Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

voldben 13/08/2019 ore 11.06.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Dio - Lo si può conoscere unicamente fondendosi nella Sua immensità




La maggior parte delle religioni ha dato a Dio un'apparenza umana, poiché, per presentare le realtà del mondo spirituale, occorreva renderle accessibili, ed esse vanno ben oltre le capacità ordinarie di comprensione dei credenti! Ciò che è piccolo non può comprendere l'immensità, ciò che è limitato non può comprendere l'illimitato, e ciò che è finito non può comprendere l'infinito. Quando lo capirà l'essere umano? Quando entrerà nell'immensità, quando si fonderà con essa, quando parteciperà della sua vita. Finché una goccia d'acqua è separata dall'oceano, sebbene abbia una composizione identica, non può conoscerlo. Ma se ritorna all'oceano, non la si può più separare da lui: la goccia diventa l'oceano e, diventando l'oceano, essa lo conosce. Lo stesso vale per l'essere umano. Egli è finito, limitato, ma quando avrà lavorato a lungo per purificarsi, risveglierà dentro di sé delle facoltà e delle possibilità quasi senza limiti: si fonderà con l'immensità, e potrà conoscere l'eternità e l'infinito di Dio.

Omraam Mikhaël Aïvanhov
8589433
La maggior parte delle religioni ha dato a Dio un'apparenza umana, poiché, per presentare le realtà del mondo spirituale, occorre...
Discussione
13/08/2019 11.06.28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
KitCarson1971 KitCarson1971 16/08/2019 ore 10.43.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Dio - Lo si può conoscere unicamente fondendosi nella Sua immensità

@voldben scrive:
Lo stesso vale per l'essere umano. Egli è finito, limitato,



Voglio ben a voldben, anche alla retorica che è sempre presente nelle sue proposte: Dio, Dio, Dio. Definizione indefinita. Per cercare di dimensionarlo si entra in crisi dimensionale... la cui misura non può valutarsi col metro di una sola esistenza umana. La Sua esistenza e la Sua effettiva realtà può essere suggerita dall'arte, che anticipa gli eventi; dalla messaggistica, che in questi tempi diventa sin troppo feconda; dagli automatismi, che stanno aumentando esageratamente, pure dalla mai scomparsa ufologia e da tutto il mondo dell'insolito, il cui boom è tipico dei momenti difficili della storia. Dio si misura anche in questo...

Per continuare il mio ultimo rigo... va detto e rilevato che in tutte le epoche si verificano più o meno fatti che sono confrontabili con i nostri, ma non sono mai stati numerosi come ora. E poi di questi eventi non si può escludere una ciclicità storica: ci sono reiterate presenze ierofaniche che lo attestano, ci sono tempi in cui i culti abbisognano di sincretismo per le cosidette rivoluzioni spirituali. E il tutto si ripete...

E il tutto si ripete, si, ma la "spirale evolutiva" si fa sempre più ampia di volta in volta, più esigente verso un Creatore o chi per Lui, perchè la storia umana riflette la storia dello sviluppo psicosomatico di un singolo (il Gran Maestro Filo per citarne uno), perchè la psicologia di massa ha gli stessi processi di quella dell'individuo. Ci sarebbe molto da dire su questo, non a caso ho citato il Maestro Filo, attenendomi una volta di più ai suoi illuminanti pareri.
Un saluto
mastro6 mastro6 16/08/2019 ore 18.25.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Dio - Lo si può conoscere unicamente fondendosi nella Sua immensità

@voldben scrive:
Ciò che è piccolo non può comprendere l'immensità, ciò che è limitato non può comprendere l'illimitato, e ciò che è finito non può comprendere l'infinito. Quando lo capirà l'essere umano? Quando entrerà nell'immensità, quando si fonderà con essa, quando parteciperà della sua vita.


E' essa stessa una 'visione' troppo umana, troppo ristretta, non da l'idea di un 'abbraccio di infinito', quanto piuttosto della riduzione dell'idea di un Dio immenso fatto a modello umano (il solito errore di fondo, direbbe qualcuno di noi qua dentro, errore di 'logica formale', no?)


Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.