Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

NickSpecial NickSpecial 16/02/2018 ore 17.40.48
segnala

(Nessuno)LEGITTIMA DIFESA SI! LEGITTIMA DIFESA NO?

Nel recente dibattito politico degli ultimi anni i politici e gli esperti continuano a dibattere il tema della Difesa Legittima, ossia il diritto del privato cittadino a difendersi in maniera proporzionale all' offesa proveniente da uno o più criminali che a fine di illecito arricchimento assaltano abitazioni, negozi, uffici e quant' altro.
La casistica è assai ampia ma in particolare ricorre più di frequente il caso di intrusioni al fine di furto e rapina nelle private abitazioni, ossia quelli che vengono giornalisticamente definiti "Assali in Villa".
Intendo soffermarmi su tali eventi ossia agli assalti in abitazioni private, quasi sempre notturni, da parte di criminali armati rispetto a persone singole o interi nuclei famigliari.
Nel corso delle interminabili e frquenti trasmissioni televisive, si è sentito e si sente dire di tutto ed il contrario di tutto, ma la cosa più ipocrita è il sentire che è lo Stato a dover tutelare i cittadini in tali frangenti, per cui si devono potenziare le Forze del Ordine che sono le uniche che possono con competenza e professionalità contrastare i criminali in azione, questo è vero, un azione preventiva/dissuasiva e di contrasto diretto è possibile e doverosa da parte delle Forze sell' Ordine ma dove e quando? Nei luoghi pubblici, in quelli aperti al pubblico o in strada h 24.
Ma se vi assaltano in casa in piena notte, azioni che durano poco tempo o molto tempo, con l' impossibilità delle "vittime di chiedere l' intevento della Forza Pubblica che fare? Nessuno ha mai dato risposta a tale quesito che riguarda il diritto a difendersi da gente armata e maleintenzionata che fa irruzione in un privato domicilio al fine di furto rapina ed eventuali uccisioni di occupanti reattivi e non accondiscendenti, come pure spesso di inermi e arrendevoli vittime dell' assalto che viene perpetrato in orari quasi sempre notturni.
Nessuno mai degli intervenuti sul tema ha affrontato la questione relativa alla Giurisdizione in una privata abitazione e su chi ha il diritto dovere di esercitarla.
Ricordo che la Giurisdizione è la competenza e la facoltà di applicare le leggi, che si concreta nell'attività dello Stato.

E' mia personale opinione che in una privata abitazione sia essa abitata da una persona o da più persone o da un nucle famigliare, ovviamente in assenza di uomini delle Forze del Ordine, il diritto dovere di esercitare la Giurisdizione ossia la facoltà di applicare le Leggi, che si concretano anche nell'attività dello Stato è di fatto un diritto dovere in capo di quanti vi dimorano con le medesime facoltà e prerogative istituzionali della Forza Pubblica, per essere più chiari, tutti gli occupanti uomini o denne che siano di maggiore età solo in in tal frangente, ossia fino a quando non intervenga la Forza allertata dalle "vittime" o da terze persone esterne all' abitazione assaltata, rivestano il ruolo di Pubblici Ufficiali.
Infatti è noto che la Forza Pubblica, tranne rare eccezzioni, si deve fermare davanti alla porta di una casa privata senza potervi accedere, tant'è che per poterlo fare ha necessità di ottenere preventivamente un preciso mandato scritto dalla Magistratura, oppure devono essere "invitante" ad entrare attraverso esplicita e manifesta chiamata di emergenza da parte degli occupanti che ne richiedono l' intervento attraverso i numeri 113 112 o 117.
In conclusione è mia personale opinione che gli assaltati dimoranti in un abitazione privata di qualsiasi tipologia, se ne sono capaci ed in grado possono e devono esercitare nei confronti degli assaltatori tutte quelle funzioni che sono prerogativa della Forza Pubblica, non ultima la facoltà di procedere all' arresto ed immobilizzazione dei criminali, adoperando fascette, nastro adesivo, corde e quant' altro idoneo e disponibile, al finae di poterli poi consegnare a chi di dovere, in forza del Diritto della Facoltà di Arresto esercitata da Privati Sancito dalla Legge, non trascurando di farsi subito rilasciare il Verbale dell' avvenuta consegna del reo che si rammenta aver compiuto compiuto reati tutti perseguibili d'Ufficio.

In conclusione i criminali che assaltano una privata abitazione dovrebbero mettere in conto che qualsiasi privata a abitazione ubicata nel territorio italiano potrebbe rivelarsi essere a loro insaputa in un Commissariato di Polizia o in una Caserma dell' Arma dei Carabinieri, pertanto dovrebbero mettere in conto la possibilità di restare vittime di spiacevoli i"infortuni sul lavoro" privi di Assicurazione INAIL
NickSpecial NickSpecial 17/02/2018 ore 22.52.43
segnala

(Nessuno)RE: LEGITTIMA DIFESA SI! LEGITTIMA DIFESA NO?

