Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

mastro6 26/03/2020 ore 09.13.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)E' questo il momento adatto

E' questo il momento adatto per sostenere con fermezza

Che Dio esiste ed è con noi, che fa miracoli attraverso i santi

Che la forza della nostra mente e le intenzioni modificano positivamente gli altri

Che la filosofia è più importante dei fatti

Che volere è potere

. . .

Potete continuare, per favore?
8599594
E' questo il momento adatto per sostenere con fermezza Che Dio esiste ed è con noi, che fa miracoli attraverso i santi Che la...
Discussione
26/03/2020 9.13.29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Az3n Az3n 26/03/2020 ore 09.57.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

... Che, come super-potenza mondiale, se voglio fare "bio-prevenzione", prendendomi per tempo sulla capacità della natura di sviluppare virus mortali per l'umanità, investo in biolaboratori che mettano a punto supervirus al solo scopo di estrarne contemporaneamente efficaci anti-virus ed essere dunque tutti sufficientemente preparati ai rischi evolutivi naturali dei virus.

Che, come superpotenza mondiale, se voglio far capire ai miei antagonisti e nemici che non gli conviene proprio mettermisi contro, investo in biolaboratori in grado di manipolatore armi batteriologiche ad hoc e glielo paleso chiaramente, così che ai miei nemici venga il dubbio se conviene loro rischiare un attacco oppure no. L'antivirus ovviamente me lo tengo per me, l'arma é per loro, la cura eventuale per me. In ogni caso al limite la pagheranno a ben caro prezzo.

Stamattina mi sento sull'orlo della follia mentale dei "potenti".

20249242
... Che, come super-potenza mondiale, se voglio fare "bio-prevenzione", prendendomi per tempo sulla capacità della natura di...
Risposta
26/03/2020 9.57.52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 26/03/2020 ore 10.03.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n scrive:
Che, come superpotenza mondiale, se voglio far capire ai miei antagonisti e nemici che non gli conviene proprio mettermisi contro, investo in biolaboratori in grado di manipolatore armi batteriologiche ad hoc e glielo paleso chiaramente, così che ai miei nemici venga il dubbio se conviene loro rischiare un attacco oppure no. L'antivirus ovviamente me lo tengo per me, l'arma é per loro, la cura eventuale per me. In ogni caso al limite la pagheranno a ben caro prezzo.


La ricerca della supremazia in campo biogenetico è evidente, migliaia di laboratori governativi e non solo investono enormi risorse in questa sorta di 'ricerca'.
E perdere il controllo, non è fuori delle possibilità.

Quindi, anche mettendo da parte il complottismo, può succedere. Bisogna dare un limite ai test, penso che ormai lo dovremmo aver compreso.
20249252
@Az3n scrive: Che, come superpotenza mondiale, se voglio far capire ai miei antagonisti e nemici che non gli conviene proprio...
Risposta
26/03/2020 10.03.58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
KitCarson1971 KitCarson1971 26/03/2020 ore 15.28.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 :


Ciao Mastro. Sei partito alla tua solita maniera, incentrando inizialmente l'argomento sul solito binario: PERCHE' Dio permette questo, ovviamente relazionato allo spauracchio del momento (il virus con tanto di CORONA...). Hai cambiando la versione dopo l'intervento della ragaSSa emiliana. Il mio pensiero l'ho già espresso in alcune attinenti circostanze e dalle quali NON mi discosto, NON per non farmi torto, che sarebbe ontologicamente il minimo, particolarmente scorretto, ma perchè così la penso.

L'ho già detto, ma ribadisco che a leggere le tue opinioni su Dio (che non può MAI essere il Dio biblico) mi fanno cadere le castagne... Le tue nozioni si riflettono (ahimè) al pari dei testi dell'Antico Testamento, e fanno (praticamente) il paio al consunto dell'antico Israele e dei popoli limitrofi, giudicando Dio umanamente, semplicemente, rapportandolo alla materialità che ci contraddistingue, come se la sua natura fosse antropomorfa, sia vista all'esterno che all'interno, come se possedesse mani, braccia, orecchie, dita,occhi, piedi. Alla pari di un uomo dunque, fosse anche attribuirgli riferimenti di carattere sessuale.

Caro Mastro evadi da questi concetti e parametri restrittivi, Dio NON ha (non potrebbe essere altrimenti) e non è mosso da desideri, sensazioni e passioni somiglianti con quelle umane, niente collera, gelosia, compassione, ecc. L'esistenza di Dio E' PROPRIA, ognuno la sente (o no) dentro di sè, PUR RIMANENDO SOSTANZIALMENTE IGNOTO.

Io non mi sento di calpestare il tuo solito refrain, ma dovresti espandere la tua coscienza oltre all'orizzonte visivo, altrimenti resti indietro, alla stregua di chi nel nostro tempo rifugge lo spirito per innalzare e dare credito a certi starnazzamenti televisivi, come un alzare altari a questi, "divinità" ben conosciute, con la farfallina tatuata in vicinanza del pube... Non nascondo che le sinuosità di una femmina mi attirino, ma non le deifico certo, sarebbe formalizzare quella sagoma di Diogene Laterzo che racconta che ad Atene furono eretti altari a divinità anonime come protezione della PESTE. La PESTE infuria anzitutto nelle capocce della gente: due ore fa ero al supermercato assistendo ad un incontro prima verbale e poi fisico tra due donne "sigillate" con tanto di guanti e mascherina, una delle quali pretendeva dall'altra una distanza di almeno 2 (DUE) metri perchè non voleva morire di contagio, avvicinandosi per urlarglielo in faccia ha annullato metri, distanza e neuroni...
Un saluto
20249557
@mastro6 : Ciao Mastro. Sei partito alla tua solita maniera, incentrando inizialmente l'argomento sul solito binario: PERCHE' Dio...
Risposta
26/03/2020 15.28.46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 26/03/2020 ore 15.36.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 scrive:
ma dovresti espandere la tua coscienza oltre all'orizzonte visivo, altrimenti resti indietro


No, amico Kit (spero che intanto tu ed i tuoi cari stiate tutti bene), hai capito ed interpretato proprio male questa volta...

A parte la mia interpretazione non complottistica di una possibile genesi bio-genetica del virus in questione, possibile ma ovviamente solo in ipotesi, visto che nessuno sarebbe disposto a confermarlo anche ove fosse vero, il mio è un urlo di disperazione.
20249564
@KitCarson1971 scrive: ma dovresti espandere la tua coscienza oltre all'orizzonte visivo, altrimenti resti indietro No, amico Kit...
Risposta
26/03/2020 15.36.56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
KitCarson1971 KitCarson1971 27/03/2020 ore 11.21.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto



Ciao fratellino Mastro. Accolgo e rimando di vero cuore l'augurio di stabilità fisica tua e dei tuoi cari, così come per tutti gli utenti del forum, indistintamente. In famiglia i tempi imposti di stretti rapporti di contatto, mi hanno indotto a seguire e fabulare di più con i miei due rampolli, moglie inclusa, io lo trovo un bene. Il fatto che io non possa più fare corse all'aperto, non mi impedisce di fare ginnastica da camera. Magari con la collaborazione della consorte...

Riprodurre e modificare virus è ormai nelle possibilità programmatiche umane. Ma non entriamo in discorso, anche se il problema interessa da vicino, perchè tale programma diventa necessariamente un programma umano. INTERAMENTE umano, di tipo sociale. Come una considerazione di manzoniana memoria che ai giorni nostri si riverserebbe lungo i canali delle varie, molteplici possibilità di realizzazione date dalle attuali nozioni scientifiche, ma rimarrebbero sempre e soltanto ipotesi. La realtà storica di queste calamità sono ciclicamente riscontrabili, quasi come delle ritorsioni nei confronti degli errori evolutivi della specie umana.

La tua "disperazione" si riscontra in tanti, ed è umanamente condivisibile, ma questo è il momento di ragionare di più, con più sobrietà di concetti, perchè molto probabilmente si tratta di spinte di tipo etico, morale, spirituale e, dunque, sebbene nelle difficoltà che si riscontrano, vi sono queste spinte qualificanti, nell'essere umano, lo vediamo ogni giorno in chi si presta rischiando la vita per il prossimo, senza far presente (per il momento) rimostranze più che giustificate verso i vari governi che via via si sono succeduti, togliendo sempre più fondi e SPAZIO ad una efficiente sanità.

