I problemi giovanili

I problemi giovanili

Dalla droga alla depressione, dall'anoressia all'ansia...parliamone e troviamo una soluzione.

gobelino 24/01/2015 ore 15.00.47 Ultimi messaggi
segnala

DelusoPresentazione... La mia assurda storia.

Che cosa dire per presentarmi qui?

Chiamatemi Gobelino, proprio come la famosa citazione di Richard Benson.
Ho 23 anni, studente universitario fuori-corso e appassionato allo strenuo di
vintage, in tutti i campi.

Perchè vi scrivo?

Beh, ho una situazione, diciamo "sui generis". So di non essere
solo qui sul forum, molte persone saranno sicuramente nella mia
stessa situazione. Per farla breve, sono un ragazzo molto solo,
senza amici. Sono affetto da quella che chiamo la mia
"apagrizia", nel senso di mix tra apatia e pigrizia, diciamo
così.

Ciò mi rende di fatto una persona estremamente pigra, che mi fa
perdere interesse in qualcosa nel giro di poco tempo, anche se
quella cosa mi piace parecchio. Sono sempre stato una persona
diciamo solitaria, fin dall'epoca dell'asilo, le elementari e
le medie (ma anche le superiori): non ho mai legato molto con i
miei coetanei nè sono mai uscito con loro, poichè a causa della
mia timidezza e della mia difficoltà a rapportarmi con gli
altri, non ho mai avuto niente da dire purtroppo.

Il mio aspetto fisico non ha di certo contribuito, dato che
fino a sei mesi fa ero un tipo sovrappeso, e non piacevo alle
ragazze a causa di ciò (oltre al fatto di essere una persona
molto romantica e passionale). Dal lato fisico sto comunque
migliorando dato che ho perso quattordici chili e mi sento
molto meglio, oltre ad avere la pancia più piatta. :)

Poi è arrivata l'università. Ho iniziato come un'auto di
formula uno, in pole position. Esami a gogo, tanto studio e
voglia di fare, ma per un motivo che non riesco ancora a
capire, ho abbandonato tutto al terzo anno. Lì avevo conosciuto
molte persone che però sono rimaste circoscritte al mero
ambiente universitario, e solo due di loro, due ragazze, sono
entrate in maniera "prepotente" nella mia vita, dato che ho
avuto delle relazioni con loro, la prima durata otto mesi e la
seconda nemmeno un mese, senza però arrivare a nulla di troppo
"fisico" dato che non erano della mia città e non potevamo
quindi vederci spesso.

Purtroppo a parte loro due, non ho più avuto altre relazioni,
sia perchè ho smesso di frequentare l'università (e francamente
mi da anche un pò fastidio pensare ad essa), sia perchè non
esco di casa se non per recarmi al negozio di famiglia, dove i
rapporti con gli altri sono meramente di negoziante/cliente e
niente di più. Sembra inoltre che non ispiro fiducia alle
ragazze con cui ho a che fare. Tendono ad evitarmi oppure sono
sempre sulle loro, come se stessero parlando con chissà chi...

Sono un imbranato totale caratterialmente, oltre ad essere
timido. Bel mix n'evvero? Io non ne vado molto fiero!

Quindi... Posso dire che non mi sento soddisfatto di come sono.
Sì, vado avanti nella vita di tutti i giorni: ogni pomeriggio
aiuto mio padre nell'attività di famiglia, sto dietro al
bancone, parlo con i clienti, ma quando torno a casa mi sento
vuoto, spento, perchè non ho nessuno, non ho una ragazza da
amare, un amico con cui parlare. Ho solo due passioni, quella
del vintage e la subcultura Furry.

In poche parole, colleziono oggetti vintage, in particolare
orologi e cellulari, e mi diverto anche ad usarli, mentre per
quanto riguarda la subcultura Furry, realizzo disegni, scrivo
storie e faccio giochi di ruolo su internet interpretando i
personaggi del mio universo furry.

