Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Sthula Sthula 12/07/2018 ore 23.42.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@ruccutiello scrive:
Sono veramente scettico sulle possibilità di 'dimostrare' la sua esistenza, senza passare attraverso l'accettazione dogmatica di alcuni 'assiomi' religiosi.

Assolutamente razionale. La mente umana non è di origine meccanica, come per esempio quella degli animali, quindi l'uomo si pone delle domande perché la sua mente è in grado di concepirli. Quindi se la mente dell'uomo non è di tipo meccanica, allora ci deve essere qualcosa di più del semplice Universo meccanico. Se l'Universo non è stato l'origine della creazione della mente umana, allora ci deve essere stato qualcuno molto simile alla mente umana (ma superiore ad essa, dato che qualcosa di inferiore non può creare nulla di superiore) che l'abbia concepita a sua immagine. Ora che questo qualcuno gli si dia un nome anziché un altro, non è questo il problema, però la mente umana di un credente come di un non credente è in grado di capire questa spiegazione. Egli l'accetta, ma subito dopo la rifiuta
Vocemente Vocemente 13/07/2018 ore 11.08.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@ludwigB scrive:
Ordunque il testo da te postato cosa evidenzia/ rimarca/ mette in risalto ??


ludwig quello che tu dici non fa assolutamente una grinza, è assolutamente perfetto ed è una predica perfetta...non ci piove su questo; ci sono grandissimi insegnamenti in ogni parabola e in ogni racconto tratto dal vangelo;
niente da dire su questo...ma oltre all'insegnamento del credente c'è anche quello che Gesù ci vuole dire, il racconto di quello che è successo...volere vedere solo la simbologia dei vangeli che indubbiamente c'è, ci impedisce di vederne anche il messaggio...la meraviglia del vangelo e di tutta la bibbia è che si può leggere in entrambi i modi...io avendo avuto a che fare con il mondo delle "tenebre" do un corpo a quello che viene chiamato Diavolo, do una identità ben precisa...e questo brano raccontato nel vangelo lo vedo anche dal punto di vista razionale.
Gesù ha affrontato il Deserto subito dopo essere stato battezzato, subito dopo aver sentito la voce dal cielo che diceva "questi è il mio amato figlio" e nel deserto la prima cosa che ha fatto satana è stata quella di mettere in dubbio il suo essere figlio "se tu sei davvero il figlio di Dio" (e ha tolto la parola Amato) la prima cosa che fa SATANA è quella di mettere in dubbio ciò che Dio dice che noi siamo. lo ha fatto con Gesù e lo farà anche con noi...gli insegnamenti sono tanti.
ruccutiello ruccutiello 13/07/2018 ore 11.08.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@Sthula scrive:
La mente umana non è di origine meccanica, come per esempio quella degli animali, quindi l'uomo si pone delle domande perché la sua mente è in grado di concepirli. Quindi se la mente dell'uomo non è di tipo meccanica, allora ci deve essere qualcosa di più del semplice Universo meccanico. Se l'Universo non è stato l'origine della creazione della mente umana, allora ci deve essere stato qualcuno molto simile alla mente umana (ma superiore ad essa, dato che qualcosa di inferiore non può creare nulla di superiore) che l'abbia concepita a sua immagine. Ora che questo qualcuno gli si dia un nome anziché un altro, non è questo il problema, però la mente umana di un credente come di un non credente è in grado di capire questa spiegazione. Egli l'accetta, ma subito dopo la rifiuta


Parto dalla tua considerazione 'dato che qualcosa di inferiore non può creare nulla di superiore' che a mio avviso è completamente falsa.
Tutti sappiamo, possiamo constatare, che è esattamente l'inverso!!! Il mattone, da solo, non è una casa, eppure la forma. Un dito, da solo, ha poche possibilità di azione, ma in una mano, le cose cambiano.
E così via, le unità elementari si combinano e 'creano' , formano, qualcosa di molto più complesso, quindi è molto più probabile che tante menti, messe insieme, creano 'Dio' che non l'opposto (volendo, anche provocatoriamente e 'liberamente', buttarla lì come mi è venuta, certo).

