Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Burian87 19/09/2017 ore 19.04.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Io sono il Tutto

Burian87 Burian87 19/09/2017 ore 19.44.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

Mi ha affascinato molto la storia di queste due particelle (elettroni), che una volta divisi, distanza anche di centinaia di Kilometri, hanno avuto lo stesso comportamento una volta ricevuta la stessa informazione. Da che ho compreso, hanno fatto mutare di spin un elettrone, e l’altro in un’altra città ha mutato di spin nello stesso istante. Poi ho visto una equazione della fisica quantistica che fa a meno del tempo. Il tempo non serve, è un confine che noi usiamo per interpretare i fatti che ci circondano. Sull’orlo del buco nero non scorre il tempo. Anche io ho sempre pensato che in fondo è tutto contemporaneo. Nello stesso istante unico mondiale, tutto quello che è avvenuto e avverrà semplicemente avviene. La relatività del nostro essere una singola sfaccettatura della moltitudine con cui si rivela il Tutto, fa si che interpretiamo le manifestazioni che osserviamo con il tempo. Se qualcuno potesse uscire fuori dall’universo, e non guardarlo da un punto interno, ma globalmente dall’esterno, non vedrebbe altro che un qualcosa di compiuto, in tutti i tempi. Non vedrebbe che il tutto, composto da me, da te, da chi oggi crediamo siamo morto e da chi ancora deve nascere. Tutto questo è molto rasserenante e molto bello. Oltre che vedere la morte da un altro punto di vista, placa completamente la tua ansia di essere, di affermarti come singolo contro il tutto. Viene a cadere la mia idea di lotta di me contro il mondo e le sue forze disgregatrici. Sono le stesse forze che mi hanno plasmato, domani mi disgregheranno e plasmeranno altro, ma io sono parte di quel tutto, di quel plasmare. Oggi sono questo domani quello. Io sono una trasfigurazione, una trasformazione continua, e nel Tutto non morirò mai. Devo non avere paura dei cambiamenti, perché il mio destino si compirà comunque. Non sono solo nel mondo, sono un aspetto singolare del mondo. Non abbiate paura nemmeno voi nel mondo. Anche se queste fossero mere fantasie, queste fantasie sono una Via unica per accettare ciò che siamo nel mondo.
19652460
Mi ha affascinato molto la storia di queste due particelle (elettroni), che una volta divisi, distanza anche di centinaia di...
Risposta
19/09/2017 19.44.46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 19/09/2017 ore 20.08.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

Ciò che una volta sembrava impossibile oggi viene dimostrato dalla scienza.
Burian87 Burian87 19/09/2017 ore 20.43.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@TrumpAno :

e quindi?
Credo che non hai compreso tutto il senso del discorso. a parte che leggi fisiche e leggi quantistiche non sono due mondi paralleli. Tutto è governato dalle stesse leggi. è il nostro limite comprensivo a doverci far adottare modelli apparentemente conflittuali
19652512
@TrumpAno : e quindi? Credo che non hai compreso tutto il senso del discorso. a parte che leggi fisiche e leggi quantistiche non...
Risposta
19/09/2017 20.43.07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Sthula Sthula 19/09/2017 ore 21.23.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

Ho scoperto da diverso tempo Corbucci e di lui mi ha molto affascinato la sua teoria in merito agli elementi della tabella di Mendeleev. E sapevo delle due particelle. Quello che la scienza non sa ancora, ma che scoprirà presto, è che c'è un ulteriore microscopico elemento che sta alla base di tutta la vita.
A parte questo particolare, oltre a sapere già queste cose dalla scienza, io le conosco anche attraverso altre vie, cioè noi non siamo il Tutto, ma è verosimile questo concetto. Noi apparteniamo ad un livello base, come possono essere gli organi interni a confronto con l'individuo, oppure come possono essere delle semplici cellule nei confronti degli organi. Se noi siamo le cellule, ci deve essere un organo nel quali "viviamo ci muoviamo e siamo" che a sua volta fa parte di un infinito originario.
La nostra fine è a prescindere da quello che ci sta sopra, come la morte di una cellula è ininfluente ai fine dell'organismoo umano. Però per fare un esempio a tema, ci sono 8 cellule nel nostro corpo, che si chiamano totipotenti, che non invecchiano e non muoiono. Questo vuol dire che un certo destino si compie a prescindere dal nostro fine ultimo. Ma mentre per le cellule è tutto programmato, l'essere umano ha la facoltà di poter partecipare a questo processo infinito, oppure rifiutarlo. Il libero arbitrio
19652557
Ho scoperto da diverso tempo Corbucci e di lui mi ha molto affascinato la sua teoria in merito agli elementi della tabella di...
Risposta
19/09/2017 21.23.39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
seilion seilion 19/09/2017 ore 21.42.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