Sono inoltre vergine alla mia età, non so se sia un bene o un
male, ma mi fa sentire un pò triste pensare di non essere
ancora stato in grado di avere un rapporto, tantomeno di farlo
con una persona da amare.

Cosa vorrei dalla vita? Beh, non chiedo molto. Solo un pò di
amore e tanti amici con cui condividere i miei interessi. Forse
sarò una persona strana io, o forse non è mio destino vivere
una vita come quella degli altri.

Chissà. Questo, parafrasando James Joyce, è uno "stream of
subconsciousness" un flusso del mio subconscio più che della
mia coscienza, perchè lasciar parlare la mia parte più emotiva,
latente è l'unico modo che ho per potermi sfogare con voi,
gente. Di parlare a ruota libera ed aprirmi il più possibile
per farvi conoscere l'assurda vita che faccio. E che purtroppo
non ho scelto. Ho più volte pensato all'idea del suicidio come
modo per poter finalmente lasciare questo mondo e questa vita,
ma sinceramente, non ho mai avuto il coraggio necessario per
farlo.

Ho un pò di paura per il mio futuro, davvero... E' una paura
fondata? Lo ammetto, sono molto giù di morale.

-Gobelino
8293636
Che cosa dire per presentarmi qui? Chiamatemi Gobelino, proprio come la famosa citazione di Richard Benson. Ho 23 anni, studente...
Discussione
24/01/2015 15.00.47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
CameliaBlu86 CameliaBlu86 26/01/2015 ore 21.30.40 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

Ciao Gobelino! Interessante la tua storia, perchè mi ricorda molto un mio amico che è molto simile a come ti descrivi tu. Anzi, devo ammettere che se non avessi scritto la tua età, avrei pensato fosse lui. Comunque, da quello che scrivi mi sembri una brava persona e se posso darti un mio parere, penso che se non hai amici o ragazze non sia totalmente "colpa" tua, in quanto secondo me, nessuno ha voluto o è stato in grado di guardare oltre. E per oltre intendo il tuo vero Io. Purtroppo è molto frequente questa cosa, ma per fortuna non tutti sono cosi. Io con il mio amico ci sono riuscita, anzi ti dirò di più, all'inizio mi stava un po' antipatico, ma poi ho iniziato a frequentarlo attivamente e a parlare con lui ecc... E ora dopo un anno di conoscenza e frequentazione nella compagnia di amici, mi sono addirittura resa conto che mi piacs, ma lui non lo sa. :P Tutto questo per dirti, non disperare, troverai anche tu una persona con cui condividere la tua vita. Good luck!
gobelino gobelino 27/01/2015 ore 17.07.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

Ciao CameliaBlu, anzitutto grazie mille per la tua risposta e scusami per il ritardo con cui sto rispondendo. Io spero personalmente di riuscire a tirarmi fuori da questo pantano, perchè mi sento davvero giù di morale.

Spero che non siano i miei gusti a pregiudicare anche il mio rapporto con gli altri. Sono una frana totale con le ragazze, e credo proprio che difficilmente possa piacere un ragazzo che ama il vintage. Secondo te gusti come i miei possono pregiudicare davvero la possibilità di inserirsi nella società, di interagire con gli altri? L'esempio del cellulare vintage è quello su cui vorrei soffermarmi per esempio.

Inoltre, e scusami ancora per le domande, pensi che possa esserci una persona a cui potrebbe piacere un tipo come me? O sono troppo "fuori dal seminato"?

