Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

KitCarson1971 KitCarson1971 28/08/2019 ore 22.52.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@brunalu scrive:
Perdonami, ma questa, secondo me, è una grande stupidata


Ciao. Anche seppur breve la tua frase non va rigettata, ma considerata. Puoi cortesemente approfondire il concetto, il senso della tua valutazione-convinzione? Grazie.
bialy bialy 29/08/2019 ore 07.35.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@brunalu : Cerco di esprimere in modo meno sintetico quello che ho scritto (cosa che peraltro invito a fare anche a te). Essere ad immagine e sogmiglianza di Dio non significa essere come lui, quindi ogni tentativo di dare una precisa inquadratura a ciò che non conosciamo ma possiamo semmai soltanto percepire, è per me una forma di ego ovvero pretendiamo che sia lui a ragionare come noi. Noi sappiamo soltanto ciò che percepiamo con i nostri 5 sensi, per noi la realtà è questa, ne siamo convinti ma in verità non sappiamo proprio cosa c'è al di là di questa percezione fisica. Quindi è molto limitante cercare di incastonare Dio nella nostra gabbietta umana. Se vivi convinto che il nostro mondo che equivale a meno di una pisciata di un microbo in questo immenso Universo, sia la sola realtà possibile solo perché è ciò che conosci allora non c'è Dio che tenga, sei proprio tu a sentirti Dio.
mastro6 mastro6 29/08/2019 ore 08.07.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@bialy scrive:
Noi sappiamo soltanto ciò che percepiamo con i nostri 5 sensi, per noi la realtà è questa


Questo è assolutamente sbagliato, frutto di considerazioni puramente retoriche.
Sappiamo ben altro, abbiamo messo su scienze teoriche ma dimostrabili che non hanno nulla di tangibile, e assolutamente nulla di percepibile da nessuno dei nostri 5 sensi.

Per quanto riguarda il tuo 'inquadramento' della somiglianza o meno di Dio alla nostra natura umana, noto che hai costruito un castello sull'enunciato 'essere a sua immagine e somiglianza', dimenticando che, anche questo è un retaggio culturale assolutamente arbitrario, dettato da enunciati dogmatici che non hanno alcun fondamento.
Ho proposto, più volte, a me e anche a chi crede, di provare ad andare oltre questo concetto che mette il simbolismo al centro del sentire 'religioso', animistico, che erige totem in nome di ciò che, invece non ha forma, non ha sostanza, non cede ad alcun raffronto con il reale, che, in definitiva, non esiste (non esiste e non potrebbe esistere secondo sempre definizioni 'arbitrarie', che nessuno potrebbe, e nessuno ha potuto, mai, convalidare, dogmi appunto)

Quindi credere in Dio non è cosa certa, nemmeno comunque è censurabile, io la equiparo esemplificativamente a voler credere che "domani sarò fortunato!": possiamo dire che sia vero o non vero? Se ti fa bene crederci ok, non sarò certo io a voler smontare questa convinzione, ma, certo, non mi si può convincere a volerlo 'credere' anche io.
bialy bialy 29/08/2019 ore 09.56.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@mastro6 : ripropongo l'enunciato di Jung. Io non credo in Dio. Io so che Dio esiste sulla base di ciò che conosco per esperienza personale. Non è fede, non c'entra la religione e la citazione di "immagine e somiglianza" era solo per evidenziare quanto nei secoli l'uomo si sia sentito Dio solo in virtù di quelle due parole. Personalmente condivido molte più cose con gli atei che con i fondamentalisti della fede. I primi hanno spesso una visione più aperta i secondi molto limitata. Può darsi anche che Dio sia un bisogno creato dall'uomo per sopperire a l'unica cosa veramente sconosciuta, la morte e tutte le paure che questa determina, può darsi, non si sa, e questo non sapere apre le porte a mille strade e ognuna paradossalmente può essere quella giusta, nessuno può dire per certo dove sta la verità, e questa è la grande bellezza dell'esistenza, il mistero che l'avvolge, certo magari per te non c'è nessun mistero, siamo solo un prodotto biologico a scadenza frutto del caso, mi va bene anche questo ma qualcosa nel profondo di me mi chiede di spingermi oltre, così ho sempre fatto e così ho incontrato l'incognito.
20139400
@mastro6 : ripropongo l'enunciato di Jung. Io non credo in Dio. Io so che Dio esiste sulla base di ciò che conosco per esperienza...
Risposta
29/08/2019 9.56.06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
KitCarson1971 KitCarson1971 29/08/2019 ore 11.24.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@mastro6 scrive:
Questo è assolutamente sbagliato, frutto di considerazioni puramente retoriche.
Sappiamo ben altro, abbiamo messo su scienze teoriche ma dimostrabili che non hanno nulla di tangibile, e assolutamente nulla di percepibile da nessuno dei nostri 5 sensi.


