Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

etimologico 12/05/2020 ore 13.22.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Domandone...

Ma è più forte il male o il bene? Ma se il male per qualcuno è bene e viceversa... come si fa il calcolo?

Dico bene?
8601570
Ma è più forte il male o il bene? Ma se il male per qualcuno è bene e viceversa... come si fa il calcolo? Dico bene?
Discussione
12/05/2020 13.22.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
71silvia 12/05/2020 ore 14.02.23 Ultimi messaggi
etimologico etimologico 12/05/2020 ore 15.03.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@71silvia : Allora è più forte il male e viviamo perennemente nel dominio del male e sei il male ha il sopravvento dove sta bene? Anzi cos’è il bene?
mastro6 mastro6 12/05/2020 ore 15.09.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@etimologico scrive:
Ma è più forte il male o il bene?



Prima o poi nella vita ci si pente di aver perseguito e fatto il male.

Rari casi di cinici assoluti non fanno testo. Il bene fa bene.
20275052
@etimologico scrive: Ma è più forte il male o il bene? Prima o poi nella vita ci si pente di aver perseguito e fatto il male....
Risposta
12/05/2020 15.09.55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
71silvia 12/05/2020 ore 15.50.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

...certo che viviamo sempre in conflitto con il male, e per sconfiggerlo dobbiamo tirare fuori il bene che c'è in noi e costa sacrificio. Il bene c'è, c'è
Net.zer Net.zer 12/05/2020 ore 16.27.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

A mio parere il bene è più forte, il male in linea generale se lo è creato il genere umano che nel suo libero arbitrio lo ha adottato come via preferenziale e più rapida per il raggiungimento dei propri scopi primari ed egoici.
etimologico etimologico 12/05/2020 ore 17.05.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@mastro6 :
@Net.zer :
@71silvia :
In conclusione possiamo dire che il bene è più forte del male? ma il bene essento benevolo non vuole eliminare il male in modo assoluto; il bene è democratico. Lo è perché sennò farebbe del male e sarebbe egli stesso al di sopra del bene e del male.
Mentre se fosse più forte il male, il bene darebbe già definitivamente scomparso.
L’amore vince sempre? quasi.
20275210
@mastro6 : @Net.zer : @71silvia : In conclusione possiamo dire che il bene è più forte del male? ma il bene essento benevolo non...
Risposta
12/05/2020 17.05.03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
KitCarson1971 KitCarson1971 12/05/2020 ore 17.16.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@Net.zer scrive:
A mio parere il bene è più forte, il male in linea generale se lo è creato il genere umano


Ciao. Non credo sia possibile soppesare così le due "tendenze" nei termini che esponi. Ma è un mio parere naturalmente, suscettibile di "contenimenti" altrui. Il perchè del bene e del male costituisce una terribile lezione di umiltà, nel senso che ci obbliga a confessare la nostra ignoranza fondamentale, irriducibile ad un elemento così essenziale della nostra vita. Molto semplicisticamente consideriamo il male sempre e solo in ottica negativa, era tipico del mio Maestro Filo di Verona, ma va SEMPRE considerata la nostra POSIZIONE che è del tutto precaria. Esotericamente (non per niente ci troviamo su di un sito es(s)oterico...) TUTTE le azioni dell'Universo si esprimono tramite un dare e avere. Se vogliamo considerare il bene e il male alla stregua della stessa equazione del grande Albert sulla relatività generale, questa si esprime in un concetto di equilibrio: la materia e l'energia mantengono un equilibrio tra di loro.

Concetti difficili se si vanno ad esplorare più in profondità, al limite chiederò supporto al Dr. Master, anche se dalle sue parti li esemplificano con i tarallucci e vino... Comunque sia il rapporto tra i due "valori" non cambia mai. Se si da una parte di qualcosa, si deve averne altrettanta per equilibrare di nuovo l'equazione universale. Il discorso è complicatissimo (e come al solito rischio i riprovevoli rimbrotti sulle mie presunte contraddizioni, in questo caso non farò nomi... 8-) se contemporaneamente all'equilibrio, si deve intendere con la parità dei valori anche la loro diversità costante (e oscillante) in un rapporto MAI paritario.

