Mondo diversamente abile

Mondo diversamente abile

Un punto di incontro e di dialogo tra ragazzi diversamente abilii e tra chi vive a loro stretto contatto.

c.ercotettona74 c.ercotettona74 02/09/2011 ore 15.00.42
segnala

(Nessuno)sesso e disabilita

sono un ragazzo disabile e ho notato che noi disabili il sesso e un argomento tabu,noto che le donne sono restie a fare sesso con un disabile,per un disabile che non ha la propia compagna lo trovo che sia un problema perche le stesse prostitute a pagamento storciono il naso quando vedono un disabile,sono al corrente che in olanda nazione piu avanti della nostra hai disabili soli gli danno un sussidio perche vada una proffessionista del sesso a casa del disabile per sfogare le propie voglie,volevo avere risposte da donne di come la pensano
as84as as84as 05/09/2011 ore 19.17.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Ti rispondo invece io da disabile e maschio(che secondo le statistiche sn in maggioranza single rispetto alle donne nella stessa situazione, avevo letto un tempo non ricordo dove che tra i 18 e 25 anni siamo l' 82% single CONTRO IL 75% DELLE DONNE.
Io mai andrei con una donna SOLO X SFOGO nonostante tutto.
Poi è solo la mia visione sia chiaro. non nego che le difficoltà ci siano......se infatti trovi miei post precedenti noti ridondante il tema del single in cerca dell'anima gemella-
16041747
Ti rispondo invece io da disabile e maschio(che secondo le statistiche sn in maggioranza single rispetto alle donne nella stessa...
Risposta
05/09/2011 19.17.24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
huckleberry huckleberry 10/09/2011 ore 01.58.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Handicap = solitudine

Ragazzi, quando si parla di disabili di solito ci si riferisce a persone gravemente handicappate. Eppure io, che zoppico a causa di una tetraparesi spastica, ho difficoltà a trovarmi una ragazza: ci sono troppi pregiudizi. Per me è difficile anche solo uscire con una ragazza (le donne sono più impegnate a correre dietro ai torturatori, i traditori ecc). Qualche mese fa frequentavo un locale (conoscevo due delle ragazze che lavorano lì). Una sera parlavo con una delle ragazze e lei propose una pizza insieme per chiacchierare con calma, visto che non c'era abbastanza tempo (riuscivo a scambiare due parole con lei fra un cliente e l'altro). Mi sembrava strano che qualcuno mi proponesse una cosa del genere, ma accettai e invitai anche le altre (tenete presente che lei non poteva essere interessata a me perché la conoscevo da poco tempo). Organizzai tutto per un lunedì perchè avevano il giorno libero e feci coincidere tutto con il giorno del mio compleanno perchè era (guarda caso), lunedì. Mi dissero che sarebbero venute, poi, alla fine tutte ebbero un impegno. Ecco solo un esempio di ciò che capita ad un portatore di handicap. Le persone ci schifano come l'immondizia.
16054038
Ragazzi, quando si parla di disabili di solito ci si riferisce a persone gravemente handicappate. Eppure io, che zoppico a causa...
Risposta
10/09/2011 1.58.32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
rambo1977 rambo1977 06/10/2011 ore 13.10.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Cari ragazzzi secondo me il sesso non è un tabù,anche in questi casi ci vuole tanta fortua,mi reputo fortunato sono stato con una ragazza o fatto anche sesso,ma non ho trovata quella giusta,è vero dipende anche dalla disabilità,ma se non ci prova a affondare ,nessuna purttroppo ti viene vicino,ci sono dei casi ma sono rari,solo per quelli fortunati ci dobbiamo mettere in evidenza,scherzare e dialogare di più,secondo me.
16116212
Cari ragazzzi secondo me il sesso non è un tabù,anche in questi casi ci vuole tanta fortua,mi reputo fortunato sono stato con una...
Risposta
06/10/2011 13.10.07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
huckleberry huckleberry 06/10/2011 ore 22.36.53 Ultimi messaggi
segnala

ArrabbiatoGli invalidi devono poterci provare con le donne senza che qualcuno pesti loro i piedi

Cari ragazzi, scusatemi se non sarò breve. Immancabilmente, ogni volta parlo con una ragazza e passa qualcuno con il quale ho un minimo di confidenza, si verifica qualcosa di spiacevole. Il cretino di turno profferisce frasi del tipo "Falla finita" oppure "Ma che ci fai sempre insieme alle belle ragazze?" Frasi di questo tipo esprimono qualcosa di profondamente radicato nell'immaginario collettivo, e cioè che è inutile che io mi dia da fare con le donne, tanto non otterrò mai nulla. Tutto questo è indice di un alone terribile che circonda noi handicappati, alone che porta le persone a considerarci come esseri umani marginali, persone che si devono accontentare delle briciole e che solo gli uomini veri hanno diritto uscire/avere una relazione con le donne; gli handicappati invece dovrebbero stare a guardare. Per uomo vero si intende un uomo virile, certo non un bambino troppo cresciuto - già, è proprio così che siamo visti noi invalidi! La sessualità di un handicappato va rispettata, anche perchè il più delle volte è più sana di quella dei ragazzi normali. Mi spiego: non voglio dire che io ci so fare di più a letto, ma solo che ci sono tanti uomini che hanno la moglie o la fidanzata, quindi la possibilità di fare sesso, e vanno con le prostitute, spesso prendendosi malattie che poi trasmettono al partner. Non "vedo" una donna da cinque lunghi anni, eppure non mi sogno minimamente di andare con una prostituta, e le ragioni sono due: in primis non mi va di sfruttare chi magari vorrebbe condurre tutt'altra vita e invece è costretta a subire quello schifo; la prestazione che una prostituta fornisce altro non è se non uno stupro che la poveretta è costretta ad accettare. In secondo luogo, anche ammesso che una donna si prostituisca volontariamente, un rapporto a pagamento non deve sostituirsi ad una relazione umana. Noi diversi abbiamo il sacrosanto diritto di attaccare bottone con una donna senza che nessuno venga a pestarci i piedi. Non smetterò mai di ribellarmi ad ogni forma di discriminazione.
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 07/10/2011 ore 18.48.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Onestamente.
Io avrei serie difficoltà ad accettare un incontro con un disabile, perché istintivamente penso che il sesso sarebbe limitato, e intendo dire proprio fisicamente, dalla sua disabilità.
Amo il sesso vario, libero, dinamico.
Forse c'è qualcosa di sbagliato nel mio modo di pensare e mi piacerebbe sapere cosa, se c'è qualcuno disposto ad un confronto sincero e schietto.

16119425
Onestamente. Io avrei serie difficoltà ad accettare un incontro con un disabile, perché istintivamente penso che il sesso sarebbe...
Risposta
07/10/2011 18.48.00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
huckleberry huckleberry 08/10/2011 ore 03.17.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Discutiamone

Cara Mariellonzola,
Apprezzo la tua sincerità ma la risposta mi pare riduttiva. Una persona con un handicap non necessariamente deve essere paralizzato o immobile. Se hai letto i mie messaggi precedenti, sai che ho difficoltà a camminare ma sono perfettamente autonomo. Ora, che difficoltà posso avere in un rapporto sessuale? E che cosa intendi per rapporto vario, libero e dinamico? E poi, possibile che il sesso debba ridursi ad un semplice sfregamento di organi? Credo che si debba considerare anche la relazione umana con l'altra persona, non solo il solito movimento. Ti suggerisco di provare ad avere una relazione con un disabile (se te ne capita l'occasione), poi ti accorgerai che i tuoi timori sono infondati e che si può stare bene anche con chi ha delle difficoltà. Attendo tue notizie.
16119956
Cara Mariellonzola, Apprezzo la tua sincerità ma la risposta mi pare riduttiva. Una persona con un handicap non necessariamente...
Risposta
08/10/2011 3.17.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 08/10/2011 ore 08.37.18 Ultimi messaggi
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 08/10/2011 ore 08.47.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry:
Scherzi a parte,
è evidente che in una relazione ci dev'essere attrazione psichica ed emotiva oltre che fisica.
Sesso vario, libero e dinamico come faccio a spiegarteli? Non volere limiti, poter fare di tutto, non avere un sesso ridotto a poche possibilità, mi spiace più di così non posso, ma secondo me è chiaro.
Evidentemente parlavo di chi ha difficoltà che tu sembri non avere.
Comunque il mio discorso è generico e dato da un pregiudizio, è altrettanto chiaro che se incontro un uomo che mi attrae, mi completa e mi stimola, e magari anch'io gli faccio lo stesso effetto, nasce una relazione da urlo, disabile o no.
16119989
@ huckleberry: Scherzi a parte, è evidente che in una relazione ci dev'essere attrazione psichica ed emotiva oltre che fisica....
Risposta
08/10/2011 8.47.06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
huckleberry huckleberry 09/10/2011 ore 03.57.26 Ultimi messaggi
segnala

DomandaParlami di te

Ciao Mariellonzola, parlami di te. Quanti anni hai? Dove vivi? Cosa fai nella vita? Se vuoi puoi anche rispondermi alla mail tommaso.mancuso84@libero.it . Ovviamente non sto tentando l'approccio, voglio solo conoscerti meglio. Diciamo che apprezzo molto la tua schiettezza, in particolare mi colpisce il fatto che tu dica che il tuo discorso è generico e dato da un pregiudizio: da dove nasce questo pregiudizio? A presto
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 09/10/2011 ore 09.46.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry:
Ciao Huck,
se dai un'occhiatina al mio profilo, molte risposte le hai già.
Ho scritto solo ciò che è vero perché non ho bisogno alcuno di nascondermi.
E' un pregiudizio per il semplice fatto che non ho mai vissuto qualcosa che mi abbia indotto a formulare un' opinione, ma ce l'ho a priori; così, in quanto pregiudizio, è possibile cambiarlo.
In effetti se penso ad una relazione con un disabile fisico, ho immediatamente l'immagine di una carrozzina, che mi fa pensare ad un limite fisico, anche nel sesso.
Se penso ad un disabile psichico, non mi viene neanche lontanamente il pensiero di una relazione, perché io ho bisogno di relazionarmi con un IO forte, presente, probabilmente perché il mio non lo è del tutto, sono nel continuo tentativo di arrivarci.
A presto,
Mar
16121365
@ huckleberry: Ciao Huck, se dai un'occhiatina al mio profilo, molte risposte le hai già. Ho scritto solo ciò che è vero perché...
Risposta
09/10/2011 9.46.16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Brandon.gm Brandon.gm 10/10/2011 ore 13.26.39
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

La chiusura mentale nel fare sesso con uno in carrozzina potrebbe portarti ad un duplice appagamento fisico nel scoprire le cose nuove che non hai mai provato nel sesso....le cose da scoprire potrebbero essere piu appaganti, ricerca anche il rovescio della medaglia che hai in testa
huckleberry huckleberry 11/10/2011 ore 01.36.03 Ultimi messaggi
segnala