A tutt'oggi le tue affermazioni non trovano credito presso la Scienza. La visione scientifica in realtà SI RIDUCE nei tre assiomi fondamentali. Chiedo il permesso di ripetermi... 1- L'uomo può comunicare con l'esterno solo con i 5 sensi. 2- Non si può influire sullo stato di quiete o di moto di un oggetto o di sistema fisico senza esercitarvi una forza. 3- Un avvenimento non può causarne un'altro prima che esso stesso non sia avvenuto. Questi a mio parere non sono dettagli caro Master, in considerazione di una auspicabile educazione scientifica "integrale" verso tutto ciò che c'è ma... non si vede. Non solo quindi fare incetta scientifica di tachioni, eoni, quarkioni, beoni, ecc... ma che non si strumentalizzi e condizioni il pensiero che non deve essere limitato da strumentazione tecnicista.
Un saluto
mastro6 mastro6 29/08/2019 ore 13.45.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@KitCarson1971 scrive:
1- L'uomo può comunicare con l'esterno solo con i 5 sensi


Stiamo travisando completamente il concetto.
L'uomo continua imperterrito a Toccare, Vedere, Annusare, Gustare, Sentire e basta, chi dice o mette in dubbio cio?!?!

Ma l'uomo, tesi da me sostenuta, è in grado di vedere, sentire, annusare, gustare e toccare oltre i suoi 5 sensi, aggiungendo 'sensi' e capacità nuove attraverso macchine che esso può leggere e che, dunque, gli rendono 'percepibile' altre 'sfumature' o caratteristiche (onde, radiazioni, amplificazioni, ingrandimenti, pesi e misure infinitamente piccoli o grandi, ecc.) che altrimenti non avrebbe potuto certamente 'scoprire'.

Per me l'uomo e la sua macchina, nel caso citato, sono un attore unito, unico, e ben possono dissuadere dal rimettere in circolo retoriche considerazioni come quella espressa.

Certo non potrete mai pretendere di leggere il WiFi di casa 'ad orecchio', ma ormai è assodato e di uso corrente che attraverso quel metodo si possano convogliare informazioni e, udite udite, unire il mondo intero, lì, proprio nel nulla di un segnale wireless.
Diversamente, di cosa state parlando? Potrei non aver capito io!
brunalu brunalu 01/09/2019 ore 10.12.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@KitCarson1971 scrive:
Puoi cortesemente approfondire il concetto, il senso della tua valutazione-convinzione? Grazie.


Ci provo.
Ovvio che taluni in delirio di onnipotenza si siano sentiti un Dio in terra, ma questo non vale per la stragrande maggioranza degli uomini.Ci arrabattiamo per cercare di dare un senso a questa vita, qualcuno ci riesce, molti no- ed io tra questi.
Siamo talmente minuscoli in un universo infinito che pensare di confrontarsi con Dio ( inteso come l'artefice di questo universo infinito) a me sembra assurdo.
L'ego smisurato ci sta, sentirsi superiori a tutti pure… ma non a Dio.
Sul fatto poi che ci abbia creato a sua immagine e somiglianza ci sarebbe molto da discutere: siamo deboli, imperfetti,limitati e spesso cattivi...anche Dio è così? Poteva fare un po' meglio …
Vabbè, mi sono accorta di aver ingarbugliato un po' i discorsi, non sono brava ad esprimermi.