E' un discorso logico direi, in considerazione che la vita è in realtà l'effetto di un DIsquilibrio dei valori in antitesi. Si giunse anni fa a questa considerazione (ben più lunga da spiegarsi) tramite sedute medianiche, ovvero che l'alternarsi dell'essere e del non essere è alla BASE della creazione: tutto si crea per essere distrutto e per poi essere ricostruito e ancora di nuovo distrutto, e così via. Non mi ricordo più se questo era un concetto anche del mio amico di rubamazzetto Schopenhauer, comunque sia, l'essere e il non essere non hanno MAI valori in equilibrio di parità perchè avremmo un essere e un non essere statici senza intercambio, fermi nello spazio e nella logica. Un non divenire che farebbe a pugni con un Creatore, al quale ovviamente io credo.
Un saluto
20275223
@Net.zer scrive: A mio parere il bene è più forte, il male in linea generale se lo è creato il genere umano Ciao. Non credo sia...
Risposta
12/05/2020 17.16.17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
xAceSventurax 12/05/2020 ore 18.46.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@mastro6 scrive:
Prima o poi nella vita ci si pente di aver perseguito e fatto il male.

Rari casi di cinici assoluti non fanno testo. Il bene fa bene.


io non dico di esser stato un santone da adolescente, ma mai fatto bastardate anzi se potevo dare na mano a qualche bravo wagliune lo facevo, COME RISULTATO POSSO TESTIMONIARE CON LA MANO SUL CUORE CHE DIO MI POSSA FULMINARE CHE IO A QUESTO MONDO HO VISTO SOLO MANIFESTARSI IL MALE CON UN POTERE OSEREI DIRE DIVINO E NON AVER VISTO UN BRANDELLO DI TRACCIA DELLA POTENZA DEL BENE

Credo che l'inferno è gia questo mondo, forse quando moriremo scopriremo che questo era il cosidetto purgatorio dove abbiamo scontato le nostre pene piu o meno dolorose a seconda di cosa abbiamo fatto nella vita passata, nella vita vera chen forse come detto non è questa
Vabeh fatto viaggetto di fantasia cmq sia, io HO CONOSCIUTO SOLO LA POTENZA DEL MALE A QUESTO MONDO DEL BENE NON NE HO VISTO TRACCIA
xAceSventurax 12/05/2020 ore 18.53.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

QUESTA è UNA COSA CHE METTE A DURA PROVA IL MIO EQUILIBRIO MENTALE, PERCHE SE ESISTE IL MALE DEVE ESISTERE ANCHE IL BENE UNO DIREBBE?

MA SE PASSI 44 ANNI A VEDERE IL MALE TRIONFARE IMMMERITATAMENTE GRAZIE A UN POTERE OSCURO E VEDERE CHE IL BENE NONINTERVIENE COME SE NON ESISTESSE COME SE LA NATURA FOSSE DI ORIGINI MALIGNE INIZI A DUBITARE CHE FORSE SAREBBE ORA DI PASSARE DALLA PARTE DI CHI HAI SEMPRE COMBATTUTO SE CHI DIFENDI NEMMENO ESISTE
etimologico etimologico 12/05/2020 ore 19.09.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@xAceSventurax scrive:
MA SE PASSI 44 ANNI A VEDERE IL MALE TRIONFARE IMMMERITATAMENTE GRAZIE A UN POTERE OSCURO E VEDERE CHE IL BENE NONINTERVIENE COME SE NON ESISTESSE COME SE LA NATURA FOSSE DI ORIGINI MALIGNE INIZI A DUBITARE CHE FORSE SAREBBE ORA DI PASSARE DALLA PARTE DI CHI HAI SEMPRE COMBATTUTO SE CHI DIFENDI NEMMENO ESISTE

Allora per te il male è il bene :ok
xAceSventurax 12/05/2020 ore 19.15.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@etimologico scrive:
Allora per te il male è il bene



per niente, io ho sempre pensato che l'uomo avesse il libero arbitrio e potesse scegliere se perseguire il bene o il male, c'è chi lo fa stupidamente perche crede al cristianeismo e ha paura di una punizione divina, c'è chi come me lo ha perseguito non lo so perche , perche lo sento perche sono stato cresciuto cosi, perche fin da bambino quando vedevo una ingiustizia non mi poteva pace.