SerenoSono forte anche se non sembra

Cara Mariellonzola, tu dici che hai bisogno di un io forte e questo lo posso capire; il problema è un altro: io ho difficoltà a camminare (lieve ma evidente), e quasi nessuno mi vuole come amico. Quanto alle donne, ti assicuro che uscire con una ragazza per me è una vera e propria impresa. Ci riesco perché mi do da fare 10 volte rispetto ad un ragazzo normale e riesco ad ottenere un decimo (dunque per me, a conti fatti, è cento volte più difficile); in ogni caso, la mia vita è profonda solitudine (vedi anche i messaggi precedenti). In queste condizioni io devo spendere l’80% delle mie energie per difendermi da un mondo che tutto sommato non mi vuole e nel quale sembra che io non debba avere diritto di cittadinanza (o, perlomeno, non a pieno titolo come gli altri); con le energie che mi restano devo cercare di condurre una vita normale sforzandomi di fare tutto quello che fanno gli altri, ma è difficile. Per questo io ed altri invalidi sembriamo rimanere indietro ed appariamo meno forti degli altri, ma non sai quanta forza ci voglia a lanciarsi nel mondo la mattina sapendo che tu agli altri dai fastidio per il semplice fatto di esserci e di offrire ai loro occhi qualcosa che li mette a disagio: sono forte, a dispetto delle apparenze. Ti ammiro per il fatto di ammettere di avere un pregiudizio, sei molto più avanti rispetto alla media. Però, se tutti hanno questi pregiudizi (purtroppo è così salvo rare eccezioni), e nessuno prova a vincerli, la vita di chi ha un difetto, anche piccolo come il mio, diventa invivibile. Facciamo un esempio: finché tutti, vedendo un portatore d’handicap insieme con una ragazza, diranno «Come fa una ragazza così bella a stare con questo handicappato di merda? », le donne saranno perfettamente consapevoli che subiranno ritorsioni sociali se avranno una relazione con un “diverso.” So queste cose per esperienza personale - una volta stavo con una ragazza e le sue coinquiline glielo hanno chiesto e l’hanno pure derisa – ed’ è un atteggiamento molto diffuso. Una possibile ritorsione? Una donna si fidanza con un ragazzo zoppo come me e nessuno la invita a feste o a cene e le presenze alle cene/feste organizzate dalla coppia mista – persona normale/persona diversa – si riducono paurosamente. Se le cose stanno così, la persona che vuole sposarsi con un portatore di handicap deve sposare anche la sua solitudine. A presto
16126002
Cara Mariellonzola, tu dici che hai bisogno di un io forte e questo lo posso capire; il problema è un altro: io ho difficoltà a...
Risposta
11/10/2011 1.36.03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 11/10/2011 ore 20.55.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ Brandon.gm:
Scusa ma mi stai dicendo che con un uomo in carrozzina posso fare "dei numeri" che con un uomo senza carrozzina non faccio?
:sbong
No dai, dimmi che ho capito male!
:-))
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 11/10/2011 ore 21.27.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry:
Il punto sai qual è per me?
Che ognuno deve giocare il gioco della vita con le carte che gli sono state date ed è lì che si vede la capacità dell'essere umano.
E' facile vincere la partita con una scala reale servita, ma per la maggior parte delle persone non è così, sic!

Per te ha più valore un canestro fatto da un pivot normodotato o da un giocatore in carrozzina che tira alla stessa altezza del pivot?
Se io fossi Dio (si fa per dire), guardando i miei figli, apprezzerei il canestro del pivot, ma avrei un sorriso a 32 denti e gli occhi stupefatti, per il giocatore in carrozzina.

Anche se non sono disabile nel fisico ho anch'io cose che mi zavorrano e mi rallentano. Altri tipi di limiti/ostacoli (non sai quanti).
Su questo pianeta ognuno c'ha le sue, a parte pochissimi.

Vorresti fare a cambio col figlio di Totò Riina e prendere il suo posto, potendo così contare su un fisico normalmente prestante?
Anche lui ha il suo megaostacolo, è diverso dal nostro ma ce l'ha!
Ma tu pensi davvero che, evolutivamente parlando, uno che si comporta male con un disabile, così come hai descritto poc'anzi sia messo meglio di te? Faresti cambio con lui? :-)) Capisci cosa intendo?

Le cose veramente importanti sono poche: continuare a denunciare le discriminazioni così come stiamo/stai facendo ora; darsi da fare per tentare di cambiare le cose, (indicando il re nudo a chi non lo vede); cercare di accorgersi dei propri pregiudizi per tentare di superarli (parlo evidentemente di me); dare il meglio di sé, e non è tanto importante se raggiungeremo il risultato, quanto le forze interiori che sviluppiamo nel tentativo di arrivarci ;-).

Mar

16128257
@ huckleberry: Il punto sai qual è per me? Che ognuno deve giocare il gioco della vita con le carte che gli sono state date ed è...
Risposta
11/10/2011 21.27.01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Brandon.gm Brandon.gm 12/10/2011 ore 18.27.55
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Non mi hai capito
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 12/10/2011 ore 20.49.47 Ultimi messaggi
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 12/10/2011 ore 20.50.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Brandon.gm scrive:
un duplice appagamento fisico nel scoprire le cose nuove che non hai mai provato nel sesso....le cose da scoprire potrebbero essere piu appaganti

Cosa vuol dire?
IlTu.lipanoNero IlTu.lipanoNero 22/10/2011 ore 01.57.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

i limiti cari signori e signore normodotate stanno nella vostra testa e non potendo cambiare noi disabili perchè non fare uno sforzo almeno per aprire un dialogo sincero, schietto, senza pregiudizi?
Senza limiti si costruiscono amicizie, amori,storie.......con i limiti non si costruisce nulla anzi si chiude il muro sempre di più.Aiutateci a tenerlo mezzo aperto almeno.
16152953
i limiti cari signori e signore normodotate stanno nella vostra testa e non potendo cambiare noi disabili perchè non fare uno...
Risposta
22/10/2011 1.57.51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 22/10/2011 ore 17.17.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

IlTu.lipanoNero scrive:
i limiti cari signori e signore normodotate stanno nella vostra testa


I limiti stanno nella testa di tutti.
Non ci sono né santi né demoni, disabili o normodotati che siano :ok
16153798
IlTu.lipanoNero scrive: i limiti cari signori e signore normodotate stanno nella vostra testa I limiti stanno nella testa di...
Risposta
22/10/2011 17.17.04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
c.uoricinoforever1 c.uoricinoforever1 23/10/2011 ore 15.58.58
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Ho letto con interesse i vari pareri e quello che dice hucleberry è che la solitudine pesa moltissimo e ciò rende invivibile le ore, le giornate, crearsi degli spazi in cui ci siano anche altri a farne parte. Ovvio che lui non si cambierebbe con il figlio di Riina o di chi altri perchè di problemi ce ne sono per tutti...però il vuoto che la gente ti crea emarginandoti, quello pesa più di tutto!
Per quanto riguarda il sesso che descriveva Brandon si intendeva quello fatto di estrosità, di amore, di appagamento reciproco perchè si è soddisfatti di superare i cosiddetti limiti della società fino ad amarli anche se sono considerati dagli altri difetti. Insomma nel sesso tutto è lecito se voluto da entrambi! :-) Questo è il mio modestissimo parere...buona serata!
huckleberry huckleberry 27/10/2011 ore 01.35.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Tutti gli ostacoli sono superabili

Ha ragione cuoricinoforever: non mi cambierei con il figlio di Totò Riina. Però, cara Mariellonzola, credo che le difficoltà restino. Non biasimo chi prova disagio nei confronti degli invalidi, perché è normale; il problema è che quasi nessuno vuole provare a vincere i suoi limiti o avere a che fare con chi ha un difetto. Mi spiego meglio: se organizzo una cena, devo invitare venti persone per vedersene presentare una; eppure non do schifezze da mangiare, anzi, le mie cene sono faraoniche. Allora mi rendo conto che gli altri mi schifano peggio dell'immondizia: nei rifiuti c'è chi va a mangiare, da me nessuno o quasi. Peccato, perché avrei davvero tanto da dare.... Tutti gli ostacoli possono essere superati, basta volerlo. E poi, parliamo con franchezza: le donne preferiscono uscire con i peggiori beceri del mondo, ma l’importante è che siano sani. Poi ne succedono di tutti i colori: non so se lo sai ma la maggior parte degli stupri avviene nella coppia; inoltre una donna può essere picchiata, tradita, ammazzata dagli ex-fidanzati, per non parlare di chi viene fatta abortire o si vede trasmettere malattie sessuali dal partner. Già, perché c’è gente che compra il sesso per la strada, si becca una malattia e poi la trasmette alla sua donna. Possibile che avere tante qualità, come nel mio caso, e non fare nessuna di queste cose orrende non conti nulla? Possibile che un difetto annulli quanto di buono una persona ha dentro? No, non lo accetto.
16163804
Ha ragione cuoricinoforever: non mi cambierei con il figlio di Totò Riina. Però, cara Mariellonzola, credo che le difficoltà...
Risposta
27/10/2011 1.35.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
huckleberry huckleberry 27/10/2011 ore 01.47.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Come faccio a trovare una donna? Sono un uomo anch'io

Caro Brandon g.m, come facciamo a trovarci una donna? E degli amici? Persone che non ci compatiscano? Come si fa ad abbattere quel muro che tu vorresti almeno tenere mezzo aperto? E' una mia impressione o le persone usano con gli invalidi un tono di voce diverso rispetto agli altri? A me sembra di essere considerato come qualcosa che non è più un bambino, ma neanche adulto, qualcosa che si fa fatica a definire. Sono adulto, e da adulto voglio essere trattato.
huckleberry huckleberry 27/10/2011 ore 02.04.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Dimmi qualcosa di te

Cara Cuoricinoforever, ho visitato il tuo profilo ma non ho trovato molte informazioni. Parlami di te. A presto
ArielNet ArielNet 28/10/2011 ore 16.34.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Ciao,
mi intrometto per dire a huckleberry che trovo molto sensibile e corretto il suo prendere le distanze dallo "sfogarsi" con una prostituta e vorrei ricordare a chi legge questa discussione che spesso le persone diversamente abili hanno una sensibilità e un'umanità 100 volte più sviluppata di quei donnaioli da quattro soldi che fanno a gara a chi se ne sbatte di più in una sera.

Riflettete, forse dovremmo cercare tutti di lasciare un po' da parte tutti questi preconcetti.
16167024
Ciao, mi intrometto per dire a huckleberry che trovo molto sensibile e corretto il suo prendere le distanze dallo "sfogarsi" con...
Risposta
28/10/2011 16.34.02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 28/10/2011 ore 18.19.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

ArielNet scrive:
le persone diversamente abili hanno una sensibilità e un'umanità 100 volte più sviluppata


Le persone con disturbo bipolare dicono di essere molto più sensibili e umane degli altri.
I depressi dicono di essere speciali e molto più profondi rispetto agli altri.
Gli autistici sono molto più sensibili e sicuramente speciali, più della media.

Può essere.
Ma non vedo proprio il motivo di fare la top ten della sensibilità.
Perché bisogna sempre sentirsi "migliori" degli altri, in un modo o nell'altro?
Perché il concetto di fratellanza dev'essere così irraggiungibile?



16167249
ArielNet scrive: le persone diversamente abili hanno una sensibilità e un'umanità 100 volte più sviluppata Le persone con...
Risposta
28/10/2011 18.19.55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Brandon.gm Brandon.gm 29/10/2011 ore 16.47.13
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Io sono entrato nel mondo della disabilità, ma sono più testa di cazzo di prima, caratterialmente sono uguale a prima di sicuro hai piu consapevolezza e maturità su alcune cose.

