Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Filodeon Filodeon 16/12/2018 ore 11.53.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Burian87 scrive:
È l uomo non si estinguerà né tra cento né tra mille né tra cinquemila anni. L uomo si estinguerà solo dopo la avvento del superuomo.

Come dire che se dopo Natale ci ritroveremo senza panettoni (*)e leccornie varie dilapidate nella pantagruelica orgia delle festività natalizie, anche senza aspettare un altro Natale, per divorarne certamente degli altri ci aspetteranno la Pasqua e/o tutte le altre feste comandate e/o facoltative (**), se è vero che tutti questi panettoni, come dice Kit-Kar, sono ASSOLUTAMENTE infarinati della NECESSARIA "farina" che mi piace identificare come UNIVERSALE polvere di stelle vuoi quarkica (panettoni da mangiare), vuoi antiquarkica ( panettoni metabolizzati (***) )

(*)Dove la "variabile" panettone sta per "autodistruzione" che potrebbe comportare, anche se non necessariamente, speriamolo, l'ominazione pervenuta allo step tecnologico nucleare del nostro orizzonte degli eventi sul cui teatro il Caso , la Necessità, l'Ente supremo, chiamiamolo come meglio ci pare, ci ha dato l'opportunità di calcare affidandoci la rispettiva parte da recitare

(**)Anche in coerenza col mio pessimismo di fondo che mi fa apparire le festività come degli sprechi, non dico inutili, ma veri e propri potlak autodistruttivi, proprio a causa della competitività ( il più delle volte, almeno a detta del Ciamng, finale ineluttabilmente inevitabile nelle varie versiooni dellerappresentazioni del teatro degli eventi )intrinseca tra due , diciamo, Super-potenze, più che per la voracità di un singolo Super-uomo o Ultra/Oltre-uomo che sia ( del resto così anche parlò Cinciunciang )

( *** ) non fatemi scendere in dettagli coprolalicamente scabrosi e del resto benchè giustificato dall'aforismatico omnia munda mundis non mi piasce inquinarle ( le feste potlaktiche ) di nauseabondi fetori di miasmatica ace-sventura
Gio.1947 Gio.1947 16/12/2018 ore 17.26.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Burian87 scrive:
Se tu hai possibilità di lanciare contemporaneamente 10 mila dadi a sei facce.

Se l'universo è la nostra esistenza, è opera di un essere Superiore allora la nostra esistenza non è un miracolo ma la volontà di quest'essere Superiore

Se invece l'universo è la nostra esistenza, è opera del caso allora si che siamo d'avanti al più grande MIRACOLO

Credo che l'eternità elevata alla eternità mai e poi mai, il caso avrebbe potuto dare origine ad esseri in grado di auto riprodursi

Credo nell'esistenza di un essere superiore
Burian87 Burian87 16/12/2018 ore 23.19.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Gio.1947 : il caso generò Dio
Gio.1947 Gio.1947 16/12/2018 ore 23.39.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Burian87 scrive:
il caso generò Dio

spiegati meglio
Burian87 Burian87 17/12/2018 ore 21.59.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Gio.1947 :

Vangelo Apocrifo secondo Tommaso

"Se il corpo fosse nato dallo spirito sarebbe una meraviglia, ma se lo spirito fosse nato a causa del corpo sarebbe una meraviglia delle meraviglie"

Oppure

"generato non creato, della stessa sostanza di Dio"


Si dice che il Cristo, o il Dio, è stato Generato. Generato dal Corpo, ovvero dalla pura materia e dal Caso. L'Uomo, è generato dalla materia, dal Caso. E così l'evoluzione genererà Dio.

In questi versi è forse racchiusa una straordinaria intuizione. Dio è il prodotto stesso dell'Universo. Siccome esiste qualcosa anzichè il Nulla, allora non può che esistere Dio. Perchè?

Perchè l'Universo, nelle sue innumerevoli dimensioni a noi invisibili, nei suoi tentativi vicini all'infinito di cause ed effetti, ha infinite possibilità a disposizione affinchè dal Caos dei nessi causali nasca un Dio, proprio come è nato già l'uomo.




