Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

Paolinopaeprino 01/03/2019 ore 11.23.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)preti brava gente

Prete pedofilo confessa gli abusi a telefono con la vittima: "Era affetto sincero. Ti volevo bene"

Un abuso sessuale compiuto trent'anni fa da un sacerdote pugliese ai danni di un bambino di soli 9 anni, ormai uomo adulto che vive in Germania e non ha mai dimenticato la violenza subita. Le attenzioni morbose risalgono al 1988 ed il caso era balzato agli onori della cronaca già un anno fa, quando la vittima aveva deciso di denunciare il sacerdote dando il via ad un'inchiesta. Oggi la vicenda si arricchisce di particolari, a seguito della pubblicazione di una telefonata choc da parte dell'associazione Rete L'Abuso, che si occupa di tutelare le vittime di pedofilia. Sul sito dell'associazione si legge:

Il sacerdote, che è stato denunciato lo scorso marzo dall'associazione, con una querela di parte sottoscritta anche della presunta vittima, che all'epoca dei fatti avrebbe avuto 9 anni, viene preso in castagna in una telefonata tra lui e la vittima, che abbiamo registrato Ma la cosa non è proprio così semplice perché la presunta vittima abita in Germania e il sacerdote, solo dopo la messa in mora che la Rete L'Abuso gli ha inviato, si è dato un gran da fare per rintracciare il ragazzo e ci è riuscito.

Nel corso della telefonata, il sacerdote cerca di giustificarsi per la violenza perpetrata. Poi insiste con la sua vittima e dice di "volergli fare un regalo per il matrimonio", attraverso un versamento di denaro. Nell'audio, si può udire la vittima che chiede al prete : "Perché quegli abusi quando avevo 10 anni?". La risposta che viene data è: "Era affetto sincero, è stata una debolezza, era perché ti volevo bene Adesso dimmi pure cosa vuoi: un aiuto, ti mangi una pizza, ti faccio un regalo di matrimonio, no?". Da parte del prete, segue la ripetuta richiesta del codice IBAN per poter effettuare un bonifico all'uomo.

Nel 2016 la vittima, oggi poco più che quarantenne, si era rivolta a Rete L'Abuso ancora traumatizzato dalla violenza subita quando aveva solo 9 anni. Stando a quanto riporta il sito di Rete L'Abuso, all'epoca il bambino...
8581474
Prete pedofilo confessa gli abusi a telefono con la vittima: "Era affetto sincero. Ti volevo bene" Un abuso sessuale compiuto...
Discussione
01/03/2019 11.23.25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
amicotuo913 amicotuo913 02/03/2019 ore 19.16.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

Non si possono criminalizzare tutti i preti per colpa di qualcuno, però stà faccenda degli abusi e dei rapporti tra di loro dà veramente fastidio. Non si potrebbe tornare alle origini e consentire a stà gente un normale rapporto matrimoniale, visto che il celibato non è previsto dalle scritture (era previsto solo che la sposa fosse mantenuta e tenuta dignitosamente). Forse avere una famiglia toglierebbe qualcosina alla loro disponibilità nei confronti dei fedeli, ma sicuramente toglierebbe moltissime tensioni sessuali interiori che ora sfociano in queste situazioni.
amicotuo913 amicotuo913 03/03/2019 ore 00.34.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

@Kaya67 :
Però la progressione è la seguente:
-Dai seminari in poi, i preti sono condizionati ad una vita di rinuncia sessuale, poiche pur non prevedendo la castità, la dottrina della chiesa non ammette i rapporti extraconiugali, quindi se vogliono essere coerenti, devono rinunciarci.
-Peraltro sono contornati da uomini.
-Anche tra uomini è facile scendere in confidenze e da queste passare a rapporti più intimi, specialmente se "parlano la stessa lingua"
-Questo se lo portano dietro per tutta la vita ed in questi anni possono creare od possono facilmente emergere preferenze orientate alla giovane età. Magari sbaglio, ma credo che queste ultime siano deviazioni in un mondo completamente maschile.
-Non so come giustifichino i loro rapporti omosessuali adulti ed ancora meno quelli, magari successivi, verso i più giovani, ma credo che siano storture progressive di un mondo compresso e limitato, con una sessualità forzatamente limitata al maschile.
Poi sicuramente non tutti ci cascano, anzi quelli che cedono saranno anche pochi, ma a mio avviso sarebbero ancora meno se potessero avere una vita normale....anche perchè non è che i parroci ed i prelati, ancorchè celibi e senza famiglia, siano disponibili sempre e siano totalmente dedicati al gregge...anzi, sempre più ci sono orari, ritmi, abitudini, impegni che gli rendono abbastanza difficili da reperire
Kaya67 Kaya67 04/03/2019 ore 17.29.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

@amicotuo913 scrive:
Però la progressione è la seguente:

ok, la tua può sembrare di primo acchito un’ipotesi logica. Ma io mi sento di risponderti che anche l'omosessualità, quand'anche fosse indotta, oppure naturale, non ha nulla a che vedere con la pedofilia. D’altra parte, anch'io, come te, credo che una sessualità repressa possa favorire l’emergere di un comportamento "fuori dalle righe", ma la pedofilia è un disturbo psichiatrico NON situazionale, bensì innato, e la casistica ci insegna che viene praticata soprattutto da eterosessuali, siano essi sposati o no. Non si tratta quindi di una prerogativa dei preti costretti al celibato o di omosessuali in preda alla fregola, ma di una patologia vera e propria che implica la messa in atto di abusi su giovanissime vittime, per lo più bambini e bambine in età prepuberale.
20039066
@amicotuo913 scrive: Però la progressione è la seguente: ok, la tua può sembrare di primo acchito un’ipotesi logica. Ma io mi...
Risposta
04/03/2019 17.29.14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
marianute marianute 04/03/2019 ore 17.33.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