Un disabile non può essere un donnaiolo?
La vita continua e festa festa festa e viaaaa

Cuoricinoforever hai scritto:
Brandon si intendeva quello fatto di estrosità, di amore, di appagamento reciproco perchè si è soddisfatti di superare i cosiddetti limiti della società fino ad amarli anche se sono considerati dagli altri difetti.

NO NO IO INTENDO QUELLO ALLO STATO BRADO HEHEHE
MBdip MBdip 03/11/2011 ore 13.23.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

salve a tutti
Huck da quello che ho letto ho capito che tu non riesci ad avere neanche amici... beh... io sono rimasto tetraplegico per via di un incidente in moto accaduto il 21 giugno 2008... (il 17 luglio 2008 avrei compiuto 18 anni)... gli amici veri me ne sono rimasti pochissimi... le dita di una mano sono troppe per contarli! Però anch'io sento molto la solitudine... forse perché nell'incidente ho perso la mia fidanzata con la quale stavo da tre anni... ma anche per come mi guarda la gente quelle rare volte che esco......
riguardo l'avere una relazione poi... no comment...
ma se per caso un'amica a cui un po' piacciamo dicesse che non vuole avere una relazione seria con noi a causa della nostra disabilità, secondo voi sarebbe da considerare ancora un'amica?
huckleberry huckleberry 03/11/2011 ore 18.36.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ MBdip

Caro MBdip, credo che avere la franchezza di ammettere il proprio limite sia una condizione assolutamente necessaria per provare a vincerlo. I limiti ce li hanno tutti, ma chi li ammette è di sicuro più avanti degli altri. Ti è forse capitato qualcosa del genere? Raccontacelo, poi ne discuteremo. Comunque bisogna dare a tutti una seconda possibilità. A presto, ragazzi
huckleberry huckleberry 03/11/2011 ore 18.41.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Cara, Arielnet, spero che tu partecipi attivamente alla nostra discussione. Il tuo contributo è fondamentale, purchè non resti tale solo sulla carta; voglio dire che le persone non devono fermarsi all'aspetto fisico, al ceto sociale o alla ricchezza di una persona, ma devono conoscere chi gli sta di fronte. Tutto questo, però, rimane il più delle volte solo una bella intenzione. A presto
ArielNet ArielNet 09/11/2011 ore 16.28.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

La critica di mariellonzola non è del tutto errata. Io sono per il non piangersi addosso.
Certamente bisogna riconoscere una cosa: la gente cattiva è maggiore di quella buona e la nostra società si basa sull'egoismo.

Detto questo non posso neanche biasimare l'amica di MBdip. Un conto è un'amicizia, un conto è una relazione sentimentale.
Innanzi tutto la seconda è molto più difficile che nasca e, soprattutto, comporta molti più "doveri".
Prendete con le pinze questa parola, ma una relazione implica un uso del tempo completamente diverso da un'amicizia e, generalmente, di gran lunga maggiore.

In più credo che solo un'amica possa rispondere "non me la sento" e confessarti in faccia il motivo.
La maggior parte delle persone risponderebbero "non mi piaci". Forse anche se dovessero mentire a una parte di se.

Già amare è complicato, figurarsi con la responsabilità di dover essere un punto di riferimento per una persona che socialmente ha dei deficit.

Insomma, capisco tutte le difficoltà, ma secondo me le persone disabili dovrebbero avere una scorza più spessa degli altri e non dovrebbero temere i loro sentimenti. da quello parte tutto, anche la risposta al loro amore.
16192490
La critica di mariellonzola non è del tutto errata. Io sono per il non piangersi addosso. Certamente bisogna riconoscere una...
Risposta
09/11/2011 16.28.32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
huckleberry huckleberry 09/11/2011 ore 20.29.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Cara ArielNet, ti assicuro che quando mi piace una ragazza glielo faccio capire e non temo affatto i miei sentimenti. Quanto alla responsabilità (almeno ti così la chiami), di amare una persona con un handicap, ti dico che quando si ama qualcuno si assumono delle responsabilità verso sé stessi perché è proprio a noi stessi che dobbiamo rispondere quando scegliamo qualcuno per mettercelo accanto. Per esempio, è meglio stare con qualcuno che ti trasmetta le malattie o che ti tradisca? Forse meglio qualcuno con un difetto che ti voglia bene. L’handicap, così come ogni altra difficoltà, è metafora della vita: se ci si ferma alle apparenza e ci si rifiuta di conoscere le persone, si prendono fregature e magari i preconcetti che ci tengono lontani da persone che potrebbero essere nostri amici o partner, ci privano di molti affetti che potrebbero riempirci la vita. Occorre conoscere le persone, è in profondità, cosa sempre più rara in un mondo in cui le relazioni stanno diventando sempre più formali. Mai come nella nostra epoca, dunque, chi ha un difetto può essere una risorsa, sia in amicizia che in amore. Entrambe le cose, tuttavia, si fanno in due e se uno dei due è sordo… beh… non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Un abbraccio a tutti
16193038
Cara ArielNet, ti assicuro che quando mi piace una ragazza glielo faccio capire e non temo affatto i miei sentimenti. Quanto alla...
Risposta
09/11/2011 20.29.17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 19/11/2011 ore 19.59.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

huckleberry scrive:
è meglio stare con qualcuno che ti trasmetta le malattie o che ti tradisca? Forse meglio qualcuno con un difetto che ti voglia bene.

Ma perché ci dev'essere sempre un "meglio" e un "peggio"?
Ma perché ci si continua a paragonare agli altri?
Ma perché non possiamo semplicemente trovarci nella fratellanza e pensare che se a "te" manca qualcosa da una parte, a "me" manca da un'altra e non c'è alcun bisogno di sentirsi superiori o inferiori a nessuno?
huckleberry huckleberry 24/11/2011 ore 02.49.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Basta sminuire gli handicappati

Cari ragazzi,
Ogni giorno devo battermi per essere chiamato con il mio nome. Sapete, sono stanco di essere chiamato con il diminutivo... Evidentemente questa è una necessaria conseguenza del fatto che gli altri mi reputano un ragazzino troppo cresciuto da accudire e proteggere. Alcune volte penso anche che sia un problema mio, poi so che un ragazzo sulla sedia a rotelle ha la fidanzata perché – parole testuali di chi me lo dice – si è trovato la “fidanzatina”. Dunque, perché gli altri hanno la fidanzata mentre un portatore di handicap ha la fidanzatina? Allora forse non è una mia forma mentis... mi batterò fino alla fine dei miei giorni per migliorare questo schifo di mondo.
blabla.86 blabla.86 25/11/2011 ore 15.47.46
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Mah..che strònzate... il sesso mica è un bisogno.
tulipanoindaco tulipanoindaco 04/12/2011 ore 06.06.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

QUI BISOGNA DECIDERE INNANZITUTTO DI COSA STIAMO PARLANDO. SE PER SESSO SI INTENDE UNO SFOGO COME SCRITTO AL PRIMO INTERVENTO, (E CHIEDE ADDIRITTURA CHE GLI VENGA FORNITO GRATUITAMENTE DALLE TIPE A PAGAMENTO) IO DICO CHE QUELLO STA FUORI DI TESTA. LA MUTUA NON PUO' CERTO ACCETTARE E ADDIRITTURA PROMUOVERE LO SFRUTTAMENTO DEL CORPO FEMMINILE. SE INVECE PARLIAMO DEL NORMALE RAPPORTO DI COPPIA ALLORA C'E' DA DIRE CHE, COME PER I NORMO DOTATI, ANCHE PER CHI HA UN HANDICAP CI POSSONO ESSERE DELLE DELUSIONI, SIA AFFETTIVE CHE SESSUALI. RICORDO CHE PER UN PERIODO MIA SORELLA FREQUENTAVA UN TIPO IN CARROZZINA PER UN TUFFO RIUSCITO MALE: LEI NE ERA INNAMORATA NONOSTANTE IL FATTO CHE MIA MADRE LE METTESSE IL BASTONE FRA LE RUOTE. LA RELAZIONE E' CONTINUATA EGUALMENTE PER ALCUNI ANNI, POI E' STATO LUI A MOLLARLA. E SAPETE PERCHE'? HA PREFERITO UN'ALTRA CON UN REDDITO ECONOMICO MAGGIORE. E IN QUESTO CASO CHI HA SOFFERTO E' STATA LA NORMODOTATA, NON IL PARAPLEGICO.
huckleberry huckleberry 08/12/2011 ore 01.16.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Una serata squallida

Cari ragazzi, ormai vi ho abituato al racconto di alcune delle mie esperienze quotidiane; cercate di capire se lo faccio: quale miglior mezzo, se non internet, per far capire agli altri come si può rendere invivibile la vita di chi ha un difetto? Sarò breve: sabato sera esco, felice che ci sia qualcuno disposto a passare la serata con me; il tipo è in ritardo e mi telefona per dirmi che è da un’amica. Passa con mezz’ora di ritardo, entusiasta, perché quella che al telefono chiamava amica era una prostituta che lo aveva fermato per proporgli un “incontro.” Comincio a capire la persona che ho difronte ma faccio a meno di dirgli come la penso perché voglio indagare e scopro che lui si concede di frequente il sesso a pagamento. Durante la serata mi presenta alcune persone e il migliore è un nordafricano che dopo aver conversato con me un minuto comincia la solita solfa dicendo che sono molto intelligente. Il tono di voce e la mimica facciale sono tipici di chi vuole darmi il contentino perché vede il mio difetto fisico e vuole consolarmi: in poche parole “Sei molto intelligente” vuol dire “Sei molto handicappato/un povero handicappato”. La persona con cui sono uscito non fa altro che fargli da eco facendo precipitare vertiginosamente la gradevolezza di una serata già di per sé mediocre. Non uscirò più con queste persone e farò in modo che il nordafricano sappia che non ho gradito tramite il ragazzo italiano (così il messaggio arriverà anche a lui). Il problema è che questo passa il convento, non ho molte altre persone con cui passare le serate e, anche se sembra strano, anche la gente migliore – molto migliore di coloro con cui sono uscito sabato – non si comporta molto diversamente con me e nella maggior parte dei casi mi danno il contentino. Ma non demorderò: continuerò a cercare. A presto, Huck
tulipanoindaco tulipanoindaco 10/12/2011 ore 19.12.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

peccato non essere vicini! ma non te la devi prendere: di gente stolta il mondo ne è pieno.
vanypollon vanypollon 30/12/2011 ore 19.18.08
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

io sono stata con un ragazzo disabile per 2 anni..l'ho conosciuto che camminava con le stampelle..e da poco tempo usa la sedia a rotelle...ci siamo lasciati per altri motivi e il sesso con lui andava alla grande..se dovevo basarmi solo su quello sarebbe durata per sempre!!!! era uno spettacoloooooooooooooooo..quindi non abbiate pregiudizi...che anche i disabili a letto possono essere dei fenomeniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii,rispetto a tante persone "abili" ma che poi tanto abili a letto non sono....
Ale86.2012 Ale86.2012 05/01/2012 ore 23.13.11 Ultimi messaggi
segnala

SchifatoRE: sesso e disabilita

Ragazzi ha perfettamente ragione Huck. Sapete oltre al mio handicap ho anche il problema di essere timido. Quest' estate però ho preso il coraggio a 2 mani. Stranamente è partito tutto da una mia amica. Il rapporto era fraterno e un giorno mi manda un sms e mi scrive di voler starmi il più vicino possibile. Allora io le chiedo " Che ne dici se proviamo a stare insieme? Lei ( che era da poco uscita da una storia) mi risponde che non voleva impegnarsi ma nello stesso sms mi diceva che era interessata a un altro ragazzo, assicurandomi che il rifiuto non era dovuto ai miei problemi. Altre volte ho provato a riparlarne ma non mi ha mai risposto. Ma altre cose mi hanno fatto titubare e cioè il fatto che mi fa sentire diverso facendo di tutto perchè io mi sieda anche se le dico di poter stare in piedi. Ora ho allentato i rapporti. Ho fatto bene secondo voi?
huckleberry huckleberry 10/01/2012 ore 22.18.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Un modo geniale di dirmi buon anno...