Giusto, il concetto io sono il tutto. Ognuno di noi, si sente al centro della vita e il tutto gira attorno ad ognuno di noi
19652579
Giusto, il concetto io sono il tutto. Ognuno di noi, si sente al centro della vita e il tutto gira attorno ad ognuno di noi
Risposta
19/09/2017 21.42.53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
xJ0KeRx xJ0KeRx 20/09/2017 ore 19.15.11
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

l'acqua calda...
Gia Einstein ipotizzo le variabili nascoste ammettendo che qualcosa nella quantistica non funzionava e con l'engagement ne ebbero conferma
In poche parole due particelle in stato di engagement anche poste a distanze enormi coninutano a comunicare superando la velocità della luce istantaneamente, la non località di tali variabili ipotizzate non pertmette aime di poterle osservare
Immaginare la realtà senza tempo non ha senso nel momento in cui deve esserci evoluzione, divenire vita-morte
Quando sarete morti la maggior parte di voi non esisterà piu, chi vivrà si accorgera che ilt empo non serve in uno stato di perfezione dove niente è piu perfettibile e quindi niente è piu mutevole, non esiste il divenire non esiste il tempo
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 21/09/2017 ore 22.18.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@seilion scrive:
Giusto, il concetto io sono il tutto. Ognuno di noi, si sente al centro della vita e il tutto gira attorno ad ognuno di noi


Quello si chiama egocentrismo.
19654409
@seilion scrive: Giusto, il concetto io sono il tutto. Ognuno di noi, si sente al centro della vita e il tutto gira attorno ad...
Risposta
21/09/2017 22.18.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
eclex77 eclex77 22/09/2017 ore 16.13.15 Ultimi messaggi
seilion seilion 22/09/2017 ore 16.16.46 Ultimi messaggi
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 26/09/2017 ore 22.27.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@seilion scrive:
egocentrismo, è già una malattia mentale.

No. Non può essere considerato una patologia.
Filodeon Filodeon 27/09/2017 ore 14.02.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Burian87 scrive:
due particelle (elettroni), che una volta divisi, distanza anche di centinaia di Kilometri, hanno avuto lo stesso comportamento una volta ricevuta la stessa informazione. Da che ho compreso, hanno fatto mutare di spin un elettrone, e l’altro in un’altra città ha mutato di spin nello stesso istante

