Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

phytong 13/11/2018 ore 10.28.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Ikea per la famiglia


Mamma licenziata, giudice dà ragione a Ikea

E' stata confermata dal Tribunale di Milano, sezione Lavoro, l’ordinanza che riconosceva la legittimità della decisione di Ikea di interrompere il rapporto lavorativo con Marica Ricutti, separata e madre di due figli piccoli di cui uno disabile, per la gravità dei comportamenti tenuti. L’avvocato di Ikea Luca Failla ritiene che ''la decisione di oggi del Tribunale conferma l’ordinanza della prima fase di giudizio, rafforza e riconosce che Ikea ha avuto con Marica Ricutti un comportamento corretto e rispettoso della legge. Per il giudice, il licenziamento è avvenuto per giusta causa e motivato da gravi fatti documentati. Questa sentenza, per la seconda volta, smentisce le speculazioni e le ricostruzioni di parte dei mesi scorsi”.

Quanto alla discriminatorietà del licenziamento, il giudice rileva che ''la difesa della ricorrente non ha apportato elementi ulteriori rispetto a quelli allegati nella prima fase'' e tiene a precisare che ''la ricorrente non ha fornito gli elementi di fatto “precisi e concordanti” idonei a fondare la presunzione di licenziamento discriminatorio basato sul fattore protetto genere o maternità. Tale minimo onere probatorio è richiesto dalla costante giurisprudenza''. In realtà, secondo il giudice ''non si può che riproporre i rilievi già esposti circa la complessiva condotta di Ikea informata al pieno rispetto delle esigenze familiari della ricorrente, confermato sia dalla carriera della madre Ricutti in azienda sia dal tentativo di accogliere la maggior parte delle richieste operate dalla lavoratrice in tema di orario''. Inoltre ''il tenore complessivo del comunicato, dal quale la difesa della ricorrente effettua “l’interpretazione autentica” dell’intento del datore di lavoro, non mostra alcun intento discriminatorio, ma conferma l’impegno della datrice di lavoro per garantire la parità di genere evidenziando anche la crescita di carriera della Ricutti''.

In buona sostanza secondo l'azienda il Giudice non solo conferma che la difesa di parte ricorrente non ha provato la discriminatorietà, ma dà anche una lettura acritica del comunicato aziendale a conferma della buona fede di Ikea. Conclude poi il Giudice dicendo che “i fatti disciplinarmente rilevanti e contestati dalla datrice di lavoro a Ricutti sono pienamente confermati e la difesa della ricorrente non ha introdotto ulteriori elementi per modificare il giudizio quanto alla proporzionalità del provvedimento espulsivo, pertanto non si può che fare riferimento alle conclusioni cui si è pervenuto con l’ordinanza impugnata in punto di proporzionalità della sanzione''.
8567047
Mamma licenziata, giudice dà ragione a Ikea E' stata confermata dal Tribunale di Milano, sezione Lavoro, l’ordinanza che riconosc...
Discussione
13/11/2018 10.28.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
amicotuo913 amicotuo913 13/11/2018 ore 14.32.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

Mah!....A me pare che nella fattispecie altri soggetti sarebbero dovuti intervenire a tutela della signora; a mio avviso dovrebbero esserci forme di assistenza ed aiuti da erogare/fornire (previa verifica della situazione) da parte di un degno ed etico stato sociale .
Non mi sembra logico pretendere che il datore di lavoro debba farsi carico di queste situazioni e sembra peraltro che lo stesso sia venuto incontro, per quanto possibile, alle esigenze della dipendente.
Non conoscendo bene le problematiche del figlio, è difficile esprimere opinioni ma, genericamente parlando, se dopo le opportune verifiche si riscontrasse la necessità di una assistenza necessaria per le 24 ore, l'assegno di indennità dovrebbe, sempre a mio avviso, essere sostitutivo di uno stipendio, per consentire almeno ad uno dei genitori di stare a casa e curare/seguire il disabile, il che sarebbe anche uno sgravio per gli operatori sanitari.
I soldi si possono trovare filtrando meglio tutti i disabili esistenti in Italia e concedendo l'assegno (di importo come sopra detto) solo a chi veramente ne ha necessità.
19969266
Mah!....A me pare che nella fattispecie altri soggetti sarebbero dovuti intervenire a tutela della signora; a mio avviso...
Risposta
13/11/2018 14.32.13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
phytong phytong 13/11/2018 ore 14.36.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