Settembre Settembre 22/12/2018 ore 12.34.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Burian87 :

non menzioni le varie... dimensioni...

molto importanti.... nè la scienza sà dire in quale...

l'essere umano nasce e muore corporalmente....

alcuni scienziati hanno cambiato parere....

https://www.youtube.com/results?search_query=scienziati+divenuti+credenti

Filodeon Filodeon 10/07/2019 ore 19.27.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Burian87 scrive:
L'UNIVERSO non è infinito

Nelle trasissioni divulgative, non certo accademiche per iniziati rfessionisti ( ma che per me è comunque appagante per mantenere sufficientemente vitale quel senso di appagamento religioso che non riesco più a ricavare dalle mitologie bibliche e classiche che tra l'altro altro non sono che descrizioni antropomorfizzate di eventi studiati dalla scienza) che traggo dalle conoscenze divlgative dell'astrofisica e della fisica nucleare) recentemente seguite su Rai Scuola, sono stato stastraordianriamente colpito dalla teoria del MARE DI DIRAC, un VUOTO INFINITO "costellato"( tutte le teorie presentano antinomie compresa quella di Dirac ) di neutroni e di neutri la cui interazione produrrebbe annichilimento con produzione di eergia mentre se non interferissero tra di loro eliminandosi a vicend produrrebbero via via atomi( step atomico) molecole (step chimico) batteri( step biolgico ) etc,, per cui se ogni universo non è infinito dal punto di vista monadico gravitazional temporale, ne esisterebbero controfattualmente un numero infinito, vale a dire che allargando l'orizzonte speculatvo ci troveremmo a dover ipotizzae l'esistenza di un PLURIVERSO, se si ipotiza per l'appunto che non tutte le fluttuazioni quanto-meccaniche abortiscono, ma che che invece di flutture REVERSIBILMENTE su se stesse elidendosi per interfernza come su scala terrestre osserviamo nel comportamento delle onde del mare , potrbbero anche loro non dico andare a buon fine nel senso di accrescimento di complessita organizzativa sempre crescente dell'evoluzione cosmologica che obbedirebbe per postulato assiomatico fondativo all'armonia delle leggi prestabilite, non ultima quella che tende non tanto alla reversibilità fluttuante, ma all' evoluzione irreversibile ( leggi e comprendicivi anche qulla che tu chiami teoria dell'accrescimento di complessità organizzativa) salvo le immancabili eccezioni che confermano la regola come catastrofi casuali, come meteoriti ella fase dello step dlla vita animale, catastrofe nucleare autoscatenata nello step mental antropologico, incontro accidentale o meglio scontro catastrofico di un universo mondomonadico neutrinico con un mondo neutronico (altro che big bang!)...
Se sbaglio chiedo di avere la cortesia di essere corretto,ma mi sembra di aver capito così.
Filodeon Filodeon 12/07/2019 ore 18.50.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

@Gio.1947 scrive:
Credo che l'eternità elevata alla eternità mai e poi mai, il CASO avrebbe potuto dare origine ad esseri in grado di auto riprodursi