Mi rendo conto benissimo che parlare di evoluzione data (anche) da un virus, può sembrare or ora fuori luogo ma, ripeto, ciò è ciclico, incuneato nell'ambiente terrestre. E' un fenomeno generico della (DELLE) crisi umana, della (DELLE) crisi del MONDO, è un fatto antico quanto l'uomo. Francamente io non mi ricordo (per dirne una), epoche in cui si sia veramente vissuto in pace. So però benissimo che ogni essere umano può vivere in pace se si isola dal contesto del mondo, cioè se vive come una unità in un certo senso autonomo, e quindi se non si occupa di ciò che accade sulla scena del mondo, nell'ambito della sua società. Ma senza arrivare a questo, l'essere umano ha in sè la proprietà di vincersi e vivere in pace.

Un abbraccio vecchio mio
amicotuo913 amicotuo913 28/03/2020 ore 02.29.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

Mah!...complotti a parte, ivi compreso il concetto di "deterrenza" e lasciando stare quello di Dio, (mi permetto di rimandarvi alla storia di Giobbe), resta il fatto che ciclicamente...e forse ultimamente con maggior frequenza, ci arrivano addosso catastrofi in successione.
Sarebbe ora di prenderne atto e virare verso una vita più da formichette, con annessi e connessi. Peraltro se si vuole proseguire da cicala (e forse è pure la scelta giusta), si può anche farlo, basta che poi non ci si lamenti troppo se capita qualcosa di spiacevole.
Però, come gestire le due ipotesi, visto che la prima condiziona la seconda e viceversa?...
20250523
Mah!...complotti a parte, ivi compreso il concetto di "deterrenza" e lasciando stare quello di Dio, (mi permetto di rimandarvi...
Risposta
28/03/2020 2.29.11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 28/03/2020 ore 09.35.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
Però, come gestire le due ipotesi,


Formica o cicala?
I parallelismi ideologici non si possono fermare a questo dualismo; il genere umano è quello più complesso ed articolato esistente, ed oltre i bisogni primari (da formica per intenderci), ognuno di noi prima o poi sente l'esigenza di essere un pò cicala, e con ciò non si ferma la curiosità insita in noi, dunque vogliamo essere a tratti orsi, cavalli, volatili, farfalle, bruchi, scoiattoli, leprotti, gatti, serpenti, ...pensa che c'è anche chi ha immaginato un animale fantastico e superbamente dotato, e vuole imitare quello, Dio.
20250566
@amicotuo913 scrive: Però, come gestire le due ipotesi, Formica o cicala? I parallelismi ideologici non si possono fermare a...
Risposta
28/03/2020 9.35.19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
marianute marianute 28/03/2020 ore 11.39.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

Ho seguito ieri la riflessione e benedizione del Papa, che con le lacrime agli occhi, trasmetteva la sua umanità a chiunque di qualunque credo ed anche a chi di credo non ne ha. Ha puntato dritto al punto anche tralasciando formalità classiche. Le Sue speranze coincidono esattamente con le nostre, per una volta. Si può contestare tutto ed essere scettici su tutto, ma davvero la sua umanità, in quella piazza bagnata e semideserta la si tagliava col coltello. Impossibile restare indifferenti, impossibile non porsi domande che vanno oltre le immagini tragiche di questi giorni. Cogli l'uomo, ci ha esortato con il suo lungo silenzio, ma non rifiutare l'insondabile per superficialità.
20250624
Ho seguito ieri la riflessione e benedizione del Papa, che con le lacrime agli occhi, trasmetteva la sua umanità a chiunque di...
Risposta
28/03/2020 11.39.41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 28/03/2020 ore 11.43.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@marianute scrive:
trasmetteva la sua umanità a chiunque di qualunque credo ed anche a chi di credo non ne ha


Maria, direi che sono stato profetico anche io, per una volta!

Ribadisco che è solo con l'esempio personale, ognuno secondo la propria fede, che si può convincere tutti.
KitCarson1971 KitCarson1971 28/03/2020 ore 15.09.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@marianute scrive:
Impossibile restare indifferenti, impossibile non porsi domande che vanno oltre le immagini tragiche di questi giorni. Cogli l'uomo, ci ha esortato con il suo lungo silenzio, ma non rifiutare l'insondabile per superficialità.


Ne convengo. Anche il Papa. La paura fa spavento... Il momento è indubbiamente critico, ma come facevo notare all'amico Master, in fin dei conti si tratta "solo"(si fa per dire)di ciclicità storiche. Certo non sottovaluto ciò che in questi giorni è entrato nell'immaginario collettivo, in esso riverberano, raccogliendosi e couagulandosi, paure e speranze, timori ed aspirazioni di moltissima gente.

Se però andiamo a leggere le opere medio antiche (medioevo) si ritrovano innumerevoli "segni dei tempi", "fine del mondo", apparizioni di ogni genere in cielo ed in terra, epidemie e malattie che mietevano vite senza distinzione di censo. Flagelli magari "coadiuvati" da terremoti ed alluvioni (i fiumi NON avevano argini), fino a scatenare episodi di follia collettiva. Eventi dunque SEMPRE accaduti e che i cronisti dell'epoca ci ricordano.

probabilmente ne sei già al corrente, ma, riguardo alla solitudine del Papa e alla sua accorata preghiera allego un link contemporaneo al momento che citi.
https://www.quotidianpost.it/mentre-papa-francesco-prega-nel-cielo-appare-la-madonna-e-pareidolia-o-un-miracolo/
mastro6 mastro6 28/03/2020 ore 18.56.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 scrive:
apparizioni di ogni genere in cielo ed in terra


L'apparizione in terra di chiunque mandi un messaggio positivo, rincuorante, di speranza e di supporto è apprezzabile e serve, alla ragione e allo spirito; il papa ha fatto benissimo a rappresentare l'uomo che, anche se solo, orienta al buon senso ed inneggia alla speranza che mai va abbandonata, in questo caso la eco è memorabile e sterminata.
Anche tutte le esorcizzazioni, di migliaia e migliaia di persone note o perfetti sconosciuti sui social, dai propri balconi, nelle proprie abitazioni vanno in questa direzione ed io le ammiro: grazie!
78mind 78mind 29/03/2020 ore 10.25.18 Ultimi messaggi
amicotuo913 amicotuo913 29/03/2020 ore 11.01.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

Difficile partecipare a questa discussione senza essere preso per uno di parte...comunque ci provo
mastro6 :
"I parallelismi ideologici non si possono fermare a questo dualismo gli uomini devono essere a tratti orsi, cavalli, volatili, farfalle, bruchi, scoiattoli, leprotti, gatti, serpenti... "
Ma sai che a volte non ti capisco proprio? Ma certo che formiche e cicale sono due estremi, ma certo che sono affiancati da infiniti modi di essere….ma è altrettanto vero che l’uomo, se vuole, può non essere preda del solo istinto o dei soli suoi desideri, poiché è stato fornito della capacità di “riflettere su se stesso”, ovvero di autoconsapevolezza, che dovrebbe essere usata per indirizzarsi verso le operatività meno dannose possibili, per se e per gli altri. A leggerti, traspare invece una specie di tacita ed inevitabile accettazione dello “status quo”. Quante volte ho citato a tal proposito il comodo uso del “si” impersonale di Heidegger?
KitCarson :
"Ne convengo. Anche il Papa. La paura fa spavento... Il momento è indubbiamente critico….."
Già, tutti hanno paura ed in questi casi ci si appella a qualcuno al disopra di tutto, confidando che serva. Dalla notte dei tempi è sempre stato così, nella difficoltà viene utile tutto, anche quello che nell’ordinarietà è facile dimenticare, per comodità o per il troppo impegno che richiede. Questo ovviamente sia detto per gli uditori e non per i promotori, che almeno sono in questo credo coerenti.
Una cosa però è limpida, nelle parole del Papa: le avversità portano alla luce tutto quanto non funziona...e scopriamo adesso i lavoratori in nero che hanno fame, scopriamo le mancanze organizzative, scopriamo di ordinare a tutti il metro di distanza e ci dimentichiamo dei carcerati in 6 dentro una cella, del sovraffollamento dei centri di accoglienza, delle residenze per anziani etc.etc.
Ma questi sono i risultati di incapacità, mancanza di lungimiranza, inerzia consolidatasi negli anni nella classe politica, governativa ed amministrativa, il tutto avvenuto ovviamente col nostro tacito consenso: cosa possiamo quindi chiedere a chi è lassù, che metta una pezza ai nostri errori? Che intervenga eliminando il problema?…..A me sembra troppo comodo e un po' da presuntuosi!
mastro6 mastro6 29/03/2020 ore 14.07.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
autoconsapevolezza, che dovrebbe essere usata per indirizzarsi