Il 5 Gennaio sono tornato a a Perugia e mentre stavo parlando con una donna di una certa età, ecco arrivare uno che mi dice "Sempre con le donne, eh?." Sapete già che questa cosa significa che è inutile che io mi dia da fare con le donne perchè tanto non otterrò mai niente. Bene, ecco il modo migliore di dirmi buon anno. Spero che piano piano, anche attraverso questa chat si diffonda il principio che queste cose non bisogna farle. Un saluto a tutti
as84as as84as 21/01/2012 ore 14.17.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ MARIELLONZOLA:




Non è questione di superiori o inferiori, un diversamente abile ha dei limiti in aree abbastanza importanti della vita.
Io ho studiato serbocroato all'università ho passato diversi periodi in Croazia e Bosnia x impratichirmi con la lingua, beh devo dire che se non fossi andato con un accompagnatore(Hanno avuto una guerra che ha spaccato la società e stati, e con uccisioni interetniche si sono sfaldate amicizie, famiglie etc ) Col cavolo che ci sarei potuto stare..Bene tutta questa distruzione oltre a rendere ancora oggi per certe persone(sotto la soglia di povertà)hanno una vita impossibile.Gli invalidi non sono tutelati e non hanno servizi.
Ed ahimè ho notato che c'erano molti disagi e paradossi.
-ok potevo girare il centro era tutto piano MA
-PER ARRIVARCI DOVEVO PRENDERE 3 TRAM e almeno 3 volte la settimana con l'"alternarsi" delle carrozze del tram spesso a quella fermata trovavo una carrozza non attrezzata all'orario in cui mi serviva..e parliamo della MEDESIMA LINEA.
E da solo Non ce l'avrei fatta, ora non dirmi che un disabile non è limitato caspita se lo è! Non si deve fare una tragedia o piangersi addosso,ma semplicemente avere le palle di dire le cose come stanno.
16367378
@ MARIELLONZOLA: Non è questione di superiori o inferiori, un diversamente abile ha dei limiti in aree abbastanza importanti...
Risposta
21/01/2012 14.17.52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
as84as as84as 19/02/2012 ore 17.11.48 Ultimi messaggi
huckleberry huckleberry 19/02/2012 ore 23.13.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@Ale86.2012

Ti rispondo solo ora, anche se avevo in mente di farlo da un po' di tempo. Hai fatto bene ad allentare i rapporti, ma credo che prima avresti dovuto dire che hai notato la cosa, esattamente come ce'l'hai raccontata. Il problema, semmai, è che a voler fare certi discorsi ogni qualvolta è necessario, ci vogliono ore, magari passano intere giornate perché le persone sembrano essere fatte con lo stampino e magari è necessario mettersi a ripetere una cosa dopo che l’hai detta ad un altro solo cinque minuti prima. Allora, stabiliamo il da farsi: intanto sarebbe utile frequentare persone con bambini piccoli; loro, nella loro immediatezza, non hanno difficoltà a fare domande sullo stato fisico di qualcuno. Bene, approfittiamone per dirgli che un difetto non è terribile in sé, ma che i problemi ci sono dal punto di vista sociale. Abbiate il coraggio di dire al bambino che se tutti si lasciano condizionare dai pregiudizi, la vita di un portatore di handicap diventa invivibile; chiedete al bambino di non contribuire, una volta adulti, a questa invivibilità, comportandosi esattamente come in quel momento. Mi spiego: chiedetegli di fare una domanda del genere ad un handicappato ogni volta che ne conosce uno nuovo e di valutare la sua reazione; se uno risponde serenamente, si può interagire con lui allo stesso modo; viceversa, qualora la reazione sia di fastidio, disagio o qualunque altro sentimento che lascia intendere che il difetto non lo si è elaborato bene, allora uno si può anche allontanare per partito preso (nessuno di noi è il salvatore del mondo). Ti assicuro che ne riparleremo; intanto ti ricordo che la timidezza non è qualcosa di eterno perché si può imparare a dominare il batticuore, il disagio e quant’altro. Avvicinati alle ragazze e presentati, è solo questione di abitudine. Fammi sapere come va. Ciao
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 20/02/2012 ore 17.01.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

as84as scrive:
ora non dirmi che un disabile non è limitato caspita se lo è! Non si deve fare una tragedia o piangersi addosso,ma semplicemente avere le palle di dire le cose come stanno.


Io ho detto esattamente il contrario di quello che mi attribuisci, perché non rileggi il mio primo intervento? ;-)
f.rancygirl f.rancygirl 07/03/2012 ore 15.43.04
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

salve,sono nuova in questo sito.ho un figlio di quasi 16 anni.con ritardo mentale psicomotorio.come ragazzo e svillupato nella norma.ma mi chiedo come mamma,se lui come tutti gli altri ragazzi avrà una vita sessuale pari ad un ragazzo normale con gli stessi desideri ?opp.no.sono un po in ansia per questo.visto che il mio ragazzo e bellissimo,me lo dicono tutti.alto ,moro occhi verdi.fisico atletico.anche se lo sport non lo fa.se qualcuno ha passato l età della adolescenza ,vorrei una risposta.grazie.
f.rancygirl f.rancygirl 07/03/2012 ore 15.43.09
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

salve,sono nuova in questo sito.ho un figlio di quasi 16 anni.con ritardo mentale psicomotorio.come ragazzo e svillupato nella norma.ma mi chiedo come mamma,se lui come tutti gli altri ragazzi avrà una vita sessuale pari ad un ragazzo normale con gli stessi desideri ?opp.no.sono un po in ansia per questo.visto che il mio ragazzo e bellissimo,me lo dicono tutti.alto ,moro occhi verdi.fisico atletico.anche se lo sport non lo fa.se qualcuno ha passato l età della adolescenza ,vorrei una risposta.grazie.
huckleberry huckleberry 14/03/2012 ore 14.53.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@f.rancygirl

Cara ragazza (così come tu ami definirti), i miei messaggi sono un po’ lunghi, (ma spero esaustivi), proprio come richiede la risposta alla tua domanda. Ti assicuro che tutti gli esseri viventi hanno una sessualità, dunque anche tuo figlio. Purtroppo, però, la sessualità degli handicappati viene sottovalutata, addirittura ignorata. Leggevo una volta in un libro che il sesso ai down (dunque anch’essi ritardati mentali), viene negato, perfino da molte prostitute e le madri si sentono talvolta obbligate a masturbare i figli (talvolta sono indotte da pressanti richieste). Questo è un dramma di cui non si parla per via di un perbenismo ipocrita fine a sé stesso. Non voglio suggerirti alcun modo per risolvere il problema; ti chiedo solo di non ignorare mai la sessualità di tuo figlio. Se vuoi, mandami pure un indirizzo e-mail a cui possa scriverti privatamente. Cordialmente, Huck
16506217
@f.rancygirl Cara ragazza (così come tu ami definirti), i miei messaggi sono un po’ lunghi, (ma spero esaustivi), proprio come...
Risposta
14/03/2012 14.53.01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
as84as as84as 20/03/2012 ore 10.49.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ MARIELLONZOLA:




ora non dirmi che un disabile non è limitato caspita se lo è! Non si deve fare una tragedia o piangersi addosso,ma semplicemente avere le palle di dire le cose come stanno.

Cioè scusa nn ho capito ammetto, mea culpa mi stai dicendo che il limte va visto??
Io sostengo che essendo in certe aree nel mio caso che possono precludere la mobilità in contesti poco adatti, non vada sottovalutato e addirittura come fanno certi far finta che non ci sia

nn mi era chiara la cosa tutto qua
yumyaah yumyaah 20/03/2012 ore 21.44.24
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

huckleberry scrive:
e le madri si sentono talvolta obbligate a masturbare i figli


cosa scrivi ..
è così?
as84as as84as 22/03/2012 ore 14.50.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry:




Purtroppo, però, la sessualità degli handicappati viene SOTTOVALUTATA, addirittura IGNORATA.

si è vero....tristemente confermo
huckleberry huckleberry 29/03/2012 ore 15.29.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Si, stando al libro è così

@ yumyaah

Cara yumyaah, sì, è così, purtroppo; dimmi, la cosa ti sembra strana?
tigrottina1988 tigrottina1988 30/03/2012 ore 17.47.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

rispondo con una provocazione, precisando che non ho letto tutti i post..... a che ti serve provocare ed ostentare con questo nick? pensi che basti a nascondere il fatto che tu sia disabile ed "acchiappare" di piu? acchiappi solo puttanelle e non vedo cosa tu ne possa ricavare....rifletti...
huckleberry huckleberry 01/04/2012 ore 00.56.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Cara tigrottina1988,
a chi ti riferisci? Chi è questo che provoca? Qui il nickname ce l'abbiamo tutti...
yumyaah yumyaah 06/04/2012 ore 22.01.35
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

huckleberry scrive:
Cara yumyaah, sì, è così, purtroppo; dimmi, la cosa ti sembra strana?


no.
... non ero a conoscenza di questa realtà ...
huckleberry huckleberry 03/06/2012 ore 17.48.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ yumyaah

