Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

EtaPeta 09/10/2019 ore 18.34.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)oggetti mistici

Nel segno del motto “Meglio abbondare che deficere”
Ho deciso di rivangare un mio vecchio thread.
“Il Graal” ( http://forum.chatta.it/esoterismo-e-mistero/8424425/il-graal.aspx?p=49 ).
Vi informo dei progressi da me fatti.
Pare che anche l’oriente non sia nuovo a concetti simili al Graal.
Per loro esiste qualcosa di simile, ma si tratta di un medaglione e non di un calice.
Tutto qui, ma posso aggiungere qualche concetto personale.
Questo però, non senza scomodare la religione.
Mi accingo a fare un minestrone esoterico-religioso.
Tanto per cominciare aleggia l’ombra oscura su queste cose, il male però non dipende da questi oggetti sacri ma da come e da chi li utilizza.
Non avrei mai pensato di dire ciò, ma io non mi prendo responsabilità per l’eventuale utilizzo improprio di queste informazioni (compresa la magia nera) .
Lo faccio perché ho finito le argomentazioni.
Espongo le diverse prospettive, quella religiosa e quella esoterica.
Dal punto di vista religioso questi oggetti mitologici ci mettono in contatto con “i depositari”.
Mentre dal punto di vista esoterico sono una tentazione enorme di cambiare la natura delle cose (“la strada dell’inferno è lastricata di buone intenzioni”).
In entrambi i casi la persona detentrice di uno di questi poteri diventa un demiurgo, utilizzando questi oggetti mistici.
Naturalmente siete liberi di non credere a ciò che scrivo, ma ignorare il problema (perché di problema si tratta) non fa’ di queste possibilità cose meno vere.
Tanto più che esotericamente parlando, tutto si può fare purché non si sappia.
8592577
Nel segno del motto “Meglio abbondare che deficere” Ho deciso di rivangare un mio vecchio thread. “Il Graal” (...
Discussione
09/10/2019 18.34.42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 09/10/2019 ore 19.18.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici

@EtaPeta scrive:
Tanto più che esotericamente parlando, tutto si può fare purché non si sappia


Ma 'sappia' ha l'intenzione di stabilire che, quelle che tu dici, sono verità assolute?
EtaPeta EtaPeta 09/10/2019 ore 20.16.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici

@mastro6 scrive:
Ma 'sappia' ha l'intenzione di stabilire che, quelle che tu dici, sono verità assolute?


Non penso che si tratti di verità (più o meno assolute).
Ma di ciò che si ha e ciò che non si ha.
Tutto il resto lo si prende per fede o fiducia.
Comunque io non do a nessuno il “libretto delle istruzioni”, ’sappia’ dovrà arrangiarsi.

20166773
@mastro6 scrive: Ma 'sappia' ha l'intenzione di stabilire che, quelle che tu dici, sono verità assolute? Non penso che si tratti...
Risposta
09/10/2019 20.16.37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Nemo.1972 Nemo.1972 09/10/2019 ore 20.47.53 Ultimi messaggi
segnala

PerplessoRE: oggetti mistici

Qualcuno sa che Excalibur è stata spesso ritenuta essere la spada di Longino? Quella per intenderci che trafisse il costato di Cristo sulla croce...si dice sia l'unica arma in grado di uccidere i demoni e le altre creature dell'Inferno o mitiche quali vampiri e lupi mannari...
KitCarson1971 KitCarson1971 09/10/2019 ore 20.48.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici



Argomento che trovo interessante, tantopiù singolare se lo rapportiamo alla inerente beffa perpetrata a quel sant'uomo di Himmler che, tramite il Graal, sognava, cavalcando il sogno nietzschiano, di diventare capo indiscusso di una nuova razza di soldati-agricoltori. Non è purtroppo una favola, ma una follia del braccio destro (meglio dire SINISTRO) del possessore di baffetti da sparviero e criptorchidistico inneggiante al semitismo, tal Hitler con tanto di braccio teso perchè forse anchilosato... e ideatore di quella porcata chiamata Mein Kampf.