Ci sono altri passaggi che butti là, come veri, quando potrebbero non esserlo:
- l'Universo non è stato l'origine della creazione della mente umana
- concepita a sua immagine
- La mente umana non è di origine meccanica, come per esempio quella degli animali
- ci deve essere stato qualcuno molto simile alla mente umana (ma superiore ad essa)

Dubitarne è 'aprire' la mente, piuttosto che chiuderla, accettando le tue tesi.

Vocemente Vocemente 13/07/2018 ore 11.44.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@KitCarson1971 scrive:
Ovvero quando si crede ciecamente. Oltre - tutto


credere ciecamente, oltre tutto è FEDE...la bibbia dice che "senza fede è impossibile piacere a Dio" la fede è proprio questa: credere nonostante tutto, Credere nonostante la nostra razionalità…io non sono nato credente, io sono diventato credente a 36 anni, quando ho avuto un vero e proprio FRONTALE con Dio…che ha sconvolto la mia vita…a quel punto quando dentro di me c’era la certezza di Dio io ho dovuto fare delle scelte…fidarmi oppure no…e ho scelto di fidarmi, ma fidarsi vuole dire camminare senza il terreno sotto i piedi, fidarsi vuol dire buttarsi tra le braccia di papà senza sapere se poi papà effettivamente ti prenderà al volo, fidarsi vuol dire camminare sulle acque per FEDE…ogni cosa che fa il vero CREDENTE è assolutamente IRRAZIONALE…io ho preso la DECISIONE di CREDERE in DIO e nella sua parola. l’ ho presa quando tutto intorno a me diceva E’ UNA FAVOLA, sono scemate, è un libro di fantasia…tutto intorno a me, anche io stesso, dicevo questo…ma c’era una forza dentro di me…che ad un certo punto mi ha spinto a DECIDERE di credere…credere ad un uomo che è finito sulla croce e poi è risorto: è una cosa irrazionale…e Dio ci chiede di CREDERE all’IRRAZINALITA’ a qualcosa che va presa per FEDE e non scientificamente…posso dirti che DIO si è fatto sentire nella mia vita…sono 7 anni che CREDO…e questi sette anni sono talmente diversi dai precedenti 36 anni che sembrano proprio due vite di due persone differenti…i sapori i suoni i gusti…poi la parola che tu hai usato “CREDERE CIECAMENTE” mi rievoca proprio la prima volta che io ho sentito la voce di DIO (perché DIO parla ancora oggi in vari modi e uno di questi è una voce UDIBILE o una voce INTERIORE) in questo caso non so se la voce che ho sentito era UDIBILE o interiore ma ero sveglio e ho sentito chiaramente “DEVI CREDERE CIECAMENTE ALLE PAROLE DI GESU’”…era un mese che io stavo lottando contro la razionalità e questo mi ha devastato. Questo mi ha atterrito e solo dopo ho scoperto quali erano queste parole di Gesù, e il vangelo di giovanni mi ha aperto la mente…”in principio era la PAROLA, la parola era presso Dio e la parola era DIO…e la parola si è fatta carne ed ha abitato tra di noi” Gesù è la parola…devi credere ciecamente alle parole di Gesù, equivale a mettere fede nella parola di Dio, dall’inizio e la fine e la mia vita è una totale conseguenza di quello che ho ricevuto
Sthula Sthula 13/07/2018 ore 14.09.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@ruccutiello scrive:
Dubitarne è 'aprire' la mente, piuttosto che chiuderla, accettando le tue tesi.