Consapevolezza, beh, bell'argomento!
Purtroppo sulle belle e buone intenzioni, sugli slogan, sui proclami, sulle filosofie, io sono abbastanza disincantato. Non che dico di non apprezzarli, ma tra il dire ed il fare ce ne passa.
Ed è per questo che, di fronte alla attuale fase di sgomento, di paura, di tempo che ci siamo dati per riflettere più profondamente, pur cosciente che servono anche le parole grandi, altisonanti, io preferisco il realismo, per evitare fragorose delusioni.
Non mi illudo, bello pensare di avere la ricetta pronta, che dipenda dall'europa intera o dal singolo premier, bello pensare ad una azione risolutiva, bello pensare che i giochi in borsa per come organizzati sono quanto di più astruso e vertibile rispetto alla economia reale e dunque vi si porrà fine, limite, ma non mi illudo.
Dovremmo uscire dall'europa, subito, immediatamente, e dichiarare (come ha detto brillantemente Mirjel in un altro post) che i debiti ai quali ci hanno costretto sono inesigibili, sono pendenze canaglia, e vanno cancellati, ma sono realista, non esulto al proclama, non mi basta, io voglio concretezza.
E per questo è già importante, essenziale, indispensabile, fare il mio piccolo ed apparentemente insignificante passo, che è l'unica certezza del viaggio che, con quel passo, sto facendo.
KitCarson1971 KitCarson1971 29/03/2020 ore 14.15.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
cosa possiamo quindi chiedere a chi è lassù, che metta una pezza ai nostri errori? Che intervenga eliminando il problema?…..A me sembra troppo comodo e un po' da presuntuosi!


Ciao amico di tutti noi.
Concordo in parte con il rimanente, mi dissocio dal: -"sembra un pò da presuntuosi"-. Non siamo tutti uguali, le valutazioni e le considerazioni SOGGETTIVE sullo stato attuale (vedi virus) sono molteplici, variegate, ponderate o meno, io non parlerei di presunzione, ma di paura, di timore per l'incolumità propria e di chi sta più a cuore, dove è di prammatica cercare appigli, anche ad un Dio che fino ad un mese prima si derideva, canzonando la fede del prossimo. Questa non presunzione, ma effettiva paura che porta invariabilmente a considerare il nostro modo di vivere odierno, a questa pandemia del tutto simile ad altre, senza scomodare più di tanto i tempi biblici.

Il nostro è un tempo caotico, un'epoca limite, con una crisi dimensionale e religiosa che stiamo indubbiamente TUTTI vivendo, poi vi è chi ci sguazza come sempre, illustrando le tendenze apocalittiche contemporanee di molti artisti ed automatisti, che presentano una nuova "FINE DEI TEMPI" (te pareva che questa mancasse...) e una nuova palingenesi.
Un saluto
mastro6 mastro6 29/03/2020 ore 14.17.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
le avversità portano alla luce tutto quanto non funziona...e scopriamo adesso i lavoratori in nero che hanno fame, scopriamo le mancanze organizzative, scopriamo di ordinare a tutti il metro di distanza e ci dimentichiamo dei carcerati in 6 dentro una cella, del sovraffollamento dei centri di accoglienza, delle residenze per anziani etc.etc.


Questo lo abbiamo sempre saputo, invece. Ed i problemi dei più deboli fanno parte del 'sistema', gli ultimi saranno sempre più derelitti, continueremo presto a dimenticarci non solo dei carcerati, ma anche dei secondini. La nostra economia globale arricchisce a dismisura pochi, e impoverisce nel contempo tutti gli altri. Siamo pecore, in branco, veniamo gestiti come tali e ci comportiamo come tali.
L'esempio da perseguire non è ammazzare il cane pastore, come suggeriscono molti, ma provare a non essere solo un numero, a fare gruppi più piccoli, che il pastore può conoscere meglio curando uno ad uno gli esemplari che ha. (esempio di cazzo, lo so!)
amicotuo913 amicotuo913 29/03/2020 ore 19.14.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 :
Ciao Kit, tu dici: "è di prammatica cercare appigli, anche ad un Dio che fino ad un mese prima si derideva, canzonando la fede del prossimo."
Mah, secondo te non è presunzione, ma secondo me si; presunzione: "Atto o atteggiamento ispirato ad ambizioni o pretese orgogliose e indisponenti".
Ora, mettiamoci nei panni di Lui, che si ritrova con un'umanità che, dopo aver fatto tutti i suoi comodacci, nel momento in cui i nodi vengono al pettine viene a chiedere che sia eliminata la causa del danno, col sottinteso magari di poter proseguire con i propri comodi ed il proprio stile suicida.
Qui si tratta di rimboccarsi le maniche e magari chiedere di avere la forza e l'energia di farlo; questo mi andrebbe bene e sarebbe giusto.chiederlo.
Su come realizzarlo, nel proprio piccolo tocca ad ognuno di noi, chissà che se fossimo in tanti a darci da fare, qualcosa non potrebbe cambiare od almeno migliorare.
amicotuo913 amicotuo913 29/03/2020 ore 20.05.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 scrive:
io preferisco il realismo, per evitare fragorose delusioni.

Concordo pienamente, ma solo se stabiliamo prima cosa sia il realismo:
a) Tacita e passiva accettazione della situazione.
b) consapevolezza che le cose non vanno nel verso giusto e che quindi bisogna attivarsi, ognuno nel proprio piccolo, per cercare di cambiarle.
In altri post tu scrivi che personalmente ti sei orientato ad uno stile di vita più sostanzioso, meno superficiale...ti approvo e ti comunico che siamo almeno in due a pensarla così...ed ovviamente a nulla serviamo; ma pensa che risultati ci sarebbero se 60 ML di italiani iniziassero a chiedersi, anzichè "cosa si può fare?", "cosa posso fare?
@mastro6 scrive:
Questo lo abbiamo sempre saputo, invece....."
Già, lo abbiamo sempre saputo, ma ce ne siamo sempre fregati, perchè a tutti è comodo così.
Non ho ovviamente la soluzione...e del resto non è mio compito averla, bensì di chi ci governa, che però sono niente altro che l'emanazione, la proiezione dei nostri usi, costumi e mentalità.
Sarebbe comodo azzerare i propri debiti, strada già seguita sia da noi sia da altre nazioni - peraltro con risultati poco duraturi-...ma sarebbe stato infinitamente più intelligente non averli fatti.
Quanto ci vuole per rendersi conto che per anni abbiamo vissuto al di sopra delle nostre reali possibilità? Se per esempio è vero che l'unica nostra vera ricchezza è il lavoro, ma se siamo spinti a lavorare sempre meno e contemporaneamente a cercare sempre maggiori guadagni (a tutti i livelli), per seguire le tendenze attuali del modo di vivere e di una certa economia di mercato, prima o poi il sistema collasserà.
Intendiamoci, il problema è ben più vasto e con ramificazioni ben più complesse dei due elementi sopra citati, ma a mio avviso l'unica soluzione è che ognuno acquisisca consapevolezza dei fatti e si muova, in proprio, di conseguenza.
.....Ma ovviamente ci sarà chi, leggendo di questo, dirà: " sarà, ma nel frattempo io cerco di vivere alla grande più che posso".
E questo chiude il discorso.
mastro6 mastro6 29/03/2020 ore 22.27.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:

...Leviatano, Thomas Hobbes
...Contributi alla filosofia, Martin Heidegger


Sarebbe interessante sapere tu cosa ne pensi, poiché le parole, così come buona parte di tutta l'impalcatura filosofica, possono dire tutto ed il contrario di tutto, apparendo di volta in volta plausibili, le une o le altre, pur assumendo posizioni opposte.

mastro6 mastro6 29/03/2020 ore 22.29.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
Non ho ovviamente la soluzione...


Ed invece la soluzione ce l'hai, l'hai detto bene: chiedersi, anzichè 'cosa si può fare?' 'cosa posso fare'?

Condivido.
amicotuo913 amicotuo913 30/03/2020 ore 01.13.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
2 "Le leggi di natura obbligano in foro interno; vale a dire, vincolano a desiderare che abbiano effettuazione. Ma non (obbligano) sempre in foro externo, cioè al porle in atto.
- Va bene, non c'è obbligo...ma neppure proibizione, quindi possiamo scegliere quale strada seguire.
Del resto la filosofia non è certamente la verità assoluta, sono "solo" incastellature composte da riflessioni di menti più profonde della media; possono però fornire una visione abbastanza approfondita delle problematiche morali, sociali, umanistiche e stà poi al lettore farne proprie alcune e magari rifiutarne altre...ma sicuramente ti fanno aprire gli occhi.

