Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

ComePioveva 09/11/2017 ore 19.29.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)La doppia sfortuna dei dinosauri

La grande estinzione di massa di 65 milioni di anni fa venne causata non solo dall'impatto dell'asteroide con il nostro pianeta, ma anche della composizione del suolo dove avvenne l'impatto, l'area dell'attuale Chicxulub, in Messico, il cui tipo di terreno occupa solo il 13 per cento circa della superficie terrestre.

I dinosauri sono stati davvero sfortunati: se l'asteroide di Chicxulub fosse caduto in un altro punto del pianeta, l'impatto non sarebbe bastato a innescare gli eventi che determinarono la loro scomparsa. Perché i suoi effetti fossero così catastrofici serviva anche un certo tipo di terreno, che però occupa solo il 13 per cento della superficie della Terra.

A stabilirlo è stata una ricerca condotta da due ricercatori giapponesi, Kunio Kaiho e Naga Oshima, rispettivamente della Tohoku University a Sendai e del Centro di ricerca meteorologica a Tsukuba, in Giappone, che firmano un articolo pubblicato su "Nature Communications".

Il collasso degli ecosistemi fu causato dal crollo delle temperature, che devastò il manto vegetale terrestre e causò l'estinzione del 75 per cento circa di tutti gli animali terrestri e marini. Tuttavia, le polveri e i solfati sollevati direttamente dall'impatto non erano in grado di permanere in atmosfera abbastanza a lungo da far raffreddare il pianeta in maniera così devastante.

Per questo alcuni ricercatori hanno ipotizzato che l'oscuramento del cielo e il conseguente abbassamento delle temperature fosse dovuto alle fuliggini create dagli immensi incendi innescati dall'energia liberata dall'impatto. Le fuliggini sottili possono infatti raggiungere la stratosfera e rimanervi molto a lungo.

Il tipo di fuliggini e di solfati presenti negli strati di roccia immediatamente successivi a quelli che testimoniano l'impatto indica però che gran parte di essi aveva un'altra origine: la combustione di idrocarburi che si trovavano nelle rocce sedimentarie colpite dall'asteroide.

Kaiho e Oshima hanno ora condotto una serie di simulazioni per stabilire la quantità di fuliggini e solfati liberati dall'impatto
di un asteroide delle dimensioni di quelle di Chicxulub, e il loro conseguente effetto sul clima, in funzione della composizione del suolo.

Se l'asteroide si fosse schiantato su un'area continentale a basso tenore di idrocarburi (pari al 17,8 per cento della superficie terrestre) o in corrispondenza della crosta oceanica (49,9 per cento), avrebbe provocato un raffreddamento globale rispettivamente di 2-4 °C e di 0-2 °C e di 3-6 °C e 0-3 °C sulla terraferma.

Le conseguenze sarebbero state gravi per un certo numero di specie, ma non tali da causare un'estinzione di massa, e lo stesso vale se l'impatto fosse avvenuto su quel 19,7 di crosta continentale a tenore medio di idrocarburi (con un raffreddamento globale medio di 4-8 °C).

Purtroppo per i dinosauri e per tante altre specie, lo schianto avvenne invece in una regione con un suolo ad alto tenore di idrocarburi, che occupa circa il 10,4 per cento della superficie terrestre, innescando un processo che ha portato un raffreddamento medio globale di 8-11 °C, e di 13-17 °C sulla terraferma. Certo, le cose sarebbero potute andare anche peggio: se avesse colpito il 2,1 per cento circa del pianeta ad altissimo tenore di idrocarburi, il raffreddamento sarebbe stato ancora superiore, e forse non non saremmo qui.

http://www.lescienze.it/news/2017/11/09/news/asteroide_estinzione_dinosauri_suolo_idrocarburi-3747446/
8518617
La grande estinzione di massa di 65 milioni di anni fa venne causata non solo dall'impatto dell'asteroide con il nostro pianeta,...
Discussione
09/11/2017 19.29.03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
pesce.lesso pesce.lesso 10/11/2017 ore 18.42.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La doppia sfortuna dei dinosauri

Ciao..
Ho un mia teoria riguardo l'estinzione dei dinosauri, sempre una teoria, del resto come le più accredidate che sostengono che si siano estinti con la caduta di un asteroide.
Partiamo dal fatto che stiamo parlando di milioni e milioni di anni quindi nn sappiamo la terra come fosse in quell'era, secondo me non si sono estinti solo per via delle condizioni climatiche, cioè l'abbassamento delle temperature per l'appunto colpa di un asteroide, la terra a suo tempo aveva altre leggi fisiche, presumibilmente era più piccola quindi meno massa, o altro? aveva condizioni ottimali per un essere come il dinosauro, basta pensare che oggi non sarebbe stato possibile la loro sopravvivenza con le attuali leggi fisiche che la terra offre, colpa della loro mole, perche sarebbero stati schiacciati dal loro stesso peso. che ne pensi?
ComePioveva ComePioveva 10/11/2017 ore 20.36.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La doppia sfortuna dei dinosauri

