Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

vensolo 25/02/2018 ore 18.55.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Argent de poche

Per una giornalista tv di rai 2 1000 euro al mese sarebbero a d poche. Per voi, ha detto Adinolfi. Bravo Adinolfi buuu alla sinistra fucsia
8533881
Per una giornalista tv di rai 2 1000 euro al mese sarebbero a d poche. Per voi, ha detto Adinolfi. Bravo Adinolfi buuu alla...
Discussione
25/02/2018 18.55.20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
amicotuo913 amicotuo913 25/02/2018 ore 21.01.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

@vensolo :
Scusa...ma onestamente faccio fatica a comprendere con esattezza cosa scrivi; una rilettura prima di postare ...no?
19774200
@vensolo : Scusa...ma onestamente faccio fatica a comprendere con esattezza cosa scrivi; una rilettura prima di postare ...no?
Risposta
25/02/2018 21.01.49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ComePioveva ComePioveva 25/02/2018 ore 21.41.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

@amicotuo913 : Se posso permettermi e se i fatti sono stati riportati correttamente; Adinolfi (candidato in questa tornata elettorale) ha fatto scendere dal pero la giornalista di Rai 2 con il buuuuuuu (sconcerto) perché evidentemente questa giornalista ritiene che 1.000€ siano spiccioli mentre moltissime famiglie ci vivono ed anche con meno di questa cifra.
19774234
@amicotuo913 : Se posso permettermi e se i fatti sono stati riportati correttamente; Adinolfi (candidato in questa tornata...
Risposta
25/02/2018 21.41.39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
amicotuo913 amicotuo913 26/02/2018 ore 07.50.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

@ComePioveva :
Cosa dire? Ci sono retribuzioni e prebende megagalattiche in giro, non ultima quella che riceverà quel candidato se sarà eletto.
Ora, se vogliamo valutare le retribuzioni in proporzione a quello che valgono, ovvero in funzione del valore del servizio fornito, è un conto, se invece vogliamo valutare le retribuzioni in funzione della cifra necessaria per vivere, è un altro.
Sono due mondi completamente diversi, dove però dovrebbe sussistere uno zoccolo minimo di importo tale da consentire una degna vita anche alle persone ordinarie, lasciando poi che altri: chirurghi, tecnici, ricercatori, artisti, giornalisti etc. avessero, in proporzione diretta alla qualità del servizio fornito, il giusto e magari anche notevole riconoscimento.
19774473
@ComePioveva : Cosa dire? Ci sono retribuzioni e prebende megagalattiche in giro, non ultima quella che riceverà quel candidato...
Risposta
26/02/2018 7.50.16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
bl.oodytheripper bl.oodytheripper 27/02/2018 ore 20.58.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

perché evidentemente questa giornalista ritiene che 1.000€ siano spiccioli mentre moltissime famiglie ci vivono ed anche con meno di questa cifra.



Chi vive con meno, non ha studiato a sufficienza per essere qualificato. Mille euro sono una cena per 4, neanche abbondante, od un terzo di bottiglia di vino, poco più di un'ora con una escort di lusso od un mese di stipendio, od un giorno di vacanza in un buon resort.

Dipende solo dalla tua qualifica professionale.
Dipende da cosa realmente sai fare.
makube makube 27/03/2018 ore 22.49.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

@bl.oodytheripper scrive:
Dipende solo dalla tua qualifica professionale.
Dipende da cosa realmente sai fare.


Non in Italia, ovvio ;-)
bl.oodytheripper bl.oodytheripper 27/03/2018 ore 23.34.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche



ANCHE IN ITALIA, SE SAI FARE LA COSA GIUSTA, SE NON LA SAI FARE, CHE SOLDI CHIEDI?

E' proprio la scarsa cultura degli italiani che tiene gli stipendi bassi, anzi, ci chiedono perché guadagniamo duemila al mese quando 5 miliardi guadagnano 2000 dollari all'anno???Non siamo migliori e lavoriamo di meno...
nino251 nino251 27/03/2018 ore 23.42.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

@amicotuo913 scrive:
Sono due mondi completamente diversi, dove però dovrebbe sussistere uno zoccolo minimo di importo tale da consentire una degna vita anche alle persone ordinarie, lasciando poi che altri: chirurghi, tecnici, ricercatori, artisti, giornalisti etc. avessero, in proporzione diretta alla qualità del servizio fornito, il giusto e magari anche notevole riconoscimento.



il piccolo problema è come quantificare questo minimo
come farlo avere a chi non è dipendente
e soprattutto perche un lavoratore autonomo dovrebbe lavorare di piu se anche facendo . . .in pratica niente avra cmq un minimo sufficiente(che immagino non fisseresti particolarmente in basso)
bl.oodytheripper bl.oodytheripper 28/03/2018 ore 00.07.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

Il minimo non deve superare i 500 euro.
Poi ci sono gli specializzati e gli specialisti. a quelli senza limite , ma più importante, senza tasse, che sono il motivo per cui ho rinunciato alla cittadinanza italiana.
makube makube 28/03/2018 ore 18.00.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

@bl.oodytheripper scrive:
E' proprio la scarsa cultura degli italiani che tiene gli stipendi bassi,


"Non concordo" come rispondeva Denzel Washington a Gene Hackman nel film "Allarme rosso" (1995). Se ciascuno di noi vale quello che vale in rapporto agli altri, sai quante persone sarebbero gia' morte incapaci di procurarsi da mangiare anche una ciotola di riso, oppure sai quanti guadagnerebbero piu' di quello che desiderano, nonostante tutto e nonostante quello che scrivi.

Insomma con cinquecento euro al mese non campi neanche se vivi tutto da solo negli appartamenti del comune, sappilo ;-)
amicotuo913 amicotuo913 29/03/2018 ore 01.19.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Argent de poche

@nino251 scrive:
il piccolo problema è come quantificare questo minimo
come farlo avere a chi non è dipendente

Capisco il senso ironico del "piccolo problema", come tu scrivi...ed è noto che non è affatto un piccolo problema; però nel mondo delle attività in proprio il reddito è in un certo senso in funzione diretta della propria capacità, mentale o manuale e quindi teoricamente non ha un limite, se non quello dettato dal mercato. Personalmente posso essere disgustato dai guadagni di cantanti, attori, calciatori o professionisti vari, ma se loro raggiungono certe cifre è perchè il mercato, ovvero noi, glielo concediamo, con la nostra assurda partecipazione/approvazione alle/delle loro attività.
Per i lavoratori dipendenti è un altro discorso...che meriterebbe una trattazione non da poco.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.