Il caso NO, ma l'evoluzione che si esplicita o implementa o funziona secondo la teoria o postulato assimatico della complessoità organizzativa crescente , quella direi di SI se è vero che a suon(*) o a forza di insistenti tentativi dopo che si sono superati io primi STEP i che si concludono con la concretizzazione degli ATOMI,i successivi si presentano con le le MOLECOLE nella fase dello STEP CHIMICO seguito dala possibilità della loro REPLICAZIONE per SDOPPIAMENTO, dapprima sdoppiamento semplice , seguito poi, per l'appunto, da quello complesso che prima dello sdopiamento prevede la fusione con filamenti alieni(**) e via evolvendo sino ad arrivare ai FILAMENTI GENOMATICI , veri e propri LIBRETTI per le ISTRUZION, RICETTE per la replicazione complessa, cioè fusione di genomi diversi, e siamo allo step degli organismi complessi io quali con l'nvenzione della MODULAZIONE di squittìi mugolìi muggiti ed altri consimili versi animaleschi dal frseggio grossolnamente modulato, sempre per quel PRINCIPIO DI ACCRESCIMENTO DI COMPLESSITA' ORGANIZZATIVA DELL'ESISTENTE, si è arrivati al linguaggio verbale ominide di tipo OLISTICO, la cui precipua caratteristica è l'INTELLIGENZA , cioè la capacità mentale di PRODURRE e LEGGERE sequenze di parole allineate temporalmente e/o spazialmente così come l'ORGANISMO CELLULARE BIOLOGICO che forma gli ORGANI TESSUTALI FISIOLOGICI ha la capacità di PRODURRE e LEGGERE il suo genoma, poi con l' dei nomi propri e poi sopattutto dei pronomi personali ( particolarmente col pronome di prima persona ) si è inventato il concetto di consapevolezza e quando siavrà insegnato al computer a d adoperare correttamente le regole del linguaggio, la grammatica delle parole, se saprà cavarsela anche ad usa il suo nome proprio che gli verrà insegnato ad apprendere unitamente al pronome personale"io", vera epropria particella di Dio, ecco che l'evoluzione saà stata ingrado di trasferire la consapevolezza anche alla materia inorganica, nel senso che la consapevolezza per esistere non avrà più bisogno nè di budella cerebrali( il circuito integrao delcoputer) nè intestinali, quest'ultimo aspetto nel sensoche anche la sfera emozionale, qulla della propria autoconservazione, soddisfazione di bisogni di fare il pieno di ricarica o di reagire a qualche situazione percepita come pericolosa, quando i relativi sensore avvertono la centralina di comandodelle relative criticità, anche se nel dotare i computer di tali funzioni emotive bisognerebbe andarci acuti altrimenti l'abbinamento della finzione intellettuale impiegata in funzione della propria (sempre del computer) sopravvivenza potrebbe , come in "Odissea nello spazio" provocare l'esclusione dell'uomo che, per sopraggiunti problemi, decidesse di disattivarlo...

(*)dico "a suono" riferendomi al fatto che , soprattuto im questi primi step e sempre presente la REVERSIBILITA' tipica del suono che diventa così simbolo delle FLUTTUAZIONI quantistiche che sono anch'esse come il suono ONDE, VIBRAZIONI, RADIAZIONI

(**)(nel senso di estranei, ma perchè no?,anche nel senso di appartenenti apianeti estranei al proprio sistema planetario.Del resto se è possible tradurre in una lingua occidentale una lingua tanto estranea come il cinese, chiosando con una parafrasi quello che Einstein ebbe a dire del cosmo e cioè che la cosa più incomprensibile che trovava nel cosmo era la sua comprensibilità,si potrebbe trasporre il concetto dicendoche la cosa più incomprensibile dei linguaggi che non risultano per nente imparentati, ma assolutamente alieni, come i cinese rispetto all'italiano, così così potrei affermare che la cosa più incomprensibile che trovo nel linguaggio è che è traducibile in un altro permettendo di lasciare inalterati i referenti di cui è informatore.
BladeRunner.0 BladeRunner.0 15/07/2019 ore 14.27.59 Ultimi messaggi
Sthula Sthula 25/07/2019 ore 17.41.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Teoria dell'accrescimento di complessità e organizzazione dell'esistente

Che l'uomo genererà Dio, questo è anche scritto in certe Rivelazioni, che confermano appunto questa tesi. Però la partenza è sempre dall'IO SONO. L'IO SONO si svincola per sempre dalla trascendenza totale attraverso il concetto di PADRE, che libera tutto il potere illimitato, quindi genera il FIGLIO e insieme generano lo SPIRITO. E questa è la struttura delle deità superiori, ma il concetto di deità non può rimanere soltanto a livelli di infinto ed eterno o assoluto ma in quanto tale deve fare esperienza anche di finitezza e di completezza attraverso la creazione. E questo è niente meno che il Dio creato dalle esperienze dell'uomo, non solo terrestre, a volte confuso con l'Akasica ecc

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.