@pesce.lesso : La Terra ha impiegato circa 3 miliardi e mezzo di anni per formarsi. 65 milioni di anni fa, quando i dinosauri si sono estinti era già formata in termini di massa e quindi di gravità, che i dinosauri sopportavano egregiamente – calcoli fatti sull'ampiezza delle ossa e quindi dei relativi muscoli.
Detto questo, per quanto riguarda l'estinzione dei dinosauri ci sono riscontri oggettivi su ciò che è accaduto sul nostro pianeta e ce lo raccontano gli strati della roccia in cui c'è una fortissima concentrazione di iridio che è distribuito sul globo negli strati risalenti appunto a 65 milioni di anni fa. Il documento che ho pubblicato prende spunto dai dubbi relativi al raffreddamento che avrebbe distrutto la catena alimentare dei dinosauri. Nella loro tesi, questi ricercatori, obiettano che la polvere sollevata dall'impatto dell'asteroide non potesse essere sufficiente per il raffreddamento della Terra e che quindi dovesse esserci una concausa che loro hanno individuato negli idrocarburi, diffusissimi nella zona dell'impatto, che bruciando hanno prodotto un vero bendaggio della Terra filtrando la luce solare.
Ciao
ElBui.tre ElBui.tre 16/11/2017 ore 12.35.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La doppia sfortuna dei dinosauri

Potrebbe essere plausibile il riferimento alle temperature, tuttavia l'inquinamento dovuto all'impatto dell'asteroide (cioe' le polveri, siano essere pericolose o meno) hanno influito sulla crescita della vegetazione su scala pressoche' planetaria.
Se per un periodo di, per esempio 10-20-50 o 100 anni, determinate piante non crescono viene a mancare il cibo per varie specie di dinosauri erbivori. Di conseguenza le specie che si nutrivano di queste piante scompaiono rompendo cosi' un anello della catena alimentare.
Cioe' i dinosauri carnivori potrebbero essere scomparsi a causa della scomparsa dei dinosauri erbivori che si sono estinti per mancanza di cibo.
Io avevo una pianta di ulivo nel vaso. L'ho avuta in perfetta salute per oltre 15 anni. Cambiando casa l'ho portata con me e messa sul balcone che si affaccia su una strada principale. Il clima e l'esposizione al sole sono le stesse ma c'e' piu' inquinamento. Risultato: la pianta e' morta in 8 mesi.

19694089
Potrebbe essere plausibile il riferimento alle temperature, tuttavia l'inquinamento dovuto all'impatto dell'asteroide (cioe' le...
Risposta
16/11/2017 12.35.27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
asgv6 asgv6 16/11/2017 ore 15.15.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La doppia sfortuna dei dinosauri

sicuramente l' estinzione di massa piu' conosciuta e piu' studiata ma non fu la sola nella stroia millenaria della terra.
l' estinzione del permiano fu decisamente più tremenda e soppresse quais il 95% delle specie viventi.
tornando ai dinosauri è interessante notare come la terra fossse decisamente più calda di oggi..e l' uomo non era assolutamente presente avvalorando l' ipotesi che il riscaldamento globale sia una bella bufala.
cmq altra estinzione misteriosa fu quella dei mammuth
ComePioveva ComePioveva 16/11/2017 ore 19.36.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La doppia sfortuna dei dinosauri

@asgv6 scrive:
sicuramente l' estinzione di massa piu' conosciuta e piu' studiata ma non fu la sola


Ne hanno rilevate cinque in cinquecento milioni di anni. tant'è che è stata stilata una statistica che prevede lo sterminio del mondo animale (noi compresi, ovviamente) ogni cento milioni di anni. La cosa non è un esercizio matematico ma dovuto al ciclo della rotazione esterna del ramo della Via Lattea dove troviamo alloggio noi ed ovviamente il sistema solare. Gli studiosi affermano che quella zona che intersechiamo è piena e stracolma di asteroidi. Quindi l'appuntamento è tra trentacinque milioni di anni!
19694483
@asgv6 scrive: sicuramente l' estinzione di massa piu' conosciuta e piu' studiata ma non fu la sola Ne hanno rilevate cinque in...
Risposta
16/11/2017 19.36.01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
asgv6 asgv6 17/11/2017 ore 10.02.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La doppia sfortuna dei dinosauri

@ComePioveva : credo che la nostra estinzione avverrà prima per una più vicina era glaciale ( più vicina in termini geologici non di vita umana), o di un esplosione di un supervulcano.
yellowstone, o il lago toba.
anche se i campi flegrei non scherzano.
oppure un eruzione in siberia sempre possibile come accadde pare proprio nel permiano con la liberazione di idrati di metano che sono davvero gas a effetto serra potentissimi in grado di elevare la temepratura media di 6 7 gradi.
molto interessante questo argomento, complimenti
19694855
@ComePioveva : credo che la nostra estinzione avverrà prima per una più vicina era glaciale ( più vicina in termini geologici non...
Risposta
17/11/2017 10.02.48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ComePioveva ComePioveva 17/11/2017 ore 13.18.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La doppia sfortuna dei dinosauri

@asgv6 scrive:
credo che la nostra estinzione avverrà prima per una più vicina era glaciale ( più vicina in termini geologici non di vita umana), o di un esplosione di un supervulcano.
yellowstone, o il algo toba.
anche se i campi flegrei non scherzano.
oppure un eruzione in siberia sempre possibile come accadde pare proprio nel permiano con la liberazione di idrati di metano che sono davvero gas a effetto serra potentissimi in grado di elevare la temepratura media di 6 7 gradi.
molto interessante questo argomento, complimenti


La nostra vita è appesa ad un filo tessuto da un ragno (metafora, ovviamente); già la nostra presenza è un miracolo. Infatti le condizioni perché su un pianeta possa svilupparsi la vita dipendono da particolarissime situazioni. Sono considerazioni che scaturiscono dallo studio degli esopianeti e quindi della possibilità che in quei pianeti si possa sviluppare la vita.
19694958
@asgv6 scrive: credo che la nostra estinzione avverrà prima per una più vicina era glaciale ( più vicina in termini geologici non...
Risposta
17/11/2017 13.18.29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.