene costruisce, il male distrugge. Ci sono casi in cui è bene distruggere e altri dove è male costruire. Quindi? Secondo me dipende tutto dalla prospettiva. E la nostra prospettiva, il punto da cui guardiamo le cose, spesso, è infinitamente basso.
19515278
Se si guarda in modo meno etico, secondo me non esiste né il bene né il male. Esistono una serie di fatti, che interpretiamo in...
Risposta
07/04/2017 21.56.15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
elisabetta2016 elisabetta2016 07/04/2017 ore 21.58.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

in questa chat esisterà il maligno? Magari ci contatta e non è una persona è solo il diavolo e ti racconta cose che tu sai, segni che riconosci, si prende gioco di te, chissa forse è cosi
EtaPeta EtaPeta 08/04/2017 ore 17.14.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

OK f.cesco11 forse stiamo parlando di cose diverse.
Anzi di "persone" diverse.
Forse io parlo delle circostanze che possono condurre una persona a fare del male,
e tu parli di chi fa' del male "scentemente".
Ma chi può fare del male con scoscienza sapendo che il male produce solo altro male?
Presumo solo chi una coscienza non la ha,
perchè probabilmente ha una coscienza aldifuori dei normali parametri di spazio e tempo come li consideriamo noi
(che poi è un po' la definizione di follia).
Forse io non ne ho parlato fino ad ora perchè ho difficoltà a "inquadrare" persone (o esseri) di questo tipo.
Comunque l'altro giorno stavo parlando con i miei amici della figura del "demiurgo".
Io penso semplicemente che bisogna perseguire il progresso civile,
se esiste un demiurgo bisogna opporsi ad esso in maniera proporzionale al suo opporsi a noi e alla nostra
(vera o presunta) capacità di progredire come mondo civile.
Anche se a essere sincero a sentire le notizie in TV di questi ultimi giorni, tanto civili non mi sembra che lo siamo. :(
andreabec andreabec 09/04/2017 ore 13.23.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

Non vorrei entrare in una conversazione fra di voi, ma persone che si sentono al di sopra o fuori al normale mondo civile, non è difficile immaginarle. Pensiamo ai grandi capitalisti, chi ha nelle mani la possibilità reale di comprarsi uno stato, molto probabilmente si sente al di sopra del mondo civile come lo intendiamo. Lo stesso per tutti quei vari disadattati che per avventura o per delitto, non hanno più niente da perdere. Anche questi si sentono, non tanto sopra forse ma senz'altro al di fuori di tutte le regole civili. Oltre a questi due tipi abbiamo i disadattati di tutte le forme che anche loro si sento, se non sempre almeno talvota al di sopra o al di fuori. E non sono pochi. I fatti di ogni giorno lo confermano
Bathos Bathos 09/04/2017 ore 13.40.14 Ultimi messaggi
Filodeon Filodeon 14/04/2017 ore 19.23.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Etica: Il male esiste?

@Filodeon scrive:
@eclex77 scrive:
sarebbero disposti anche a discutere sull'esistenza di babbo natale.

Sempre su questa sezione dedicata all'esoterismo un forumista, che se si riconoscesse come autore gradirei che mi dicesse su quale contesto di discussione ne ha parlato, trovo la seguente intrigante riflessione:

Viene anche avanzata un'ipotesi (vicina alla considerazione che la realtà è in qualche misura interpretata da ciascuno): anche le cose immaginate hanno una loro esistenza. La prova di ciò risiederebbe nella possibilità - come per le cose non immaginate - di oggettivarle in forme concrete.
Come le cose vere e concrete, anche le cose immaginarie, in quanto immaginate possono essere suscettibili di essere oggettivate in forme concrete.

Riflessione che mi vien fatto di chiosare nel modo seguente:

l'immaginario immaginato che può essere oggettivato in forme concrete come ad esempio la scrittura (es. romanzo), il disegno (es. un quadro), la musica (es.uno strumento musicale, uno spartito, una performance esecutiva), per cui no si tratta più di dire se esiste o non esiste, ma se è vero falso buono utile esteticamente bello e piacevole o piacente. Idem dicasi per i concetti di MALE DIO BENE Iin quanto no si tratta di discutere sulla loro esistenza, aquanto detto, asssiomatica, ma se sono concetti veri falsi utili menzogneri ...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.