Cara Yumyaah, è da un po' che non partecipo a questa discussione. Apprezzo che tu dica sinceramente di non essere stata a conoscenza della realtà di cui si parla. Dimmi, di dove sei? Conosci persone con un difetto? Come vengono considerati nel contesto in cui vivi? A presto, Huck
a.vverso a.vverso 20/06/2012 ore 18.17.45
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Condivido in parte quello che dite ma non bisogna abbattersi, combattere sempre, mai avvilirsi.
huckleberry huckleberry 21/06/2012 ore 01.20.45 Ultimi messaggi
wender1978 wender1978 26/06/2012 ore 12.32.02
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Saluti a tutti. Sono tetraplegico da 5 anni...la causa è stata un tuffo da pirla in un fine serata di una festa. Visto che ci sono diversi casi di tetraplegia,preciso che nel mio caso si tratta di lesione a liv di c5,che per chi non se ne intende comporta la paralisi a gambe,buona parte del tronco,mani (intese come dita) e difficoltà con le braccia.
Ora...raccontare tutto diventa lunghissimo,quindi mi limito a dirvi che per fortuna la mia vita sessuale è proseguita nè più nè meno come prima dell'incidente. Ero sposato,mi sono separato e nonostante all'inizio credessi che col sesso avessi chiuso ho dovuto ricredermi completamente.
Sono qui solo per cercare di trasmettere la mia esperienza sperando che possa essere d'aiuto a qualcuno...pronto a rispondere ad ogni domanda. :ok
huckleberry huckleberry 27/06/2012 ore 19.42.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ wender1978 Ciao, sono molto sorpreso di sapere che tu, nonostante sia tetraplegico, riesci a fare sesso. Come fai a trovare (convincere), le donne? Fammi sapere. Puoi anche scrivermi alla mail huckleberry.finn@libero.it
Scusami, caro ragazzo, se ti chiedo di raccontarmi la tua vita (o parti di essa); vedi, il fatto è che a me nessuno (quasi), mi vuole come amico (ho solo una leggera difficoltà a camminare). Aspetto tue notizie.
wender1978 wender1978 27/06/2012 ore 21.06.11
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Se per te non è un problema preferirei restare qui nel pubblico, spero che possa essere d'aiuto a qualcuno. Dunque,parto da un punto importante. Ho avuto l'incidente a 29 anni ed avevo molti amici datati...dopo il danno la maggior parte è rimasta con me e questo aiuta da morire.Tu quando parli di amici intendi amici uomini? avere amici con cui uscire in gruppo è fondamentale...aspetto prima questa risposta poi continuo ;-)
london.cat london.cat 27/06/2012 ore 21.25.48
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

mah... c'è anche il rovescio della medaglia
london.cat london.cat 27/06/2012 ore 21.30.48
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

posso dire che mi è caitato di avere problemi molto grandi all'inizio con il mio attuale compagno. la sua disabilità è molto lieve, visibile, ma non riduttiva. eppure il percorso che abbiamo affrontato all'inizio é stato un calvario per entrambi.
wender1978 wender1978 27/06/2012 ore 21.47.18
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ london.cat: ciao,scusa ma non ho capito il rovescio della medaglia. Deve avermi preso anche un pò la testa :-)))
london.cat london.cat 27/06/2012 ore 22.07.29
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Intendo dire che anche l'altra ersona a volte non la fa facile...teme il pregiudizio, teme cosa diranno gli altri.
parlo della mia esclusiva esperienza
wender1978 wender1978 28/06/2012 ore 00.00.28
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ london.cat: Ah certo...scusa non avevo capito. Ormai mi sono fatto l'idea che la paura del pregiudizio superi di gran lunga il pregiudizio stesso.E' fondamentale accettarsi il più possibile.Non lo so,forse in questo il mio ego mi ha aiutato molto...ma d'altra parte questo punto vale anche per i normodotati. Se ti vedi brutto,poco simpatico,impacciato,sfigato...insomma,se guardandoti vedi una cosa negativa come possono gli altri che non ti conoscono vederne una positiva? è difficile lo so,ma è così
london.cat london.cat 28/06/2012 ore 14.18.48
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

eh si, è bello complicato. per carità poi si supera, ma cmq mi capita ancora di pensare ma quanto eravamo deficienti... secondo me cmq c'è un problema di base, quello di pensare che tutti partano prevenuti,anche in modi che non avrebbero mai pensato. la difficoltà di dimenticarsi il problema e di vedersi come persone.
huckleberry huckleberry 28/06/2012 ore 15.18.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ Wender1978

Ciao, probabilmente tu sei stato fortunato ad avere vicino persone che dopo l'incidente non ti hanno abbandonato. Per esempio, il cantautore Little Tony, quando sua moglie Giuliana si ammalò di tumore, vide i suoi amici dileguarsi (quasi tutti). L'essere umano non è ancora preparato a fare i conti con la malattia. In ogni caso, sì, intendo amici maschi quando dico che quasi nessuno mi vuole come amico (e sottolineo quasi, perchè le persone non sono tutte uguali). La stragrande maggioranza della gente mi tratta come un bambino troppo cresciuto, da accudire e proteggere, cosa che mi suscita tanta rabbia. Attendo tue notizie. Huckleberry
london.cat london.cat 28/06/2012 ore 15.21.22
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry ma non tutti ed è brutto anche il contrario, reagire male fin dall'inizio, aspetandossi il peggio
wender1978 wender1978 28/06/2012 ore 16.27.49
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Ok,torno alla tua prima domanda. Premetto che non voglio fare nè il saputello nè tantomeno il playboy,semplicemente darò la mia opinione in base all'esperienza avuta pre e post incidente. Non ho mai avuto difficoltà con le ragazze,forse per l'aspetto o forse il mio modo di fare non mi sono mai dovuto impegnare granchè,anzi...questo mi ha permesso di conoscere molte donne,con cui ho avuto relazioni,fatto sesso oppure semplici amicizie. Per quel che mi riguarda ormai sono certo che loro perdono la testa per il tuo 'io',per ciò che sei dentro,per il tuo modo d'essere,per ciò che fai nella vita,per i tuoi interessi.
Ti parlo della maggioranza,ovvio. Certo,avere un bel fisico o un bel viso e magari delle movenze particolari aiuta molto...ma ti aiuta nella fase d'approccio,perchè se poi risulti essere un deficiente o un coglione o un bambinetto,ti salutano nel giro di 5 minuti. A meno che non trovi qualcuna in grave astinenza :sbav
Certo Huckle,io di certo non farò mai colpo in discoteca...non posso ballare,non posso manco parlare perchè non si sente una mazza.Posso giusto guardare e forse ubriacarmi,il chè è controproducente. A parte una sola volta in cui forse il dio dell'amore ha voluto farmi un regalo e ad una festa sono stato con una ragazza splendida dopo 3 ore che la conoscevo,tutti i miei rapporti sono nati nella mia quotidianità. Alcune in ospedale (ci sono stato spesso) alcune fuori. E' importante ciò che fai nella tua vita...sviluppa una passione o il tuo lavoro. E una cosa che hai scritto...ti trattano come un bimbo cresciuto da accudire. Quest'aspetto,anche se forse mi manderai a quel paese,è colpa tua.Insomma...se io guardo mia nipote mi fa tenerezza e la vorrei proteggere...se guardo mio cugino mi viene solo di chiedergli aiuto.La gente vede quello che tu gli vuoi far vedere...sei tu che devi dimostrare di essere un uomo e di essere indipendente. Questa è una cosa fondamentele...cazzo se chi ti frequenta vede un bambino cresciutello che fa tenerezza come cazzo fa una donna a vedere un uomo con cui stare.La prima cosa che pensa non sarà che vuole baciarti ma che deve farti da badante. Ehm,scusa,ho preso il largo e mi sono alterato :-)))
london.cat london.cat 29/06/2012 ore 01.01.03
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

mbe wender, suppongo tu fossi un figaccione prima e lo sei anche adesso. il modo di trattare una donna sarà rimasto probabilmento lo stesso. ma penso che le persone che convivono con una disabilità specialmente se visibile o tendondono ad cadare di fronte alle reazioni sbagliate della società, o ad assumere l'attegiamento l'attaco è la miglior difesa
huckleberry huckleberry 29/06/2012 ore 21.47.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ Wender1978

Caro Wender 1978, forse hai letto velocemente e distrattamente tutti i miei contributi a questo forum. Ti invito a farlo di nuovo, ma con più attenzione. Se non è sufficiente, puoi anche leggere i messaggi nel forum FARE SESSO CON UN DISABILE, TABU' O RAZZISMO???. In questo modo avrai un idea di come sono fatto. Se io scrivo quelle cose non posso certo essere un bambino perché non credo che un bambino di, che so?, 10 anni possa fare quei discorsi. Allora non dire che è colpa mia se la gente mi tratta come un bambino da accudire e da proteggere. Se poi il posto in cui vivi è pieno di gente che considera un portatore d’handicap come tutti gli altri, dimmelo e mi trasferisco lì immediatamente. Per il resto, ti assicuro che io ho molti interessi (cinema, letteratura, storia, sport, viaggi, pittura, musica, ecc.). Ma vediamo un po’, parlami di te: davvero tu vuoi farmi credere che dopo l’incidente il modo con cui la gente si rapporta a te non è cambiato? Conosco una ragazza che ad un certo punto della sua vita ha deciso di mettere dei piercing e mi ha detto che ha sperimentato un vistoso cambiamento di come la gente si rapporta a lei; figuriamoci per uno che zoppica vistosamente… Una volta un’altra ragazza ebbe un infortunio e dovette usare una stampella per un po’ di tempo: mi confessò che la gente la guardava come un’appestata. Non so, possibile che dovunque io vada ci siano persone che non vogliono avere a che fare con chi ha una diversità? Dimmi un po’ quando hai avuto l’incidente? E da allora quante ragazze che prima dell’incidente non conoscevi hanno fatto sesso con te? Sii sincero perché, in tutto onestà dubito che la tua vita sia rimasta la stessa. Il tono di voce con cui la gente ti parla dovrebbe essere diventato abbastanza compassionevole. A presto
wender1978 wender1978 30/06/2012 ore 18.30.28
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Huckle,ti chiedo scusa se ti sei sentito offeso,ma preciso che non ho detto che tu sei o sembri un bambino.Ok,ti racconto...5 anni fa con un tuffo in piscina mi è esplosa la 5° vertebra cervicale con il risultato di essere diventato tetraplegico,che suppongo tu sappia cosa significa...altrimenti ti posso tranquillamente parlare dei particolari.
Ero sposato da 3 anni...ho fatto 18 mesi consecutivi di ospedale prima di rientrare a casa.Io e mia moglie ci siamo separati 6 mesi dopo il rientro.Il mio primo rapporto,non sessuale,ma con scambi di affetto e baci l'ho avuto quando ancora ero in ospedale,con una paziente (da lì ha avuto inizio il crollo del matrimonio).Dopodichè da metà 2009 ad oggi ho avuto rapporti sessuali completi con 3 ragazze.una di queste conosciuta anni prima,le altre 2 conosciute post incidente. Le ragazze con cui ho scambiato baci o diciamo 'palpate' sono state altre 3 conosciute sempre dopo. Mi è capitato di rifiutare anche delle attenzioni e mi è capitato di prendere dei pali galattici :incazzato . Come vedi non sono il chiavatore di Madrid :sbong . Credo più o meno di essere nella norma. La gente...mah,quelli che conoscevo mi trattano nello stesso modo...forse mi chiedono una volta in più se ho bisogno. Ad essere sincero di voci compassionevoli non ne ricordo. Sulle donne...nei rapporti avuti non ho dovuto 'convincere' nessuna di loro,perchè tutto è nato da una chiacchierata,poi una battuta e via dicendo...diciamo un pò come succede a tutti. Certo,io cerco sempre di mettermi nelle condizioni per me migliori.Ad esempio,quando esco cerco sempre luoghi in cui posso muovermi liberamente da solo e agilmente.E poi c'è una cosa che alle donne piace tantissimo...l'autoironia.E' grandiosa,perchè usi il tuo problema per farle ridere e contemporaneamente le fai sentire più a loro agio nei tuoi confronti.Però tutto parte da me...ora ti chiedo una cosa. Visto che, secondo te, ciò che vedono gli altri guardandoti non è colpa tua, mi spieghi come pensi di cambiare le cose e invertire questo trand negativo? Vorresti cambiare tutto il mondo? non credi sia più facile guardare dentro di te e prenderti le tue colpe? Mi spiace se in qualche modo ti offendo o ti ferisco,ma è così che le cose le cambi...aprendo gli occhi e sbattendoci la faccia. perchè se continui a pensare che sia colpa degli altri o dai colpa alla società o a chiunque tu voglia,le cose resteranno così...e sai meglio di me che la vita non è così lunga come sembra.
huckleberry huckleberry 01/07/2012 ore 14.22.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ Wender1978