COME VOLEVASI DIMOSTRARE! NESSUNO E' IN GRADO DI INTERVENIRE O REPLICARE AL MIO INECCEPIBILE ASSUNTO IN MERITO ALLA LEGITTIMA DIFSA. AMEN
Archeo68 Archeo68 18/02/2018 ore 15.56.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LEGITTIMA DIFESA SI! LEGITTIMA DIFESA NO?

In effetti se lei ci riflettesse sopra scoprirebbe forse le ragioni. Intanto definire "ineccepibile" l'assunto che si è espresso è se me lo consente, un po' da megalomani, in quanto sono io stesso che dico che quel che ho scritto è ineccepibile mentre senza un confronto uno non dovrebbe darsi ragiobe a priori. Secondariamente secondo me lei avrebbe potuto dire le stesse cose in maniera meno prolissa (intrisa di linguaggio curialesco) e noiosa e alla fine la sua opinione è arzigogolata perchè secondo lei uno in casa propria dovrebbe avere il diritto di poter rendere inoffensivo il malvivente, ciò che in effetti il cittadino è già libero di fare, mentre il punto è che prima di poterlo rendere inoffensivo e per poterlo rendere inoffensivo deve essere in grado di minacciarlo con un arma da fuoco e la casistica dice che in quelle circostanze non sapendo se il malfattore è a sua volta armato il cittadino "dovrebbe" potersi difendere prendendo egli stesso l'iniziativa di sparare prima che possa farlo il rapinatore. La sua opinione francamente non è né carne né pesce e non dice nulla, forse si aspettava che tutti fossero d'accordo con lei? Non le ha risposto nessuno, ma è lei secondo me che ha sbagliato non gli utenti del forum.
19768722
In effetti se lei ci riflettesse sopra scoprirebbe forse le ragioni. Intanto definire "ineccepibile" l'assunto che si è espresso...
Risposta
18/02/2018 15.56.18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
NickSpecial NickSpecial 18/02/2018 ore 16.38.37
segnala

(Nessuno)RE: LEGITTIMA DIFESA SI! LEGITTIMA DIFESA NO?

@Archeo68 scrive:
l'iniziativa di sparare prima che possa farlo il rapinatore. La sua opinione francamente non è né carne né pesce e non dice nulla, forse si aspettava che tutti fossero d'accordo con lei? Non le ha risposto nessuno, ma è lei secondo me che ha sbagliato non gli utenti del forum.


capisco perfettamente da dove deriva la Sua tesi, la ringrazio per il prolisso e megalomane, ma sostenere che la mia opinione non sarebbe ne carne ne pesce e a dir poco mirabolante, lei e tutto il suo nucleo, se lo ha, in un simile malaugurato frangentesi senta pur libero di porsi a novanta gradi, questo è soltanto un suo problema, Personalmente sostengo la mia opinone che se qualcuno si sveglia e si ritrova uno o più rapinatori armati che minacciano di sopprimerti. se sei capace lo devi neutralizzare prima che lo possa fare lui con te o con un tuo congiunto, se hai un revolver una pistola o un fucile tanto di guadagnato se invece hai soltanto una buona mazza da baseball,una balestra, un fucile subacqueo va bene uguale, mai colpiro alle spalle se si gira per scappare o se è già in fuga.
In quel momento sei tu lo Stato quindi sei il prolungamento della sua Giurisdizione all'interno della tua abitaione privata, è mia opinione che in tale circostanza si hanno tutte le prerogative Statuali inclusa quella di sparare se ricorrono le condizioni che lo leggittimano.
L' arma di ordinanza portata a vista da un appartenente alle Forze dell' Ordine, non ha funzione ornamentsale ma ha una funzione pratica di natura offensiva/difensiva, veicola un esplicito e preciso messaggio sociale: "Io questa pistola la posso adoperare se ve ne fosse fosse la necessità...".

In assenza di Forze dell' Ordine, impossibilitate a convivere nelle case di tutti i cittadini, sono i questi ultimi i portatori del diritto dovere di surroga e come tali Pubblici Ufficiali a pieno titolo.
Qesta è la mia opinione, Lei ha sostenuto che non sia ne carne e ne pesce...va bene uguale, Le auguro comunque buona fortuna.
Archeo68 Archeo68 18/02/2018 ore 17.04.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LEGITTIMA DIFESA SI! LEGITTIMA DIFESA NO?

