Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

voldben 08/12/2017 ore 19.18.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?


Che cos'è il destino?
Un concatenarsi implacabile di cause ed effetti; ma solo la vita biologica, istintiva, è totalmente sottomessa al destino. Quindi, tutti gli esseri che si identificano con il proprio corpo fisico, e hanno come scopo principale nell'esistenza la ricerca dei piaceri, del benessere e dei beni materiali, non possono sfuggire alle leggi del destino. Viceversa, colui che è cosciente di essere prima di tutto uno Spirito, e cerca di manifestarne la supremazia in tutte le sue attività, per lasciare sulla Terra tracce di Luce, di Amore e di Nobiltà, diviene sempre più padrone del proprio destino. Dunque, è chiaro, non c'è bisogno di discutere e di porsi domande sulla Libertà: solo chi si sforza ogni giorno di dare il primo posto allo Spirito sfuggirà all'influenza del destino e diverrà veramente libero. (tratto da di O.M. Aivanhov)
8529871
Che cos'è il destino? Un concatenarsi implacabile di cause ed effetti; ma solo la vita biologica, istintiva, è totalmente sottome...
Discussione
08/12/2017 19.18.37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
Sthula Sthula 08/12/2017 ore 23.49.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

Dipende dai punti di vista. Sfuggire un destino senza conoscere i contorni, servirebbe soltanto a trovarne un altro, senza poter sapere quale sarebbe meglio. Ovviamente se si conoscesse già il destino, allora potrebbe avere un senso cambiarlo.
19718142
Dipende dai punti di vista. Sfuggire un destino senza conoscere i contorni, servirebbe soltanto a trovarne un altro, senza poter...
Risposta
08/12/2017 23.49.03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
jakopo68 jakopo68 22/12/2017 ore 18.18.18 Ultimi messaggi
Burian87 Burian87 24/12/2017 ore 16.14.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

@jakopo68 :

può darsi che quell'idea di buttarti sotto il treno sia già insita nel destino, radicatasi nella mente dopo rapporti di eventi e cause effetti e solo falsamente sembri un atto volontario
19728950
@jakopo68 : può darsi che quell'idea di buttarti sotto il treno sia già insita nel destino, radicatasi nella mente dopo rapporti...
Risposta
24/12/2017 16.14.46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Gio.1947 Gio.1947 24/12/2017 ore 17.15.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

@jakopo68 scrive:
sì! se ti butti sotto un treno lo cambi di sicuro

Forse non lo stai cambiando, forse era tuo destino buttarti sotto un treno e facendolo lo hai concretizzato
jakopo68 jakopo68 24/12/2017 ore 17.29.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

forse è consapevolezza di fare un atto che non centra con il destino, dato che per contrapposto al destino esistono: la volntá, la fede, la determinazione, l'intelligenza tutti eventi che possono modificarevil tuo destino o quello di un'altra persona
Gio.1947 Gio.1947 24/12/2017 ore 18.08.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

@jakopo68 scrive:
forse è consapevolezza di fare un atto che non centra con il destino, dato che per contrapposto al destino esistono: la volntá, la fede, la determinazione, l'intelligenza tutti eventi che possono modificarevil tuo destino o quello di un'altra persona

Tutto quello che deve accadere accadrà, per quanti sforzi si compiano per impedirlo.
Tutto quanto non deve accadere non accadrà, per quanti sforzi si compiano per farlo accadere.
Ramana Maharshi

Per esperienze personalmente vissute trovo questa massima veritiera
tutto quello che deve accadere accadrà quello che non deve accadere non accadrà, tutto è già scritto. Credo nel destino.

Michelangelo si nasce non si diventa
Leonardo si nasce non si diventa
Maradona si nasce non si diventa
jakopo68 jakopo68 24/12/2017 ore 18.20.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

la base è giusta solo che non si chiama destino ma dna però se non hai determinazione e volontá resti al palo e queste sono doti non destini
KitCarson1971 KitCarson1971 01/01/2018 ore 17.28.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?


Possiamo cambiare il nostro destino? si e... no.
In breve,per un primo abbozzo si può dire che il destino (o predeterminazione) è una concezione molto antica: i Greci e i Romani ammettevano un FATO in cui era stabilito il futuro di tutti i viventi. Le filosofie indiane considerano un dinamismo ciclico nel quale i mutamenti sono determinati in una serie di alti e bassi come nel giro di una ruota.