Esempio: se vedo un tizio dare l'elemosina a un altro, non posso sapere se lo fa per dovere o per scopi egoistici (in questo caso per liberarsi del fastidioso rumore delle monetine nelle tasche).
-Mah!...non credo che sia importante sapere perchè è stata fatta l'elemosina; è importante invece che sia stata fatta. Questo atto viene elaborato da ognuno di noi in funzione della propria mentalità, ma al di là di tutto, succede che una persona bisognosa ha avuto qualcosa che può aiutarla a vivere.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 01.57.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Le intenzioni (buone suppongo, anche se lei non lo ha specificato) non possono in alcun modo modificare positivamente gli altri, perché appunto "in foro interno"


In ciò vedo una tara mentale, derivata dalla incapacità di elaborare ulteriormente le tesi filosofiche altrui, pur pregevoli ma pur sempre 'fantasiose', vuoi per limiti propri, vuoi per mancanza di vero interesse, vuoi per la cripticità (spesso voluta ed eretta a scudo da parecchi autori) intrinseca, vuoi per svariate ed innumerevoli altre cause che vanno a rafforzare il senso di 'tara mentale' non esattamente in senso negativo o dispregiativo, ma come limite, orizzonte degli eventi mentali in un certo senso, che quindi diventano le proprie ragioni.
Paroloni, concetti astrusi? No, assolutamente, ritengo sia esattamente la chiave di lettura di un semplice click che porta a 'condividere', ripubblicandolo senza alcun proprio apporto, milardi di meme, di vignette, di slogan, di affermazioni più o meno strampalate e/o sensate e/o divertenti.
Il copia-e-incolla che si è fatto da sempre, quasi invariabilmente, nella trasmissione del 'sapere', e quello che oggi 'forma' le menti professionali, dando la garanzia che esse penseranno e ragioneranno esattamente in quel modo, come previsto, voluto e necessario.

Io, nella apertura, mi riferivo anche (ma non solo) a chi pensa di poter operare beneficamente (anche a distanza) su un'altra persona. Ed in ogni caso il pensiero positivo, che governa presumibilmente una pari azione positiva, rende inclini anche osservatori esterni ad una azione analoga, laddove questa intenzione, questo agire sia operato pubblicamente può avere una eco anche poderosa.

Va da sé che 'le fonti primarie' io le intendo come esempio, e non come 'dogma', dunque non mi basta sentirmele riproposte, ma chiedo sempre ove possibile un apporto personale.
Esattamente è come guardare un quadro, ed esternare le proprie impressioni: se anche un critico autorevolissimo avesse dato definizioni superbe ed impareggiabili di esso, ciò è concluso con esso (critico), ed io chiederei sempre (a nuovi osservatori) nuovi pensieri, per lo stesso, immutabile quadro.
Dunque ho una concezione più 'fluida' del pensiero, delle (pur pregevoli) dottrine filosofiche.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 02.01.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
soprattutto ora che il ritorno allo stato di natura è più di una semplice ipotesi utilizzata dai grandi pensatori


Quindi, se non ho capito male, tu diresti che ha pregio, valore, il grande pensatore che abbia teorizzato questo ritorno allo stato di natura?
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 09.53.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
allo stato di natura?


Se lei sapesse cosa intendono per "stato di natura" pensatori come Locke, Rousseau e Hobbes, non mi avrebbe rivolto questa domanda.


Lo contrapporrei a: Le nostre intenzioni non possono "modificare positivamente gli altri" (in ciò notando che una interpretazione sensata può essere che il pensiero dei filosofi non serve)
Dovresti stare più attento, è facile contraddirsi, anche in due righe.


Sopravvalutando le intenzioni di Locke, Rousseau, Hobbes, Heidegger, e company, rispetto a quelle di un tizio qualunque, tu pensi dunque di cambiare qualche evento in concreto?
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 13.56.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Intenzione e intendimento sono due cose diverse.


Sempre dalla Treccani...
intendiménto s. m. .
...
3. Intenzione, proposito, intento: manifestare, chiarire i proprî i.; non era questo il nostro i.; sarebbe mio i. risolvere amichevolmente la questione; con i. di rompere e mansuefare la ferocia degli uomini (Leopardi)

Hai per caso intenzione di fare il professore? è questo il tuo intendimento?

Almeno non farle passare come perle, ché questa è saccenza, non sapienza. CVD
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 14.00.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Intenzione e intendimento sono due cose diverse. Perché continua a fare confusione?


Ho usato con intenzionalità le due locuzioni, che hanno origine medesima, ma evidentemente non hai colto il senso.
Ciò quei filosofi intendono, sicuramente è nelle loro intenzioni farlo presente, visto che lo hanno rappresentato intenzionalmente in un pubblico pensiero (o scritto che sia).
Semplice, no? Non ti attaccare a questioni di lana caprine, che in questo caso sono ben più che inutili.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 14.14.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Bisognerebbe conoscere il significato delle parole. Intenzione e intendimento sono due cose diverse. Se lei fa confusione non è colpa mia.


Azzo, ma sei duro di logica?
Eppure ti ho ESTRATTO DALLA TRECCANI LA DEFINIZIONE di INTENDIMENTO!

Io non vorrei eccepire, ma se INTENDIMENTO, al punto 3 viene reso analogo ad INTENZIONE, allora stai dicendo una cosa inesatta tu, non io!
amicotuo913 amicotuo913 30/03/2020 ore 14.15.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
L'importante è sapere che sia stata fatta l'elemosina, ma l'intenzione con cui è stata fatta non può in alcun modo "modificarmi positivamente", perché non posso conoscerla.

Al punto 2 mastro6 avrebbe dovuto scrivere: "le azioni (buone) modificano positivamente gli altri".

Mi hanno insegnato che non bisogna vergognarsi di dichiarare che "non ho capito", quindi chiedo spiegazioni:
A mio avviso, ammesso di considerare l'elemosina come una cosa positiva - sul che ci sarebbe da discutere-, non ritengo essenziale farsi coinvolgere dalle motivazioni o dalle intenzioni che l'hanno motivata, ma bensì dal fatto in sè stesso: se vedo fare un'elemosina mi dovrei chiedere: questo atto fà del bene o fà del male? La risposta a questa domanda, nella sua semplicità, può darmi le motivazioni del mio futuro comportamento..
In merito al punto 2 sono confuso, anche erchè non ho ritrovato tale capoverso nei post di mastro6, comunque anche qui sono portato a sostenere che qualunque azione altrui, buona o cattiva, modifica - o meglio dovrebbe modificare - positivamente il nostro comportamento: se l'azione è buona, dovremmo essere spinti a copiarla, se l'azione è cattiva dovremmo essere spinti a non copiarla. In ogni caso ci porta a riflettere (ovviamente per chi è disposto a farlo) il che mi pare sempre cosa positiva.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 14.20.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
In merito al punto 2 sono confuso, anche erchè non ho ritrovato tale capoverso nei post di mastro6


Io non avevo parlato di azioni ma di intenzioni positive.

E, la mia, lo preciso solo adesso per chiarezza, era una sorta di 'citazione' di Voldben, se non erro, che in alcuni post aveva dichiarato che è possibile 'aiutare' intenzionalmente dirigendo pensieri positivi verso una persona, verso un soggetto (cosa che a me lascia perplesso), e dunque, nel momento del mio sconforto, dello sconforto corale che ci attanaglia in questo periodo, sarebbe utile, dicevo, che, se esistesse tale possibilità concretamente la si applicasse.

mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 14.28.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
intèndere 4. a. Afferrare con l’intelletto, cogliere e penetrare il significato di quanto è detto da altri e in genere di tutto ciò che è in qualche modo espressione di idee, pensieri, concetti (sinon. quindi di capire, comprendere): i. un vocabolo, una frase, un’iscrizione, un ragionamento, un discorso; intesi subito il suo cenno; è un testo difficile a i.; non so se intendi ciò che voglio dire; i. a volo, i. a mezzo, i. a rovescio.

intenzione 1. a. Orientamento della coscienza verso il compimento di un’azione, direzione della volontà verso un determinato fine; può indicare semplicemente il proposito e il desiderio di raggiungere il fine, senza una volontà chiaramente determinata e senza la corrispondente deliberazione di operare per conseguirlo


Non ho bisogno che tu orienti la ricerca senza voler comprendere che, in molte accezioni, intendere significa avere intenzione di. Se poi vuoi ignorare che ciò non solo è da me dichiarato, ma è anche supportato (anche) dalla Treccani, beh, non ho altro da aggiungere. Diventa un discorso sterile e da testa dura, che manca di flessibilità concettuale.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 14.43.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Noi non possiamo conoscere le intenzioni delle persone. Quindi le intenzioni non possono modificarci positivamente.