Filodeon Filodeon 01/09/2019 ore 11.31.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@brunalu scrive:
...anche Dio è così? Poteva fare un po' meglio …

Dialetticamente parlando diciamo che i teologi biblici ti segherebbero subito le gambe ( non avendo più ovviamente, la possibilità di metterti al rogo ) osservando che se a Jeova-Eloim gli è riuscita male quella creatura umana fatta a sua immagine e somiglianza, ciò è unicamente da imputarsi a unica ed esclusiva colpa di Adamo, progenitore dell'umanità, ma c'è un "ma" e cioè che quando si eredita, si dovrebbe avere il diritto di recessione, ma la divina provvidenza nella sua incommensurabile bontà questo non l'ha permesso : ora io che non sono un teologo , ma conoscendo i teologi e il loro modus operandi e nel medesimo tempo le loro deformazioni professionali ((( attualmente seguo le vecchie catechesi del cardinal Ravasi e del Cardinal Biffi in seconda serata su Radiomaria, e ti posso dire che tutti e due ti possono proporre delle argomentazioni ineccepibili per giustificare la faccenda, sul fatto che dobbiamo ereditrare per forza l'eredità, sicuramente per mettere in atto la loro opera persuasoria ( convincere servendosi di procedure razionative è appunto il loro mestiere, anche se proclamano che la conversione e relativa salvezza dell'anima è frutto della grazia divina effusa dallo Spirito Santo ) non prenderanno l'analogia dal codice civile al quale, secondo l'opportunità della pezza giustificatoria, non lesinano di ricorrere, dal mometno che prevede appunto la possibilità di rifiutare una eredità ( prevede adddiritura la possibilità di pensarci su dieci anni prima di decidere in merito all'accetazione ), ma diretttamente dal codice genetico ( chissà come ci avrebbe sguazzato sopra se ne fosse venuto a conoscenza la tomistica scolastica ), dimenticando che qui dovrebbe trattarsi di qualcosa di spirituale, ma si tratta appunto delle pezze giustificatorie, di cavilli sofistici pur nella loro logica ineccepibilmente condotta ))) chiudo la triplice parentetica, il fatto si è che , mentre a loro, a causa della deformazione professionale di cui accennavo, non passa nemmeno per l'anticamera del cervello che forse è meglio di leggere e interpretare la bibbisa alla luce di altre prospettive meno dogmatiche e più possibiliste, da parte mia, ammpcac, ritengo che la bibbia si potreebbe impunemente e tranquillamente sostituire con altri testi, magari di fisica divulgativa e accontentarsi della bibbia non più come libro da leggersi integralmente, tenerla al di sopra degli altri libri ( c'è chi lo fa anche letteralmente, come atto religioso, bontà sua ), considerandola il libro dei libri da cui attingere la verità rivelata, assolutaq, immutabile, ma in versione per così dire reader digest: In fin dei conti è soltamto una questione di assiomatici postulati, a cui al giorno d'oggi siamo liberi dia dare o meno la nostra adesione...Pwer adesso il libro che tengo sopra gli altri, ma è una scelta, per l'appunto , provvisoria è quello sulla particella di Dio di Leon Lederman...
20141609
@brunalu scrive: ...anche Dio è così? Poteva fare un po' meglio … Dialetticamente parlando diciamo che i teologi biblici ti...
Risposta
01/09/2019 11.31.51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
brunalu brunalu 01/09/2019 ore 13.18.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@Filodeon scrive:
da parte mia, ammpcac, ritengo che la bibbia si potreebbe impunemente e tranquillamente sostituire con altri testi, magari di fisica divulgativa e accontentarsi della bibbia non più come libro da leggersi integralmente, tenerla al di sopra degli altri libri ( c'è chi lo fa anche letteralmente, come atto religioso, bontà sua ), considerandola il libro dei libri da cui attingere la verità rivelata, assolutaq, immutabile, ma in versione per così dire reader digest: In fin dei conti è soltamto una questione di assiomatici postulati, a cui al giorno d'oggi siamo liberi dia dare o meno la nostra adesione…

Grazie per aver detto,in termini ben più moderati, quello che penso anch'io della Bibbia.
brunalu brunalu 01/09/2019 ore 13.19.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Se esiste Dio

@Filodeon scrive:
se a Jeova-Eloim gli è riuscita male quella creatura umana fatta a sua immagine e somiglianza, ciò è unicamente da imputarsi a unica ed esclusiva colpa di Adamo, progenitore dell'umanità,

il che dimostra che Adamo in effetti non gli è riuscito bene, altrimenti non avrebbe peccato

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.