Anche l'antica filosofia cinese vedeva la realtà come costituita da una continua serie di mutamenti in armonia fra di loro e determinati da una legge universale. Invece per gli stoici va visto come una razionalità universale che determina tutti i fatti dell'Universo e l'uomo non può far altro che adeguarsi . Pure i maomettani ammettono un FATO misterioso o Kismet. Nel cristianesimo infine, alcune diramazioni protestanti come il Luteranesimo e il Calvinismo sostengono una rigorosa pre-determinazione per la quale il destino umano, la sua salvezza o la sua dannazione, sono prestabiliti fin dalle origini dalla volontà divina.
Kit
mikcek57 mikcek57 06/01/2018 ore 23.52.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

Il destino non si può cambiare dal momento della nascita e già segnato, siamo spiriti incarnati nella materia, siamo noi a decidere quale esperienza vivere siamo già a conoscenza del destino a cui andiamo incontro..lo abbiamo scelto noi quindi perchè cambiare la vita che noi abbiamo scelto di vivere.

Accettiamo di buon grado ciò che sarà ne trarremo beneficio nella prossima.
KitCarson1971 KitCarson1971 07/01/2018 ore 11.11.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?


Ci sarebbero molti distinguo, e sarebbero d'obbligo, solo non so se questa è la sede giusta per una tematica così vasta. Va comunque precisato che il destino di ogni essere vivente è subordinato alle esperienze di uno spirito (degli innumerevoli spiriti). Va altresì precisato che l'atto della reincarnazione, che in molti riducono a DESTINO, non è un atto obbligatorio per lo spirito, ma che dopo aver scelto il mezzo (l'essere vivente), si determinano un ciclo di esperienze che lo spirito sceglie, a proposito, per le proprie esperienze spirituali nell'ambito della materialità. Concetti difficili, ne convengo, ma altrettanto veri.

In breve, uno spirito che si incarna in un uomo, lo fa per la legge di sviluppo infinito, solo esclusivamente per la SUA evoluzione. Triste da dirsi, ma noi tutti non siamo altro che "un mezzo" per la crescita di uno spirito nelle sue molteplici reincarnazioni. Il destino dell'uomo (visto come corpo materiale)dunque è del tutto secondario, la nostra materialità è indispensabile al principio di evoluzione spirituale di cui lo spirito necessita. ANCORA PIU' ESPLICITO: Il destino di ogni uomo, pur variegato su questa nostra Terra, ha la sua storia unicamente per l'itinerario evolutivo perfettamente distinto di uno delle innumerevoli emanazioni di Dio, ovvero ogni singolo spirito incarnato.
Kit

19736622
Ci sarebbero molti distinguo, e sarebbero d'obbligo, solo non so se questa è la sede giusta per una tematica così vasta. Va comun...
Risposta
07/01/2018 11.11.13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Sthula Sthula 07/01/2018 ore 22.37.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

@KitCarson1971 : Certamente ognuno è libero di esprimere ogni suo pensiero, ma affibbiare tutto questo pappiè di spiriti, preso pari pari (e forse mal digerito) da qualche libro di spiritismo e attribuirlo a chiccessià, mi sembra un errore molto grossolano. Tu ti rivedi nella descrizione che da la spiritismo, dove gli esseri umani sarebbero dei gusci vuoti in balia degli spiriti, ma non per questo puoi generalizzare e farlo passare per un credo universale accettato e condiviso da tutti.
Parla semmai per le tue convinzioni personali, che in questo caso sono rispettabilissime, ma non ti azzardare a dare per scontato quello che certi spiriti non ben definiti danno a qualcuno per oro colato.
Innanzi tutto si tratta di rispetto.
infine un suggerimento, non si mette "mi piace" su uno scritto personale. Fa semplicemente ridere
andreabec andreabec 07/01/2018 ore 22.46.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

Il concetto di destino ha bisogno, per concretizzarsi, di un altro concetto, il tempo. Nel contetto di destino infatti è insito un inizio e una fine, un prima e un dopo. Tutto questo presuppone il concetto di tempo. In un altra discussione, tempo fa, qualcuno portò la teoria che il tempo non esiste e che quello che chiamiamo tempo è solo una convenzione dell'esperienza umana. Ora se togliamo il concetto di tempo, come non esistente, il concetto di destino crolla.
Personalmente credo che il tempo sia solo una convenzione umana e di conseguenza che il destino non esista.
Il destino essendo solo un mezzo, un trucco della mente, per non assumersi le proprie responsabilità.
Prendendo il problema da un'altra angolazione, è assurdo predendere di cambiare a proprio favore una cosa che non conosciamo. Anche ammettendone l'esistenza, infatti, del nostro destino non conosciamo niente e non potrebbe essere altrimenti visto che non sappiamo nemmeno se esiste davvero. Quindi come possiamo pretendere di cambiarlo, (agendo su cosa?) e in meglio per noi?
Ricordiamoci che il destino era un trucco narrativo nelle antiche commedie greche, che per la maggior parte avevano intenti moralizzatori. Bene come trucco narrativo ma mi fermerei qui.
Glifosato Glifosato 08/01/2018 ore 10.32.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