E' esattamente quello che sto facendo anche io nei confronti di quello che mi sembrano teoria senza un nesso logico, appunto parlando di logica e questo di se è già molto eloquente. Quindi non pretendo la sudditanza mentale ma nemmeno l'accetto. Semplicemente si discute.
Gli esempi che tu porti riguardano l'aggregazione di più elementi che alla fine portano a creare un altro elemento più complesso. Questo senza dubbio è vero, anche se non è la costante e soprattutto hai evitato di dire che i mattoni non si assemblano da soli, ma c'è bisogno di un aiuto essenziale da parte dell'uomo. Come anche in sistemi più complessi, certi sistemi complessi come tutti sanno, si sono sviluppati in migliaia o milioni di anni e quello che oggi vediamo intorno a noi o in noi stessi, è il frutto di molti fattori evolutivi, non escluso l'intervento superiore, altrimenti oggi anche le piante e i sassi si sarebbero trasformati in ominidi. Tu dici che l'assemblaggio di più menti possa dare inizio ad una divinità. Ma il problema che ho posto io è l'inizio, non tanto la fine. Che le menti tutte insieme formino una supermente, per me è già scontato, noi facciamo parte di una matrice di una supermente che ci racchiude ma che al contempo non possiamo palesare per ovvi motivi di differenze cosmiche. La mente cosmica è il nostro corpo virtuale, ma è essa che al contempo ci forma e ci sviluppa come noi formiamo e la sviluppiamo ulteriormente. E' proprio per questo che ognuno di noi è importante, perché in un modo o nell'altro, collabora a questi progetti. Se l'uomo coscientemente vuole far parte di questo sistema, allora egli prosegue di livello. Se invece non accetta questo grande progetto e preferisce morire, allora niente di lui che era individuale prosegue, ma viene incorporato secondo il concetto Buddhista.
Ma al di la di tutto questo sistema, esiste una matrice in grado di generare questi sottosistemi di cui facciamo parte. L'evoluzione dell'uomo non è a caso, come non è a caso il nostro DNA e l'assemblaggio cellulare. I sistemi non si creano da soli, essi hanno bisogno di un progettista. Poi senz'altro, combinandosi insieme danno luogo a qualcosa di più complesso
ruccutiello ruccutiello 14/07/2018 ore 10.30.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@Sthula scrive:
noi facciamo parte di una matrice di una supermente che ci racchiude ma che al contempo non possiamo palesare per ovvi motivi di differenze cosmiche


Ripeto che dai, per scontate, definizioni che per me potrebbero non essere così tanto 'ovvie'.

Questo il 'rumore di fondo' che ritrovo nei tuoi post e che viziano alcuni spunti che, di per sé, sarebbero pregevoli. Discussioni comunque stimolanti, te ne do atto! :ok
Sthula Sthula 14/07/2018 ore 11.22.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@ruccutiello scrive:
Ripeto che dai, per scontate, definizioni che per me potrebbero non essere così tanto 'ovvie'.Questo il 'rumore di fondo' che ritrovo nei tuoi post e che viziano alcuni spunti che, di per sé, sarebbero pregevoli. Discussioni comunque stimolanti, te ne do atto!

Questo è vero, do per scontato diverse cose che non tutti condividono, ma il dialogo è basato anche su idee diverse o contrapposte. Sarebbe meglio parlare la "stessa lingua" ma sembra che ognuno abbia la sua, o forse meno male. Sicuramente non sono perfetto e quindi commetto come tutti, errori di valutazione, forse ampliando troppo gli argomenti, però questo fa parte del mio carattere. Dovrei limitare la risposta, ma non è tanto semplice.
Filodeon Filodeon 07/08/2018 ore 18.37.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@Vocemente scrive:
...è furbo, molto furbo e molto scaltro…è intelligente e nella sua intelligenza la da a bere a molte persone fancendogli credere che lui stesso sia una favoletta, perché se pensi che il nemico non esiste non lo combatti...

