Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

mastro6 mastro6 15/01/2019 ore 22.16.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@KitCarson1971 scrive:
Sono stato troppo prolisso?


No, non è quello, ma leggendoti, noto che NON PUOI FARE A MENO di evocare, citare dunque, come da titolo del post, interminabili sequenze di storie narrate.

Il mio post è nato dall'ennesimo cambio radio, in macchina, e dalla sintonizzazione su Radio Maria, che ho ascoltato per un pò, tutto sommato incredulo di quanta 'evocazione' di vere e proprie 'reliquie letterarie' tramandate (mi riferisco a tantissime di quelle storie scritte che anche tu hai buttato li) ci sia nella religione e nel teologismo odierno.

E mi interrogavo sulla possibilità di dimenticare tutta questa impalcatura inutile, e cercare Dio, cercare di immaginarselo, senza esse.
Sea.Pard Sea.Pard 16/01/2019 ore 12.29.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@mastro6 scrive:
dimenticare tutta questa impalcatura inutile, e cercare Dio, cercare di immaginarselo, senza esse.

Questo fatto di 'cercare dio' ormai è entrato nelle culture mondiali.
Deriva da atavico malinteso sul significato di dio.
Dio esiste. Immense opere descrivono l'operato e la saga del componenti della famiglia divina. Descrivono la creazione dell'uomo, l'annuncio del Diluvio (o allagamento) della regione abitata dall'uomo.
Queste opere, scritte da civiltà preistoriche, sono resoconti e documentazione di fatti ed esseri che hanno formato la razza umana.
Le civiltà preistoriche si sono dissolte nel tempo, ma le loro opere sono rimaste.

Che si prendano eventi, fatti e personaggi di quelle civiltà e vi si costruisca una religione per avallare il proprio disagio allo stato di schiavitù, è legittimo e normale. Ma nulla di più. La montatura culturale tale è e tale rimane.

Se si vuole cercare dio, si cerchi ciò da cui è stato copiato, montato il tutto. Esiste ancora oggi.

Il tutto ha bisogno di FEDE su menzogne e falsità per reggersi in piedi. Appena si conosce l'origine, si squarcia il velo, e la realtà risulta nitida e chiara.
Filodeon Filodeon 16/01/2019 ore 19.22.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@mastro6 scrive:
Ma Dio esiste, senza citazioni?

No senza citazioni non esiste , se è vero che la stessa parola del termine "dio" è essa stessa una citazione, rifacendosi al vocabolo "dies"che in latio significa "giorno" e che in italiano ha dato orinine ai vocabli di "divo" "diva"; "dies" che contiene l'etimo di "Zeus" che significa lumioso : non per niente i divi del cinema sono equiparabili alle "star" la cui luminositàin termii di visibilità masmediatica si presenta di prima grandezza o di magnitudii inferiori nel firmamento uiversale oliwudiano, ma sopratutto nel firmamento universale teologico, per non deragliare dall'assuto e rimanendo nel tema della discussione, cosa che comunque non ci evita nell'incappare nel busillis di citazioni vuoi pagane vuoi bibliche vuoi ibridate dalla scolastica tomistica, averroistica, etc, laonde per cui anche sostituendo al nome "dio" il vocabolo "ente supremo" non si può evitare di contaminare la riflessione fenomenlogicamente filosofica con la rilesssione teologica, se è vero come è vero che la teologia è la radice stessa della filosofia di cui quest'ultima ne è un ramo, un raggio, un'emanazine...rami e radici dell'albero metaforico della conoscenza... e qui devo fermammi per rinfrescarmi il sibaldiano "frutto proibito della conoscenza" a proposito della presunta interdizione divina di tale edenica degustazione che Dio ci ha fatto credere essere avvelenata, deleteria : del resto l'affermazioe che il più grande inganno di Satana sia quello di farci creder che Dio non esiste può essere sibaldianamente rovesciato controbilanciandolo coll'equivalente inganno da parte di Dio, o meglio dei suo profeti, che Satana esista...
20015521
@mastro6 scrive: Ma Dio esiste, senza citazioni? No senza citazioni non esiste , se è vero che la stessa parola del termine "dio"...
Risposta
16/01/2019 19.22.11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Nordlibero Nordlibero 16/01/2019 ore 20.42.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

E mi interrogavo sulla possibilità di dimenticare tutta questa impalcatura inutile, e cercare Dio, cercare di immaginarselo, senza esse.

No.Pe me la ragione e la fede viaggiano su due rette parallele che ovviamente non si incontrano mai. Le citazioni supportano la fede.Cercare Dio attraverso un algoritmo è solo un utopia!
20015604
E mi interrogavo sulla possibilità di dimenticare tutta questa impalcatura inutile, e cercare Dio, cercare di immaginarselo,...
Risposta
16/01/2019 20.42.34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 16/01/2019 ore 21.16.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@Filodeon scrive:
No senza citazioni non esiste


Anche io propendo per questa evidenza, ma, lasciando sempre una porta aperta ad una diversa interpretazione, ero e resto curioso di sapere cosa ne pensa chi è più credente, più convinto di me.
mastro6 mastro6 16/01/2019 ore 21.20.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@Sea.Pard scrive:
Questo fatto di 'cercare dio' ormai è entrato nelle culture mondiali.
Deriva da atavico malinteso sul significato di dio.
Dio esiste. Immense opere descrivono l'operato e la saga del componenti della famiglia divina. Descrivono la creazione dell'uomo, l'annuncio del Diluvio (o allagamento) della regione abitata dall'uomo.
Queste opere, scritte da civiltà preistoriche, sono resoconti e documentazione di fatti ed esseri che hanno formato la razza umana.
Le civiltà preistoriche si sono dissolte nel tempo, ma le loro opere sono rimaste.