Ti ringrazio ancora.
CameliaBlu86 CameliaBlu86 28/01/2015 ore 11.25.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

@gobelino : Ciao di nuovo Gobelino, scusa anche tu per il ritardo,(questo sito spesso non funziona e non mi fa inviare i messaggi). Io penso che ognuno abbia i propri gusti e non per questo, debba essere estraneato dalla societá. Anche se le cose che ti piacciono, possono apparire un po' strane, ben venga, se fossimo tutti uguali, sai che noia.
Mi hai chiesto se penso possa esserci una persona a cui potresti piacere? Io penso di si, proprio per il motivo che ti dicevo prima. Almeno, per quanto mi riguarda, a me piacciono le persone un po' "fuori dall'ordinario", perché hanno quel qualcosa in piú, che li rende particolari rispetto agli altri. Anche io mi ritengo una persona un po' "Crazy" e amo circondarmi di persone come me. :) Quindi vai tranquillo, e ricordati di non cambiare mai per gli altri, perché nel momento in cui magari lo fai, potresti accorgerti di aver perso qualcuno, a cui piacevi cosi. ;) Spero di esserti stata di aiuto.
Ciao!
gobelino gobelino 28/01/2015 ore 14.33.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

Ti ringrazio, sei stata molto esaustiva. :-)
Luna.Lunis Luna.Lunis 09/03/2015 ore 00.30.43
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

Forse hai trovato la tranquillità e non ne vuoi più uscire. Tutti tendiamo a farlo. Ma alle ragazze piacciono le persone audaci, che vogliono sempre guardare oltre il risultato ottenuto. Potresti provare a mettere in discussione le tue sicurezze. Potresti provare ad attraversare l'oceano a nuoto, un mio amico l'ha fatto.
ILcorvooo ILcorvooo 15/07/2015 ore 12.19.54
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

se hai soldi da parte cambia citta vattene in una citta multietnica dove c'èè molta tolleranza per chi è diverso e vedrai che troverai gente adatta a te
SeferShamana SeferShamana 31/08/2015 ore 21.06.32
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

Non sono più giovane, sono una donna matura e per questo non scrivo troppo dolcemente perché mi fate rabbia, voi giovani!

Cosa vuoi sentirti dire? Io ti dico muovi quel cazzo di culo e VIVI!!!!!

Qui dentro non stai vivendo, fai l'amorfo come al solito! Sei un pavido.

Ed il coraggio non te lo possono dare gli altri con la loro pietà, lo puoi solo TU tirare fuore da te stesso!!!

Quando ti volterai indietro cosa vedrai? Anni buttati nel cesso? Mai più recuperabili????

Esci e vivi e RISCHIA di farti male e di prendere sonore bastonate e tanti 2 di picche! Pazienza, non morrai per questo, anzi imparerai a VIVERE!!!!

Pesci lessi.... ppppppppfffffffffffffffffff
invecchioanchio invecchioanchio 10/09/2015 ore 23.41.07
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

@SeferShamana :
noooo! che stronza! :hoho
Amidala81 Amidala81 15/09/2015 ore 11.39.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Presentazione... La mia assurda storia.

Ciao! Stai lavorando, o cercando lavoro? Puoi concentrarti su questo, se proprio hai accantonato il percorso universitario. Anche qualche corso veloce per un mestiere può essere interessante. Ti consiglio inoltre di frequentare qualche ambiente virtuale o reale incentrato sulle tue passioni (vintage) e di iscriverti ad uno sport che ti piaccia. O prenditi un cagnolino e portalo in giro. Frequenta la biblioteca. Sii bendisposto, sorridi alla gente, cerca di fare i primi passi. i timidi sono solitamente persone piacevoli, riflessive, non invadenti. Sono tutti lati positivi, devi solo prenderti meno sul serio e scherzare su eventuali imbarazzi, o precisare "sono un po' timido!" :) la gente capirà e sorriderà!
Ti consiglio inoltre una consulenza psicologica, il suicidio non deve affatto essere contemplato: devi solo ritrovare te stesso e prendere consapevolezza dei tuoi pregi. Potresti essere depresso, e questo limita e condiziona la percezione delle cose. Siccome curiamo il corpo, non trascurare la mente ;) ne fa parte. Un saluto!!

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.