Vede, adesso la sua opinione, per lo meno a me, è apparsa più chiara. Sono d'accordo con lei, uno a mio parere dovrebbe avere il pieno diritto di difendersi, in casa sua e anche fuori se fosse aggredito e chi invece cerca di far apparire ciò come il far west sono quelli che non vogliono vedere (forse perché consapevoli di esserne in gran parte responsabili?) il degrado e la diffusa sensazione d'insicurezza in cui il nostro Paese è progressivamente scivolato. Mi spiace, le mie parole non avevano alcun intento offensivo, le volevo solo far notare che avrebbe potuto essere più conciso, non se la prenda.
19768772
Vede, adesso la sua opinione, per lo meno a me, è apparsa più chiara. Sono d'accordo con lei, uno a mio parere dovrebbe avere il...
Risposta
18/02/2018 17.04.05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
amicotuo913 amicotuo913 23/02/2018 ore 23.07.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LEGITTIMA DIFESA SI! LEGITTIMA DIFESA NO?

@NickSpecial :
Nick, l'argomento è troppo complesso; o se ne parla con faciloneria...ed allora tutto è semplice e facile, oppure si approfondisce....e tutto diventa molto complicato. Il problema sorge col principio della risposta proporzionale all'offesa, dove se aspettiamo che il delinquente spari, è tardi per ogni difesa; allora spariamo prima noi, ovviamente per uccidere e metterci al sicuro; (trascuro altre linee di difesa, perchè ben poco applicabili: un coltello bisogna saperlo usare, una mazza anche...e comunque sottintendono uno scontro fisico, che non tutti possono affrontare)....ma sparare subito cosa vuol dire? Appena sento forzare la porta di casa? E perchè la porta di casa? Meglio sparare se qualcuno salta il cancello o la recinzione...e meglio ancora se vedo qualcuno che "prova" a saltare il cancello, no? Ok, sono esempi...ma pensa a quante sfumature aprirebbe la possibiità di difesa sparando a priori.
Vedi, tu sai benissimo che non si può fare un processo o condannare qualcuno solo per le intenzioni, quindi la legge deve e può essere applicata solo nella certezza del reato. La proporzionalità della risposta, sino ad arrivare alla tutela della propria vita, tende semplicemente ad autorizzare l'intensità della risposta stessa, il che mi sembra corretto...il problema è stabilire "quando" la mia vita è a rischio: quando ho una pistola spianata contro? quando lui ha un coltello in mano? Quando lui mette una mano in tasca per estrarre una presunta arma di offesa? Sono di nuovo esempi....ma sono anche situazioni possibili
Ovviamente con questa impostazione si è abbandonato la faciloneria e siamo entrati nel difficile...e qui mi fermo, perchè il discorso diventa troppo complesso (neppure volevo inziarlo, figurati te!.
Invece potrebbe essere utile spostare il problema a monte, ovvero distinguere tra il ladruncolo sprovveduto od improvvisato, avverso il quale ben poco le forze dell'ordine possono fare e la squadra di criminali attrezzata ed organizzata, che per sua natura sarebbe a mio avviso perseguibile, SE LE FORZE DELL'ORDINE AVESSERO MEZZI, UOMINI ED ATTREZZATURE ADEGUATE. Sì, nick, stò dicendo che la prima tutela è la prevenzione; Le bande come quelle che entrano nelle ville dovrebbero essere note alle autorità, perchè il loro lavoro richiede esperienza, quindi attività pregressa, preparazione, basi logistiche, precedenti tentativi di rapine o violenze...tutte cose che dovrebbero essere state registrate, osservate, elaborate....ma qui bisogna chiedersi quanto personale sarebbe necessario per seguirne le fila, quante pattuglie ci vorrebbero in giro di notte, quante telecamere dovrebbero essere in funzione lungo le strade, con personale ai video (in effetti l'illuminazione c'è, su tutte le strade...perchè non potrebbero esserci anche le telecamere, in numero adeguato?) e poi, quante stazioni di pubblica sicurezza e quante pattuglie di pronto intervento ci vorrebbero sul territorio? Risposta: Di tutto quanto sopra sicuramente abbiamo tutto quello che possiamo permetterci....ma se è poco, perchè non viene incrementato? Ed ancora: sarebbe tanto assurdo se lo stato agevolasse fiscalmente la posa di impianti di allarme efficienti e collegati agli opportuni punti di pronto intervento?
mannaggia...lo sapevo che non dovevo iniziare a scrivere...
amicotuo913 amicotuo913 26/02/2018 ore 14.52.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: LEGITTIMA DIFESA SI! LEGITTIMA DIFESA NO?

Nick, per la centesima volta, è sparito......
ma torna, torna....

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.