Pur se condivisibile, interpretando anche le risposte di Amiconostro, si può anche però affermare che dietro una evidente azione positiva possa esserci una intenzione positiva, salvo casi limiti e, forse, paradossali che non costituiscono la norma.

Direi dunque che le intenzioni, se positive ed esplicate, ci influenzano positivamente.

E, d'altronde, ciò è condensabile in un concetto: fare del bene agli altri.

mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 14.48.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Se lei sapesse cosa intendono per "stato di natura" pensatori come Locke, Rousseau e Hobbes, non mi avrebbe rivolto questa domanda.

In questo caso la parola intendono ha un significato preciso, ma lei ha voluto comunque fare confusione con le "intenzioni".


Se non avessi inteso fare il cattedratico (atteggiamento sempre alquanto odioso) avresti, semplicemente, potuto spiegare meglio ciò che intendevi realmente dire con ciò che avevi scritto, senza innestare una polemica interminabile quanto inutile; ho parafrasato volutamente il concetto che di per sé non era chiaro.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 14.50.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Solo Dio conosce


Entri in un campo minato, con questa affermazione. Il concetto che hai espresso non esiste, non è razionale, ma fideistico. Errore grave di metodo nel volerlo far assurgere a dimostrazione di una qualsiasi tesi.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 15.05.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Questo è un mio problema. Soprattutto quando scrivo cerco di fare molta attenzione alle parole che utilizzo. La filosofia non è fantasiosa e necessita di pedanteria, altrimenti si rischia di fare confusione.


Non me ne volere, ma se questa è una dichiarazione di intento, mi terrei sicuramente a debita distanza da un cattedratico pedante (unendo le due risposte in una!)

Comunque l'ultimo concetto che hai espresso non so se abbia una ragione oppure è un tuo personale punto di vista, sarei angosciato a dover studiare e mandare giù tomi di ragionamenti spesso astrusi oltre che astratti, considerandoli come 'scienza' matematica o contabile, quando invece appare chiaro che essi sono mirabili tentativi di inanellare parole, concetti, rendendoli apparentemente sempre più originali ed insondabili, fino al punto tale da risultare vani, vanesi e vanitosi. Essi però sono pur sempre, punti di vista.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 15.12.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Allora perché nominarla la filosofia?


Dimostrare che possa essere utile, in casi, in momenti drammatici come questo. Te la senti?
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 15.23.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Può essere utile solo se non si fa confusione con le parole e, soprattutto, solo se ci rivolgiamo alle "fonti primarie" che sono i libri scritti dai filosofi.

Se lei ha fede, potrebbe iniziare con "La consolazione della filosofia" di Severino Boezio. L'edizione UTET è buona (introduzione, note etc.), anche se la traduzione Einaudi è più scorrevole. Sono scelte personali.


Quindi tu sei convinto che, mentre uno sta affogando (come in questa attuale situazione degenere e apocalittica), leggere un libro di filosofia è utile a salvargli la vita, o a lenire il suo strazio...

Ho capito male anche stavolta?
No, perché se non ho capito male io, hai di certo capito male tu!
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 18.30.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Per una persona in buona salute costretta in casa è meglio leggere Kant piuttosto che stare a sentire i vari giornalisti televisivi.

Un malato, in questo momento, può rivolgersi al personale sanitario e, se ha fede, può rivolgersi a Dio.

Lei faccia pure quello che vuole.


Mi aspettavo qualche spunto critico o propositivo in più, ma va bene, ho avuto le risposte che cercavo da te; non credo ne possano venire altre, ma se e quando vuoi sono sempre disponibile al confronto.
mastro6 mastro6 30/03/2020 ore 22.36.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
"situazione degenere e apocalittica"


Non me ne volere, ma il mio post era iniziato proprio li. Buona lettura
amicotuo913 amicotuo913 31/03/2020 ore 11.02.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

....Ma in queste dissertazioni, dove sono finiti i sofisti, le teste fini del forum?
mastro6 mastro6 31/03/2020 ore 11.36.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
....Ma in queste dissertazioni, dove sono finiti i sofisti, le teste fini del forum?



:many
mastro6 mastro6 31/03/2020 ore 11.38.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
dove sono finiti i sofisti


Sono preoccupato per il nostro amico Filodeon.
E' tanto che non scrive, spero sia solo perché sta evitando di andare in biblioteca...

Archeo68 Archeo68 31/03/2020 ore 14.52.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

Ciao Enrico ciao Amicotuo, mi raccomando state su col morale. Ma insomma siate un po' esoterici ah ah ah
1994Enrico 1994Enrico 31/03/2020 ore 16.26.38
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Archeo68 scrive:
Ciao Enrico ciao Amicotuo, mi raccomando state su col morale. Ma insomma siate un po' esoterici ah ah ah

Ciao Archeo68,

l'isolamento mi ha permesso nuovamente di intervenire su chatta. Nel mio piccolo sto tentando inutilmente di raccomandare la lettura di alcuni capolavori filosofici. Ma a quanto pare i cristiani non vogliono neanche sentir parlare di Boezio...

Spero che tu e la tua famiglia stiate bene.
mastro6 mastro6 31/03/2020 ore 17.36.26 Ultimi messaggi
amicotuo913 amicotuo913 31/03/2020 ore 17.52.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Nel mio piccolo sto tentando inutilmente di raccomandare la lettura di alcuni capolavori filosofici.

Personalmente devo dire che sfondi una porta aperta: il mio problema però non è tanto di leggerli o cercare di leggerli, ma quantomeno di comprenderli, anche se comunque qualche briciola è rimasta: Il concetto del "si impersonale" e del confronto con la propria morte di Heidegger, la frase attribuita a Socrate: quante cose ho visto a cui posso rinunciare!, gli scritti di Platone nel simposio...etc.etc. Sicuramente solo briciole, ma comunque in grado di aprirti un pò gli occhi e la mente. Come poi un Democrito, senza strumento alcuno, sia riuscito 2400 anni addietro a formulare la teoria atomica, andando molto vicino alla verità...sarà sempre per me un mistero.
...Già, ed il buon Filo, che fine avrà fatto?
amicotuo913 amicotuo913 01/04/2020 ore 01.34.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Non bisogna farsi prendere dallo sconforto e soprattutto, bisogna scegliere cosa leggere e approfondire in base alla propria attitudine

Ehehhe...non è sconforto, è la consapevolezza di avere letto e studiato per tutta la vita, per avere, alla fin fine imparato poco o niente, rispetto a tutte le domande e le questioni che progressivamente ti vengono presentate. L'unica cosa certamente acquisita è la voglia di cercare di essere meno consumista e più riflessivo per cosa riguarda le problematiche sociali; per questo condivido pienamente i concetti da mastro6 espressi in altro th e che qui riporto:"Io ho iniziato già da un po a non correre dietro ai falsi miti, ho cercato di dare valore alle cose più essenziali, a guardare nel mio orticello prima di essere preso dalla smania di un acquisto, a non sprecare etc.etc.".
Mi piacerebbe solo che fossimo in tanti a pensarla ed a fare così,..... forse si andrebbe meglio
mastro6 mastro6 01/04/2020 ore 07.30.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
oggi può avere senso soltanto un'etica dell'abitare


Anche questo concetto, immagino equivalga per te ad aver preso una posizione netta. Sarebbe utile tu riconsiderassi la platea qui presente, ma non è un obbligo, puoi fare come credi.
amicotuo913 amicotuo913 01/04/2020 ore 13.08.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Sono sempre più convinto che oggi può avere senso soltanto un'etica dell'abitare.

Allora devo dedurre che siamo già in tre?...perchè mi pare che l'etica dell'abitare verta molto sul concetto Heideggeriano di "esistenza autentica".
mastro6 mastro6 01/04/2020 ore 13.38.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
È destinata a scomparire completamente la figura del contadino che si prende cura del suo "orticello"


Questo tipo di contadino non esiste più da alcuni decenni, non so se te ne sei reso conto. I terreni che non sono redditizi industrialmente o hanno dimensioni inadatte al reddito sono stati abbandonati, e con essi tutte le costruzioni periferiche e rurali, abbandonate anche queste.