IN TEORIA IL MALE DOVREBBE SOLO TENTARTI E FIN QUI CHE IL BENE SE NE STIA NASCOSTO MI STA BENE, MA QUANDO IL MALE GIOCA SPORCO TI TORTURA A LIVELLI DISUMANI QUASI A COSTRINGERTI PER L'INCAPACITA' DI SOPPORTARE UNA VITA COSI DOLOROSA , QUANDO SI SUPERA QUALSIASI LIMITE FINO A SCONFINARE NEL SOVRANNATURALE E IL BENE NON DA SEGNI DI ESISTENZA TI FAI CERTE DOMANDE


ADDOSTA LA POTENZA DIVINA? E LA COLLERA DI DIO? PERCHE AMICO IO DI COSE TERRIFICANTI NE HO VISTE CHE NEMMENO UN DIO IMMENSAMENTE BUONO QUALORA ESISTESSE POTREBBE STARE A GUARDARE
etimologico etimologico 12/05/2020 ore 19.23.42 Ultimi messaggi
xAceSventurax 12/05/2020 ore 19.34.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@etimologico : io scelgo di non scegliere ho deciso solo di andarmene da qui e vedere cosa c'è nell'aldila incrocio le dita, se non c'è niente me lo prendo in culo ma non credo soffrirò almeno non come soffro adesso, potrei invece trovare mia nonna, i miei parenti alla quale volevo bene che mi aspettano non lo so o potrei trovare situazioni inquietanti alla matrix

So solo che vivere per me è sempre piu doloroso, prima o poi riusciro a fare una cosa pe r me atutt'oggi inconcepibile, per adesso mi spendo un po di soldi quando ho finito di comprare proprio tutto quello che volevo provare, bon prendo 3 scatole di xanax e vado dritto in paradiso perche qui almeno A ME NON E' STATO CONCESSO DI VIVERE
mastro6 mastro6 12/05/2020 ore 23.13.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@KitCarson1971 scrive:
Comunque sia il rapporto tra i due "valori" non cambia mai. Se si da una parte di qualcosa, si deve averne altrettanta per equilibrare di nuovo l'equazione universale.


Io non sono convinto di questo perfetto dualismo, né dell'equilibrio tra i due, anzi il più delle volte c'è un notevole squilibrio a favore dell'uno o dell'altro, che non è affatto detto che insieme facciano un 100%.
E' probabile che alcuni concetti matematici ed insiemistici si siano adottati in questo come in tanti casi, ma a me sembra una inutile necessità quella di suddividere o di inquadrare, come a prendere due colori e voler riempire un riquadro statico, fisso, come la superficie di un quadro, di un dipinto.
Non è comunque di questo particolare che vorrei riprendere il filo, piuttosto del 'noi stessi', del sé autoreferenziale, e vorrei chiedere a chiunque se si sente malvagio o intravede sempre dentro un senso morale, del bene che convince, che 'sarebbe per sé preferibile' rispetto al male.
Se ciò è vero, siamo dunque rivolti al bene, il bene fa bene come dicevo prima, e quindi ci si pente, anche avendo fatto del male, prima o poi. Questo per me è importante, non significa che ciascuno di noi ha fatto solo bene, ma significa che 'prevale' in generale il senso del bene, la sua ricerca e la sua applicazione.
Anzi, per essere più circostanziato, avendo messo da parte tarallucci e vino almeno per stasera, sono convinto che chiunque, se sa di poter essere considerato socialmente ancora 'capace di fare e volere del bene' si impegna prima o poi a farlo, e solo quando viene etichettato, dipinto, coscritto al male definitivamente non ha più 'stimoli' in quel senso, e si rischia che esso stesso, ai suoi stessi occhi ed alla sua stessa considerazione, si ritenga un portatore del male, inguaribile e assolutamente irredento (pessima circostanza e situazione!).