@voldben scrive:
POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

l'abito non fa il monco.
KitCarson1971 KitCarson1971 08/01/2018 ore 20.14.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?


Sthula ciao. A volte pensar male non si fa peccato e spesso ci si azzecca, solo non bisogna esagerare, specialmente quando i giudizi sono affrettati e per il semplice fatto che non si conosce nulla dell'interlocutore di turno. Detto questo, la libertà di pensiero è sacrosanta, ad ognuno il suo. Ad ognuno le proprie convinzioni senza obliare però quelle altrui.

Le mie nascono sostanzialmente sul campo d'indagine, almeno fino ad un paio d'anni fa, prima che per forza di causa maggiore il gruppo dopo 22 anni si sciogliesse. Lo riporto perchè le convinzioni su base medianica hanno avuto negli anni dei veri riscontri. La tematica parapsicologica non era comunque l'attività più trattata, ma più di altre portava a rivelazioni moraleggianti. Ripeto, accondiscendenze mediate e meditate nel tempo, ma sempre con una convinzione del tutto soggettiva. Nel senso che la (le) verità potrebbe essere ben altro.

L'insoddisfazione, la curiosità, la volontà di capire, porta ognuno di noi verso strade più o meno congeniali, in cerca di risposte. Il mio difetto, forse, è quello di mette senza remore d'anticipo, i propri risultati direttamente sul tavolo. Spesso, troppo spesso, e NON mi rivolgo a te, si è giudicati da chi la parola ricerca è una dialettica incomprensibile..., ma nonostante tutto, pur non avendo mai sperimentato non rifugge di sedersi sopra un immaginario scranno regale e si sente in diritto di sentenziare. Mi sembrava giusto, pur frammentando, dire due parole sulle idee personalizzate.
Kit
19737821
Sthula ciao. A volte pensar male non si fa peccato e spesso ci si azzecca, solo non bisogna esagerare, specialmente quando i giud...
Risposta
08/01/2018 20.14.43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
KitCarson1971 KitCarson1971 08/01/2018 ore 20.18.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?


Ciao Andreabec, condivido in larga parte il tuo pensiero che, alla fine, porta alla mia precedente affermazione: l'uomo nella sua materialità, altro non è ancor più sarà, che un misero involucro, sfruttato per le intime esperienze dallo spirito di turno.
Kit
Sthula Sthula 08/01/2018 ore 22.03.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

@KitCarson1971 : Ciao,
di certo io non cambio la tua visione, nata da studi oppure semplicemente teorica, non è questo il punto.
Come tu non cambi la mia esperienza di vita. Solo è che mi rimaneva e mi rimane imbarazzante mettere in bocca agli altri, quello che è la loro vita e magari trattarli come gusci vuoti. Questo secondo me è irriverente e chi come me si è risentito è nella legittimità di risentirsi, perché ne tu ne nessuno spirito sarà mai in grado di stabilire in assoluto quello che è il mio come il destino di altri.
La mia risposta del resto, a questo argomento nasce dal fatto che prima di tutto ho investigato a lungo l'ambito dello spiritismo (senza mai entrarvi in prima persona), per esempio decenni fa, proprio qui dentro si parlava spesso dell'entità conosciuta con il nome di Andrea. Ho seguito anche il Cerchio di Firenze e tanti altri casi di spiritismo. La mia conclusione, che poi mia non è, è che si tratti sempre di una stessa entità, in grado di aver memoria di ogni singolo uomo mai apparso su questo pianeta e di confondere in maniera irreversibile, chiunque attratto da questa attività (chiamiamola così) resti ammaliato a modo dei marinai di ulisse che dalle sirene furono tratti in inganno.
Con questo ripeto, non voglio fare piazza pulita di tutto il campo dello spiritismo, ma credo che ad ognuno si confa un certo modo di pensiero. Quindi se per te va bene credere nello spiritismo, nulla di male, basta che questo attaccamento non ti procuri dispiaceri.