Il ministro tremonti nel 2010 fece una campana elettorale a tale peoposito facendo carne di porco ciò che era già poco e di esistente dello stato sociale dimenticando di dare la caccia ai suoi amici che per non pagare le tasse in italia hanno residenza nei paradisi fiscali e non credere che IKEA sia diversa guarda se esiste dova ha sede e dove paga le tasse
unvecchiofrack338 unvecchiofrack338 13/11/2018 ore 14.41.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

@phytong :

Nessuno sano di mente ha sede sociale nel vostro paese.
Avete fatto scappare anche la fiat...
Guardatevi allo specchio e cercate di comprendere di chi sia realmente la colpa...
phytong phytong 13/11/2018 ore 14.51.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

@unvecchiofrack338 : FORSE IL MALATO DI MENS E CORPORAE SEI TU!
QUI DALLA GUERRA MONDIALE ALLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA SI SONO COSTITUITI DIRITTI COSTITUZIONALI CHE NESSUN ALTRO STATO AL MONDO HA COME IL NOSTRO!
gARANZIE SULLA SALUTE LIBERTà COSTITUZIONALI ECC.
SE POI I LADRI AMANO EVADERE E COMPLICI SONO I GOVERNICCHIOLI DI MAFIOSI CHE HANNO GOVERNATO DAGLI ANNI DOPO LA dc A OGGI BEH..
LA FIAT è ANDATA VIA E NESSUN SINDACATO LE HA CHIESTO DI RESTITUIRE AI CITTADINI CIò CHE HA RUBATO IN MANCATI CONTRIBUTI CAMUFFATI DA PREPENSIONAMENTI CADDE INTEGRAZIONI E AMMORTIZZATORI SOCIALI E QUANTALTRO
unvecchiofrack338 unvecchiofrack338 13/11/2018 ore 15.03.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

@phytong :

Quello che si è sviluppato dalla fine della guerra , sono metastasi che hanno ucciso il paziente,
agevolando solo i personaggi tossici per la società.
Non si può uguagliare al minimo comun denominatore, tutta la popolazione,
si perdono le persone migliori per favorire la zavorra inutile e dannosa.
Come nelle scuole, come nel lavoro , come in ogni cosa.

Darwin vince in ogni caso, ma se si cerca di arrestare la sua strada , i danni sono peggiori.
Lo ha dimostrato ogni paese comunista che sia esistito al mondo.
amicotuo913 amicotuo913 13/11/2018 ore 16.50.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

Ancora non è iniziata una sana discussione e già siamo nel battibecco.
A me poco importa di quello che è stato (questo detto per Pytong) ed altrettanto poco mi importa delle generiche opinioni sull'Italia del buon Vecchiofrack...quello che considero utile è che chiunque legga, se in accordo con le mie proposte, le faccia sue e compia azione di pressing (...accidenti all'inglese!) ai responsabili di base della sua corrente politica, in modo che tali desiderata arrivino, lungo la catena gerarchica, sino ai vertici, che dovrebbero provvedere a proporli nelle opportune sedi.
unvecchiofrack338 unvecchiofrack338 13/11/2018 ore 17.42.59 Ultimi messaggi
amicotuo913 amicotuo913 13/11/2018 ore 18.07.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

@unvecchiofrack338 scrive:
Tu vai a suicidarti e togliti dalle palle.

NON CONDIVIDO!
unvecchiofrack338 unvecchiofrack338 13/11/2018 ore 20.04.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

@amicotuo913 :

fai il bonzo vietnamita, datti fuoco in piazza grande e lascia gli umani in pace.
amicotuo913 amicotuo913 14/11/2018 ore 01.56.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

@unvecchiofrack338 scrive:
fai il bonzo vietnamita, datti fuoco in piazza grande e lascia gli umani in pace.

Perchè, i miei commenti ti disturbano?
marianute marianute 14/11/2018 ore 18.18.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ikea per la famiglia

C'è una legge che dovrebbe essere d'aiuto in casi come questo in cui un familiare abbisogna di particolari attenzioni. Forse la signora ne ha approfittato...francamente se un dipendente diventa un peso eccessivo e scombussola tutto l'organico costruendosi ad hoc presenze ed orari, per un po' ci si mette riparo, ma poi purtroppo...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.