Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

phytongs phytongs 13/12/2018 ore 09.41.02
segnala

(Nessuno)ma Dimaio non si dimette?

Fca sull'ecotassa: "Col bonus-malus dovremo rivedere piani industriali e assunzioni"
Marco Valsecchi
,LaPresse•12 dicembre 2018
Fca sull'ecotassa: "Col bonus-malus dovremo rivedere piani industriali e assunzioni"

L'introduzione della cosiddetta "ecotassa" potrebbe spingere Fiat Chrysler Automobiles a rivedere i propri piani in Italia. "Il sistema di bonus-malus, qualora attuato secondo l'impianto approvato in prima lettura alla Camera, inciderà significativamente sulla dinamica del mercato, in una fase di transizione del settore, costruttori e filiera, estremamente delicato", scrive il responsabile delle attività in Europa, Medio Oriente e Africa di Fca, Pietro Gorlier, in una lettera indirizzata a Antonino Boeti, presidente del Consiglio Regionale del Piemonte, spiegando le ragioni per cui l'azienda non parteciperà all'assemblea dedicata al futuro del settore auto che avrebbe dovuto avere luogo giovedì 13 dicembre.

Una disdetta anticipata prima telefonicamente e quindi dettagliata per iscritto. "Se tale intervento fosse confermato fin dal 2019, si renderà necessario un esame approfondito dell'impatto della manovra e un relativo aggiornamento del piano annunciato", spiega nella missiva il manager, dopo aver ricordato quelle che sono le cifre per il periodo 2019-2021 presentate a giugno. Per l'Italia, gli investimenti dovrebbero essere pari a 5 miliardi di euro, cifra che verrebbe impiegata per il lancio di 13 nuovi modelli o il restyling di quelli esistenti, oltre che per nuove motorizzazioni con impiego diffuso di tecnologia ibrida ed elettrica.

"Al momento - evidenzia però Gorlier - non abbiamo ancora visibilità su quello che sarà lo scenario normativo nei prossimi anni". Motivo per cui l'azienda non potrà presentare al Consiglio le prospettive per l'area territoriale piemontese. "Ho convocato tutti per avviare un dialogo, che non si è ancora chiuso. Troveremo una soluzione, sono convinto che possiamo fare bene nella lotta all'inquinamento e con incentivi per le auto ecologiche senza provocare shock nei piani industriali delle aziende", risponde in serata il vicepremier Luigi Di Maio. Per il ministro dello Sviluppo economico quella allo studio del governo "non è una norma per favorire qualcuno, la legge è destinata a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Non è un'ecotassa, stiamo migliorando la norma con un dialogo continuo con varie sigle".

Preso atto della novità, la riunione dei capigruppo immediatamente convocata a Palazzo Lascaris ha ritenuto di annullare l'assemblea. Da quanto si apprendere, a Fca verrà richiesto di convocare una nuova data per gennaio. Lo stesso Gorlier, nella sua lettera, segnala d'altra parte la disponibilità "per un successivo confronto, non appena lo scenario si sarà consolidato". La vicenda, nel frattempo, innesca però un ampio dibattito sulla possibile imposta.

Se per il segretario provinciale della Fiom di Torino, Edi Lazzi, "si sta sprecando un'opportunità di confronto che poteva essere utile a trovare le migliori soluzioni", il segretario generale della Fismic Confsal, Roberto Di Maulo, si prepara all'azione. "Chiameremo i lavoratori alla lotta contro tale scempio legislativo", annuncia, dopo aver affermato che "l'ecotassa è un mostro".

A minacciare lo scontro, nelle sedi della giustizia, è anche il Codacons. "Siamo pronti ad avviare una battaglia legale contro qualsiasi prelievo forzoso il governo dovesse varare sull'acquisto di automobili, non nell'interesse di Fca o dei produttori ma per difendere le tasche degli italiani", assicura il presidente dell'associazione dei consumatori, Carlo Rienzi, segnalando che l'ecotassa arrecherebbe "danni più ai consumatori che all'industria automobilistica, e non produrrebbe vantaggi sul fronte ambientale".

