Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

KitCarson1971 03/02/2019 ore 15.41.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Chi fa seria ricerca può credere nelle religioni?



Ho posto il titolo a disamina, anche perchè stimolato dalla rentrèe del mio Maestro Filo, incomparabile e inimitabile laboratorio di bioenergia espressa in parole, tanto più che oggi ricorre il suo compleanno.

Rientro in me... Credo che un vero (e puro) ricercatore non possa credere in una religione, non può avere una sua fede ortodossamente praticata e accettata. Prima o poi questa fede lo porterebbe inevitabilmente a condizionare e limitare l'oggetto delle sue ricerche e le sue teorie o ipotesi di lavoro. Ma sia ben chiaro che io non limito nè restringo questa mia convinzione al mio campo, alla parapsicologia. Io mi allargo e la estendo agli scienziati tutti. Perchè la Scienza è a-morale, è a-religiosa. I prodotti della Scienza e le sue scoperte, dovranno invece essere valutate e impiegate dal filosofo e dal politico con criteri diversi, anche morali.

In varie occasioni ho avuto modo di corrispondere anche pubblicamente con dei sacerdoti, ed amo parlare di religione, dalla cristiana alla buddista, dall'induista all'ebraica, all'islamica. Perchè è dalla religione, spinto cioè dal problema religioso che io sono giunto nell'insieme della parapsicologia. Da una crisi che cominciò verso i 15 anni, e che è andata evolvendosi e ipertrofizzandosi col passare del tempo. L'approccio alla parapsicologia rappresentò per me una buona possibilità di affrontare (sperando di risolvere...) gli estremi problemi che da sempre hanno sconvolto l'uomo.

La religione, le religioni, non vanno dunque e in ogni caso, contro o in contrasto con la ricerca parapsicologica, nè con ricerche serie di ogni settore, perchè le religioni sono una "molla propulsiva", uno stimolo profondo per conoscere meglio le nostre origini. Certo, il distacco conviviale è d'uopo, perchè una religione, ortodossamente praticata, può condizionare il risultato delle ricerche. Certo, chi detiene una fede profondamente e radicata potrebbe inorridire, ma sarebbe solo un inorridire emotivamente, non razionalmente...

Un saluto e di nuovo auguri al grande Filo :inchino
8580378
Ho posto il titolo a disamina, anche perchè stimolato dalla rentrèe del mio Maestro Filo, incomparabile e inimitabile laboratorio...
Discussione
03/02/2019 15.41.20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 03/02/2019 ore 16.33.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi fa seria ricerca può credere nelle religioni?

@KitCarson1971 scrive:
Perchè le religioni sono una "molla propulsiva", uno stimolo profondo per conoscere meglio le nostre origini


Non credo proprio. Secondo me le religioni sono una modalità di approccio (e per tanti, ...troppi..., di sfruttamento) alla consapevolezza dei nostri limiti, delle nostre paure, delle nostre fragilità, un tentativo di avere risposte, che comunque non otterremo, pur tra tanti che si prodigano a 'convincerci' delle proprie 'verità'.

Lo stimolo profondo può addirittura ESSERE FINITO ovunque si sia 'istituzionalizzato' il ruolo del religioso, creando un mestiere e tanti dubbi, non legati più a quella ricerca ma all'uso che se ne fa.
Saluti e auguri! :ok

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.