Effetto della globalizzazione, e di ogni norma che svaluta usi ed abitudini millenarie, emessa da chi non ha mai abbandonato la propria scrivania e pretende di 'normare' su campi che non ha mai 'arato': schiavi di voci di bilancio e di pressioni dei grandi industriali.

Ma io, forse controcorrente oggi, voglio riprendere il gusto e la sapienza per le cose semplici, elementari; oltre che affinare il buon senso forse riuscirò a sganciarmi dagli ingranaggi usuali senza causare danni al sistema, a nessuno.
mastro6 mastro6 01/04/2020 ore 14.11.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Anche nella provincia italiana (soprattutto al sud) continuano ad abitare il mondo contadini così come lo abitavano i loro antenati. Paesi e soprattutto contrade in cui si fa a meno di internet, della televisione, dei mezzi di trasporto motorizzati e/o elettrici. Dove ancora ci si affida in minima parte alla refrigerazione per conservare gli alimenti


Io sono al sud, e ti parlo del sud. Sono almeno trent'anni che non esiste quella figura che hai ancora in testa, è un retaggio falso ormai, una realtà che non collima in nessun modo con quella che c'è qui oggi (ma anche ieri, l'altro ieri...)
Questi sono assolutamente luoghi comuni, anche qualche film di un decennio fa metteva in luce qualche considerazione analoga; sarebbe meglio fare chiarezza.
mastro6 mastro6 01/04/2020 ore 14.15.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Effetto della tecnica che, secondo Heidegger, ha permesso il "planetarismo", la globalizzazione.


Mi stanno un pò antipatici i tedeschi, in questo periodo!
mastro6 mastro6 01/04/2020 ore 14.26.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@1994Enrico scrive:
Effetto della tecnica che, secondo Heidegger, ha permesso il "planetarismo", la globalizzazione.


Mi complimento con te, comunque. Riesci a interpretare gli aspetti della realtà in chiave dotto/filosofica, subito pronto ad attribuire (ad altri) il merito di quella interpretazione!

Ma, adesso che siamo un poco più in confidenza, caro Enrico, ti posso chiedere se anche quando stai con una ragazza, proprio nel frangente 'topico', la fai qualche idea filosofica!?!? 8-)
KitCarson1971 KitCarson1971 01/04/2020 ore 15.20.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 scrive:
Ma, adesso che siamo un poco più in confidenza, caro Enrico, ti posso chiedere se anche quando stai con una ragazza, proprio nel frangente 'topico', la fai qualche idea filosofica!?!?


Curioso di un Mastro 66. Ovviamente si. Pur'io come certamente Enrico, seguo questo andazzo, quando sono tet a tet con mia moglie le sussurro alcuni passi della scuola... PLATONICA... :-)))
mastro6 mastro6 01/04/2020 ore 17.20.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 scrive:
Curioso di un Mastro 66. Ovviamente si. Pur'io come certamente...


Ho bisogno ogni tanto di alleggerire questa aria pesante! :ok
20253068
@KitCarson1971 scrive: Curioso di un Mastro 66. Ovviamente si. Pur'io come certamente... Ho bisogno ogni tanto di alleggerire...
Risposta
01/04/2020 17.20.29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
amicotuo913 amicotuo913 01/04/2020 ore 23.23.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 :
1994Enrico
Cari ragazzi, nulla a che fare con me, che molti molti anni addietro, con la macchina parcheggiata su di un piccolo molo e la luna splendente sul mare, essendo steso sulle ginocchia di una lei, con notevole cura e fatica condotta in quel luogo, mi sono trovato in piena vista di tale astro e mi è venuto da parlare delle fasi lunari, della sua rotazione sincrona, delle eclissi, di come fà a stare lassù etc.etc...solo che dopo un bel pò di tempo che parlavo ed elucubravo mi ha riscosso un tocco sulla spalla e queste parole (che ancora mi bruciano)..."tutto bello, ma adesso portami a casa, che è meglio"
Mai più rivista...sigh!
mastro6 mastro6 01/04/2020 ore 23.34.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@amicotuo913 scrive:
"tutto bello, ma adesso portami a casa, che è meglio"


:many
Az3n Az3n 02/04/2020 ore 07.27.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

Ho letto che si parlava di contadini, di ciò che rimane dei vecchi contadini, di globalizzazioni che imprintano i cervelli stravolgendoli, di filosofie astrali e ancestrali che annoiano le donzelle al punto da preferire "esser riportate a casa". Immagino case forse troppo contaminate da vanità e superficialità... Ma di questi tempi se c'é una cosa che dovremmo aver compreso é che tutto ciò che é superficiale, vuoto, vano, vanesio, é destinato a evaporare.. . Alla luce del sole (della coscienza) si vedono molto meglio cadere le maschere, una dopo l'altra... Il ché mi ricorda le cipolle, e allora torniamo ai Veri Contadini dato che ci siamo... Potremmo tutti provare a riscollegarci dai ganci e dagli imprinting ricevuti, anche se là fuori "funziona" o sembra funzionare tutto in un certo modo, perché continuare ad alimentare il sistema dal proprio interno personale? Il sistema l'abbiamo sostenuto ciascuno di noi, consapevolmente o meno, ma ora l'abbiamo compreso meglio. E credo che siamo pronti a sganciarci e a togliergli potere almeno sulla nostra coscienza, che rimane nostra, non conquistabile, non corruttibile.

***
Manifesto del contadino impazzito

Amate pure il guadagno facile,
l'aumento annuale di stipendio, le ferie pagate.
Chiedete più cose prefabbricate,
abbiate paura di conoscere i vostri prossimi e di morire.
Quando vi vorranno far comprare qualcosa
vi chiameranno.
Quando vi vorranno far morire per il profitto,
ve lo faranno sapere.

Ma tu, amico,
ogni giorno fa qualcosa che non possa essere misurato.
Ama la vita. Ama la terra.
Conta su quello che hai e resta povero.
Ama chi non se lo merita.
Non ti fidare del governo, di nessun governo.
E abbraccia gli esseri umani:
nel tuo rapporto con ciascuno di loro riponi la tua speranza politica.

Approva nella natura quello che non capisci,
perché ciò che l'uomo non ha razionalizzato non ha distrutto.
Fai quelle domande che non hanno risposta.
Investi nel millennio... pianta sequoie.
Sostieni che il tuo raccolto principale è la foresta che non hai seminato,
e che non vivrai per raccogliere.
Poni la tua fiducia nei cinque centimetri di humus
Che crescono sotto gli alberi ogni mille anni.

Finché la donna non ha molto potere,
dai retta alla donna più che all'uomo.
Domandati se quello che fai
potrà soddisfare la donna che è contenta di avere un bambino.
Domandati se quello che fai
disturberà il sonno della donna vicina a partorire.
Vai con il tuo amore nei campi.
Riposati all'ombra.

Quando vedi che i generali e i politicanti
riescono a prevedere i movimenti del tuo pensiero,
abbandonalo.
Lascialo come un segnale della falsa pista,
quella che non hai preso.
Fai come la volpe, che lascia molte più tracce del necessario,
diverse nella direzione sbagliata.
Pratica la resurrezione.

W E N D E L L B E R R Y

mastro6 mastro6 02/04/2020 ore 07.42.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n : Faccio salve le tue intenzioni, sicuramente positive
A me però questo brano non piace, non mi emoziona, non è (neanche) equilibrato.

Ad esempio dove dice: "Ama chi non se lo merita. Non ti fidare del governo, di nessun governo.
E abbraccia gli esseri umani
", tocca il fondo, con una grande contraddizione, che non è l'unica.

Tu avresti sicuramente scritto meglio! :ok
Az3n Az3n 02/04/2020 ore 11.02.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 scrive:
non piace, non mi emoziona, non è (neanche) equilibrato. (...) tocca il fondo, con una grande contraddizione


Capto segnali che ti stai esercitando sulla "risoluzione" di un qualche koan... Di quelli strong peró, i nanto, quelli che insomma mandano in crash il sistema pensante. Forse la questione riguarda tutti... Pensa se un giorno ognuno scoprisse quale é il koan alla cui "risposta senza risposta" ha dedicato tutta la vita senza saperlo!

Ps. Stanotte ho sognato un Buddha arancione.. Ma da sveglia preferisco l'emanazione femminile del Buddha, e allora mi sono ricordata che le 21 Tara sono di tanti colori.. Ed eccola qua, la Tara arancione, corrisponde alla 20... E altre coincidenze varie!

"20. Ri Toma

Tara l’Eremita della Montagna, di colore arancione chiaro. Regge il vaso arancione di medicine che sconfiggono il cancro e la lebbra e dissolve l’ignoranza e le malattie epidemiche più pericolose."