Ma quali colpe devo prendermi? Io non voglio certo cambiare il mondo (allora, forse, dicendo questo ammetti che non è colpa mia). Poi, hai letto i miei post (e mi riferisco ad entrambi i forum)? Proseguo con un aneddoto: vado ad una festa e incontro un ragazzo a cui manca una gamba (lo conosco da tempo). Presto si finisce per discutere dei problemi che incontra chi ha un problema, ma mi dice che per lui va tutto bene e che probabilmente sono io che vivo male la situazione. Mi distraggo un attimo per salutare un po’ di gente e lui si dilegua. Nel frattempo vado in bagno e lo trovo lì che da pugni al muro, tanto da lasciarvi il sangue. Gli guardo le dita e scopro che al posto delle unghie e di tutta l’ultima parte di alcune dita (ossa comprese), ci sono dei ciccioli di carne. Gli chiedo spiegazioni e mi dice “La rabbia”. L’attività di prendere a pugni qualcosa va avanti da molto tempo perché non ci si può ridurre le dita in quel modo in una sera. Morale della favola: poco prima aveva bluffato. Negare il problema non lo risolve. Mi chiedo: premesso che non ho ragione di dubitare dei tuoi rapporti sessuali, stai negando anche tu il problema? Per concludere, dimmi, quali colpe devo prendermi? Ci tengo a sapere questa cosa. Vorrei tanto che dipendesse da me, almeno potrei fare qualcosa. A presto
wender1978 wender1978 01/07/2012 ore 16.00.37
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry: Allora...mi sto spiegando forse male. io non ho ammesso nulla...
Sto cercando,sarà durissima,di farti cambiare il punto di vista delle cose. Tu hai delle difficoltà nei rapporti con la società,giusto? ok,la domanda è questa. Sarebbe più facile cercare di cambiare il modo di vedere (a detta tua sbagliato) di 6 miliardi di persone o provare a lavorare su te stesso?
E' in questo senso che intendo dire che la colpa è tua...tu non potrai mai cambiare gli occhi della gente,ma puoi lavorare su ciò che possono vedere. Credi che io non abbia pianto da solo nella mia stanza?o che non abbia gridato o preso a pugni (per quel che posso) un tavolo per il nervoso?la prima volta che mi sono visto nudo allo specchio,sono stato male per i 3 giorni successivi...ma poi il tempo passa,va avanti e devi decidere cosa fare. Andrea,cosa vuoi fare?lo sfigato che si piange addosso di continuo?certo,potrei farlo se cercassi la pietà della gente...ma non è così. Mi guardo e dico...va bene,questa è la mia nuova forma,ammetto che rispetto alla prima mi fa cagare...ma mi convinco che il meglio è dentro di me. A proposita,una cosa che io non faccio assolutamente è parlare di me e delle mie condizioni a meno che non me lo chiedano espressamente...
Una domanda...da quanto tempo hai questo problema?
huckleberry huckleberry 02/07/2012 ore 15.14.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ Wender1978

Ciao, comincio rispondendo alla tua domanda conclusiva: ho questo problema da quando avevo pochi mesi. Ma veniamo a noi: finalmente siamo sulla buona strada, nel senso che hai cominciato ad ammettere le difficoltà dell’handicap. Per il resto, ti assicuro che non è dura farmi capire che bisogna lavorare su sé stessi: lo sto facendo da anni. Per quanto attiene agli altri, ogni tanto mi capita di uscire con delle persone e noto una superficialità palpabile, anche se non sono cattivi. Gli ultimi arrivati, con cui ho seguito l’europeo, non li ho mai sentiti parlare di qualcosa di serio: questi ragazzi sembrano non avere spazio per la loro interiorità, anche se sono problematici; classico caso, quello di una ragazza del gruppo che si fa problemi perché deve perdere peso (fisicamente, però, è davvero bella!). Perdipiù, il suo fidanzato, anziché rassicurarla, accentua il problema; questi casi sono diffusi, ma poi, se si tratta di uscire con me, che nelle relazioni do sempre il meglio, le donne scappano via – e ti assicuro che con me 8 ragazze su 10 si potrebbero sentire principesse. Ora, la cosa che mi preoccupa di più è che questo è un andazzo generale che pervade un po’ tutta la società. E' difficilissimo trovare persone in gamba e, soprattutto, mi sembra che le persone non abbiano voglia di approfondire i rapporti, di conoscersi davvero; poi ci lamentiamo di separazioni e divorzi. Con gli amici le cose vanno meglio, ma il problema di fondo rimane: la gente non vuole avere a che fare con me perché offro loro il penoso spettacolo delle gambe che camminano male. Non mi resta che continuare a cercare. A presto

huckleberry huckleberry 03/07/2012 ore 07.25.47 Ultimi messaggi
ballalinda81 ballalinda81 25/08/2012 ore 02.23.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

ciao huckleberry sono molto d' accordo per il sesso e la disabilita, anche io ho problemi con i ragazzi, perche sono disabile, perche ho un problema occhio, e mi schifino, perche vorrebbero la ragazza perfetta senza difetti........nn buttutarti giu mi raccomando.... alla prossima
an.imagemella an.imagemella 28/08/2012 ore 05.37.07
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

london.cat scrive:
Intendo dire che anche l'altra ersona a volte non la fa facile...teme il pregiudizio, teme cosa diranno gli altri.
parlo della mia esclusiva esperienza

è VERO la fa' molto difficile e devi essere tu, non disabile a cercare di tutto per fare stare tranquillo la persona! anch io ho avuto un esperienza con una ragazza del genere disabile, con una gamba completamente distrutta dal ginocchio al piede, una cosa che farebbe impressione a molti ma che a me dava tanta ricchezza reciproca nell aiutarsi a vicenda.
è dalle avversita' che si cresce anche noi cosi' detti normali, aiutando queste persone soprattutto psicologicamente, invece di demoralizzarle...
sentirsi dire da certi amici di 25 anni: che stai ancora con "zampa di cotechino"?
credo che l avrei dovuto ammazzare ma non l ho fatto e gli ho risposto con un sorriso dritto dritto verso la sua faccia di merda, a fargli capire che non mi fa' caldo ne freddo delle parole dette da imbecilli come lui! perche' è quella la reazione che ognuno di noi dovrebbe fare alla provocazione dell altro, un sorriso e nient altro perche' le parole per lui, come ha dimostrato, non possono pesare per lui quanto possono pesare invece per chi c' è dentro nella situazione e a rispondere alle provocazioni di un provocatore, fai proprio il suo gioco, quello che si aspettava...
Comunque vivetevi la vita serena disabili, non c'è motivo di sentirsi meno che di noi... siamo tutti uguali e basta
un augurio di buona felicita' per tutti i disabili!
an.imagemella an.imagemella 28/08/2012 ore 05.45.55
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry:
vorrei dirti solo questo: anche per i cosi' detti normali è molto difficile oggi come oggi trovare una persona che ti stia accanto e che ti voglia bene per quello che sei!
la vita è difficile per tutti, siamo tutti "disabili" in amore... ti immagini per una donna che generalmente è il sesso piu' debole, se va' incontro ai problemi che gia' sono in evidenza!ma ti pare!
infatti mi sono stupido di aver letto di una donna che è andata incontro ad un uomo disabile,ma boh! sara' vero???
se è vero, "tanto di cappello" a questa donna che dimostra di avere sensibilita', coraggio e tutte le piu' grandi virtu' che un uomo o una donna puo' avere!
an.imagemella an.imagemella 28/08/2012 ore 06.06.50
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

huckleberry scrive:
E' difficilissimo trovare persone in gamba e, soprattutto, mi sembra che le persone non abbiano voglia di approfondire i rapporti, di conoscersi davvero; poi ci lamentiamo di separazioni e divorzi.

è la stessa frase che ho detto migliaia di volte anch io... le donne cercano il meglio per se' non cercano certamente il conoscersi davvero, amano la liberta', amano stare su pensieri non concreti ,dettati solamente dalla passione del momento e nient altro!
e questa purtroppo è la generalita' che va di certo a compromettere le persone veramente per bene.
un consiglio che ti do' è quello di smettere di cercare l amore... l amore arriva solo a chi se lo merita ormai... "tutti i nodi vengono al pettine"!
huckleberry huckleberry 06/09/2012 ore 01.00.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ ballalinda81

Ciao, che problemi hai all'occhio (spero che non sia un problema parlarne). Non mi scoraggio facilmente, ma ti ringrazio lo stesso della tua premura nel cercare di tirarmi su il morale. Spero che non trovi lunghi i miei post, voglio raccontarti l'ultima chicca di una serie di discriminazioni. Durante le ferie, ad Agosto, ero a cena con alcuni ragazzi che vedo d'estate e che conosco da anni; ad un certo punto, come un fulmine a ciel sereno, è tuonata la voce di uno di loro che ha chiesto ad alta voce: mi raccomando accuditemi Hucleberry (ho usato il mio nickname, ma il significato è lo stesso). Ho preferito non replicare, lì per lì, in attesa di farlo dopo cena, anche se poi ho dovuto rimandare a causa di un contrattempo. La replica è prevista per Natale. Io non sono un bambino, vorrei che il mondo lo capisse: ho 36 anni e mi sento più maturo della media. Dammi tue notizie, Huck
PeNnYrOyAlTeA PeNnYrOyAlTeA 08/09/2012 ore 03.05.45 Ultimi messaggi
piccola1967 piccola1967 15/09/2012 ore 21.22.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

salve,sono una che considereste normale,ma vi assicuro che le donne o perlomeno io mi innamoro di una persona perche mi colpisce,mi affascina qualcosa di lui del carattere.il bel visino lo guardiamo tutte ma se poi non c e altro cosa ci fai? una notte poi ti saluto.se ti innamori i problemi fisici si superano,nessuno dice che sara tutto facile ma se fosse cosi pensate che noia nella vita.puntate su voi stessi, credete in voi e in cio che valete,ma davvero vi interesserebbe uscire con una ragazza tanto carina che guarda portafoglio ,auto e il capello biondo????le decelebrare mentali sono loro.....ciao francesca
17011297
salve,sono una che considereste normale,ma vi assicuro che le donne o perlomeno io mi innamoro di una persona perche mi...
Risposta
15/09/2012 21.22.04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
huckleberry huckleberry 17/09/2012 ore 20.14.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ piccola1967

Cara Francesca, i miei post sono lunghi perché, al contrario di come avviene di solito, mi batto per risolvere i problemi. Nel mio caso ho una lieve difficoltà a camminare, ma ti assicuro che è abbastanza perché le persone scappino via. Punto su me stesso, d'accodo, ma qualunque cosa faccia per stare con gli altri, ho sempre la strada sbarrata o, nella migliore delle ipotesi, irta e piena di ostacoli. Vorrei tanto incontrare persone capaci di andare oltre il mio lieve difetto fisico, ma ce ne sono davvero poche. In ogni caso, ti garantisco che continuerò a cercare e non mi arrenderò mai. Da dove mi scrivi? Facciamo amicizia? Ci sei in chat? A presto
17016224
Cara Francesca, i miei post sono lunghi perché, al contrario di come avviene di solito, mi batto per risolvere i problemi. Nel...
Risposta
17/09/2012 20.14.29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
piccola1967 piccola1967 22/09/2012 ore 14.46.34 Ultimi messaggi
12TIZY 12TIZY 16/10/2012 ore 22.45.07 Ultimi messaggi
segnala

