Over 40

Over 40

Popolo degli "anta" fate sentire la vostra voce!

suorEvarista 09/07/2018 ore 11.16.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Me basta un baso

Me basta un baso

Se gavesse fredo me scaldarìa.
Se gavesse caldo me sventolarìa.

Ma... se te gavesse!
No sentirìa né caldo né fredo.
Parfin soto zero no me se giassarìa gnanca la ponta del naso.

Savendo che te piaso,
par ciapar fogo me bastarìa soltanto un baso!

(Roberto Pagetta)
8541198
Me basta un baso Se gavesse fredo me scaldarìa. Se gavesse caldo me sventolarìa. Ma... se te gavesse! No sentirìa né caldo né...
Discussione
09/07/2018 11.16.20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
mannesman mannesman 09/07/2018 ore 18.21.17 Ultimi messaggi
mannesman mannesman 09/07/2018 ore 18.25.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Me basta un baso

@suorEvarista : Il primo bacio



Si avissiru la lingua pi parrari
l’arvuli ca cci su nni sti chianuri,
sa quanti voti avissiru a cuntari
tutta la storia di lu nostru amuri.



La prima sira quannu ti vasai,
anzi, quannu vasariti vulia,
prima centu e na vota ripinzai
tutti li cosi ca diri t’avia.



T’aveva a diri: bedda si mi criri
avi tri misi ca nun dormu cchiù,
la manu d’unni veni l’ha sapiri,
sì, l’ha sapiri ca cci curpi tu.



‘Nchiudiri ‘un pozzu cchiù li pinnulara
dintra li vini lu sangu m’adduma
e la me testa pari na quadara,
una quadara ca vugghi e ca fuma!



T’avia a giurari cu lu chiantu ‘ngula
ch’eri tu sula la spiranza mia
e mi sinteva già la forza sula
di campari o di moriri pi tia.



‘Nsumma t’aveva a diri ca t’amava
chiù di lu suli, la luna, li stiddi,
chiù di lu stessu pani ca manciava,
chiù di la luci di li mei pupiddi!…



Ma quannu fuvi a la prisenza tò,
avia lu ‘nfernu dintra lu me cori,
la lingua parsi a mia ca s’aggruppò
e mi scurdavi tutti ddi palori.



Ma avia giuratu: a costu di la testa
a li sò pedi mi vogghiu jittari,
stasira o ca si carma na timpesta
o lu me cori s’avi a sfrantumari!



Ma criu ca lu tò cori lu capeva
pirchì macari t’ammancau la vuci,
mentri nni li masciddi mi pareva
cci avevi misu du coccia di luci.



…La luna s’ammucciò ‘nmenzu na rama,
la forza di l’amuri m’ammuttò,
nni misimu li vrazza pi liama
e la me vucca chidda tua circò.



Chiddu ca ‘ntisi mentri ti vasai
lu sentu ancora e a dillu mi cunfunnu,
na nuvula di focu addivintai
e mi spirdivi arrassu di lu munnu!



Quann’è ca nni spartemu e mi nni ivi,
‘nmenzu la strata ca mi misi a fari,
tutti li cosi mi parianu vivi,
tutti ca si vulissiru vasari.


Se avessero la lingua per parlare
gli alberi che crescono in queste pianure
chissà quante volte potrebbero raccontare
tutta la storia del nostro amore.



La prima sera quando ti baciai,
anzi, quando ti volevo baciare.
prima ripensai cento volte
a tutte le cose che dovevo dirti.



Dovevo dirti: bella mia, se mi credi
sono tre mesi che non dormo più,
e tu devi sapere da chi dipende,
sì, devi saperlo che la colpa è tua.



Non posso chiudere più le palpebre
il sangue mi bolle dentro le vene
e la mia testa è come un pentolone
un pentolone che bolle e fa fumo!



Dovevo dirti con il pianto in gola
ch’eri tu sola la mia speranza
e mi sentivo già solo la forza
di vivere o di morire per te.



Insomma dovevo dirti che ti amavo
più del sole, della luna, delle stelle,
più dello stesso pane che mangiavo.
più della luce delle mie pupille!….