Se Einstein avesse letto il fenomeno quantico dell'azione a distanza così come lo hai esposto tu, ammpcac, ritengo che non avrebbe mai ingaggiato la sua polemica con Max Born sostenendo che la fantomatica ed inquetante azione a distanza postulata dalla fisica quantistica violerebbero il principio della velocità della luce.
Nella tua formulazione infatti dici che due elettroni gemelli interagiscono istantaneamene, cioè presentano lo stesso comportamento, UNA VOLTA RICEVUTA LA STESSA INFORMAZIONE, dove la frase in grassetto costituisce "il ponte dell'asino" nell'accezione tedesca, cioè un ponte dotato di parapetti che dell'asino ne impediscano la caduta, mentre invece la generica frase dell'indeterminazione quantistica che LA MISURAZIONE ALTERA LA COSA MISURATA rappresenta invece il "ponte dell'asino" nell'accezione inglese, e cioè un ponte insicuro che fa cascare l'asino che sarebbe metaforicamente il povero Einstein, spinto giù dal ponte, sempre metaforicamente dal suo amico Max(*).
Ma vorrei esemplificare tornando alla tua formulazione e anzi aumentandone le "difficoltà" in termini di valori numericamente misurabili, per cui in luogo di due atomi gemelli con lo stesso spin e distanziati spazialmente col diametro della Terra ( 12700Km ) propongo CONTROFATTUALMENTE due cellulari della stessa marca uno in possesso ad un operatore sulla Terra e uno in dotazione di un astronauta su Venere , distanziati quindi di un'ora della velocità della luce, mi sembra addiritura lapalissiano che una volta sincronizzati i loro rispettivi orologi dei cellulari nel senso che quello dell'astronauta venusiano venga a trovarsi con un'ora di ritardo rispetto a quello dell'operatore terrestre, quando quest'ultimo, a sincronizzazione avvenuta, gli chiede via radio che ore sono, sia pur con due ore di ritardo ma si sentirà rispondere che su Venere era esattamente la stessa ora che nel momento della "telefonata" era segnata dal suo orologio digitale sulla Terra, come dire che i due cellulari, come i due elettroni gemelli, UNA VOLTA RICEVUTA LA STESSA INFORMAZIONE, hanno reagito istantaneamente e non si può certo insinuare nonchè sospettare che i due cellulari si sono permessi di trasmettersi informazioni contravvenendo al principio della velocità della luce.
Mi sa tanto che Einstein strenuo difensore della sua "velocità non plus ultra", la voleva difendere ad oltranza anche se non era stata assolutamente viol(ent)ata.

(*)Leon Lederman riferisce un gustoso aneddoto che qui torna utile riportare in quanto intuisco larvate connessioni ma non tanto con la polemica che avevano ingaggiato sul presente argomento.
Un giorno che si trovavano a passeggiare in una imprecisata foresta sulle Montagne Rocciose, si imbatterono in un orso con evidenti intenzioni bellicose nei loro confronti, al chè l'amico Born si tolse con calma dallo zaino le scarpe da tennis che meticolosamente alternava agli scarponi da gitante a seconda delle circostanze del terrreno, mentre Einstein, che non altrettanto meticoloso nelle faccende pratiche, teneva soltanto degli sgangherati sandali che calzava indiscriminatamente, non si trattenne dal fare una rassegnata osservazione all'amico che stava già allacciandosele.
" Guarda, Max, che non serve a niente, neanche con le scarpe da tennis, riuscirai mai a correre più veloce dell'orso, se decidesse di inseguirci "
" Lo so, caro Albert, ma a me non serve correre più veloce della velocità della luce o di quella dell'orso, ma soltanto di essere più veloce di te e la mia non è una teoria incompleta o dalle variabili nascoste." ...
19659038
@Burian87 scrive: due particelle (elettroni), che una volta divisi, distanza anche di centinaia di Kilometri, hanno avuto lo...
Risposta
27/09/2017 14.02.42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Sthula Sthula 27/09/2017 ore 18.32.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

E se l'orso avesse scelto Max, per una serie di motivi a noi sconosciuti?
Burian87 Burian87 27/09/2017 ore 19.15.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

Io penso che presto si scoprirà una grande cosa in fisica. Una energia invisibile e difficile da misurare che io chiamerei "energia di informazione". Questa energia è alla base di tutto, dal comportamento di tutti gli atomi dello stesso materiale, a quello della tramissione del dna.
19659259
Io penso che presto si scoprirà una grande cosa in fisica. Una energia invisibile e difficile da misurare che io chiamerei...
Risposta
27/09/2017 19.15.16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Sthula Sthula 27/09/2017 ore 19.16.51 Ultimi messaggi
Filodeon Filodeon 30/09/2017 ore 12.32.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Sthula sE se l'orso avesse scelto Max, per una serie di motivi a noi sconosciuti?

...............poema(*) romanzo storico(**) romanzo di spionaggio (***)................