etimologico etimologico 13/05/2020 ore 07.37.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@xAceSventurax scrive:
se non c'è niente me lo prendo in culo ma non credo soffrirò almeno non come soffro adesso, potrei invece trovare mia nonna, i miei parenti alla quale volevo bene che mi aspettano non lo so o potrei trovare situazioni inquietanti alla matrix

So solo che vivere per me è sempre piu doloroso, prima o poi riusciro a fare una cosa pe r me atutt'oggi inconcepibile, per adesso mi spendo un po di soldi quando ho finito di comprare proprio tutto quello che volevo provare, bon prendo 3 scatole di xanax e vado dritto in paradiso perche qui almeno A ME NON E' STATO CONCESSO DI VIVERE

Il niente non esiste, lo dimostra il tutto che ci circonda. Cosa ci aspetta il dopo non lo sappiamo, siamo chiari, nessuno lo sa, anche se i molti che sperano in un qualcosa saranno sicuramente accontentati, perché qualcosa ci sarà se il niente non esiste.
Detto ciò la vita e la morte sembrano essere solo dei passaggi. Tornare ad essere quello che eravamo prima di nascere è una conseguenza non una scelta. Di certo c’è che vivere senza soffrire non ha senso, la sofferenza è un valore molto apprezzato quando diventa il ponte per conquistare un attimo di felicità. Felicità a cui tutti si ambisce dimenticando però la sua natura effimera. Anche un orgasmo per quanto intenso dura sempre troppo poco.
xAceSventurax 13/05/2020 ore 09.27.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@etimologico : lasofferenza dell'anima ci sta,soffrire per la morte di una persona maata che magari era l'unica rimasta, E' CMQ VITA E IO LA RISPETTO, o che ne so soffrire una delusione amorosa, o soffrire lasolitudine o soffrire un hadicap che ti riduce sulla sedia a rotelle ci sta

Ma quando ti bloccano la ghiandola pineale e non senti niente ed esperisci il niente è un tipo di sofferenza che non vale la pena di vivere
etimologico etimologico 13/05/2020 ore 09.57.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@xAceSventurax :
C’è una frase che mi ha sempre fatto pensare molto detta da Henry Brooks Adams:
“Un insegnante ha effetto sull'eternità; non può mai dire dove termina la sua influenza."

Mi piace pensare che nel nostro piccolo tutti noi abbiamo qualcosa da insegnare agli altri, qualcosa che naturalmente abbiamo appreso dalla vita e dalle sue esperienze.
Può essere qualcosa di grande, ma anche qualcosa di estremamente insignificante per molto ma molto significativo per qualcuno.
Nascendo portiamo al mondo qualcosa che non c’è mai stato, morendo porteremo via qualcosa che non sarà mai più.
Ognuno di noi ha una propria unicità che in parte trasmette agli altri. Questa trasmissione è possibile solo attraverso la vita, anche questo semplice dialogo tra noi lo è.
Comprendo bene le sofferenze che la vita ci mette davanti, ma anche se solo una mia parola o una tua parola avrà effetto sull’eternità non avremmo vissuto invano.