Un argomento PARALOGISTICO a cui solitamente si ricorre per giustificare la presenza dell'ENTITÀ DIABOLICA e cioè che la più grossa mistificazione a cui ricorre per ingannare i mortali sia proprio quella di far loro credere che non esiste, potrebbe o no esser bilanciata da una uguale e contraria affermazione che all'incontrario intende provare invece l'inesisstenza del'ENTITÀ CELESTIALE ricorrrendo allo stesso SPECULARE mistificante PARALOGISMO vale a dire che il più grosso inganno a cui quest'ultima ricorre nei confronti dei mortali sia quello di convincerli invece della sua esistenza ? E poi come la mettiamo col cambiamento di rotta delle affermazioni del catechismo cattolico riguardo agli ESCATOLOGICI NOVISSIMI in cui si afferma che Dio gratifica eternamente i buoni e castiga eternamente i cattivi, quando in barba a questi dogmi riguardanti il premio o la pena eterna contenuti tra l'altro in alcune formule di preghiere del "credo", che molti cattolici recitano quotidianamente, ora improvvisamente Dio è diventato misericordiosissimo e se poteva sembrare, come sta scritto, che respinge i cattivi destinandoli alla dannazione eterna, da qualche tempo a questa parte dai pulpiti si va pontificando che sono loro invece che, con grande suo rammarico, scelgono la dannazione eterna... io trovo che non si tratta semplicemente di una interpretazione più consona, ma un ulteriore giustificatorio paralogismo e i PARALOGISMI metafore parabole analogie portano inevitabilmente alle APOFATICHE APORIE come i paralogismi che conducono alla condanna della pratica abortiva che viceversa potrebbe essere interpRetata come pratica meritoria, almeno dal punto di vista delle anime che tali embrioni rivestono, le quali dovrebbero essere grate a chi le ha direttamente fatte andare in paradiso senza i rischi di andare all'inferno se fossero state lasciate nascere e vivere abbandonate al loro destino in questa valle di lacrime : e questa è una conseguenza per aver abolito il paragrafo del catechismo cattolico in cui si parlava del limbo, una specie di luogo metafisico dove tali anime non avrebbero potuto vivere beate nella felicità eterna, private, come controfattualmente si ipotizzava, del godimento eterno della visione divina...
ruccutiello ruccutiello 07/08/2018 ore 19.26.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@Filodeon scrive:
ora improvvisamente Dio è diventato misericordiosissimo e se poteva sembrare, come sta scritto, che respinge i cattivi destinandoli alla dannazione eterna, in realrtà sono loro che, con grande suo rammarico scelgono la dannazione eterna... io trovo che non si tratta semplicemente di una interpretazione più consona, ma un ulteriore giustificatorio paralogismo e i paralogismi metafore parabole analogie portano inevitabilmente alle apofatiche aporie come i paralogismi che conducono alla condanna della pratica abortiva che viceversa potrebbe essere interpetata come pratica meritoria, almeno dal punto di vista delle anime che tali embrioni rivestono, le quali dovrebbero essere grate a chi le ha direttamente fatte andare in paradiso senza i rischi di andare all'inferno se fossero state lasciate nascere e vivere in questa valle di lacrime e questa è una conseguenza per aver abolito il paragrafo del catechismo cattolico in cui si parlava del limbo, una specie di luogo metafisico dove tali anime non avrebbero potuto vivere beate nella felicità eterna, private, come controfattualmente si ipotizzava, del godimento eterno della visione divina...


Ecco, questo può ben essere un punto di vista del 'non credente' ma critico, piuttosto che acritico.

Se, 'paralogisticamente' si opponessero, finemente e non grossolanamente, le 'ragioni' dei non credenti, ci sarebbero miliardi di punti di vista, più o meno 'oggettivi' e tangibili, in numero enormemente superiore a quelli opposti dai teologi.
Questo squilibrio non avviene perché non c'è grande interesse a diventare 'teologi del non credere', permettetemi il neologismo, diversamente dai religiosi che si arroccano nelle loro 'fortezze' filosofiche, perché dalla loro tenuta ne va del loro esistere (come religiosi).

Dovremmo (religiosi e non) trovare le argomentazioni per dibattere in maniera più 'aperta'. Oggi, sembrano 'muro contro muro' tanti confronti.

Ma, ripeto, chi è il sordo?
Vocemente Vocemente 08/08/2018 ore 10.19.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL DIAVOLO

@Filodeon scrive:
il paragrafo del catechismo cattolico in cui si parlava del limbo

caro, tu stai parlando della dottrina cattolica...io sto cercando di dire invece ciò che dice la Bibbia...la bibbia non parla di dogmi e cose di questo tipo...la Bibbia presenta un Dio misericordioso che si è manifestato agli uomini attraverso Cristo, ma parla anche di un Dio che odia il peccato e punisce per il peccato; Cristo ha fatto in modo che la punizione divina ricadesse su Cristo e non sull'uomo, Cristo (che è Dio) ha preso su di se lo sbaglio dell'uomo...l'uomo quindi a questo punto non va più in "paradiso" per merito, ma va in paradiso per "grazia" ricevendo il dono che Dio ha fatto all'uomo :Cristo! "non per opere affinchè nessuno se ne vanti" ...satana in tutto questo ha stravolto il messaggio di Cristo che di per se è assolutamente ANTI-RELIGIOSO: "non devo meritarmi il paradiso, il paradiso è un dono che Dio mi ha fatto"...e lo ha trasformato nuovamente in RELIGIONE: "devo fare qualcosa per meritarmi il paradiso"...tutto quello che hai scritto tu è RELIGIONE.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.