Pausa Caffè

Pausa Caffè

Prenditi una pausa ed entra qua! 5 minuti di chiacchiere in libertà.

Sgrusa Sgrusa 29/10/2008 ore 18.34.08
segnala

(Nessuno)Varie definizioni di amore: Amore platonico


Oggi parto con questa

Fonte wikipedia

Amore platonico è il modo in cui comunemente si definisce una forma di amore sublimata, che esclude la dimensione sessuale e passionale.

Questa formula in realtà scaturisce da un contesto filosofico in cui l'amore, inteso come moto dell'animo e non come forma di relazione, viene interpretato come impulso al trascendimento della realtà sensibile, del mondo delle apparenze, capace di muovere la conoscenza verso l'assoluto, permettendo così all'uomo di ricongiungersi con il divino, attuando cioè un processo di indiamento, come illustrato ad es. nel pensiero di Giordano Bruno.

Questa locuzione prende il nome da una teoria di Platone: nel Σύμποσιον (Simposio) Socrate, ispirato da Diotima, parla di Eros (Ἔρος) come di un demone figlio di Pòros e Pènia. Pòros, la ricchezza, aveva fatto innamorare Pènia, ossia la povertà che genera bisogno. Approfittando di un momento di ubriachezza di Pòros, Pènia giace con lui e dalla loro unione nasce Eros, l'amore.

Questo mito mette in luce come Eros, la forza che fa andare avanti il mondo, abbia una natura contraddittoria, che partendo dall'amore delle forme, che porta alla procreazione e alla continuazione della razza umana, lo fa arrivare all'amore della conoscenza, ossia alla stessa filosofia.

Sembra che il termine amor platonicus sia stato coniato nel XV secolo da Marsilio Ficino come sinonimo di amor socraticus. Entrambe le espressioni indicano l'amore diretto alle qualità morali ed intellettuali di una persona piuttosto che a quelle fisiche. I termini si riferiscono al legame affettivo molto speciale che intercorre tra due uomini, maestro e allievo, che Platone aveva descritto nei suoi Dialoghi ed esemplificato dal rapporto tra Socrate e i suoi giovani studenti, in particolare Alcibiade.




LostForever LostForever 29/10/2008 ore 18.38.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Varie definizioni di amore: Amore platonico

è quello di cui ti parlavo l'altro giorno sgrusa :many che io "morivo" per lui ci pensavo giorno e notte e luimanco mi cagava :lol
Sgrusa Sgrusa 29/10/2008 ore 18.39.16
segnala

(Nessuno)RE: Varie definizioni di amore: Amore platonico


Dal web
Tutti ci siamo interrogati almeno una volta sul significato dell'amore ed ognuno fornisce a questo quesito una risposta diversa. La risposta di Platone si trova nel Simposio, in cui si narra che Eros nasce dall'unione di due divinità: Penia, la poverta', e Poros, l'espediente. Cupido eredita, quindi, il bisogno insaziabile dalla madre e l'astuzia dal padre. Egli, al contrario di quanto si crede, non è ne bello, ne raffinato. E' poco attraente ed ignorante, ma dotato di grande astuzia, grazie alla quale riesce a cavarsela in ogni situazione. Proprio perchè di suo non possiede la bellezza, ne va alla disperata ricerca, senza riuscire, pero', ad afferrarla mai del tutto. Il suo è un bisogno perennemente insoddisfatto. Proprio come quello del vero filosofo che non si stanca mai di ricercare la verità, si accontenta di avvicinarvisi, sapendo che non potra' mai raggiungerla. Nel Fedro, invece, sempre a questo proposito, si racconta di un mito secondo il quale, un tempo, esistevano degli esseri mortali come l'uomo, ma doppi, costituiti cioè da entrambi i sessi. Erano perfetti, felici e potenti, ma proprio per questo peccarono di arroganza, tanto che Zeus, per punirli, li separo'. Ognuno di loro scoprì l'insoddisfazione dell'essere incompleti e da allora dedicò la vita alla ricerca dell'altra metà. Cosa deduciamo dall'idea platonica di amore? Che esso è essenzialmete desiderio, mancanza, ricerca e fame. Una fame insaziabile il cui appagamento è solo momentaneo. Tormento e sofferenza dunque? No. L'amore ci muove. Puo' condurre all'inferno come al paradiso. Comunque ci porta in un luogo diverso da quello nel quale siamo sempre stati. Per questo non accetta catene, si ribella alle imposizioni e rifugge la monotonia. E' dinamicità, è contrasto. E' libero. Sbaglia chi crede di possederlo una volta per tutte. Esso esige una conquista continua, incessante e faticosa. Ma vale ogni goccia del nostro sudore.
Sgrusa Sgrusa 29/10/2008 ore 18.39.56
segnala

(Nessuno)RE: Varie definizioni di amore: Amore platonico

E' assurdo dice la ragione
E' quel che è dice l'amore
E' infelicità dice il calcolo
Non è altro che dolore dice la paura
E' vano dice il giudizio
E' quel che è dice l'amore
E' ridicolo dice l'orgoglio
E' avventato dice la prudenza
E' impossibile dice l'esperienza
E' quel che è dice l'amore

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.