"de dubiis rebus quidlibet omen valet" , per cui si potrebbe anche controfattualmente ipotizzare che l'orso dopo aver digrignato i denti, scodinzolando la coda se ne sia andato per i fatti suoi e che però uscito fuori dal raggio di azione del fucile ( campo quantizzato del pericolo di fuoco amico ) di una spia sovietica che aveva il compito di seguire in incognito i due scienziati per carpire più informazioni possibili in merito agli studi sui campi quantizzati dell'elettrodinamica (QUED) cromodinamica (QCD) quantisticche in merito alle forze delle interazioni gravitazionali forti e deboli, lo abbia abbattuto, salvando capra e cavoli e anche il lupo...come dire, cogliendo tre piccioni con un sol colpo...

(*) Il crociato che aveva ingabbiato la moglie nella cintura di castità...
(**) Don Rodrigo Egidio la Santificetur e la Monaca di Monza...
(***) La spia sovietica che si fa spacciare da bracconiere...
( NB : si prevede per il futuro anche un approccio romanzesco di genere fantascientifico, sempre se mi ci si presenterà lo spunto buono per affrontarlo )...
Sthula Sthula 30/09/2017 ore 19.19.10 Ultimi messaggi
Frinz.00 Frinz.00 04/10/2017 ore 20.11.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Burian87 scrive:
Mi ha affascinato molto la storia di queste due particelle (elettroni), che una volta divisi, distanza anche di centinaia di Kilometri, hanno avuto lo stesso comportamento una volta ricevuta la stessa informazione.

E' veramente incredibile.
Non fa altro che confermare che tutto e' collegato come giusto che sia.
Quindi si dovrebbe dedurre che per quanto riguarda una forma di vita umana o animale, i vari atomi con relativi elettroni alla morte dell' individuo dovrebbero disgregarsi senza perdere di consistenza ma trasferendosi nella materia circostante. Ad esempio nella terra nei casi di un seppellito.
La stessa terra che pero' rimane inutilizzata perche' e' chiusa dentro un loculo,
quindi nessuna possibilita' di riutilizzare gli atomi di quella persona per una sorta di reincarnazione.
A questo punto entrerebbero in gioco i famosi 21 grammi
quelli che si perdono di peso nel momento della morte ( Non so se e' vero ricordo il film )
Per una possibile reincarnazione il corpo sarebbe solo un tramite mentre la vera materia che torna a vivere e' quella che ' evapora ' al momento della morte.
Frinz.00 Frinz.00 04/10/2017 ore 20.21.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

L’ERRORE SUL PESO DELL’ANIMA
Di Massimo Guzzinati

Nel 1907, il dottor Duncan MacDougall di Haverhill in Massachussets, misurò il peso corporeo di sei persone durante il loro trapasso. I dati registrati gli fecero concludere che, subito dopo la morte, ogni corpo umano perde 21 grammi. Questo peso, secondo lo scienziato statunitense, sarebbe da attribuire all’anima.
Nonostante il metodo utilizzato da MacDougall, che non viene ritenuto scientifico per la bassa numerosità dei campioni e per la mancata possibilità di ripetere l’esperimento sui medesimi soggetti, visto che ognuno può morire una sola volta, questo assunto è entrato a far parte delle credenze popolari, tanto da ispirare il film “21 grammi” del 2003, che ne ha ulteriormente aumentato la popolarità.
Nel 2007 l’esperimento è stato ripetuto con moderne bilance elettroniche e la perdita di peso registrata dopo i decessi dei campioni è stata di 21,00019 grammi, risultato che ha reso finalmente scientifica quella che ormai era diventata una leggenda metropolitana.

