Over 40

Over 40

Popolo degli "anta" fate sentire la vostra voce!

taty39 10/03/2015 ore 10.45.38 Ultimi messaggi
segnala

TristeInverno ...



Nebbia!

Lontano,dove tra spazi infiniti
l'orizzonte, finisce in mare
nel cielo grigio
le ultime nuvole si fanno nebbia
come fumo a sparire

irresistibile la nenia del vento
culla e trascina le anime nell'oblio
lambisce le ferite dei cuori

Infreddolite e cupe
notti e albe rassegnate
si avvicendano, lasciandosi trascinare
nei ricordi lontani
sulle spiagge dorate e bugiarde dell'estate

il pensiero corre,viaggia nel tempo
mentre la nebbia, scivola dentro come veleno senza pietà
felice ,di aver mutato tante storie
in arbusti da bruciare
sull'altare del niente,lontano...

Sola,perfida vincitrice di guerre ripetute
mai finite.

G.B.

:rosa
8297499
Nebbia! Lontano,dove tra spazi infiniti l'orizzonte, finisce in mare nel cielo grigio le ultime nuvole si fanno nebbia come fumo ...
Discussione
10/03/2015 10.45.38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
miparevabrutto miparevabrutto 10/03/2015 ore 11.14.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Inverno ...

Mi pare, a volte, che il mio sangue fiotti come una fontana dai ritmici singhiozzi. Lo sento colare con un lungo murmure, ma mi tasto invano in cerca d'una ferita.
Fluisce attraverso la città come per un campo recintato e trasforma i selciati in isolotti, cava la sete a ogni creatura, tinge la natura in rosso.

Spesso al vino capzioso ho chiesto di addormire per un giorno il terrore che m'assilla; ma il vino rende l'occhio più acuto e l'orecchio più fino.

Ho cercato nell'amore il sonno dell'oblio; ma l'amore, per me, non è che un materasso d'aghi fatto per procurare da bere a crudeli puttane.


firmato annoia


p.s. lo arrubata da una sua antica collescion
miparevabrutto miparevabrutto 10/03/2015 ore 11.14.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Inverno ...

Mi pare, a volte, che il mio sangue fiotti come una fontana dai ritmici singhiozzi. Lo sento colare con un lungo murmure, ma mi tasto invano in cerca d'una ferita.
Fluisce attraverso la città come per un campo recintato e trasforma i selciati in isolotti, cava la sete a ogni creatura, tinge la natura in rosso.

Spesso al vino capzioso ho chiesto di addormire per un giorno il terrore che m'assilla; ma il vino rende l'occhio più acuto e l'orecchio più fino.

Ho cercato nell'amore il sonno dell'oblio; ma l'amore, per me, non è che un materasso d'aghi fatto per procurare da bere a crudeli puttane.


firmato annoia


p.s. lo arrubata da una sua antica collescion

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.