Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

elisabetta2016 17/02/2017 ore 19.36.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Porta a porta, Vespa e Virgina Raggi

L'altra sera Bruno Vespa ha parlato della Raggi nella sua trasmissione, dedicando l'intera puntata ai fatti di cronaca che hanno interessato il sindaco.
Ha fatto un reseconto sintetico e completo, elencando in maniera abbastanza asettica, i singoli eventi che hanno colpito la giunta Raggi e suoi assessori in questi pochi mesi di mandato della Raggi.
Ha cominciato con le dimissioni dell'assessore al Bilancio, poi con il defenestramento del vice capo di gabinetto( donna e magistrato) e la sua sostituzione forzata con Raffaele Marra, per continuare con le polizze a favore del sindaco fatte dal suo presunto amante: Romeo, assessore non mi ricordo a che, e del partito delle 5 stelle. C'e stata poi l'interessantissima intervista alla Muraro, la quale alle domanda se ad oggi avrebbe ancora accettato l'incarico di assessore nella giunta Raggi, rispondeva, che a luglio quando il sindaco si era appena insediato, la situazone pensava fosse diversa, ma ad oggi non più, alla luce della considerazione che le decisioni all'interno della giunta vengono prese da vertici esterni, lontani da roma, e che nulla sanno di roma con un ovvio riferimento a Grillo.
A cio si aggiungono le dimissioni dell'assessore all'urbanistica, disgustato dalla Raggi, e dulcis in fundo , le cementificazione di Tor di valle su iniziativa degli stessi 5 stelle, che non hanno voluto le olimpiadi a Roma.
Bene, non è forse arrivata l'ora di modificare l'assetto economico e normativo dei comuni, che ha avuto inizio , per quanto riguarda Roma, con l'ammnistrazione di Rutelli? Non è forse arrivata l'ora di togliere tutta questa autonomia gestionale ai comuni, che crea solo problemi e offre solo l'occasione e l'opportunità a chi è disonesto, palazzinari vari, criminali alla carminati, ecc di fare indisturbati tutti i loro affari ? Ossia di mangiarsi tutti i soldi che noi romani paghiamo, con multe, ici, tariffe dei parcheggi, biglietti dell'autobus, e tutto quello che ci fanno pagare, per non avere quasi niente, anzi tante buche e tanta zozzeria?
Tanto è ovvio ed è chiaro a tutti quanti che la cementificazione dello stadio di Tor di Valle è il prezzo che i 5 stelle devono pagare per continuare a fare il sindaco di Roma.
Non si tratta qui di essere puliti o non puliti, è che se dai il potere ad un semplice funzionario comunale che non guadagna manco duemila euro, se gli riconosci la facoltà di autorizzare una pratica con cui chiedere una tangente di 300 mila euro, è ovvio che tutto finisce come finisce!!!!
8456106
L'altra sera Bruno Vespa ha parlato della Raggi nella sua trasmissione, dedicando l'intera puntata ai fatti di cronaca che hanno...
Discussione
17/02/2017 19.36.03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
c.hicca44 c.hicca44 17/02/2017 ore 20.06.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Porta a porta, Vespa e Virgina Raggi

@elisabetta2016 : capisco la rabbia. anche perchè è la capitale e a tutti (spero) piacerebbe avere una bellissima capitale.
marti.1980 marti.1980 18/02/2017 ore 11.46.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Porta a porta, Vespa e Virgina Raggi

Per avere una Roma bella e non solo quella ci sarebbe da reinventare l'italiano. L'italiano odierno, nella sua maggioranza non lo recupera neanche il Papa tanto è corrotto nel suo "interno".
Quindi se è corrotto l'italiano, a meno che le istituzioni non vengano date in mano ad extra terrestri vi si ritroverà anche nel loro interno la corruzione e, le poche mosche bianche presenti verranno fagocitate dal marasma generale.
19440808
Per avere una Roma bella e non solo quella ci sarebbe da reinventare l'italiano. L'italiano odierno, nella sua maggioranza non lo...
Risposta
18/02/2017 11.46.47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Matamoro46 Matamoro46 20/02/2017 ore 18.28.01
segnala