QUALE PARTE DELLO SPIRITO PESA 21 GRAMMI

http://www.ufdc.eu/?p=591
Sthula Sthula 04/10/2017 ore 22.03.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Frinz.00 : Forse sarebbe meglio aprire un altro post relativo a questo argomento, comunque ho letto l'articolo che senz'altro è molto interessante, anche se non condivido certe idee di fondo, per esempio come è fatto lo spirito.
Forse l'unica parte materiale che potrebbe uscire dal corpo potrebbe essere la mente. Gli altri due elementi non fanno parte del mondo materiale e come tali non hanno un peso
19664894
@Frinz.00 : Forse sarebbe meglio aprire un altro post relativo a questo argomento, comunque ho letto l'articolo che senz'altro è...
Risposta
04/10/2017 22.03.53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Frinz.00 Frinz.00 04/10/2017 ore 22.27.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Sthula scrive:
Forse sarebbe meglio aprire un altro post relativo a questo argomento, comunque ho letto l'articolo che senz'altro è molto interessante, anche se non condivido certe idee di fondo, per esempio come è fatto lo spirito.
Forse l'unica parte materiale che potrebbe uscire dal corpo potrebbe essere la mente. Gli altri due elementi non fanno parte del mondo materiale e come tali non hanno un peso

Mha sinceramente serve la prova certa che il peso sia quello dato che non ho cercato oltre l' articolo.
C'e' da perdersi a pensare un relativa spiegazione... le idee non mancano ma alla fine deve entrare per forza un componente esterno per far deviare in un determinato posto un qualcosa ( DIO ) ....
E' il limite della nostra conoscenza... oltre non si puo' andare
Frinz.00 Frinz.00 04/10/2017 ore 22.29.21 Ultimi messaggi
Sthula Sthula 04/10/2017 ore 23.58.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Frinz.00 : Forse quel componente esterno è proprio lo spirito, ma spesso sento dire che noi siamo lo spirito. La cosa potrebbe essere leggermente diversa, noi potremmo essere l'anima, quella stessa anima che potrebbe essere riassemblata in un altro corpo meno denso, con la partecipazione di quello stesso spirito. Che equivarrebbe al concetto della reincarnazione o trasmigrazione, con la differenza che si trasmigrerebbe a livelli sempre superiori e non rilegati alle infinite reincarnazioni terrene, dimentichi di chi siamo stati.
Filodeon Filodeon 05/10/2017 ore 14.32.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Sthula scrive:"
(((...sempre SE MI CI SI presenterà l'occasione...)))"

Questa è buona

Purtroppo non mi ci si è presentata l'opportunità di poter sfruttare un qualche appiglio dal tuo MINI-COMMENTO come pretesto per il ROMANZO-BONSAI in chiave fantascientifica che avevo promesso di postare se mi ci si fosse presentato lo spunto, tuttavia una qualche riflessione ce la si ci può permettere prendendo l'abbrivio dalle medesime particelle pronominali che hai dimostrato di apprezzare e che ritengo a ragione appartenere alla categoria che, secondo la grammatica generativo trasformazionale di chomskyana memoria, sarebbero riconducibili alla struttura superficiale delle frasi complesse, intrecciate, ellittiche, pronominali sintetiche, che si presentano in buona sostanza molto LEGGERE e che però sono suscettibili di essere trasformate in frasi nucleari, analitiche, sostantivate, nominalistiche, appartenenti alle categorie della struttura profonda, che si presentano in buona sostanza molto PESANTI laonde per cui, se ce la ci si sente, si può tentare al limite l'esplicitizzazione trasformazionale a struttura profonda della mia breve riflessione strutturata superficiale giocata prevalentemente in chiave di particelle pronominali enclitiche e proclitiche...
Filodeon Filodeon 05/10/2017 ore 15.32.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Frinz.00 scrive:
Nel 2007 l’esperimento è stato ripetuto con moderne bilance elettroniche e la perdita di peso registrata dopo i decessi dei campioni è stata di 21,00019 grammi, risultato che ha reso finalmente scientifica quella che ormai era diventata una leggenda metropolitana.