Ma quando mi trovai alla tua presenza,
avevo l’inferno dentro il mio cuore,
mi sembrò che la lingua s’annodasse
e dimenticai tutte quelle parole.



Ma avevo giurato: a costo di perdere la testa
voglio buttarmi ai suoi piedi,
questa sera deve calmarsi una tempesta,
o il mio cuore deve frantumarsi!



Ma credo che il tuo cuore lo capiva,
perchè pure a te mancò la voce,
mentre sembrava che nelle gote
avessi messo due carboni ardenti.



…..La luna si nascose dietro un ramo,
la forza dell’amore ci attrasse,
mettemmo le braccia come liane
e la mia bocca cercò quella tua.



Quello che provai mentre ti baciavo,
lo sento ancora e a dirlo mi confondo,
diventai una nuvola di fuoco
e mi perdetti lontano dal mondo!



Quando ci separammo e me ne andai,
lungo la strada che cominciai a fare,
tutte le cose mi sembravano vive,

tutte che si volessero baciare.
19864318
@suorEvarista : Il primo bacio Si avissiru la lingua pi parrari l’arvuli ca cci su nni sti chianuri, sa quanti voti avissiru a...
Risposta
09/07/2018 18.25.00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
3x3 3x3 09/07/2018 ore 19.44.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Me basta un baso

@mannesman scrive:
Quann’è ca nni spartemu e mi nni ivi,
‘nmenzu la strata ca mi misi a fari,
tutti li cosi mi parianu vivi,
tutti ca si vulissiru vasari.

La poesia...all'ennesima potenza :ok
19864389
@mannesman scrive: Quann’è ca nni spartemu e mi nni ivi, ‘nmenzu la strata ca mi misi a fari, tutti li cosi mi parianu vivi,...
Risposta
09/07/2018 19.44.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mannesman mannesman 10/07/2018 ore 07.28.30 Ultimi messaggi
Sanjura Sanjura 10/07/2018 ore 22.34.21
segnala

(Nessuno)RE: Me basta un baso

Come sei bella amica mia, come sei bella!

… Come un nastro di porpora le tue labbra

e la tua bocca è soffusa di grazia;

come spicchio di melagrana la tua gota.

… I tuoi seni sono come due cerbiatti,

gemelli di una gazzella, che pascolano fra i gigli.

… Tu mi hai rapito il cuore, sorella mia, sposa,

tu mi hai rapito il cuore con un solo tuo sguardo,

con una perla sola della tua collana!

Quanto sono soavi le tue carezze, sorella mia, sposa,

quanto più deliziose del vino le tue carezze.

… Le tue labbra stillano miele vergine, o sposa,

c’è miele e latte sotto la tua lingua

e il profumo delle tue vesti è come il profumo del Libano.

Sanjura Sanjura 10/07/2018 ore 22.36.15
segnala

(Nessuno)RE: Me basta un baso

Viviamo, mia Lesbia, e amiamo e
ogni mormorio perfido dei vecchi
valga per noi la più vile moneta.

Il giorno può morire e poi risorgere,
ma quando muore il nostro breve giorno,
una notte infinita dormiremo.
Tu dammi mille baci, e quindi cento,
poi dammene altri mille, e quindi cento,
quindi mille continui, e quindi cento.
E quando poi saranno mille e mille
nasconderemo il loro vero numero,
che non getti il malocchio l’invidioso
per un numero di baci così alto.

Sanjura Sanjura 10/07/2018 ore 22.37.25
segnala

(Nessuno)RE: Me basta un baso

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.

“Noi leggiavamo un giorno per diletto
di Lancialotto come amor lo strinse;
soli eravamo e sanza alcun sospetto.

Per più fïate li occhi ci sospinse
quella lettura, e scolorocci il viso;
ma solo un punto fu quel che ci vinse.

Quando leggemmo il disïato riso
esser baciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso,

la bocca mi baciò tutto tremante.
Galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse:
quel giorno più non vi leggemmo avante».


Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.