Serenore :sesso e disabilita

MI CHIAMO TIZIANA MARIA GIORGIO ED ABIRTO A SANT’AGATA DI MILITELLO PROVONCIA DI MESSINA.
MI FA PIACERE . IO HO PENSATO CHE TU NON TI PREOCCUPARE DI ME CHE SN AUDIOLESA. SONO TIPO MOLTO TRANQUILLA , SIMPATICA E SEMPRE DA UNA VITA CHE SONO SEMPRE FELICE DI ASCOLTARE E PARLARE CON TANTO INTERESSE. SONO RAGAZZA CHE PARLO BENE COME TUTTE LE PERSONE NORMALE E SONO BUONA ,INTELLIGENTE E NON SONO PAZZA E NON PARLO CON LE MANI SEGNI XCHè NON MI PIACE. IO HO AMICI UTENTI TANTISSIMI. IO ESCO CON I MIEI AMICI ....
SE TU MI VUOLE A ME? MI FA PIACERE SE POSSIAMO MANDARCI QUALCHE MESSAGGI OGNI TANTO E ANCHE SE POSSIAMO QUALCHE CHIAMARE UN PO CHE IO SENTO X IL CELL UN PO.. SE TU VUOI CONOSCERMI SI POSSIAMO VEDERE. CMQ...IO NON TROVO UOMO GIUSTO . SONO UN RAGAZZA DOLCE CERCO UN RAGAZZO CHE PRINCIPALMENTE MI VOGLIA BENE E POI SE SUCCESSIVAMENTE CI BIACIAMO CI FIDANZIAMO NON MI INTERESSA L'ETà L’IMPORTANTE E CHE MI VOGLIA BENE CONTATTATEMI IN TANTE VI ASPETTO SONO ANCHE SU FACEBOOK (IL MIO PROFILO:GIORGIO TIZIANA MARIA.) MI MANDI SMS IL MIO NUMERO CELL. WIND….3804697849 CMQ....MI PIACE ANDARE AL CINEMA E ANCHE MI PIACE ANDARE IN VIAGGIO ECC,...!!! CIAO A RISENTIRCI ..
SE VUOI ...CI VEDIAMO !!!.

M.ynameisNobody M.ynameisNobody 09/01/2013 ore 22.54.58 Ultimi messaggi
segnala

Serenoamo un disabile ma lui non lo sa

Ciao a tutti, sono una donna di 50 anni
ho conosciuto un uomo che e in carrozzina e mi sono innamorata. In che modo dirglielo!
IlTu.lipanoNero IlTu.lipanoNero 12/01/2013 ore 18.14.14 Ultimi messaggi
huckleberry huckleberry 13/01/2013 ore 17.20.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ M.ynameisNobody

Ciao, credo di doverti aiutare a riflettere su quello che provi per quest'uomo sulla sedia a rotelle. Perché hai difficoltà a dirglielo? Sei timida? Se il problema è questo, fatti coraggio. Se invece non sei timida, il problema è che hai difficoltà a dirlo a lui, e questo dipende dal suo difetto fisico. Lo compatisci? Oppure provi forse qualche sentimento a cui non riesci a dare un nome? Se è così, prima di dirglielo, cerca di accettare la compassione che provi verso di lui e portala a livello della coscienza; poi affrontala. Ricorda che la compassione non è amore e che, almeno personalmente, piuttosto che andare al letto con una donna sapendo che mi compatisce o vuole farmi da mamma, preferisco starmene da solo e masturbarmi (si tratta pur sempre di fare l'amore con sé stessi). Dopo che avrai capito quello che provi veramente (e insisto: la compassione non è amore), potrai dirglielo. Altrimenti, forse è meglio non farlo. Tienimi al corrente di ulteriori sviluppi. A presto
debbylu debbylu 31/01/2013 ore 15.03.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

ciao a tutti scusate il disturbo sono laureata alla specialistica in psicologia clinica e ho fatto una tesi sperimentale sulla disabilità e gli assistenti sessuali per tutto il mondo.
cerco chi disposto in forma anonima un disabile disposto a raccontare una propria esperienza con una lavoratrice del sesso o un lavoratore del sesso,dovrei passare il contatto ad un giornalista di panorama e cerco anche un genitore disposto a raccontare la propria esperienza
se qualcuno fosse interessato può contattarmi
grazie
Ultimo.AVATAR Ultimo.AVATAR 07/02/2013 ore 13.14.51 Ultimi messaggi
huckleberry huckleberry 10/02/2013 ore 12.59.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Dalla padella nella brace....

@ Ultimo.AVATAR

Trovo sconfortante leggere l'articolo sull'assistente sessuale: significa ghettizzare ancora di più chi ha un problema. Non mi stancherò mai di dire che la società deve fare in modo che gli handicappati escano di casa e vadano a godersi la vita.
17337747
@ Ultimo.AVATAR Trovo sconfortante leggere l'articolo sull'assistente sessuale: significa ghettizzare ancora di più chi ha un...
Risposta
10/02/2013 12.59.08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
M.ynameisNobody M.ynameisNobody 11/02/2013 ore 00.28.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Il mio fidanzato prima camminava e stata una bella storia d'amore per 2 anni. Poi io lo lasciato perchè non mi sentivo pronta a convivere con lui. Dunque ci siamo lasciati...Dopodichè, lui causa malattiacromosoma X e rimasto sulla sedia a rotelle...io lo amo ancora, ma lui dice che ora vuole solo amicizia con me...perchè lui ora deve stare bene con se stesso. Gli ho fatto capire in tutti i modi che lo amo ancora nonostante la sedia a rotelle. Ma lui pare non avere un gran interrese. La mia domanda: Dato che lui e da circa 6 mesi in sedia a rotelle forse non mi vuole perchè lui non si sente piu uomo abbastanza? Attendo le vostre esperienze vissute....
huckleberry huckleberry 12/02/2013 ore 22.19.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilità

@ M.ynameisNobody

Cara ragazza,
Da sempre noi uomini siamo chiamati a vincere, a dimostrare di essere i più forti, altrimenti non siamo degni di questo nome (uomini). Perdipiù, come io ho sottolineato più volte in questa ed altre discussioni, noi portatori di handicap siamo considerati come bambini toppo cresciuti, e la nostra sessualità viene banalizzata o addirittura ignorata. Di solito si nasce bambini e poi si diventa adulti, ma questa volta le cose sono andate diversamente: il tuo uomo, da uomo che era (agli occhi degli altri, almeno), ormai è diventato bambino. Come ha reagito la sua famiglia? Soprattutto nel sud e in alcune culture tradizionaliste questo atteggiamento materno – assolutamente non richiesto – viene esasperato, e ti assicuro che è terribilmente mortificante. Tu gli hai forse mostrato istinto materno? Sono tutte domande che devi porti se vuoi davvero tornare a vivere con lui. Parla con lui di tutte queste cose, poi fammi sapere. A presto
Meis.Adriano Meis.Adriano 19/08/2014 ore 12.45.14
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ M.ynameisNobody: Diglielo. ^__°
nicolaPC nicolaPC 22/11/2014 ore 16.50.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

eccomi anche qui,questo forum fa anche lui al caso mio:MONDO DIVERSAMENTE ABILE,io sono uno di quelli,però mentale non fisico!anche se a questo punto se fossi obbligato a scegliere tra i due avrei preferito allora essere fisico invece che mentale.ovviamente avrei desiderato tanto essere nato e cresciuto ABILE!sia fisicamente che mentalmente!cosa che purtroppo ho scoperto con grande orrore e rabbia che non era affatto così nel mio caso!penso che sappiate già la mia il mio caso o meglio chi sono io,ormai ciò 27 anni e...sono single e vergine da sempre!non ho mai avuto amici,non ciò il fisico e non sono intelligente!questo lo avrete sicuramente intuito,visto che sono un diversamente abile mentale o disabile psichico che è più o meno lo stesso.sono pieno di problemi psicologici e insicurezze,infatti io soffro di:venustrafobia,agorafobia ed'emetofobia!cazzo le fobie più gravi o maledette ciò!!riguardo appunto agli amici,alla ragazza e l'intelligenza,queste sono i 3 motivi principali del perchè non li ho,per il fatto che sono un diversamente abile!e sulla ragazza o ragazze e gli amici io parlo di quelle e quelli normali,abili!se ora io fossi stato ABILE e non DIVERSAMENTE ABILE a quest'ora la mia vita sarebbe completamente diversa cari miei!diversa in modo positivo intendo!e avrei amici,ragazze e sicuramente anche successo!l'incubo che per tutta la vita sarà così è che purtroppo i diversamente abili valgono di meno degli abili!e questo non è affatto giusto!
huckleberry huckleberry 06/12/2014 ore 18.55.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Caro Nicola, non perdere la speranza, rivolgiti a degli specialisti per delle terapie mirate; un terapeuta saggio cercherà nella tua infanzia dei traumi scatenanti e magari ti curerà con quello che viene chiamato rinforzo viscerale. A presto
nicolaPC nicolaPC 14/01/2015 ore 15.48.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)IL DISABILE MENTALE vs LA SOCIETÀ E IL MONDO DI OGGI