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.liber-rebil.it/wp-content/uploads/2011/11/LODE-ALLE_21TARAillustrato-2016.pdf&ved=2ahUKEwiOquypsMnoAhXLm6QKHYR3AyYQFjADegQIBBAB&usg=AOvVaw0oxx8MMSUHHsbWcCWEdmab
mastro6 mastro6 02/04/2020 ore 12.51.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n scrive:
Stanotte ho sognato un Buddha arancione.. Ma da sveglia preferisco l'emanazione femminile del Buddha, e allora mi sono ricordata che le 21 Tara sono di tanti colori.. Ed eccola qua, la Tara arancione, corrisponde alla 20... E altre coincidenze varie!


L'attività onirica è indubbiamente fantastica: io però sono abbastanza incline a non interpretare i sogni.
Sarebbe come interpretare il perchè dei pensieri, forse inutile.
KitCarson1971 KitCarson1971 02/04/2020 ore 14.35.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 scrive:
Sarebbe come interpretare il perchè dei pensieri, forse inutile.



Come al solito caro amico il tuo risvolto d'intendere è deliberatamente drastico. Dai Master, diamo sempre una possibilità, un'interpretazione, magari allusiva, ai sogni, specialmente a quelli elaborati, o lucidi che tanto si distaccano dai "soliti". Mi inoltrerei volentieri in profondità di tali considerazioni. L'elaborazione onirica in fin dei conti altro non è che una branca dei miei studi in materia PSI.

Le elaborazioni di chi sogna sono da sempre tenute in alta considerazione, scientifica in primis. Nel sonno la mente si svincola da ogni inibizione e/o condizionamento che subisce in stato di veglia, con i suoi piccoli grandi problemi di tutti i giorni che frenano il manifestarsi libero. Poi si sa che maghi, maghetti e santoni vari ci giocano alla grande sulle (loro) interpretazioni (e tu caro Master preferisci alla lunga le considerazioni di questi per affossare tutto quanto il resto...), magari con pompose interpretazioni metafisiche, previa, ovviamente, riscossione pecuniale... Lasciamo perdere, altrimenti entro in uno di quei meandri bui, nei quali tu, anche alla cieca spari a zero...

Due righe (si fa poer dire) alla mia conterranea che, come pensavo basa molto (tutto?) del suo credo sul Buddismo. Ovviamente è padronissima di farlo, ci mancherebbe. Se non che, la sua esistenza storica (del Buddha)è messa in seria discussione, giacchè non si conservano precisi ricordi scritti, ed è d'uopo chiedersi se sia realmente esistito. A questa stregua hanno più fondamento le reali esistenze di Lao Tzù, Confucio e Mencio.

Se l'amica mi permette, sperando vivamente che NON si offenda, vorrei farla riflettere su una verità ben più chiara, elevata, organica e inattaccabile sul piano di una strutturazione logica. Nel dir questo riferisco il mio disaccordo con quelle elaborazioni mentali pseudo-teologiche, ricavate dalla CATTIVA (meglio dire semplicistica...) interpretazione di una RIVELAZIONE le cui parti autentiche non riescono ormai PIU' a sostenere invece le parti erronee. Ciò (sempre a mio parere) sono dovute, oltre alla VOGLIA di credere, prevalentemente ad abusi di TRASCRIZIONE che l'esegesi storica ha (giustamente) più volte denunciato, insieme ad altri rilevanti "rinnovamenti" del pensiero iniziale del "povero" Siddharta, la via principale di questi (la SUA DOTTRINA) si è dapprima dipartita in alcuni SENTIERI, interrandosi ancor più in seguito in molteplici mulattiere regionali... La nostra amica sa di cosa sto parlando.
Un saluto
Az3n Az3n 02/04/2020 ore 15.15.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 : Orca l'oca... La conterranea mi sa che sarei io ":)
Io mi lancerei volentieri in un saluto collettivo a tutti i conterrestri però chi potrei chiamare per farlo?
Un mio carissimo amico chiamava il suo cagnolino quando serviva il cagnolino, l'aquila quando serviva l'aquila, la rosa quando serviva la rosa.
Se lancio un om nell'etere finisce che risponde don juan rotolandosi a crepapelle dal ridere...
Ma se era un modo per sapere se ci fosse da parte mia una predilezione per qualche corrente filosofico-spiritual-religiosa... Beh, io credo che la realtà dell'universo sia olografica, anzi, che sia tutto un gioco interattivo multidimensionale, che tutti stiamo solo sognando e costruendo un sogno del mondo, buddisti induisti sciamani nagual taoisti rosacrociani teosofi yogi poeti sognatori industriali architetti maestri soldati politici... Temo di essere un pout purri new age, e non so neanche come si scrive!
KitCarson1971 KitCarson1971 02/04/2020 ore 16.43.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n scrive:
Se lancio un om nell'etere finisce che risponde don juan rotolandosi a crepapelle dal ridere..



Ahem... cara conterranea, lungi da me antepormi alle tue inclinazioni esoteriche/dottrinal/sufiste/taoiste/buddiste/dionisiache/celtiche/baha'isme... ma anche Don Juan, alla pari del Buddha, non è probabilmente esistito, se non nella persona dello stesso Castaneda... altro mito che se non considerato come si deve (secondo Castaneda), se non porta all'amore, non può considerarsi un insegnamento. Sto Castaneda... mo varda mo ben...

Comunque, seriamente, mi trova consenziente la tua disponibilità (alla maniera di Mastro che fa di ogni erba un fascio) di inglobare ogni riferimento che porti ad avvicinarsi alle basi dell'esistenza extra materiale, sia per mezzo medianico (come nel mio caso) od anche dottrinale come potrebbe essere la tua tendenza, chessò, tipo l'Inana Yoga. Comunque sia l'importante è affrontare la conoscenza di questi enunciati, senza alcuna riserva mentale (che sarebbe del tutto deleteria, inopportuna)e senza apriorismi settari che chiuderebbero preventivamente ogni pertugio ad un'obbiettiva riflessione.
Un saluto
Gio.1947 Gio.1947 02/04/2020 ore 17.09.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 scrive:

io preferisco il realismo, per evitare fragorose delusioni.Benvenuto tra i realisti

Dovremmo uscire dall'europa, subito, immediatamente, e dichiarare (come ha detto brillantemente Mirjel in un altro post) che i debiti ai quali ci hanno costretto sono inesigibili, sono pendenze canaglia, e vanno cancellati, ma sono realista, non esulto al proclama, non mi basta, io voglio concretezza.

qualcuno ha parlato di formica è cicala.
Ora sono decenni che l'Italia ha fatto la cicala. Abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. Abbiamo votato chi prometteva tutto e' subito, ancora oggi ascoltiamo il pifferaio magico che nel giro di poche ore ci promette che la nostra vita sarà migliore con lui al comando. Abbiamo tacitamente accettato leggi che favorivano alcuni e' penalizzavano molti. In 73 anni mai visto una campagna elettorale che presentasse un programma di sviluppo decennale/ventennale ma solo promesse immediate per andare al potere. Noi abbiamo deciso il nostro futuro e per molti italiani di chi è la Colpa DELL'EUROPA che da anni ci dice di fare qualcosa per diminuire il nostro debito. Con la Cina L'America e la Russia. L'Italia da sola sarebbe come una noce dentro ad un sacco.

Az3n Az3n 02/04/2020 ore 18.44.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 scrive:
mo varda mo ben

Ma qui in Romagna mica si dice!! XD
Da noi si dice un sacco "amo ció"!!! Lo mettiamo un pó ovunque come il prezzemolo così nn ci si deve dilungare in gran filosofie sui massimi sistemi :)))
A t'al deg, A't salùt :D
Scrivere il dialetto é difficilissimo!
mastro6 mastro6 02/04/2020 ore 19.31.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@KitCarson1971 scrive:
@mastro6 scrive:
Sarebbe come interpretare il perchè dei pensieri, forse inutile.

Come al solito caro amico il tuo risvolto d'intendere è deliberatamente drastico. Dai Master, diamo sempre una possibilità, un'interpretazione, magari allusiva, ai sogni, specialmente a quelli elaborati, o lucidi che tanto si distaccano dai "soliti". Mi inoltrerei volentieri in profondità di tali considerazioni. L'elaborazione onirica in fin dei conti altro non è che una branca dei miei studi in materia PSI.