KitCarson1971 KitCarson1971 10/01/2018 ore 17.58.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?


Sthula ciao.
Condensare nel breve 22 anni di esperienze nel settore parapsicologico diventa praticamente impossibile, ma è indubbio che, per coerenza io esponga ulteriormente alcuni concetti, senza ovviamente cercare consensi o, peggio, proseliti. Il ruolo dell'uomo su questo granello di sabbia chiamata Terra è INDISPENSABILE, per CHI se il soma che lo compone andrà a disfacersi ? A che pro le esperienze di una vita ? Esiste un recondito scopo di ordine superiore ? Certamente. Quando si accantonano queste prerogative che fanno parte dell'uomo e l'accompagnano, spesso è per noncuranza, paura e pessimismo. L'eclettismo dovrebbe espandersi, gli uomini dovrebbero buttare via allegramente i loro millenari paraocchi.

Caro amico Sthula, non ci siamo capiti, ma è normale in poche righe. La "missione" dell'uomo sulla Terra è fondamentale, ma alla fine del suo viaggio, di lui (fisicamente parlando) non rimane che un guscio vuoto, è un dato di fatto. C'è titubanza e pessimismo quando si parla di questo, il tutto nasce (anche) dalla paura nel guardare dentro l'abisso di ciò che siamo e di quel che potremmo essere. Temiamo assurdamente lo splendore delle nostre stupende potenzialità, preferiamo (per esempio) definire certe nostre potenziali facoltà come non scientifiche, chiudendo in fretta l'argomento.

Dirò di più (quando il "guscio" non è ancora vuoto...) sull'uomo, che dovrebbe contemplare in sè una continua, perenne evoluzione in corso, che mai si arresta, una distruzione continua di antiche forme e nascita di nuove. La più grande ricchezza dell'uomo è dentro di sè, un dono immenso che chiede di essere sfruttato. Ancor più: il mondo ha finora sfruttato una infinintesima parte di questa energia che lo compone. Una potenzialità tanto sublime ma poco sfruttata, quasi intatta. Il "guscio" viene fisicamente svuotato DOPO l'esperienza di vita, pensi davvero che tutto ciò che ha comportato un'esperienza individuale umana venga sprecata? Usata senza un perchè, senza un nesso logico? Sarebbe assurdo. Nulla viene mai sprecato nell' Universo, nè distrutto, tanto meno gli psichismi umani.

Arrivo al dunque: tutto è a supporto per l'indispensabile integrazione di un determinato ciclo di esperienze che lo spirito sceglie di fare nell'ambito della materialità. Sto parlando del fenomeno della reincarnaione. Vi è quindi da tenere (sempre per quanto mi consta, sia ben chiaro) presente il Principio Universale di tutto questo, intessuto fino all'ultima fibra dallo spirito, l'incarnazione in un essere vivente è la possibilità che lo spirito ha di prendere contatto diretto con la materia. Non ti aggrada questo "sfruttamento spirituale", lo posso capire, ma l'uomo è indispensabile per questo e, credimi, non è cosa da poco.

Ho letto che sei un atleta, su questo abbiamo probabilmente una cosa in comune, ho praticato calcio a livello dilettantistico, una volta appese le scarpe mi sono dato all'ippica... ahem... volevo dire che ho praticato podismo fino a qualche anno fa.
Kit
Sthula Sthula 10/01/2018 ore 18.26.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

@KitCarson1971 scrive:
Ho letto che sei un atleta,

Forse, fino a qualche anno fa facevo circa 50 Km per settimana, al momento sono sedentario.
Il concetto che hanno gli spiriti di reincarnazione, purtroppo è vecchio di migliaia di anni, è vecchio quanto l'uomo, quando credeva ancora negli spiriti appunto, quanto dedito al feticismo e ai totem e quando credeva che un uomo morendo, dava origine al suo fantasma, che in sostanza era raffigurato come uno spirito vagante in grado di far del male alle persone. Da allora ne è passato davvero tanto di tempo, la reincarnazione è rimasta retaggio di poche persone concentrate tutte in India per lo più.
La mia concezione (che poi mia non è) è molto vicina a quella degli spiriti, l'unica differenza è dal fatto che ogni spirito presente in ogni uomo, cerca l'unione con la sua essenza normalmente.
Può succedere che uno spirito non riesca a unirsi con l'anima della persona e allora in quel caso, e soltanto in quel caso, questo spirito è libero di provare a cercare un'altra anima. Questa è l'essenza della spiritualità, che è molto vicina al concetto dello spiritismo. Poi ci sono anche altri particolari ma questo era per far capire le diverse posizioni. Cioè, il concetto di spirito e di reincarnazione esiste, ma è leggermente diverso. La reincarnazione non è la regola, ma può essere utile specialmente quando i pianeti sono molto giovani e in conseguenza di questo, anche le anime non sono molto progredite, tutto questo comporta una mancata unione animo/spirito.
Sthula Sthula 10/01/2018 ore 18.33.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