ciao hucklberry sono io,visto che sul post sei quello che risponde di più nel senso che sei quello con più commenti ho deciso di parlare con te,e anche io scrivo abbastanza tanto,riguardo alla disabilità mentale o fisica,visto che io sono affetto da disabilità mentale visto che infatti non ho fatto le medie,ho frequentato foyer e alle elementari avevo già parecchie difficoltà anche avendo il maestro a fianco che cercava di spiegarmi che poi ero l'unico ad'avere molte difficoltà e ad'avere spesso il maestro appiccicato per cercarmi di essere più sicuro nel riuscire nei compiti,al contrario tutti gli altri,ok 2 o 3 erano un pochino imbranatelli in qualche materia,c'era il secchione e poi tutti gli altri:regolari,ne secchioni ne imbranatelli,però la differenza tra loro e me qual'è?già lo devo proprio dire,la differenza purtroppo è che io...ero un diversamente abile.gli imbranatelli non erano e non sono ancor oggi diversamente abili,il secchione nemmeno anzi,lui era ed'è un superdotato(più alto del normodotato).semplicemente gli imbranatelli non ascoltavano ogni giorno oppure se ne fregavano di studiare,ma erano ABILI,la gran fortuna che hanno avuto e per tutta la vita durerà.alla fine sono stato promosso comunque anche se andavo male,poi dopo qualche anno o 2 la menata peggiore:6 INSUFFICIENZE in prima media gravesano/lamone!ovviamente ero il diversamente abile della classe anzi della scuola,solo...che ancora non lo sapevo,spesso sfottuto e scartato da certi compagni alcune anche RAGAZZE.da lì che ha fine anno son stato spazzato via e mandato alle scuole...forse hai capito ma mi vergogno a scriverlo,di BESSO/LUGANO!lì poi al piano di sopra c'erano le medie,diciamo:i superiori!quelli di valore!perforza,erano ABILI,noi invece al piano sotto DIVERSAMENTE ABILI!anche lì che poi la maggioranza delle RAGAZZE,erano TROIE!anche lì derisioni,sfottimenti ecc molto più che a gravesano!le ragazze che erano quasi tutte belle e sexy che già a quell'età mi arrapavano, indovina quando ero in ricre,con chi amoreggiavano/sbaciucchiavano?sì proprio così,coi loro ragazzi bulli,piazzati fisicamente e magari con i voti migliori.io ne ero e ancor oggi sono molto molto geloso e allo stesso tempo ora provo paura e rabbia sia verso tutte ste persone abili sopprattutto verso ragazze e donne e anche con me stesso,per via di come sono nato.comunque è da lì che piano piano ho scoperto con l'orrore e di conseguenza poi di rabbia più puro di essere e di essere nato da:DISABILE MENTALE.adesso 27enne,SINGLE e VERGINE,in solitudine da almeno 10 anni e chiuso in camera mia giorno e notte e questo per scelta mia e penso che mi capisci e mi capite,non m'interessa andare al cinema,al lido e in discoteca!!perchè mi vergogno di me e perchè ci sono molti giovani"tra loro belle ragazze"quindi voglio evitare tutto,anche se mi arrapano e attraggono se vado in quei posti lo so ma non voglio che mi vedono,visto che so già che al mondo ci sono milioni di ragazzi meglio di me,e comunque io sono un...avete capito. e sto nella mia camera all'oscurità a dondolarmi nel letto ,giocando alla ps3 e stando al pc guardando film e masturbandomi guardando foto di belle ragazze troie/zoccole.e sono da solo,tranquillo e a mio agio.e ogni giorno mi faccio queste domande: "il disabile sia fisico sia mentale,può piacere/avere o magari anche soltanto essere rispettato da...una ragazza normodotata?" "il disabile può avere...amici normodotati?" "il disabile,come fanno verso il normodotato, può essere preso in considerazione/atteggiato con i normali modi di parlare da i normodotati?" "il disabile può valere come tutti i normodotati?".io mi faccio sempre ste domande,io rispondo sempre:spero di sì,sarebbe troppo meraviglioso per essere vero ma...concludo con forte drammaticità dicendo che purtropo non è possibile o difficilmente è possibile che sia così!sopprattutto la prima e l'ultima domanda tra le virgolette. e lo dico,per me e credo per chiunque viva la vita da disabile,IL RICCO non è solo esclusivamente uno che cià tanti soldi,ma è già solo uno che è NORMDOTATO,anche se ha zero soldi nel suo conto. e a sto punto ti do completamente ragione riguardo le prostitute,direi che persino una prostituta storcerebbe il naso davanti a un disabile. e ti dirò e lo dico a tutti,A STO PUNTO AVREI PREFERITO ESSERE GAY MA NORMODOTATO PIUTTOSTO CHE VIVERE QUESTA VITA DA DISABILE MENTALE!purtroppo è l'orrore puro essere un disabile,perchè non hai solo il problema di essere disabile ma perchè essendo disabile ti nascono tutti gli altri problemi/angosce/insicurezze ecc,venendo poi derisi/sfottuti,senza amici senza ragazze/donne e tutto il quant'altro che invece persino un normodotato imbranatello è sempre avvantaggiato in confronto al disabile.purtroppo i diversamente abili valgono di meno degli abili. ecco per ora finisco qui,ho scritto diciamo il mio riassunto sulla mia adolescenza riguardante la diversità.
huckleberry huckleberry 29/01/2015 ore 12.27.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Sesso e disabilità

Caro NicolaPC, intanto scrivi molto bene se è vero che sei disabile mentale, e credo che tu possa migliorare; in secondo luogo, credimi, arrendersi non serve a niente. Peccato non essere vicini, mi piacerebbe darti una mano, ma la distanza non aiuta. Ti suggerisco di uscire dalla camera- rifugio e di affrontare la vita, anche se è dura. Il primo passo da fare è uscire a fare colazione al bar a giorni prestabiliti, che so, il mercoledì mattina, anche sul tardi, quando al bar c'è poca gente. Credo sia meglio dei posti molto affollati perché l'impatto con il mondo è preferibile ce avvenga piano piano; poi, con il tempo, potrai uscire dal tuo isolamento. Abbi pazienza e ricorda che il viaggio più lungo comincia sempre dal primo passo. Rivolgiti a dei medici e fatti consigliare il da farsi: non so bene in cosa consiste la tua disabilità, ma ti assicuro che la medicina fa passi da gigante perciò tanto vale provarci. Ti suggerisco di guardare il film La leggenda del pianista sull'oceano, di Tornatore. Dopo che lo avrai visto, riscrivimi e ti darò altri suggerimenti. Do sempre una mano quando posso e ti assicuro che puoi contare su di me. Scrivimi, da oggi, se vuoi, hai un amico.

Dammi tue notizie,

Huck
Diver.samenteabile Diver.samenteabile 18/03/2015 ore 12.56.52 Ultimi messaggi
Diver.samenteabile Diver.samenteabile 18/03/2015 ore 13.07.04 Ultimi messaggi
Diver.samenteabile Diver.samenteabile 18/03/2015 ore 13.10.39 Ultimi messaggi
Ioamolachiesa Ioamolachiesa 20/04/2015 ore 13.13.07 Ultimi messaggi
83niky 83niky 27/07/2015 ore 13.29.26
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Io credo che i primi a farsi seghe mentali siete voi(cioè noi disabili)io sin dal primo giorno non me ne sono mai fatte e forse la gente intorno a me lo recepisce...e per questo non ho mai avuto nessun tipo di problema...rimorchio e vengo rimorchiato....ovviamente parlò con chi ha il mio stesso grado di disabilità...cmq sia...fidatevi...lasciatevi andare...e buon sesso a tutti!!!
WheelchairMan WheelchairMan 02/08/2015 ore 21.15.26 Ultimi messaggi
segnala

SerenoRE: sesso e disabilita

Salve a tutti, mi chiamo Cristian e dico la mia. sono tetraplegico da 10 anni a causa di un incidente. Avevo 14 anni, ho perso tutti gli amici tranne un paio. Ma ho continuato a vivere, mi sonno diplomato e mi sono iscritto all'università. mi sono innamorato e ho avuto una storia con una ragazza per circa 2 anni, è finita male a causa di incomprensioni di carattere generale, il sesso andava ala grande. mi sono trasferito da solo per seguire l'università e mi sono ricreato amicizie e una vita. La cosa che voglio sottolineare è che diversamente abili non significa non fare le cose, significa fare le cose in maniera diversa. Il sesso ad esempio anche se non potrà mai essere come prima non significa che non possa essere altrettanto piacevole, sia per se stessi che per il partner (sapevate che esiste il kamasutra per disabili?). Il pregiudizio non deve esistere da entrambe le parti, da un lato il normodotato non deve precludersi la possibilità di conoscere e apprezzare una persona che anche se disabile può offrire l'immensità, dall'altro lato il disabile non deve chiudersi e allontanare le persone con un'atteggiamento scettico. Siamo tutte persone con più o meno difficoltà che vivono la vita secondo i loro ritmi ed esigenze, precludersi la possibilità di conoscere un altra persona ci impedisce di arricchire noi stessi. Tornando al tema della disabilità e sessualità dico che secondo me il problema nasce da una ignoranza generale di fondo riguardo questo immenso mondo. Esistono migliaia di tipi di disabilità e solo alcune sono così gravi da non permettere una vita sessuale normale. Invito tutte le persone disabili a mettersi in gioco e farsi conoscere e invito i cosiddetti normodotati a liberarsi dal pregiudizio e l'ignoranza che hanno. E ricordatevi che gli stronzi sono dappertutto, non c'è differenza fra normo e non. Scusatemi per essermi dilungato, spero di aver dato un contributo soddisfacente alla discussione. Ciao!
Anita4060 Anita4060 15/10/2015 ore 15.12.35
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Ciao a tutti, sperando che ancora ci sia qualcuno che legge questa discussione... :)
Vi scrivo alla ricerca di un consiglio, anche se non so quanto potrebbe servirmi dato che ogni persona è unica, ma confrontarsi non ha mai fatto male a nessuno.
Da circa 4 mesi mi sto frequentando con un ragazzo tetraplegico (lesione C4 completa, quindi non muove le mani e solo pochissimo le braccia) da circa 10 anni, quindi da quando lui aveva 17 anni. Da quando si è fatto male non ha mai avuto una ragazza e praticamente tutti i suoi amici si sono volatilizzati. Un branco di stronzi, a mio parere, ma fatto sta che lui è rimasto bene o male da solo e si è abituato alla sua routine e alla compagnia di un paio di amici fidati e di sua madre (che è l'unica che si prende cura di lui). Io sono davvero presa, lui è intelligente, ha un senso dell'umorismo meraviglioso e quando vuole è molto molto dolce. Sono stata la prima con cui ha sperimentato il sesso dopo l'incidente e anche la prima con cui è andato in vacanza senza la madre (ho imparato a fare più o meno tutto, dai trasferimenti letto-carrozzina agli svuotamenti etc). Il punto è che vedo che man mano che la storia va avanti, più lui si chiude e ha dei dubbi, e diventa scostante e mi fa battute anche acide sul fatto che ho pessimi gusti in fatto di uomini e che mi sono scelta un paziente e che non sa se sarà in grado di essere un buon fidanzato perchè ormai ha imparato a stare da solo e ad essere egoista. Io gli ho detto e dimostrato più volte che non intendo andarmene e che mi piace per come è, nonostante le evidenti difficoltà che si potranno dover affrontare, ma non mi sembra che mi ascolti davvero. Avete consigli per me? Scusate per il papiro...
Giovanna.74 Giovanna.74 20/11/2017 ore 11.56.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Posso solo portare la mia esperienza, spero posso essere utile.
Ho un compagno che ha avuto molti anni fa un incidente e utilizza la sedia a rotelle.
Ci siamo conosciuti che lui era già così.
E' paraplegico, io no.
Io cucino bene, lui no.
Io ho i capelli biondi, lui no.
Io porto gli occhiali, lui no.
Lui mangia la carne, io no
Lui russa, io no, solo qualche volta.
Lui ha gli occhi verdi/nocciola, io no.
Insieme, ridiamo, scherziamo, ci abbracciamo, guidiamo, andiamo a fare la spesa, mangiano, lavoriamo in giardino, facciamo l'amore.
Il problema non credo siano le differenze, ma ciò che ci unisce.
L'amore che abbiamo l'uno per l'altra innanzitutto, e basta per affronta ogni cosa.
19696733
Posso solo portare la mia esperienza, spero posso essere utile. Ho un compagno che ha avuto molti anni fa un incidente e utilizza...
Risposta
20/11/2017 11.56.53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Domdim Domdim 10/12/2017 ore 04.39.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Salve a tutti,io mi chiamo Dimitri e sono disabile,da 5 anni vivo solo impossibilitato a muovermi al letto a vita per una paralisi....posso muovermi ma poco,posso fare piccole cose come cucinare,ho una badante,cerco donna pari requisiti,nn importa la bellezza o se sei in un polmone dacciao limportante é lanima

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.