Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Settembre Settembre 17/02/2019 ore 19.37.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Peccato originale - non necessariamente ha conseguenze per l'eternità

@mastro6 :

la vita è oggi e ieri e sempre,

capisco ciò che intendi,ma DIO ESISTE COME UNICO CREATORE

DELLE ANIME,che sono unite allo spirito immortali

tutto il resto è...complicato e non facilmente

spiegabile.

La vita non è dopo, è adesso, viverla eticamente, in pace, è senza dubbio anche la mia finalità.


quando si raggiungerà ciò tutto e tutti saremmo migliori.

ora mi ritiro alla prossima mastro :-)
KitCarson1971 KitCarson1971 17/02/2019 ore 20.49.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Peccato originale - non necessariamente ha conseguenze per l'eternità

@mastro6 scrive:
dovremmo essere tutti 'fratelli' (e salviamolo, pure, questo concetto).
L'etica umana, l'etica religiosa, morale, sono concetti condivisibili con facilità


Bello, giusto, ma l'uso puramente intellettuale della ragione porta ad ingannarsi: il solo giusto uso che ne può dare è di dirigerla a fini morali.

Sembra che sia ritornata pure la minaccia di un drammatico confronto tra le due super potenze, come se non bastassero i tanti focolai di tensione nel mondo (ideologici, economici, religiosi)che mietono ogni giorno centinaia e centinaia di vite umane: vittime per le quali nessuno innalzerà mai un qualsiasi "altare della patria". Che dire poi, di quella guerra silenziosa che due terzi dell'umanità combatte contro la fame mentre pochi milioni di privilegiati possono permettersi di consumare in un giorno ciò che a quei derelitti sarebbe più che sufficiente per sopravvivere per un mese?

Sono realtà che non fanno onore all'uomo come essere razionale. Ma l'uomo è davvero razionale? No, non lo è. E ben lo sapeva Immanuel Kant (lo cito NON per far dispetto a Mastro6, ma perchè ne condivido i principi)quando espose il suo sistema etico della "Metafisica dei costumi" che si sintetizza in quel "comando della ragione" la cui formula si chiama "imperativo categorico", una espressione ormai familiare anche da chi non fa per professione il filosofo.

Kant infatti esorta ad operare in modo che ogni azione possa valere IN OGNI TEMPO "come principio di una legislazione universale", adatta cioè a TUTTI gli uomini, senza alcun fine di utilitarismo ma solo per senso di dovere. Domanda: Ma chi deve imporre all'uomo questa legge? Risposta: UNICAMENTE LA SUA RAZIONALITA'.
E' questo un concetto dell'etica esposto più di 200 anni fa, e con argomentazioni di più alto livello intellettuale che, potenzialmente, l'uomo sarebbe in grado di esercitare.
Un saluto
amicotuo913 amicotuo913 17/02/2019 ore 23.39.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Peccato originale - non necessariamente ha conseguenze per l'eternità

@voldben scrive:
Da secoli le Chiese insegnano ai cristiani che il peccato originale commesso da Adamo ed Eva ha marchiato l'essere umano di una macchia che si trasmette di generazione in generazione e che niente potrà lavare.

Mah!.... in effetti secondo la Chiesa l'uomo nasce in condizione di peccato perchè è venuta meno, nei tempi dei tempi, la fede in Dio (mancato rispetto, da parte di Eva prima ed Adamo dopo, della nota disposizione di Dio, con successiva "cacciata" dal paradiso terrestre e caduta nel mondo effettivo). Questa è, stando alla religione cattolica, la nostra condizione alla nascita, peraltro superabile con l'acquisizione della fede assoluta nel creatore.
Quindi noi possiamo scegliere se continuare a vivere in funzione del peccato originale (ovvero "nel peccato di non avere fede") oppure ri-acquisirla .
Sotto il punto di vista della religione, siamo quindi in pieno libero arbitrio: possiamo scegliere.
amicotuo913 amicotuo913 18/02/2019 ore 08.21.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Peccato originale - non necessariamente ha conseguenze per l'eternità

segue... Peraltro sussiste anche un senso logico: prima il mondo, poi l'uomo, infine la religione, che ha dovuto motivare e giustificare parecchie cose spiacevoli e difficili della vita: la morte, le sofferenze, le malattie, la fame, il clima; tutte cose e situazioni che mal si adattavano a persone già al top della felicità, della serenità e della pace, ...ma che andavano benissimo per persone che devono conquistarsele, quelle cose, che devono "risalire la china" per ottenerle.
Peltier14 Peltier14 13/03/2019 ore 00.49.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Peccato originale - non necessariamente ha conseguenze per l'eternità

A me il peccato ha donato profondi godimenti e ringrazio chi lo ha introdotto sapientemente come strumento di autentico piacere.
amicotuo913 amicotuo913 14/03/2019 ore 01.35.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Peccato originale - non necessariamente ha conseguenze per l'eternità

@Peltier14 scrive:
A me il peccato ha donato profondi godimenti e ringrazio chi lo ha introdotto sapientemente come strumento di autentico piacere.

E poi ricordiamo che c'è pure il concetto di perdono....non male, come soluzione!
ChatNoir.RM ChatNoir.RM 17/03/2019 ore 23.05.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Peccato originale - non necessariamente ha conseguenze per l'eternità

Mi limito a osservare che nella versione originaria ebraica della bibbia, nell'episodio del cosiddetto peccato originale, non viene menzionata la mela, ovvero non viene specificato di quale frutto si parli. In ebraico mela si dice tapuach: parola che non esiste per niente in tutta la bibbia. L'errore tradizionale di tradurre il frutto proibito con mela deriva dalla traduzione fatta da san Gerolamo (la vulgata) per via dell'assonanza latina tra i termini malus e malum per i significati di mela e male.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.