Volevo specificare una cosa, per far chiarezza su un punto. Un conto sono gli spiriti che parlano attraverso dei medium e di loro ho dato una descrizione qualche post sopra, e un altro conto è il loro messaggio. Il loro messaggio si avvicina molto alla visione spirituale di un certo tipo (non quella tradizionale chiesastica per intenderci)e l'ho spiegato nel post precedente, ma la confusione nasce proprio dal fatto che gli spiriti non sono quello che dicono di essere. Cioè, lo spirito ospite dell'uomo è un dono particolare di Dio all'uomo, dato che l'uomo è la creatura più distante da Dio. In questo modo, lo spirito, che è esattamente come Dio, diciamo una copia (per capirci)si trova ad essere il più vicino possibile all'uomo. Questi spiriti non hanno personalità (caratteristica che li differenzia da Dio), ma ambiscono ad unirsi all'anima umana che ha personalità e insieme riescono a creare un essere NUOVO, nato dall'unione tra l'uomo e Dio. Questa è la mia verità e in quanto tale, io credo che possieda anche una logica generale per chi è libero da condizionamenti.

Se si pensa a tutta la storia umana, all'arte umana, la musica, la pittura, la poesia, la scultura ecc., è stata una ricerca immane verso questa verità, che è stata veicolata attraverso il concetto d'amore tra uomo e donna, che in sostanza è la rappresentazione reale dell'amore dello spirito verso l'anima. Pensate a tutti i grandi poeti e tutti i grandi che hanno vissuto e al loro messaggio nascosto
EtaPeta EtaPeta 16/01/2018 ore 20.58.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO DESTINO?

Ho letto tutti i post che avete messo fino ad ora su questo topic.
L’inizio mi è sembrato incerto e la fine decisamente off topic (certo è il mio parere potrei anche sbagliarmi).
Tuttavia la domanda rimane: “Possiamo cambiare il nostro destino?”
Visto che avete provato voi a rispondere a questa domanda ora ci provo io.
Rispondo così: “Principio di indeterminazione di Heisenberg”.
Oppure “rivoltando il tutto come un calzino”: “Un albero che cade nella foresta fa’ rumore se nessuno è nelle vicinanze ad ascoltare?”
Sono dell’opinione che per cambiare “un destino” o “il destino” bisogna essere consapevoli di qualcosa, e per essere consapevoli bisogna “osservare da fuori” perché in caso contrario si inficia l’osservazione e non si “osserva il destino” ma se ne fa’ parte.
OK magari ho detto qualcosa di poco chiaro ma questo sarebbe solo “l’incipit” di un lungo e lungo discorso.
Da parte mia posso dirvi che non credo nel destino inteso come qualcosa di “già scritto”.
Ma come qualcosa che “converrebbe” mettere nero su bianco (scrivere) per il bene di tutti, salvo qualche “specifico destino avverso personale” che rimette in discussione il tutto.
Chi “crede nel destino osserva” chi “non crede” ne fa’ parte.
La stragrande maggioranza delle persone appartiene alla prima categoria (volenti o nolenti) gli altri sono quelli che “hanno in mano la torta” e decidono quanto e a chi.
Ora faccio la figura del complottista (ma pazienza): “negazione plausibile”.
Ci sono tante cose che i governi sanno e che si limitano semplicemente a non divulgare e ci sono tante cose che le religioni potrebbero fare ma si limitano semplicemente ad osservare.
Questo non perché chi è al potere è s…..o, ma perché dire “non so” è più facile che dare innumerevoli spiegazioni o fare innumerevoli azioni.
La “vita semplice” è un costo che si assumono gli “ignoranti” (non nel senso offensivo ma nel senso di “qualcuno che ignora qualcosa”).
Chi invece ha una vita complicata ha il compito (affidato poi da chi non so) di portare periodicamente la “parcella al destinatario”.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.