E' notoria la ricerca nazista per questa reliquia. Non è molto chiaro invece se il Graal sia da associare al calice con cui si dissetò durante la sua ultima cena il Cristo o sia da considerarsi invece la coppa con la quale tal Giuseppe d'Arimatea raccolse il suo sangue. Sia come sia l'occhialuto Mastro... pardon Himmler realizzò, almeno inizialmente, il suo sogno, teso ad imitare la corte di Re Artù e dei 12 nobili cavalieri. Saga controversa, molto probabilmente basata sulla vita (autentica) del cavaliere di Chiusdino e della sua altrettanto vera spada nella roccia, posta in un luogo ameno degno di visite, come già dissi in un'altro post.
Un saluto
mastro6 mastro6 09/10/2019 ore 23.11.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici

@KitCarson1971 scrive:
Non è molto chiaro invece se il Graal sia da associare al calice con cui si dissetò durante la sua ultima cena il Cristo o sia da considerarsi invece la coppa con la quale tal Giuseppe d'Arimatea raccolse il suo sangue


Ma, in ogni caso, vi rendete conto che questo non è di nessun valore? Come diamine si può essere così propensi a far diventare un oggetto, seppur appartenuto a chicchessia, simbolo di chissà quali poteri?
Ma stiamo scherzando o si fa sul serio?
KitCarson1971 KitCarson1971 10/10/2019 ore 10.36.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici

@mastro6 scrive:
Ma, in ogni caso, vi rendete conto che questo non è di nessun valore? Come diamine si può essere così propensi a far diventare un oggetto, seppur appartenuto a chicchessia, simbolo di chissà quali poteri?
Ma stiamo scherzando o si fa sul serio?



Che peccato che il mio callido micco-ne myster Mastro 666 oscilli verso inutili fervorini astiosi e svicoli e schivi ciò che è realmente scritto. Ordunque, nel post precedente ho detto in riferimento alle credenze sul Graal e su chi (Himmler) lo rincorreva per ogni dove : "NON E' PURTROPPO UNA FAVOLA, MA UNA FOLLIA". Mi vien da preguntar al mio amico d'infanzia Mastro, se il suo nichilismo sia in realtà un fine... fine a se stesso... 'A Mastrò, Te possino! Leggenda o realtà, miracolosa o meno che sia, la "storia" del Graal è intrigante, almeno per chi non si interessa solo di fichi secchi e oltre ai SOLITI dinieghi pensa di esse est percipe, non accontentandosi di masticare solo brodo e di succhiare sassi. Il Graal lo intendo come una curiosità, una leggenda, una pseudo verità che, in ogni caso non cambia di una virgola l'immenso messaggio cristico. Va rimarcato (e non vedo motivo per non farlo) che le reliquie, religiose o meno, detengono in sè un fascino esoterico che nessun Mastro potrà mai deficere.

Le leggende su questo bicchiere (probabilmente di legno) si susseguirono nei secoli, una ci dice che dopo la crocifissione, Giuseppe d'Arimatea, a causa delle persecuzioni in Terra Santa, prese il mare sbarcando in Inghilterra. Qui, sull'isola fluviale di Glastonbury, avrebbe fondato un'abbazia dove ripose la preziosa reliquia che aveva portato con sè. Di G. d'Arimatea non si sa molto, sembra fosse membro del Sinedrio, in seguito discepolo di Gesù. Ottenne dal brumoso Pilato di poter seppellire Gesù in una tomba di sua proprietà. Anche su di lui le reliquie non mancano ( e te pareva...), una si troverebbe a Moyen Moutier (Francia), un'altra in Inghilterra e un'altra ancora (un braccio)in Vaticano.

Possibile che del Graal si sia impadronita FIN TROPPO la letteratura, abbellendolo di esoterici simbolismi sfocianti perfino nella filosofia. Tale abbellimento si ha dall'anno 1189 tramite tal Chretien de Troyes con il suo celeberrimo "Perceval" (o storia del Graal). da qui inizia la ricerca della preziosa reliquia, ma non è nient'altro che un romanzo incentrato su di un cavaliere della Tavola Rotonda. Il tutto come già dissi, è una scopiazzatura del cavaliere di Montesiepi, le cui gesta furono portate in patria (inghilterra) da pellegrini dal ritorno da Roma, passando da Chiusdino. Bisogna essere cauti su queste fuorvianti e spesso discordanti tradizioni, dando loro il giusto (seppur mysteryoso) valore.
Un saluto. Anche, e perchè no, al mio grande estimatore nonchè amico per la pelle Mastro 6...

EtaPeta EtaPeta 10/10/2019 ore 10.54.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici

@mastro6 scrive:
Ma, in ogni caso, vi rendete conto che questo non è di nessun valore? Come diamine si può essere così propensi a far diventare un oggetto, seppur appartenuto a chicchessia, simbolo di chissà quali poteri?Ma stiamo scherzando o si fa sul serio?