Che si prendano eventi, fatti e personaggi di quelle civiltà e vi si costruisca una religione per avallare il proprio disagio allo stato di schiavitù, è legittimo e normale. Ma nulla di più. La montatura culturale tale è e tale rimane.

Se si vuole cercare dio, si cerchi ciò da cui è stato copiato, montato il tutto. Esiste ancora oggi.

Il tutto ha bisogno di FEDE su menzogne e falsità per reggersi in piedi. Appena si conosce l'origine, si squarcia il velo, e la realtà risulta nitida e chiara.


Io però non ho capito cosa pensi tu, nella prima parte sembravi un credente, nella seconda l'opposto...
KitCarson1971 KitCarson1971 16/01/2019 ore 22.03.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@mastro6 scrive:
Anche io propendo per questa evidenza, ma, lasciando sempre una porta aperta ad una diversa interpretazione, ero e resto curioso di sapere cosa ne pensa chi è più credente, più convinto di me.


Beh, se tu mi citi radio Maria per avere spunti per cercare o per respingere Dio, annamo male annamo... Capisco invece la difficoltà ad accettare i dogmi della dottrina cristiana, ma non solo in questa, nonchè gli "inciucci" che si riscontrano nelle varie religioni. E', di fatto, la solita difficoltà che hanno avuto anche diversi illustri personaggi nei secoli. Viviamo in un periodo in cui ci si interroga (cosa che sguarnisce le "nostre" chiese) giustamente, su simboli, riti e segni poco comprensibili. Da qui il desiderio di fare tabula rasa per avvicinarsi a Dio per altre vie.

Vi può essere in ciò una REAZIONE SANA su tutto ciò che è automatismo, assenza di partecipazione, vocaboli stereotipati. Comunque sia, la sola intelligenza non può afferrare il mistero di Dio. Per penetrarlo, niente è più indispensabile di atti e gesti umili, segni che raggiungano le profondità di noi stessi, gli "archetipi" come direbbe il mio Maestro Filo.

L'errore delle varie religioni è spesso quello di ridurre il tutto in sermoni infantili, col rischio di perdere il senso del sacro. Il dogma però non è l'oggetto diretto della fede ma è una formula relativa che INDICA (come un segnale stradale) una realtà che stà oltre. Il processo evolutivo di ognuno, nelle varie misure, non può formalizzarsi a dei dogmi. Ancor peggio, c'è chi accetta una fede pur non avendone capito i valori, e qui, siamo al parossismo, all'inerzia, al bigottismo frivolo...
Un saluto
mastro6 mastro6 16/01/2019 ore 22.54.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@KitCarson1971 : Radio Maria è onnipresente, e capita di 'attraversare' casualmente le sue frequenze, ma non certo per cercare qualcosa al di là del visibile (o dell'udibile, in questo caso); se dovessi farlo, la cosa sarebbe molto intimistica e tenderebbe ad un punto molto interno, piuttosto che fuori di me.
Una sorta di punto-D, che ancora non ho trovato, e che chissà se esiste.

Mi ritrovo ad essere alquanto refrattario alle citazioni, in generale, oltre che nella pratica teologica religiosa: anche sulla cultura generale l'eccessivo sfoggio di fonti, di sapere per così dire 'letterario' a volte mi anestetizza.

Comunque in questa ultima hai detto cose giuste, condivido.

Sea.Pard Sea.Pard 17/01/2019 ore 01.45.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@mastro6 scrive:
Io però non ho capito cosa pensi tu, nella prima parte sembravi un credente, nella seconda l'opposto...


Hai ragione. Non volevo espormi troppo per non essere preso di mira. Comunque che dio esiste ne siamo noi stessi umani la prova: non siamo di questo mondo.
Solo 'cercando' si capisce il disguido.

Negli anni del 1800, quando gli inglesi scoprirono le biblioteche sanscrite, venne trovata la fonte da cui è scaturita l'idea di dio. È a queste fonti che hanno attinto tutte le religioni; forse anche gli egizi.

Chi ha desiderio di conoscere può cercare e scoprire.
20015826
@mastro6 scrive: Io però non ho capito cosa pensi tu, nella prima parte sembravi un credente, nella seconda l'opposto... Hai...
Risposta
17/01/2019 1.45.13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 17/01/2019 ore 09.27.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma Dio esiste, senza citazioni?

@Sea.Pard scrive:
che dio esiste ne siamo noi stessi umani la prova


Questa è l'unica concessione che potrei permettermi di accettare se volessi chiudere il discorso, ma poi, subito dopo, sarei assalito dal dubbio di essere troppo egocentrista, uomo-centrista, e capirei di averla accettata perchè mi da importanza, perché mi gratifica, non perché sia, necessariamente, vera.

Accettiamo l'idea di Dio, dunque, per autocelebrarci?

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.