Over 40

Over 40

Popolo degli "anta" fate sentire la vostra voce!

FIOREdiSTELLA FIOREdiSTELLA 29/10/2007 ore 12.53.32
segnala

(Nessuno)rosa, rosae, rosam


:rosa :rosa :rosa :rosa

:rosa :rosa :rosa :rosa



aspetta un po' che mi anticipo.....

:rosa
dante.io dante.io 29/10/2007 ore 12.57.45
segnala

ImpressionatoRE: rosa, rosae, rosam


cielo d'alcamo

«Rosa fresca aulentisima ch'apari inver' la state,
le donne ti disiano, pulzell' e maritate:
tràgemi d'este focora, se t'este a bolontate;
per te non ajo abento notte e dia, 5
penzando pur di voi, madonna mia».

«Se di meve trabàgliti, follia lo ti fa fare.
Lo mar potresti arompere, a venti asemenare,
l'abere d'esto secolo tuto quanto asembrare:
avere me non pòteri a esto monno; 10
avanti li cavelli m'aritonno».

«Se li cavelli artóniti, avanti foss'io morto,
ca'n isi mi pèrdera lo solacco e 'l diporto.
Quando ci passo e véjoti, rosa fresca de l'orto,
bono conforto dónimi tutore: 15
poniamo che s'ajúnga il nostro amore».

«Che 'l nostro amore ajúngasi, non boglio m'atalenti:
se ci ti trova pàremo cogli altri miei parenti,
guarda non t'argolgano questi forti corenti.
Como ti seppe bona la venuta, 20
consiglio che ti guardi a la partuta».

«Se i tuoi parenti trovami, e che mi pozzon fare?
Una difensa mètonci di dumili' agostari:
non mi tocara pàdreto per quanto avere ha 'n
a Deo! 25
Intendi, bella, quel che ti dico eo?»

«Tu me no lasci vivere né sera né maitino.
Donna mi so' di pèrperi, d'auro massamotino.
Se tanto aver donàssemi quanto ha lo Saladino,
e per ajunta quant'ha lo soldano, 30
tocare me non pòteri a la mano».

«Molte sono le femine c'hanno dura la testa,
e l'omo con parabole l'adímina e amonesta:
tanto intorno procazzala fin che·ll'ha in sua podesta.
Femina d'omo non si può tenere: 35
guàrdati, bella, pur de ripentere».

«K'eo ne pentésseme? davanti foss'io aucisa
ca nulla bona femina per me fosse ripresa!
ersera passàstici, corenno a la distesa.
Aquístati riposa, canzonieri: 40
le tue parole a me non piacion gueri».

«Quante sono le schiantora che m'ha' mise a lo core,
e solo purpenzànnome la dia quanno vo fore!
Femina d'esto secolo tanto non amai ancore
quant'amo teve, rosa invidïata: 45
ben credo che mi fosti distinata».

«Se distinata fósseti, caderia de l'altezze,
ché male messe fòrano in teve mie bellezze.
Se tuto adiveníssemi, tagliàrami le trezze,
e consore m'arenno a una magione, 50
avanti che m'artochi 'n la persone».

«Se tu consore arènneti, donna col viso cleri,
a lo mostero vènoci e rènnomi confleri:
per tanta prova vencerti fàralo volontieri.
Conteco stao la sera e lo maitino: 55
Besogn'è ch'io ti tenga al meo dimino».

«Boimè tapina misera, com'ao reo distinato!
Geso Cristo l'altissimo del tuto m'è airato:
concepístimi a abàttare in omo blestiemato.
Cerca la terra ch'este grane assai, 60
chiú bella donna di me troverai».

«Cercat'ajo Calabra, Toscana e Lombardia,
Puglia, Costantinopoli, Genoa, Pisa e Soria,
Lamagna e Babilonïa tuta Barberia:
donna non trovai tanto cortese, 65
per che sovrana di meve te prese».

«Poi tanto trabagliàsti, facioti meo pregheri
che tu vadi adomànimi a mia mare e a mon peri.
Se dare mi ti degnano, menami a lo mosteri,
e sposami davanti da la jente; 70
e poi farò le tuo comannamente».

«Di ciò che dici, vítama, neiente non ti bale,
ca de le tuo parabole fatto n'ho ponti e scale.
Penne penzasti metere, sonti cadute l'ale;
e dato t'ajo la bolta sotana. 75
Dunque, se poi, tèniti villana».

«En paura non metermi di nullo manganiello:
istòmi 'n esta grorïa d'esto forte castiello;
prezzo le tuo parabole meno che d'un zitello.
Se tu no levi e va'tine di quaci, 80
se tu ci fosse morto, ben mi chiaci».

«Dunque voresti, vítama, ca per te fosse strutto?
Se morto essere déboci od intagliato tuto,
di quaci non mi mòsera se non ai' de lo frutto
lo quale stäo ne lo tuo jardino: 85
disïolo la sera e lo matino».

«Di quel frutto non àbero conti né cabalieri;
molto lo disïano marchesi e justizieri,
avere no'nde pòttero: gíro'nde molto feri.
Intendi bene ciò che bol dire? 90
Men'este di mill'onze lo tuo abere».

«Molti so' li garofani, ma non che salma 'nd'ài:
bella, non dispregiàremi s'avanti non m'assai.
Se vento è in proda e gírasi e giungeti a le prai,
arimembrare t'ao ste parole, 95
ca detr'a 'sta animella assai mi dole».

«Macara se doléseti che cadesse angosciato:
la gente ci coresoro da traverso e da·llato;
tut'a meve dicessono: 'Acori esto malnato'!
Non ti degnara porgere la mano 100
per quanto avere ha 'l papa e lo sodano».

«Deo lo volesse, vitama, te fosse morto in casa!
L'arma n'anderia cònsola, ca dí e notte pantasa.
La jente ti chiamàrono
geum geum 29/10/2007 ore 12.58.48 Ultimi messaggi
geum geum 29/10/2007 ore 13.00.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: rosa, rosae, rosam


Cià Dà mannaggia a te x un secondo

me hai sotterrato co' 'sta divina commedia

su le rose ;-(

vabbeee :ciao


dante.io dante.io 29/10/2007 ore 13.08.09
segnala

(Nessuno)RE: rosa, rosae, rosam


lo ammetto: e' stato un colpo basso

:-)))
zeus456 zeus456 29/10/2007 ore 13.12.57 Ultimi messaggi
DuPalle DuPalle 29/10/2007 ore 13.19.17 Ultimi messaggi
FIOREdiSTELLA FIOREdiSTELLA 29/10/2007 ore 14.10.07
segnala

(Nessuno)RE: rosa, rosae, rosam


Toh! Federico II in favore delle donne!!!! pore rose!!!!

:-)))
fragolasenzapanna fragolasenzapanna 29/10/2007 ore 14.12.27
segnala

(Nessuno)RE: rosa, rosae, rosam

rosarum rosis rosas

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.