(Nessuno)RE: Porta a porta, Vespa e Virgina Raggi

capisco la rabbia. anche perche' e' la capitale e a tutti (spero) piacerebbe avere una bellissima capitale.
Per avere una Roma bella e non solo quella (MA GIA' LE ABBIAMO!!) ci sarebbe da reinventare l'italiano. L'italiano odierno, nella sua maggioranza non lo recupera neanche il Papa ...INFATTI LA PAPESSA BOLDRINA ALIAS DIVERSAMENTE MASCULA ALIAS RES DEL NUOVO ITALCALIFATTO CI STA SOSTITUENDO TUTTI COMPRESO ACESSORI COME LE PALME A MILANO ;-( ;-( :-( :-( :amen
LuisaFe LuisaFe 22/02/2017 ore 16.15.14 Ultimi messaggi
elisabetta2016 elisabetta2016 15/03/2017 ore 17.37.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Porta a porta, Vespa e Virgina Raggi

Ho letto di recente un testo che parla della nascita dello Stato Italiano, del Risorgimento, e dell'infiltrazione nello Stato e nel potere delle organizzazioni criminali.
Organizzazioni, quale camorra, mafia ed andragheta, pur se di origini antichissime, hanno preso il sopravvento e sono entrate nello stato solo durante il Risorgimento e soprattutto con le nuove istituzioni nate nel 1870 all'indomani dell'unita d'italia.
Ogni famiglia onorata della mafia o delle altre criminalità si è sentita in dovere e le è stato permesso di avere un loro esponente in parlamento.
Prima del 1870 e del risorgimento, gli stati allora esistenti, come il regno delle due sicilie al sud, con i Borboni, il Papa nello Stato Pontificio, i Savoia al nord, non hanno mai consentito a questi gruppi di entrare nel potere legittimo.
Queste organizzazioni erano gia presenti e molto ramificate e funzionali, ma gestivano solamente il malaffare, ad es il gioco d'azzardo, la prostituzione,il mantenimento dell'ordine all'interno delle carceri ( ad es la camorra di origine più antica tra tutte le organizzazioni criminali vantava diversi capi camorra imprigionati che garantivano una sorta di disciplina ed ordine proprio nel carcere di napoli, evitando sommosse contro i Borboni).
I regni di allora, in primis i Borboni, pur tollerando e usando all'occorrenza questi briganti organizzati per scopi illegali, non hanno mai permesso loro di entrare nelle istituzioni, nelle cariche politiche, nel governo e nell'amministrazione.
E' stato con l'unita di Italia , non voluta da nessun Italiano, ma la cui nascita è stata pilotata ad arte da gruppi esterni e da associazioni segrete e rivoluzionarie, come la carboneria, la massoneria ed altre ancora, supportate dall'Inghilterra, che questi gruppi criminali hanno iniziato ad infiltrarsi nel nuovo stato , ed hanno mandato il loro esponente in parlamento, democraticamente eletto sia durante monarchia che nella successiva repubblica.
Sono nati cosi i nuovi politici, i cui cognomi sono: Barracca, D'Ippolito, ed altri ancora, che ,nel 1870 cioè appena due generazioni prima della nostra,hanno cominciato a governare l'Italia, al posto del Papa, dei Borboni, dei Savoia, e di tutte le vecchie dinastie regnanti.
Considerato che dal risorgimento e dalla nascita dell'Italia sono trascorsi 150 anni, ci viene logico pensare, che questi mafiosi, camorristi, ndranghetisti, ripuliti, stiano ancora tutti li con i loro attuali discendenti che sono solamente i pronipoti di quegli avi briganti.
Il nostro stato non puo mai essere come qualunque altro stato europeo, tipo olanda, francia, germania, austria, dove si fanno ponti che non cadono, infrastrutture funzionanti, marciapiedi perfetti, e dove ,soprattutto le opere pubbliche non sono solo un occasione per mangiare soldi e per dare da mangiare ai successori onorati dei privilegiati , ma opere necessarie e funzionanti per la collettività.
Questo rende chiaro come mai da noi nello stato sia presente tanta corruzione, tanta incapacità, tanta poca serieta, a differenza che in altri paesi europei dove la gestione dei beni pubblici avvine in maniera ben diversa.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.