Sul fronte politico, infine, a farsi sentire sono le opposizioni. "Auspichiamo che Fca non riveda i suoi piani di investimento in Italia", scrive in una nota Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputato di Forza Italia. Mentre Matteo Renzi, su Facebook, inserisce la precisazione di Fca tra le notizie del giorno che vanno a comporre "il disastro quotidiano di questo governo".
simo.36 simo.36 13/12/2018 ore 19.49.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ma Dimaio non si dimette?

Credo che faccia tutto parte di una tattica da parte di FCA mirata ad arrivare ad un qualche accordo col governo. Alla fine troveranno una mediazione... almeno spero.
19995602
Credo che faccia tutto parte di una tattica da parte di FCA mirata ad arrivare ad un qualche accordo col governo. Alla fine...
Risposta
13/12/2018 19.49.58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
phytongs phytongs 14/12/2018 ore 10.10.43
segnala

(Nessuno)RE: ma Dimaio non si dimette?

@simo.36 : si come sempre ha fatto fiat ha spemre spremuto gli italiani e derubatoli pe rfare poi le fabbriche all'estero ed evadere le tasse in italia
amicotuo913 amicotuo913 15/12/2018 ore 08.04.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ma Dimaio non si dimette?

Sì, ma lasciando stare un momento il problema specifico, guardiamo la questione nella sua origine e nelle sue motivazioni: cosa è l'ecotassa? Mi sembra che sia una tassa mirata a penalizzare l'acquisto di auto inquinanti, tant'è che i ricavi economici realizzati dovrebbero essere impiegati per agevolare l'acquisto di auto meno inquinanti: ibride, elettriche, metanizzate etc.etc.
Quindi la domanda è: tale ecotassa, è giusta? Ha una seria ragione di esistere? E' opportuno promuoverla?
Perchè se le risposte sono affermative, allora le fabbriche dovrebbero muoversi in tale senso e le strutture collegate (colonnine elettriche, distributori di metano, impianti di approvvigionamento gas tipo metanodotti etc., pannelli solari ad incremento delle centrali tradizionali e quanto altro) dovrebbero essere attivate/potenziate (il che è tutto dire!)
Se invece tale ecotassa non è considerata importante e si privilegia la produttività sporca e l'uso inquinante dei veicoli...allora tutto il discorso sulla salvaguardia del paese e della salute....decade!
Da noi si dice: Sciuscia e sciurbì nun se pò! (aspirare e soffiare contemporaneamente non si può)
Cosa scegliete? (E la stessa domanda vale per troppe altre cose). Purtroppo mi sà che ben altre "teste" ci vorrebbero, sulla cima della piramide, per dare giuste riposte....
phytongs phytongs 17/12/2018 ore 09.44.10
segnala

(Nessuno)fascismo a 5 stelle1

"Il governo vuole far chiudere centinaia di giornali, il presidente della Repubblica impedisca questo colpo di spugna"

Una pagina intera su quotidiani e periodici nazionali e locali per rivolgere un appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. È l'iniziativa lanciata oggi (e che proseguirà nei prossimi giorni) dalla File, Federazione Italiana Liberi Editori. Nel mirino un emendamento del capogruppo del Movimento 5 Stelle, Stefano Patuanelli, segnalato dal governo e quindi fatto proprio dalla maggioranza, alla legge di Bilancio in discussione in questi giorni al Senato. L'emendamento prevede l'abolizione dei contributi pubblici all'editoria. "Il governo vuole far chiudere centinaia di giornali, il presidente della Repubblica impedisca questo colpo di spugna", è il titolo della lettera-appello della File. "Il sostegno pubblico all'editoria e la trasparenza dei mezzi di finanziamento sono previsti dall'articolo 21 della Costituzione e interventi legislativi su argomenti del genere richiederebbero, in un sistema democratico, un confronto civile, sociale e parlamentare. Tutto, invece, verrà risolto con un maxiemendamento e qualche tweet, e a partire dal 2019, cioè a dire tra due settimane", si legge ancora nell'appello. La File afferma che "molti giornali editi da cooperative no profit o da enti morali chiuderanno a breve, o saranno costretti a operare drastici tagli; perché ridurre o azzerare i contributi pubblici senza aver prima provveduto ad una riforma organica del settore significa, semplicemente, chiudere i giornali".

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.