L’oligarchia religiosa impedisce di trattare alcune argomentazioni.
Gli esoterici non sono ben visti da chi applica la religione predominante.
Non conviene farsi bollare come eretici (in passato lo è stato più che mai).
Gli “oggetti” sono “concetti”.
E’ un modo per dire velatamente cose che normalmente non è possibile neanche accennare.
C’è l’idea che San Giovanni sia il successore di Gesù (e non San Pietro).
Oppure di una discendenza segreta di Gesù.
Inoltre tante altre cose che danno fastidio e che la chiesa cattolica vorrebbe eliminare come ha fatto con i vangeli apocrifi.
Dire velatamente qualcosa è meglio che subire e tacere, inoltre chi riesce a capire “le mezze verità” o “le mezze bugie” è un illuminato.
Di sola intercessione non si può vivere, a volte bisogna provvedere a se stessi.
Le forze della natura non sempre possono essere mitigate.
mastro6 mastro6 10/10/2019 ore 12.37.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici

@KitCarson1971 : Io credo che questi (come altri, materiali ed immateriali) SIMBOLI, siano creati ad arte e venerati al solo e semplicissimo scopo di DARE FORZA ALLA TESI (religiosa).

Magari Gesù uomo ha bevuto in un bicchiere 'normale', identico ai tanti che erano presenti nella fantomatica 'cena', e sarebbe più credibile che chi ha sparecchiato il banchetto abbia accatastato per pulirle tutte le scodelle presenti. E solo dopo, l'illustratore si è 'inventato' quella scena nella quale, oggi, vogliamo leggere 'realtà'... Ma stiamo scherzando?
KitCarson1971 KitCarson1971 10/10/2019 ore 14.38.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: oggetti mistici

@mastro6 scrive:
@KitCarson1971 : Io credo che questi (come altri, materiali ed immateriali) SIMBOLI, siano creati ad arte e venerati al solo e semplicissimo scopo di DARE FORZA ALLA TESI (religiosa).

Magari Gesù uomo ha bevuto in un bicchiere 'normale', identico ai tanti che erano presenti nella fantomatica 'cena', e sarebbe più credibile che chi ha sparecchiato il banchetto abbia accatastato per pulirle tutte le scodelle presenti. E solo dopo, l'illustratore si è 'inventato' quella scena nella quale, oggi, vogliamo leggere 'realtà'... Ma stiamo scherzando?


Caro Mastro, dissociato e introverso amico mio, ho provato a calarmi nella parte (la tua), mi sono messo gli occhiali affumicati alla corteccia di sandalo 8-) , posa da pensieroso, alla tua streg-ua insomma e, devo ammettere, che da un diverso punto di vista (il tuo), sommato al massimo ad un decimo di angolo giro di varietà di raziocinante ragionamento, potrebbe non fare una (messa-in) piega. Ma siamo semPer li o docente crapula di irriverenti nomenclature "abrasive" e cancellatorie di ogni cosa che, almeno per solida (NON stolida) curiosità, dovrebbe invece spingerti a non vendere la pelle dell'orso prima di avergli trovato un posto a tavola.

Curiosità che di per sè, non dovrebbe farti assentire o dissentire su tali argomenti, ma almeno sufficientemente valida per spingerti appena al di là delle tue ristrette colonne d'Ercole, a farti abbandonare (momentaneamente, s'intende, SOLO momentaneamente, ci mancherebbe altro) il tuo tarlato trespolo della cacatuaesca negazione reiterata, la quale viene irridentemente usata da te solo per il fatto che la visione per le cosidette "stranezze" è vista monocolarmente (maaaa, Zenti, se mi conZenti, i tuoi occhiali hanno una lente sola?) da una sbiadita (e tracotante?) visione a 36° atta solo per visionare rigonfie e acquose cucurbitacee. Non puoi pretendere di estendere con la tua abituale negatività tutto ciò che non recepisci, che esula dal tuo orticello di acerbi baccelli contenenti sfilacciate sinapsi... (chiedo venia... forse ho esagerà un popò...)

Anche l'amico Eta Peta, secondo me esagera un cicinin: ogni principio di ricerca deve necessariamente mantenere le distanze, vale dunque porsi come il romano, equo tra stadera e piatti della bilancia. Non ci si può insomma sbilanciare eccessivamente pro o contro, altrimenti si diventa discepoli di un Filo tagliente... Quindi, l'amico Eta lo seguo fino ad un certo punto, ma non mi va di trascurare l'etimologia della "coppa", del "calice", oggetto tenuto in alto significato non solo tra i cristiani, ma anche presso gli Indù, i Cinesi, Persiani, Giapponesi, Arabi, Buddhisti, popoli e religioni che lo inquadravano simbolicamente (come coppa, per la capienza) all'abbondanza, connessa alla ricerca della bevanda che dono l'incorruttibilità, ma anche come un seno materno da cui stilla il latte della vita. Non va dimenticato l'aspetto "cosmico", infatti una tazza semisferica è simile ad una volta celeste rovesciata e assomma in sè il significato della cupola, associandosi a quello dell'orientamento e dei punti cardinali. ma c'è di più... Eeeeeh! eeeeccome....
Un saluto


Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.