Anche se piena di fascino, ammpcac, rimane comunque una boutade proprio perchè si è pervicacemente voluto PESARE la GRAVITA della massa corporea, quando, dal momento che se di anima si tratta, di particelle nucleari o subnucleari sarebbe stato duopo occuparsi, per cui se si fosse trattato di ricercatori seri, ritengo che avrebbero preferito un approccio di MISURAZIONE QUANTISTICA, senza contare il fatto che considerando che 21 grammi di peso corrispondono ad un numero sterminato di particelle ELETTRONICHE NUCLEARI e/o SUBNUCLEARI che siano, se la differenza di peso avviene istantaneamente con la morte cerebrale e/o con l'esalazione dell'ultimo respiro, il fatto che la dipartita dello psichico soffio vitale non avvenga con concomitanti fenomeni rilevabili necessariamente anche fisicamente da un qualche lampo di luce o da contatori Geiger o similari apparecchiature di dispositivi elettrometrici, la misurazione secondo la teoria fisica tradizionale mi pare faccia acqua da tutte le parti come avviene dei liquidi biologici del cadavere stesso che si mette a perdere acqua dagli sfinteri che autonomamente si rilassano...
19665286
@Frinz.00 scrive: Nel 2007 l’esperimento è stato ripetuto con moderne bilance elettroniche e la perdita di peso registrata dopo i...
Risposta
05/10/2017 15.32.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Sthula Sthula 05/10/2017 ore 21.02.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Filodeon scrive:
Purtroppo non mi ci si è presentata l'opportunità di poter sfruttare un qualche appiglio dal tuo MINI-COMMENTO come pretesto per il ROMANZO-BONSAI in chiave fantascientifica che avevo promesso di postare se mi ci si fosse presentato lo spunto, tuttavia una qualche riflessione ce la si ci può permettere prendendo l'abbrivio dalle medesime particelle pronominali che hai dimostrato di apprezzare e che ritengo a ragione appartenere alla categoria che, secondo la grammatica generativo trasformazionale di chomskyana memoria, sarebbero riconducibili alla struttura superficiale delle frasi complesse, intrecciate, ellittiche, pronominali sintetiche, che si presentano in buona sostanza molto LEGGERE e che però sono suscettibili di essere trasformate in frasi nucleari, analitiche, sostantivate, nominalistiche, appartenenti alle categorie della struttura profonda, che si presentano in buona sostanza molto PESANTI laonde per cui, se ce la ci si sente, si può tentare al limite l'esplicitizzazione trasformazionale a struttura profonda della mia breve riflessione strutturata superficiale giocata prevalentemente in chiave di particelle pronominali enclitiche e proclitiche...

Un una parola "cacofonie"
Sthula Sthula 05/10/2017 ore 21.05.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

Ritornando al secondo tema del topic, quello del peso dell'anima, è anche vero che nella maggior parte delle persone, lo spirito e l'anima se ne vanno molto prima della morte cerebrale, quindi tutto il discorso decade
Frinz.00 Frinz.00 05/10/2017 ore 21.37.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Sthula scrive:
Forse quel componente esterno è proprio lo spirito, ma spesso sento dire che noi siamo lo spirito. La cosa potrebbe essere leggermente diversa, noi potremmo essere l'anima, quella stessa anima che potrebbe essere riassemblata in un altro corpo meno denso, con la partecipazione di quello stesso spirito. Che equivarrebbe al concetto della reincarnazione o trasmigrazione, con la differenza che si trasmigrerebbe a livelli sempre superiori e non rilegati alle infinite reincarnazioni terrene, dimentichi di chi siamo stati.

Potrebbe essere un opzione, oppure anche un percorso solo terreno da finire sarebbe logico. Una sorta di raggiungimento del percorso dopo il quale c'e' il passo avanti....
Tornando al tema del post sarebbe interessante sapere cosa hanno scoperto fino ad adesso al Cern in Svizzera..... Quei 50 chilometri di galleria con relativi miliardi di euro avranno anche fruttato qualcosa.
19665527
@Sthula scrive: Forse quel componente esterno è proprio lo spirito, ma spesso sento dire che noi siamo lo spirito. La cosa...
Risposta
05/10/2017 21.37.25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Burian87 Burian87 06/10/2017 ore 00.37.06 Ultimi messaggi
seilion seilion 07/10/2017 ore 19.44.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Io sono il Tutto

@Burian87 : A me sembrano un sacco di castronerie, fate a gara chi le spara più grosse?

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.