Le elaborazioni di chi sogna sono da sempre tenute in alta considerazione, scientifica in primis. Nel sonno la mente si svincola da ogni inibizione e/o condizionamento che subisce in stato di veglia, con i suoi piccoli grandi problemi di tutti i giorni che frenano il manifestarsi libero. Poi si sa che maghi, maghetti e santoni vari ci giocano alla grande sulle (loro) interpretazioni (e tu caro Master preferisci alla lunga le considerazioni di questi per affossare tutto quanto il resto...), magari con pompose interpretazioni metafisiche, previa, ovviamente, riscossione pecuniale... Lasciamo perdere, altrimenti entro in uno di quei meandri bui, nei quali tu, anche alla cieca spari a zero...


Dovresti immaginarlo perché l'ho scritto, e volutamente l'ho scritto corto, breve e poco interpretabile, drastico, ma che dico, astringente proprio...
L'ho fatto essenzialmente per 2 motivi: 1) così da dare un appiglio ad altri più bravi di me nella risposta, e così sviando l'attenzione dal mio motivo secondario laterale, che è il 2) e cioè che in generale è relativamente più facile capire e/o studiare il motivo del pensiero, con ciò riferendomi non a quanto viene pensato, ma al perchè ho pensato proprio quello.
Diciamo che dovremmo fare dei distinguo; è chiaro che sia il nostro carattere, la nostra educazione, il nostro temperamento, il nostro stato d'animo, la nostra curiosità innata, la nostra propensione ad attivare le sinapsi (e svariate ulteriori circostanze ed attributi che abbiamo o possiamo includere), e con tutti questi io direi che essi sono condizionamenti, rilfessi condizionati da noi e da ogni cosa che ci sta intorno o che ci ha generato una esperienza, evidente o meno; vi è poi anche il caso, la coincidenza, l'amplificazione sensoriale da stress o picchi emotivi, tra i quali anche l'uso di sostanze psicotrope che non si sa mai bene cosa possano combinare, ecc... ,tutto ciò è quello che può essere dipanato per poter 'leggere il perchè di quello specifico pensiero' (e non l'oggetto del pensiero, che è ancora differente).
Ritengo, nel mio microcosmo (vabbeh, sto prestando il fianco, lo so che dirai nel mio microcefalo, ma tanto è quasi uguale), che la parte onirica segua molto da vicino la parte circa-cosciente, èd è l'errore di voler considerare l'oggetto dei sogni che io ho voluto censuare, non il perché, che però e comunque, come ho detto, ritengo molto simile a tutto ciò che già conosciamo.
mastro6 mastro6 02/04/2020 ore 20.44.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n scrive:
Io mi lancerei volentieri in un saluto collettivo a tutti i conterrestri però chi potrei chiamare per farlo?


Un saluto... con la forza del pensiero?
20253578
@Az3n scrive: Io mi lancerei volentieri in un saluto collettivo a tutti i conterrestri però chi potrei chiamare per farlo? Un...
Risposta
02/04/2020 20.44.27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mastro6 mastro6 02/04/2020 ore 20.44.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n scrive:
Un mio carissimo amico chiamava il suo cagnolino quando serviva il cagnolino, l'aquila quando serviva l'aquila, la rosa quando serviva la rosa.


Ha mai chiamato Dio?
mastro6 mastro6 02/04/2020 ore 20.46.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n scrive:
che sia tutto un gioco interattivo multidimensionale


Aggiungici 'coronarico', che, di questi tempi, è il 'giocattolo' di cui tutti vorrebbero scoprire gli ingranaggi!
mastro6 mastro6 02/04/2020 ore 21.12.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Gio.1947 scrive:
Ora sono decenni che l'Italia ha fatto la cicala. Abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. Abbiamo votato chi prometteva tutto e' subito, ancora oggi ascoltiamo il pifferaio magico che nel giro di poche ore ci promette che la nostra vita sarà migliore con lui al comando. Abbiamo tacitamente accettato leggi che favorivano alcuni e' penalizzavano molti. In 73 anni mai visto una campagna elettorale che presentasse un programma di sviluppo decennale/ventennale ma solo promesse immediate per andare al potere. Noi abbiamo deciso il nostro futuro e per molti italiani di chi è la Colpa DELL'EUROPA che da anni ci dice di fare qualcosa per diminuire il nostro debito. Con la Cina L'America e la Russia. L'Italia da sola sarebbe come una noce dentro ad un sacco.


Le considerazioni politiche si sprecano, cerco di limitare al massimo ma non è facile trattenere gli istinti che vogliono persino autonoma la mia testa, figurati sopportare questi lacci che abbiamo deciso di 'acquistare' con la speranza di poterci legare durante le tempeste, ed invece adesso stanno servendo per portarci a spasso, scodinzolanti come un cagnolino!

Io e te, ce lo ricordiamo bene, abbiamo attraversato gli anni 70, te lo ricordi quanto era un tasso di mutuo fisso? Era del 30%, e ne siamo usciti. Di cosa vogliamo parlare, della politica economica e/o di crescita dello zero virgola? Oggi quella politica è inutile, superflua. L'europa non si può più giustificare se non ha unità monetaria, siamo stati capaci di farla realmente? O forse hanno ragione i tedeschi, che stanno pascolando e crescendo a dismisura sul fertilizzante organico (noi) che rende fertile ogni loro seme, ogni loro landa desolata?
Io non ho paura a stare (a restare o a ritornare) in Italia, a qualsiasi costo. Se ne fossimo più consapevoli, sapremmo che stiamo piazzati nel mediterraneo in una posizione unica e centrale forse rispetto al mondo; sorge qualche dubbio sul perché esistono le tali e tante bellezze sulle quali possiamo contare?
Az3n Az3n 02/04/2020 ore 21.29.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 :
Un giorno, quando finalmente torneremo senza internet, svilupperemo la forza del pensiero telepatico! Ci conto assai!

Dio no no, e che la chiami a fare la Coscienza Universale.. Peró te lo dico, più volte ho chiamato il white hat che mi si acquatta dentro (per me ce l'abbiamo, tutti come programma intrinseco sempre attivabile) perché attivasse il black hat (pure questo idem come sopra) che a sua volta mandasse in crash il funzionamento del mio sistema-microcosmo. Credo di non aver ancora capito bene certi comandi peró!

Oggi pensavo al corona.. In particolare che già temo quando riapriranno i gabbioni... Tutti di nuovo giù di corsa come dannati draghi a produrre consumare inquinare torturare il pianeta. Allora, giuro, tra me e me ho pensato: coraggio virus puoi fare di meglio, non abbiamo ancora capito un c@77o...e non é una cosa bella da pensare. Anzi, é terribile. D'altra parte, da anni e anni sono a favore del VHEMT.

Non volevo scendere su questo pianeta.



Az3n Az3n 02/04/2020 ore 21.29.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@mastro6 :
Un giorno, quando finalmente torneremo senza internet, svilupperemo la forza del pensiero telepatico! Ci conto assai!

Dio no no, e che la chiami a fare la Coscienza Universale.. Peró te lo dico, più volte ho chiamato il white hat che mi si acquatta dentro (per me ce l'abbiamo, tutti come programma intrinseco sempre attivabile) perché attivasse il black hat (pure questo idem come sopra) che a sua volta mandasse in crash il funzionamento del mio sistema-microcosmo. Credo di non aver ancora capito bene certi comandi peró!

Oggi pensavo al corona.. In particolare che già temo quando riapriranno i gabbioni... Tutti di nuovo giù di corsa come dannati draghi a produrre consumare inquinare torturare il pianeta. Allora, giuro, tra me e me ho pensato: coraggio virus puoi fare di meglio, non abbiamo ancora capito un c@77o...e non é una cosa bella da pensare. Anzi, é terribile. D'altra parte, da anni e anni sono a favore del VHEMT.

Non volevo scendere su questo pianeta.



mastro6 mastro6 03/04/2020 ore 00.45.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: E' questo il momento adatto

@Az3n scrive:
quando riapriranno i gabbioni... Tutti di nuovo giù di corsa come dannati draghi a produrre consumare inquinare torturare il pianeta. Allora, giuro, tra me e me ho pensato: coraggio virus puoi fare di meglio, non abbiamo ancora capito un c@77o...e non é una cosa bella da pensare. Anzi, é terribile. D'altra parte, da anni e anni sono a favore del VHEMT.

Non volevo scendere su questo pianeta.


Azz, che peperino! :drunk
20253678
@Az3n scrive: quando riapriranno i gabbioni... Tutti di nuovo giù di corsa come dannati draghi a produrre consumare inquinare...
Risposta
03/04/2020 0.45.58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.