Un abbraccio.
20275509
@xAceSventurax : C’è una frase che mi ha sempre fatto pensare molto detta da Henry Brooks Adams: “Un insegnante ha effetto...
Risposta
13/05/2020 9.57.44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
xAceSventurax 13/05/2020 ore 10.09.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@etimologico : a volte mi chiedo a cosa è servita questa vita? quale lezione avrei dovuto capire? che c'è qualche pazzo che domina il mondo e sarebbe meglio oggi non nascere che vivere una vita decisa da altri che se ti ribelli come me finisci male?

lORO RIVORREBBERO AVERE UNA SECONDA OPPORTUNITA DI STUDIARE IL MIO DNA, piu unico che raro, vogliono faccia figli, COL CAZZO CHE TI FACCIO CONOSCERE I SEGRETI DI DIO TRAMITE IL MARTIRIO DEI MIEI FIGLI IO NON NE FACCIO FIGLI IL MIO DNA E I SUOI SEGRETI MORIRANNO CON ME
KitCarson1971 KitCarson1971 13/05/2020 ore 11.33.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domandone...

@mastro6 scrive:
Io non sono convinto di questo perfetto dualismo, né dell'equilibrio tra i due, anzi il più delle volte c'è un notevole squilibrio a favore dell'uno o dell'altro, che non è affatto detto che insieme facciano un 100%.


Insieme fanno SEMPRE 100,e questo eticamente devi considerarlo un bene, ed è corretto: perchè chi aveva 90 avrà 10 e chi aveva 10 avrà 90 e la somma dei due valori è SEMPRE 100.
Ma andiamo con ordine rilevando che la necessità di "INQUADRARE" ciò che sembra aleatorio e sfuggente è del tutto una questione primaria per ogni essere umano, è una sua componente, che si chiede senza quasi mai potersi rispondere. Se lo chiedono tutti, meno uno ovviamente, Lui, l'INNOMINATO... 8-) Caro Matrix-Mastro, a parte gli scherzi, capisco benissimo la tua riluttanza (per ovvia difficoltà) a considerare che in TUTTO il creato ritroviamo SEMPRE la doppia polarità (negativa e positiva) che si bilancia. Per semplificare: il bene è un corretto uso delle polarità, sia negativa che positiva, mentre il male è un NON corretto uso di entrambe.

In soldoni, poichè il corretto uso implica un atto volitivo di un essere pensante è chiaro che sta all'essere umano fare un CORRETTO o NON CORRETTO uso delle due polarità, e che il bene e il male è un'esclusività razionale dell'essere che compie l'azione. Entrando sempre più nella nocciolina dell'argomento, si entra in spaccata... anche nella fisica dell'amico Albert (credo... :inchino ) e nella distinzione che può mandare in crisi, nel senso che la parità è anche disparità... perchè l'equilibrio di parità nell'Universo non esiste, pur nel bilanciamento.

Se mi poni un lastrone di ghiaccio in fronte proseguo... :hihi Ovvero, non può esistere una parità di valori tra le due polarità. Per esempio non può esistere una parità di valori delle materia e antimateria, ma uno squilibrio (equilibrato) costante tra i due valori diversi (più materia che antimateria o viceversa). Questa disparità di equilibrio delle polarità è la BASE del divenire, altrimenti sarebbe tutto statico, avremmo cioè, nel caso della materia, una supermateria che non è nè materia che antimateria. Per chi va a pesca (od è vegetariano) nè carne nè pesce...

In realtà la Legge dello squilibrio è ben equilibrata... Nel caso del bene e del male è la stessa cosa. Idem come sopra: o l'una o l'altra debbono prevalere nei vari MOMENTI del vivere e del divenire. Seguendo perciò la legge naturale, il giusto uso delle due polarità sta nel mantenere lo squilibrio in un senso o nell'altro dei due valori sempre diversi tra loro. Infatti i valori diversi fanno si che ogni cosa possa riconoscersi dal suo contrario (per esempio non può esistere tutto giorno e tutta notte). Sembrano concetti difficili ma non lo sono. Semplifichiamo ancora di più, pensando che se le due realtà fossero nello stesso momento di valori uguali non potrebbero PIU' riconoscersi fra loro ed avremmo così un valore nè di bene nè di male, ma un QUALCOSA che non sarebbe nè l'una nè l'altra (un Paolo Fox per intenderci...).

Ho finito la ricreazione, a presto...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.