Essere del Signore al 100% ad ogni costo. Nobile intento, quasi superato, per fortuna, da una visione più corretta della persona con le sue esigenze umane, non solo più corretta, ma anche più giusta nel rispetto dei laici, che non devono vivere il prete come qualcosa di irraggiungibile o già santo, ma come un ponte, una ulteriore possibilità tra l'umanità e Dio. Concezione assai moderna che un tempo sarebbe stato impossibile promuovere. La Chiesa è in cammino si sente spesso dire, intanto che cammina, lentamente elabora. Sicuramente un animo meno tormentato sessualmente potrebbe giovare se potesse avere una moglie. Ma con la pedofilia poco centra, men che meno con il gusto di provare rapporti omosex. Credo che, in questi casi, il prete, al pari del laico, debba fare più che altro riferimento alla sua moralità e forza di volontà, a costo di mollare le vesti. Ma a quanto pare l'ipocrisia riesce mietere molte vittime.
20039067
Essere del Signore al 100% ad ogni costo. Nobile intento, quasi superato, per fortuna, da una visione più corretta della persona...
Risposta
04/03/2019 17.33.31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
amicotuo913 amicotuo913 05/03/2019 ore 00.52.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

@Kaya67 :
Probabilmente hai ragione e forse, alla fin fine, la pedofilia tra i sacerdoti è poca cosa e probabilmente tali soggetti, se non avessero la veste, sarebbero comunque pedofili anche nella normale società (però dallo scandalo del duemila negli USA sembra sia emerso che circa il 10% dei sacerdoti avessero attività pedofile; non so se questa percentuale sia uguale a quella dei normali cittadini, ma se così non fosse, ci sarà pure un motivo...).
Pertanto resto convinto che, nel loro mondo, avere delle attenzioni per i giovanetti sia più facile, poichè i bambini, solitamente, si lasciano avvicinare perché bisognosi di affetto o perchè hanno bisogno che qualcuno si occupi di loro ed i sacerdoti possono essere le persone giuste.
Inoltre la distinzione tra bambini, giovani e adulti è da valutare bene, perchè avendo un impulso interiore già (a mio avviso) deviato ed innaturale, è anche facile scivolare poi verso i primi.
Premetto che non mi sono mai interessato molto del problema e quindi le mie sono solo considerazioni soggettive; resta il fatto che la faccenda mi dà molto fastidio.
20039302
@Kaya67 : Probabilmente hai ragione e forse, alla fin fine, la pedofilia tra i sacerdoti è poca cosa e probabilmente tali...
Risposta
05/03/2019 0.52.23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
marianute marianute 05/03/2019 ore 10.05.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

L'occasione fa l'uomo ladro, ma possibile essere così succubi di questa odiosa verità? Pare di si. Come dice amicotuo913, i giovanetti sono avidi di attenzioni e parole rassicuranti, posizione pericolosa che provoca in certi adulti l'abbandono di ogni freno. Ma se c'è un freno (più o meno azionato) vuol dire che "dentro" esiste un magma bollente potenzialmente disgustoso.
20039347
L'occasione fa l'uomo ladro, ma possibile essere così succubi di questa odiosa verità? Pare di si. Come dice amicotuo913, i...
Risposta
05/03/2019 10.05.05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
amicotuo913 amicotuo913 06/03/2019 ore 07.18.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

@marianute scrive:
vuol dire che "dentro" esiste un magma bollente potenzialmente disgustoso.

Che negli esseri umani ci siano questi fermenti e queste deviazioni purtroppo mi sembra ovvio.
Tutta la storia dell'uomo è impregnata e mossa da istinti ben lontani da quelli positivi: uccisioni, prevaricazioni, violenze etc. A me pare che siamo impregnati di bene e di male in egual misura e solo un fatto culturale, mentale e valutativo ci consente di contenere i nostri istinti.
Ma la cultura è cosa strana e forse non è facile stabilire in assoluto le cose buone: in una società di cannibali, chi non lo è viene considerato un deviato.
marianute marianute 06/03/2019 ore 10.17.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: preti brava gente

@amicotuo913 : Per me, non in egual misura. L'istinto a considerarci troppo in alto facilita la mancanza di rispetto e provoca al tempo stesso fatica per tenere a bada ciò che ci viene più naturale: la sopraffazione. Da qui, tutto un articolato discorso sul perché. Pochissimi animali attaccano per supremazia, e se lo fanno c'è alle spalle un motivo determinante come per esempio la riproduzione o la sopravvivenza per mancanza di cibo, quindi niente scelta per essi. Ma per l'uomo la faccenda cambia e di molto.
20039553
@amicotuo913 : Per me, non in egual misura. L'istinto a considerarci troppo in alto facilita la mancanza di rispetto e provoca al...
Risposta
06/03/2019 10.17.32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.